sabato, 15 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Opportunity Network, i dazi di Trump e come aggirarli
Pubblicato il 03-08-2018


trump dazi

Sarebbe possibile aiutare le imprese a schivare i dazi (legalmente) con la tecnologia. Questa sfida è stata raccolta da  Opportunity Network, la piattaforma che mette in connessione 20mila amministratori delegati in tutto il mondo. Il principio è semplice: chi produce ed esporta merce sottoposta a dazi in un determinato Paese riesce a trovare acquirenti in un altro mercato e lo spazio vuoto lasciato da un esportatore riesce ad essere rimpiazzato con le merci in arrivo da una nazione terza.

Brian Pallas, 31 anni, fondatore e ceo di Opportunity Network, ha spiegato: “Noi, che aiutiamo le imprese a trovare controparti commerciali, abbiamo notato che  spontaneamente, da quando le tariffe sono state annunciate,  si sono formate triangolazioni  nel tessuto economico capaci di aggirare i dazi. Ad esempio, se prima un americano comprava alluminio da un cinese e un cileno da un peruviano, ora il cinese vende ai cileni e il peruviano vende agli americani. E alcuni clienti ci hanno chiamato per ringraziarci”.

L’obiettivo della piattaforma  presente oggi in 128 Paesi è continuare a facilitare gli scambi mettendo in contatto domanda e offerta. Il percorso iniziato da Pallas nel 2014 sta iniziando a dare i suoi frutti, maturati proprio negli ultimi mesi: sarà un po’ anche merito della politica commerciale di Donald Trump, ma il valore del flusso d’affari generato dalla piattaforma è cresciuto solo nell’ultimo mese in modo esponenziale: 30 miliardi di euro, praticamente un quarto dei 140 miliardi ‘smossi’ dalla sua nascita.

Con la sua sede operativa a Barcellona, dove si sono trasferiti e vivono gran parte dei suoi oltre  cento dipendenti, (‘stiamo benissimo, da qua non ci spostiamo’), Opportunity Network ha chiuso di recente accordi di distribuzione con Abn Amro e Ubs: rafforzarsi in Asia è un traguardo a breve termine per la  startup  d’intermediazione commerciale che tanto startup ormai non lo è più.

Finora, gli investitori ‘portati a bordo’ sono una cinquantina: dieci negli ultimi dodici mesi ad altrettanti i milioni di euro raccolti: l’ultimo ad entrare nel capitale con un investimento di due milioni di euro, a febbraio, è stato Michael Spencer, filantropo, fondatore di Nex, ritenuto uno dei self made men più ricchi di Londra.

Ed è proprio nel mondo wealth e dei family office che Opportunity Network sta cercando di muovere i primi passi. Pallas ha anche spiegato: “Oltre alle opportunità commerciali, porteremo agli amministratori delegati anche capitali e opportunità di investimento: vogliamo diventare uno ‘one stop shop’ per i ceo nel mondo,  come già lo è Amazon per i consumatori. L’Italia, con tremila amministratori delegati iscritti al sito, è uno dei primi mercati. Dai loro movimenti, si può intuire come la musica sia cambiata. Il momento di crisi è superato.  Fino a qualche anno fa, gli ad italiani cercavano ancora di tagliare i costi, oggi vogliono espandersi, investire per specializzarsi o internazionalizzarsi”.

Secondo l’imprenditore, che ha studiato a Milano prima di perfezionare l’inglese e la preparazione alla Columbia University di New York, è proprio il capoluogo della Lombardia la città che più sta cominciando ad assomigliare a Barcellona.

Pallas ha affermato: “Milano  sta crescendo come città internazionale per le sue offerte culturali e sta creando un ecosistema giusto per le imprese innovative. E’ una città che non isola e non fa sentire degli expat i ragazzi di talento che da tutto il mondo hanno iniziato a scegliere l’Italia come meta per crescere”.

Nel futuro di Opportunity network,  valutata ormai circa 200 milioni di dollari sul mercato,  potrebbe esserci presto un altro aumento di capitale, di cui non è stata ancora decisa l’ammontare. Brian Pallas, in merito ha detto: “Ci servirà per continuare a crescere ed assumere altri business relationship manager che sono spesso nativi di un Paese extra europeo e quindi in grado di supportare meglio i clienti parlando la loro lingua e facendoli sentire a casa”.

La triangolazione delle merci non è una novità negli scambi internazionali. Se ne fa pratica da diverso tempo soprattutto per aggirare gli embarghi.

La piattaforma informatica di Opportunity network, faciliterebbe il compito agli operatori economici in campo internazionale per aggirare i dazi imposti da Trump ai diversi paesi. Insomma, le merci viaggeranno di più, ma eviteranno i dazi imposti dall’Amministrazione Usa. Naturalmente, potrebbe esserci un aumento dei costi (noli) dovuti per il trasporto delle merci, ma lo scopo dei dazi imposti da Trump verrebbe neutralizzato.

S. R.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento