giovedì, 20 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Luca Fantò
Un Governo che nasconde la propria inefficacia
Pubblicato il 28-08-2018


La Magistratura si è attivata e vedremo quali saranno le conclusioni delle iniziative giudiziarie intraprese nei confronti del Ministro degli Interni.
Ma se la legge ha bisogno dei suoi tempi, la politica può invece esprimere un giudizio in tempi più rapidi.
Sulla gestione della questione rifugiati, il PSI del Veneto condanna fermamente l’operato del Ministro degli Interni del Governo Conte.
E’ evidente come si stia facendo campagna elettorale sulle spalle di persone che fuggono la miseria, la tortura e la morte.
Chi non ha argomenti da portare a favore del proprio operato cerca di creare ad arte problemi per distrarre i cittadini dalla realtà della propria inefficacia.
Il PSI del Veneto lancia un appello e auspica che le forze dell’opposizione parlamentare, insieme alla stessa maggioranza nelle sue parti più progressiste sinora ostaggio politico della Lega, sappiano intervenire politicamente nei confronti del Ministro e del Governo di cui la Lega è il principale motore affinché si inizi a pensare realmente all’Italia, agli italiani, ai problemi di una società molto più complessa di come la Lega ed i suoi rappresentanti cercano di farla apparire.

Luca Fantò
Segr. reg. PSI del Veneto

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Sull’azione svolta dal Governo in carica, segnatamente quella del Ministro degli Interni, si possono dare anche giudizi di tipo “morale”, chiamando appunto in causa le condizioni di chi lascia il proprio Paese per venire da noi, ma si dovrebbe anche ricordare che noi non siamo uno Stato etico bensì laico, come ci è stato sempre e costantemente ricordato.

    Forse c’è chi in proposito ha cambiato idea, e vorrebbe che la laicità lasciasse ora il posto all’etica, ma al di là delle nostre opinioni saranno comunque le elezioni europee a dirci come la pensano gli elettori, e nel frattempo la sinistra dovrebbe dire qual’ è a suo vedere il modo di “pensare realmente all’Italia”, visto che sono in molti a non averlo capito.

    Paolo B. 31.08.2018

Lascia un commento