giovedì, 20 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

I poli che non ci sono più e la Grande illusione
Pubblicato il 31-08-2018


Ragionare come se poco o nulla fosse successo e stia succedendo equivale a non voler capire o ad avere interesse a non capire. L’attuale coalizione di governo non ha ragionevoli alternative in questa legislatura ed é probabile che duri. Sconsiglierei gli ottimisti di entrambi i fronti a scommettere sulla possibilità di un deragliamento della coalizione di governo da un lato o da quello opposto dello scacchiere politico. Questo vale per il breve, ma anche per il medio periodo. Quando due partner di governo stanno assieme per anni non si possono presentare in posizioni opposte agli elettori. Possono al massimo non presentarsi affatto, come in qualche misura é accaduto all’ex Nuovo centro-destra di Angelino Alfano. Non possono combattersi dopo essere stati alleati. Questa non sarebbe solo una contraddizione politica, ma anche logica.

Ma c’é un altro motivo che spinge alla disillusione. E cioè la fine non solo del bipolarismo, ma anche del tripolarismo. Oggi esiste un unico polo, quello costituito da Lega e Cinque stelle, con un’area ormai ridotta a una percentuale sotto il 10 per cento sul lato berlusconian-meloniano e col solo Pd, rassegnato a ricelebrare la sua ormai consueta Caporetto, sul lato opposto. Si illudono, entrambi (esclusi i renziani, che però nulla propongono), di separare i due contraenti il patto di governo, ma così facendo, e dunque non rompendo i ponti con gli uni e gli altri, finiscono entrambi per rafforzare ulteriormente la maggioranza. La cosa più naturale sarebbe che si formasse un’unica e pluralistica area che da Forza Italia arriva fino a LeU, il cosiddetto Fronte repubblicano evocato da Calenda, almeno sulle questioni di fondo che attengono la difesa della democrazia repubblicana e dei principi fondamentali della Costituzione.

Fino a che durerà la reciproca illusione dei recupero dei due alleati, questo non sarà possibile, perché l’illusione di un amore futuro sconsiglia un aspro conflitto presente. Così l’opposizione non esiste e se esiste balbetta. Berlusconi solidarizza con Salvini, suo autentico vampiro di voti, per la denuncia di un magistrato, la Guelmini, ma anche Damiano, per non dire del solito Emiliano, apprezzano Fico e parte del decreto Di Maio. Così, il bipolarismo, trasformatosi in tripolarismo, rischia oggi di aprire le porte al monopolarismo. Assortito da scampoli, a destra e a sinistra, di scarso rilievo. Il Pd non se ne rende conto o, più probabilmente, finge di non rendersene conto. Tra renziani e antirenziani la pace equivale al surplace. Non si discute nulla, non si decide nulla. Così nessuno dissente.

Il Pd è oggi ridotto a un fantasma che si aggira senza vita nella politica italiana. Dalle elezioni son trascorsi sei mesi e nessuno ha capito cosa abbiano in testa i suoi dirigenti. Se emergesse un’idea si scatenerebbe subito il finimondo. Sorgerebbe subito una smagliatura, un’aspra polemica. Meglio rinviare. Il non far nulla è la sola medicina per curare i conflitti. Così si è eletto un segretario pro tempore in attesa di un congresso che non è stato convocato. Siamo a Jonesco. L’unico che parla, e a ragione, è Carlo Calenda che non fa parte degli organi, mentre il povero Martina si carica sulle sue spalle un peso che non può reggere. Occorrerebbe ben altro, ma la difesa di spazi singoli e di gruppo é forse ritenuta più importante del rilancio di uno spazio politico.

Se perfino il suo fondatore, Walter Veltroni, è assalito dal dubbio che la nascita del Pd sia stata un errore, se perfino i sindaci di quel che gli resta dell’Emilia-Romagna, e addirittura autorevoli amministratori regionali, sono orientati a non presentare il simbolo del Pd alle elezioni, una riflessione sull’ipotesi del superamento di questo partito dovrà pure essere compiuta dal gruppo dirigente nazionale. Non arrivo a pensare che si ammetta, anche se di questo sono convinto, che molti suoi problemi siano diretta conseguenza del rifiuto dell’unità socialista dopo l’89, e dunque che l’autocritica parta proprio dal punto in cui dovrebbe partire. Resta il fatto che se una forza politica é al capolinea, e perfino i suoi dirigenti regionali e comunali vanno alla ricerca di vie nuove, un’altra forza deve nascere. Se la legge della politica assomigliasse a quella della fisica o anche solo a quella della logica, dovrà per forza essere così. Ma in politica emergono anche aspetti personali, di ceto, di casta, come si dice oggi, capaci di frenare quel che sarebbe logico e giusto. Il mutismo del Pd non aiuta a disinnescare il timore della prevalenza di un malcelato continuismo che serve per rassicurare un vertice ormai senza prospettive che non siano quelle di una sua temporanea sopravvivenza.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Stento francamente a credere che Forza Italia possa unirsi a LeU, in un’unica e pluralistica area, pur se a questo mondo non va mai escluso nulla, ma c’è un altro aspetto che andrebbe a mio avviso considerato, e che non mi pare secondario.

    Mi par di intendere che l’unica e pluralistica area dovrebbe costituirsi per far fronte comune contro qualcosa, e non per proporre qualcosa, il che mi riporta alla mente il classico modello del cercare un “nemico”, che faccia da collante per restare uniti.

    Difficile fare previsioni, ma io ritengo abbastanza probabile, da quel che riesco a capire, e dai segnali che mi par di cogliere, che da qui alle elezioni europee tutto resterà abbastanza “immobile”, in attesa di vedere le indicazioni che usciranno dalle urne.

    Paolo B. 31.08.2018

  2. Analisi corretta. Calenda mi appare un po’ naif.
    Chi se lo prende l’onere di iniziare a dare dei contorni politici alla risposta politica alla dominante di destra che sta al governo?

  3. Perdonate il mio intervento forse ingenuo, forse banale ma certamente ispirato da tanta passione politica….ma perché in questo enorme vuoto ideologico e distacco totale dalla realtà sociale lasciato da PD non pensiamo di collocare la risalita del PSI come vera e unica grande alternativa riformista, liberale e laica per il nostro malconcio Paese?? Perchè non occuparlo Noi quello spazio?? Sono solo parole, lo so, ma il momento socio-politico potrebbe forse essere favorevole ad un ritorno dei Socialisti alla ribalta della politica dove anche i numeri contano oltre le idee e le iniziative che non ci mancano grazie alla nostra grande storia e al nostro naturale slancio verso il progresso e il futuro. E’ comodo forse da parte mia dire “non sono un politico, quindi non sta a me dire come e dove cominciare ad occupare questo spazio per tornare grandi”, però un pensiero a livello di dirigenza e di base va fatto…io voglio inseguire il sogno di una nuova Italia Socialista..ma vorrei anche vederlo realizzato e per questo non escludo che farò una capatina presso la più vicina sezione del Partito per vedere cosa si può fare per dare un contributo alla nostra nobile causa. Un saluto a tutti i Compagni Socialisti.

Lascia un commento