martedì, 13 novembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La sinistra del pubblico, la sinistra del privato
Pubblicato il 22-08-2018


C’era una volta la sinistra statalista, quella di derivazione marxista, che intendeva nazionalizzare per il bene del Paese. Non parlo solo del Pci, ma anche del Psi che pose due grimaldelli alla base della svolta a sinistra che prese piede col governo Fanfani (non quello delle convergenze parallele che si reggeva sul voto di astensione di Psi e di Pdium e che succedette alla tragica parentesi del governo Tambroni, ma quello successivo che si resse sulla sola astensione del Psi): la nazionalizzazione dell’energia elettrica e l’inizio di una politica di programmazione, Quest’ultima, col primo governo a partecipazione socialista, presieduto da Moro, a partire dal dicembre del 1963, divenne un ministero aggregato al bilancio, con l’obiettivo di intervenire direttamente nello sviluppo industriale del Paese.

Il governo Fanfani (la Dc fu sonoramente sconfitta alle elezioni del 1963 a vantaggio dei liberali di Malagoli per le scelte assai innovative prodotte in quei pochi mesi, tra le quali vanno ricordate anche l’introduzione della scuola media unica e la riforma agraria) forse più ancora dei diversi governi Moro (ai quali si deve tuttavia riconoscere la riforma urbanistica, l’eliminazione della mezzadria, la riforma sanitaria, la scuola dell’infanzia statale, l’introduzione delle regioni e molto altro) fu un lampo di coraggio, anzi di spregiudicatezza mentre l’Italia progrediva a ritmi frenetici trasformando gli italiani da ceto prevalentemente contadino in ceto industriale, con i nuovi problemi dell’urbanesimo e della migrazione da sud a nord.

Le grandi questioni italiane degli anni settanta-ottanta hanno capovolto la situazione. L’Italia, dove gli elettori punivano un Psi che pure aveva ottenuto grandi risultati anche in quei primi anni settanta, con lo statuto dei lavoratori e l’istituzione del Servizio sanitario nazionale, premiavano un Pci che avanzava fino a tallonare, col voto del 1976, la Dc, senza avere mai calcato i pavimenti delle stanze dei bottoni, almeno quelle governative. Questo avvenne fino all’inizio della politica di unità nazionale mentre terrorismo e inflazione rischiavano di mettere in ginocchio il Paese. Solo durante i tre anni di governo Craxi (1983-1987) si riuscì a sconfiggere l’uno e l’altro fenomeno che stava dissanguando l’Italia, anche se il debito pubblico, a causa degli alti interessi, si alzò piuttosto considerevolmente.

Anche allora la sinistra, prima il Psi del Pci, avanzò l’idea di un nuovo rapporto pubblico-privato, tra i saggi di Mondoperaio comparve quello, famoso, che difendeva il pluralismo economico ponendolo a base del pluralismo politico, si cantarono le lodi del Made in Italy, si accentuarono le collaborazioni anche nei servizi, convinti sempre più che allo stato competesse governare e ai privati gestire. Martelli più volte sostituì la declamazione dello stato sociale con quella nuova di società solidale, ove meriti e bisogni si potessero davvero alleare. Nessuno però allora pensò a vendere il patrimonio italiano. Non l’Iri, non la telefonia, non le autostrade, non l’energia.

Tutto questo avvenne a seguito degli anni di Tangentopoli, che diedero un colpo mortale ai partiti politici e alla crisi economica che in Italia non conobbe più i fasti del passato, con uno sviluppo che da doppio della media europea divenne, nei venticinque anni successivi, la sua metà, sfornando una classe politica mediocre rispetto a quella passata e troppo subalterna ai centri di potere economico e finanziario. Cosi dallo statalismo, al nuovo rapporto pubblico-privato, si è passati a una sinistra che concepisce il pubblico subalterno al privato. D’altronde per esaltare il pubblico sarebbero occorse quelle potenzialità della politica oggi scomparse. Anzi lo stato oggi é talmente subalterno che ha deciso di non finanziare più i partiti che dovrebbero essere i suoi primi garanti. Si spoglia volentieri di competenze, non é più guidato dalla politica, si consegna con malcelato piacere. Dovrebbe governare anche mentre altri gestiscono. Invece alza le braccia.

E’ in questo contesto che deve essere collocata la polemica sulla statizzazione o privatizzazione di Autostrade. Secondo dati ufficiali lo stato introita tra affitto e tasse la bellezza di 9 miliardi dalla società di Benetton, che a sua volta chiude i bilanci con utili di 2-3miliardi l’anno. Quanto utile viene reinvestito? E soprattutto quali controlli lo stato é in grado di garantire? Questo il tema centrale. Perché una gestione pubblica sconfina nel disavanzo e una privata chiude con un utile gigantesco? Rivelo un’esperienza personale. Da amministratore del comune di Reggio Emilia verificai che la gestione diretta delle piscine comunali provocava un disavanzo annuo che sfiorava il milione di euro. Dopo aver affidato la gestione (non la proprietà e nemmeno il governo degli impianti) ai privati, questi ultimi guadagnano e pagano al comune un affitto di 200mila euro. Ha ragione Galli della Loggia, lo stato in Italia non c’è e se c’è non si vede. Mai come oggi. Per questo la statizzazione di Autostrade mi pare oggi un rimedio peggiore del male. Resto fedele alle intuizioni socialiste del rapporto tra pubblico e privato, combatto la genuflessione dello stato ai privati, ma con uno stato ridotto cosi, senza politica, senza classe dirigente, con una burocrazia spesso inefficiente, quando non corrotta, mi viene spontaneo lanciare un grido d’allarme.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Spesso lo Stato ha gestito male le sue aziende con sprechi, mancanza di efficienza e assumendo personale a pioggia. Le conseguenze sono poi fondamentalmente due: 1- scarsa qualità dei servizi erogati 2 – debiti. Da qui anche la necessità per le casse dello Stato di delegare la gestione ai privati.
    Se un privato riesce a gestire meglio un’azienda ben venga. Non sono contrario alle privatizzazioni, penso anzi che una sana cooperazione tra pubblico e privato sia benefica per le aziende. Da aziende che erogano servizi efficienti ne hanno da guadagnare i cittadini. A patto che il privato non pensi solo al profitto e lo Stato controlli. E uno Stato forte delega ma controlla. Non regala e non chiude gli occhi. Se lo Stato però non controlla e non fa in modo che ai profitti siano legati anche gli investimenti è chiaro che la logica del profitto prevale. Lo Stato potrebbe certo riappriopriarsi delle proprie aziende. Ammetendo che si trovino le risorse finanziarie, i problemi di fondo restano: una classe dirigente al giorno d’oggi dilettantesca, una burocrazia lenta e macchinosa, scarso interesse alla cosa pubblica. In questo caso allora teniamoci il male minore.

  2. I discorsi sulla nazionalizzazione delle autostrade sono il prodotto del “niente” che avanza,
    Al momento c’è un problema da risolvere per Genova e non solo: chi, come e principalmente quando si costruisce il nuovo ponte.
    I socialisti potrebbero anche tornare a Genova per imporre questo tema agli italiani.

  3. La vicenda delle Autostrade italiane è emblematica della parabola compiuta dalla sinistra nel nostro paese.
    Nel 1962, il primo centro sinistra nazionalizzava l’energia elettrica, realizzando una grande riforma fortemente voluta dai Socialisti e osteggiata dalla grande stampa e dalla Confindustria. L’obiettivo era sottrarre alla logica del profitto privato la produzione e la distribuzione dell’energia elettrica, per farne un potente motore di sviluppo a vantaggio di tutta la nazione.
    La sinistra della seconda repubblica, quella dell’Ulivo, poco socialista e molto liberal, tra il 1995 e il 2001, ha prima teorizzato e poi messo in pratica uno dei principi cardine del pensiero neoliberista: meno stato e più mercato.
    La privatizzazione delle banche e delle imprese pubbliche fatta col pretesto di ‘allargare le ristrette basi del capitalismo italiano’, sotto il ricatto di un debito pubblico esploso dopo il divorzio Tesoro-Banca d’Italia, si è tradotta di fatto in una svendita di tutti i gioielli dell’industria nazionale.
    Anche le autostrade italiane, monopolio naturale e infrastruttura strategica per lo sviluppo del paese ( ben altra cosa rispetto alle piscine comunali), hanno seguito la stessa sorte.
    Il concessionario privato, a fronte di profitti miliardari ottenuti con ingiustificati aumenti tariffari e senza alcun rischio d’impresa, non ha ottemperato agli obblighi contrattuali in materia di prevenzione. Togliergli le concessioni e tornare a una gestione diretta del servizio mi sembra il minimo che si possa fare.
    Infine. I Socialisti negli anni ‘60 nazionalizzavano imponendo il primato dello stato e della politica, gli ulivisti degli anni ‘90 privatizzavano le imprese pubbliche imponendo il primato della finanza e del mercato.
    Io sto con i primi.

Lascia un commento