mercoledì, 15 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Leonardo Raito:
Razzismo, una piaga da combattere (con o senza Fontana)
Pubblicato il 07-08-2018


Nelle ultime settimane si è infiammato il dibattito sul razzismo nel nostro paese: recenti episodi di violenza che hanno riguardato, spesso, cittadini immigrati, sono stati talmente sminuiti da spingere persino un ministro della repubblica, cotal Fontana, che già si era “distinto” (si fa per dire) per i suoi attacchi a omosessuali e libertà civili, a chiedere la cancellazione della Legge Mancino del 1993, norma che sanziona e condanna gesti, azioni e slogan legati all’ideologia nazifascista e che hanno per scopo l’incitazione alla violenza o alla discriminazione per motivi razziali, etnici, religiosi o nazionali, punendo altresì l’uso di simbologie legate a suddetti movimenti politici.

Il summenzionato Fontana ha dichiarato la legge, seguito poi da alcuni esponenti di Fratelli d’Italia, che non perdono occasione per cercare di riabilitare il fascismo o le mussoliniane memorie, contraria alla libertà di opinione: di fatto una legge liberticida. Se un’argomentazione tale ce la potremmo aspettare, verso le 2.00 del mattino, da un ubriacone in una bettola di quint’ordine, messa in bocca a un ministro fa davvero molto pensare, così come fa pensare la mancata reazione di un popolo che pare ormai sopito, capace di digerire come sassi qualsiasi cosa venga propinata dalla salsa gialloverde che guida questa Italia destinata al ritorno al medioevo. Il fatto è, se il ministro non lo sa, non l’ha capito, o non ci arriva, che il razzismo non è un’opinione, ma è un crimine. La differenza non è sottile, è sostanziale. In nome del razzismo sono stati perpetrati alcuni dei peggiori crimini dell’umanità. Il colonialismo e le sue distorsioni, lo schiavismo, il nazismo con i campi di sterminio, le deportazioni. Fontana, che la licenza media dovrebbe averla presa, e quindi queste cose dovrebbe averle studiate sui libri di storia, dovrebbe ben saperlo.

Se poi, nel filo di una narrazione leghista che sembra avere a cuore solo questo argomento, si tende a confondere il razzismo con l’immigrazione, non solo si fa torto all’intelligenza (ma ne esiste ancora?) della gente. Che l’immigrazione, come fenomeno sociale complesso, generi problematiche e paure, è cosa fuori di dubbio. Che la reazione a queste problematiche e paure debba tradursi in razzismo e atti di violenza, è altrettanto sconcertante, forse di più, indecente e incivile. In questo paese, forse anche grazie agli slogan di Salvini e compagnia, sembra ormai normale che un pensionato eserciti il proprio fucile su una bambina rom di un anno, che un altro spari alla schiena a un lavoratore di colore, che si spari a un ambulante, che si tirino uova in faccia a un’atleta di colore (anche se qui l’episodio che era stato bollato come razzismo pare in realtà un vandalismo di alcuni poveri deficienti). Pare di rivivere le tragedie del nazismo, quando le ss esercitavano le proprie pistole sui bambini ebrei, sparavano alla schiena agli anziani, deportavano in massa e bruciavano cadaveri nei lager.

Questo paese non può accettare una degenerazione culturale che rischia di portarci nel baratro. Non dico che il governo non abbia il diritto di esercitare delle politiche di controllo dell’immigrazione. Dico soltanto che, anche un problema così complesso, non può togliere l’ultimo briciolo di dignità a un popolo che è stato, nel tempo, un popolo di migranti. Non si chiama ideologia, perbenismo, pensiero da benspensanti. Si chiama umanità.

Leonardo Raito

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Se il “popolo è sovrano”, come si usa dire e dovrebbe essere, saranno verosimilmente le prossime elezioni europee – salvo il venir chiamati prima alle urne – a dirci quale sia il grado di condivisione, nel sentire comune del nostro Paese, riguardo alle idee espresse dal Ministro circa la legge del 1993 e la “libertà di opinione”, tematica peraltro non nuova a suscitar dibattito e a veder confrontarsi opinioni diverse e anche contrapposte.

    Non è infatti da escludere che i “decisori” politici, a seconda di come si indirizzerà e distribuirà il voto, possano poi orientarsi verso un inasprimento delle “sanzioni” in materia, oppure, all’opposto, pensare di attenuarle, ma nel frattempo chi segue le vicende sociopolitiche, e volesse anche esporre le proprie opinioni in merito, una domanda potrebbe o dovrebbe ragionevolmente farsela.

    Da quanto posso capirne, la legge in questione, oltre a punire determinate “azioni”, persegue anche chi “propaganda idee…”, o “istiga” oppure “incita” a commettere determinati atti, e oggi, vista la costante se non crescente attenzione che stiamo notando sull’argomento, ci si potrebbe domandare fin dove le parole di uno qualsiasi di noi possano spingersi, senza che qualcuno vi ravvisi propaganda, istigazione, incitamento….

    Nel dubbio, la strada più semplice per non incorrere in tale rischio può essere quella di “tacitarsi”, ossia astenersi dal toccare gli argomenti in causa, ma questa strada, oltre a comprimere il confronto, il che non è mai buona cosa, può far sì che le idee non liberamente manifestate, stante il timore di conseguenze, assumano un andamento “carsico”, per riemergere nel segreto dell’urna (e a quel punto se ne dovrà prendere atto).

    Paolo B. 07.08.2018

Lascia un commento