giovedì, 20 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Ilva, prosegue il valzer di Di Maio
Pubblicato il 24-08-2018


Ilva_Taranto_BluR439Il problema dell’Ilva è ancora alla ribalta. Il ministro dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, ha spiegato: “Sono ancora in corso verifiche sull’ipotesi di annullamento della gara di aggiudicazione dell’Ilva. La questione non è chiusa. Per annullare la gara non basta che ci sia l’illegittimità, ci vuole anche un altro semaforo che si deve accendere, quello dell’interesse pubblico che stiamo verificando. Se il privato, cioè gli indiani di ArcelorMittal, ha fatto bene e in buona fede, il pubblico ha fatto un macello: tutte le procedure non sono state rispettate. L’irregolarità più grande è che sono state cambiate le regole del gioco quando il ‘campionato’ era in corso. E invece, se la gara si faceva bene si poteva arrivare a 13 mila occupati al termine del percorso, contro i 10 mila definiti nell’accordo con ArcelorMittal. Quella di tenere riservato il parere sulla gara per l’Ilva, è una richiesta arrivata dalla stessa Avvocatura dello Stato perché se lo pubblico vizio la procedura e compiano una irregolarità: ma fra 15 giorni tutti potranno leggerlo. Nel confronto sull’Ilva il tavolo sindacale deve andare avanti: se le rappresentanze dei lavoratori non ci vanno è una responsabilità che si assumono i sindacati”.
La segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, durante il meeting di CL, intervenendo sul tema dell’Ilva, ha detto: “La gara è valida, l’interlocutore è l’azienda insieme al governo. Quindi ora bisogna uscire da polemiche inutili e pensare invece al bene comune che è l’azienda e il lavoro”. Secondo il leader della Cisl: “vanno risolte tutte le ambiguità, ci vuole la volontà di tutti di uscire dalle polemiche”.
Le dichiarazioni rilasciate dal Vicepremier Di Maio dopo il parere dell’Avvocatura dello Stato hanno suscitato molte altre reazioni.
L’ex ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda ha replicato immediatamente: “Caro Luigi Di Maio sei un bugiardo. La proposta fatta dal nostro governo prevedeva 0 esuberi, tutti i lavoratori tutelati e tutti i diritti riconosciuti”. Come prova, Carlo Calenda ha allegato la proposta fatta ai sindacati lo scorso maggio coi punti principali dello schema di accordo Ilva tra Am InvestCo e le organizzazioni sindacali.
La decisione del responsabile dello Sviluppo Economico di rinviare al ministero dell’Ambiente l’approfondimento della parte relativa al risanamento della fabbrica e alla trattativa sindacale il nodo occupazionale, non hanno convinto la città di Taranto. Anzi, hanno provocato nelle istituzioni, nell’imprenditoria e nei sindacati reazioni molto irritate, se non di vero e proprio fastidio. Oggi quella parte di Taranto, maggioritaria, che sperava in Di Maio l’indicazione di una strada chiara per mettere in sicurezza l’acciaieria, avviare i progetti di bonifica e tutelare i posti di lavoro, si è ritrovata nuovamente delusa. L’incertezza prosegue, lo stallo non è finito e l’approdo non si vede ancora.
Il presidente della Confindustria di Taranto, Vincenzo Cesareo, ha dichiarato: “Per l’ennesima volta il ministro Di Maio ha deciso di non decidere”. Il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, non ha esitato nel definire il discorso di Di Maio da “arrampicatore sugli specchi”, dichiarando che sta andando in scena “una farsa”. Anche il sindacato, con la Fim Cisl, si è dichiarato pronto allo sciopero se le risposte definitive dovessero tardare ancora.
Vincenzo Cesareo ha anche commentato: “Prima la richiesta di parere all’Autorità Anticorruzione, e va bene, poi il parere chiesto all’Avvocatura dello Stato, che è finalmente arrivato, dopodiché ci aspettavamo che Di Maio dicesse: queste le mie decisioni. Apprendiamo invece che adesso il ministro vuol verificare col ministero dell’Ambiente se è stato legittimo o meno aver fatto slittare le scadenze intermedie del piano di risanamento ambientale e aspetta che i sindacati trovino l’accordo con Mittal sui posti di lavoro. Speriamo che sia davvero l’ultimo rinvio, l’ultima dilazione. Prendiamo atto che il ministro riconosce che il tempo stringe e che il 15 settembre è alle porte, ma, se Di Maio permette, questo lo diciamo ormai da molte settimane. Non vorremmo che questo suo tirare in ballo ora l’Anac, adesso l’Avvocatura, poi il ministero dell’Ambiente serva solo a costruirsi una via d’uscita politica. Magari per dire alla parte vicina a M5S: vedete? Io avrei annullato la gara, ma ci sono tanti vincoli, tanti lacci e lacciuoli, tanti impedimenti che mi impediscono di farlo”.
Il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, del PD, riferendosi a Di Maio, ha detto: “Non è che non decidendo o non pronunciandosi sul mantenimento o sulla chiusura dello stabilimento siderurgico, lui può lavarsene le mani. Questo sia molto chiaro. Il ministro e il suo Governo dovranno comunque occuparsi di Taranto. Noi continueremo a incalzarlo, proponendogli delle cose anche in maniera leale. Devo dire però che dopo la mezz’ora che ci ha concesso al pari di qualsiasi altra associazione, lui non ha mai ascoltato il comune di Taranto. Se questa è la trasparenza della sua idea politica, siamo molto dubbiosi. Adesso cercheremo di mettere insieme le organizzazioni sindacali, la Confindustria, la provincia e gli altri comuni dell’area di crisi complessa per verificare in quale direzione andare. Io ho l’impressione che si stia consumando una farsa. Capisco la sua difficoltà nell’aver promesso in campagna elettorale la chiusura dello stabilimento, ma qui il ministro semplicemente non decide. E questo crea imbarazzo e forte preoccupazione in tutti gli attori del territorio”.
Il segretario della Fim Cisl di Taranto, Valerio D’Alò, ha dichiarato: “Riteniamo sia giunto il momento di assumersi responsabilità che, come abbiamo spesso ribadito, contrastano con la campagna elettorale. Nel suo tentativo di tenere buoni tutti, il ministro sta ottenendo l’effetto opposto, ma di mezzo, nella bilancia del consenso, ci sono sempre Taranto e i lavoratori. Non si sottovaluti che, così come già successo in precedenza, l’attesa dei lavoratori in cassa integrazione e delle ditte in appalto, oggi chiuse o in ammortizzatori sociali, si potrà trasformare in mobilitazione qualora il futuro ambientale e occupazionale di Taranto dovesse essere messo a rischio dai giochi della politica di qualunque schieramento. Non abbiamo avuto remore a scioperare col governo precedente, non ne avremo con l’attuale se sarà necessario”.
Entro venti giorni circa, potrebbe essere Ilva il primo caso in cui il ‘governo del cambiamento’ dovrà prendere finalmente una decisione.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento