giovedì, 20 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

TRAGEDIA A GENOVA
Pubblicato il 14-08-2018


crollo_ponte_morandi_genovaVigilia di Ferragosto di lutto, verso le 11.50 in pieno traffico crolla il ponte Morandi di Genova sull’A10. Sarebbe stato un cedimento strutturale a provocare il crollo di parte del viadotto Morandi, ma al momento i soccorritori stanno cercando di salvare gli ultimi superstiti del grave incidente. Tra le 19 vittime trasferite al Policlinico San Martino c’è anche un bambino di 10 anni che è stato identificato ma sul cui nome vige il massimo riserbo. Diciassette corpi sono già stati identificati, mentre numero dei feriti continua tragicamente a salire. Le ricerche proseguiranno anche di notte, così come annunciato dai Vigili del fuoco. Al momento della tragedia, sulla zona si stava abbattendo un violento nubifragio.
Sono rimaste in piedi, invece, le campate laterali del viadotto che sovrastano, oltre ad Ansaldo Energia, almeno quattro grandi condomini con decine e decine di appartamenti.
In via precauzionale sono state sgomberate alcune palazzine più vicine alla parta di ponte che non è crollata.
“E’ una catastrofe quella che ha colpito Genova e l’Italia intera. Su persone e famiglie inermi si è abbattuta una disgrazia spaventosa e assurda”. Lo ha scritto in una nota Sergio Mattarella. “Il primo pensiero, mio come di tutti gli italiani, va alle vittime, ai feriti, alle sofferenze e alle angosce dei loro familiari – ha aggiunto il presidente della Repubblica -. A quanti oggi piangono per i loro cari, desidero esprimere il più sentito cordoglio, la mia vicinanza e, insieme, la solidarietà della Repubblica”.
“I nostri pensieri vanno alle vittime, ai loro familiari e a tutto il popolo italiano. La Francia è vicina all’Italia in questa tragedia e rimane pronta ad apportare tutto il sostegno necessario. #Genova #Gênes”.
Questo il tweet del presidente della Repubblica Francese, Emmanuel Macron a seguito del crollo del viadotto autostradale.
“Genova: comincerà presto il balletto delle responsabilità. Ma i ponti non devono cadere e basta. Oggi stretti ai morti, ai feriti, alle loro famiglie. Vicini a Genova”, ha scritto su Facebook il segretario del Psi, Riccardo Nencini.
La Procura di Genova “è pronta a aprire un fascicolo per omicidio plurimo e disastro colposi” a carico di ignoti perché “ancora non conosciamo il perimetro della tragedia”. Lo ha detto il procuratore capo di Genova, Francesco Cozzi.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Il crollo del ponte Morandi a Genova ci dice quanto è fragile e mal governato il nostro Paese. Non mi riferisco solamente a chi ci governa in questo momento, ma a tutta la classe politica che non è all’altezza della situazione.
    E’ inutile ricercare le colpe sui singoli episodi perché sarà sempre difficile trovare i colpevoli. E’ il sistema Paese marcio che cura solo gli interessi di parte e non quelli che riguardano tutti i cittadini.
    La Sinistra, moralmente è quella che ha più colpe !
    Mi duole dirlo ma è quello che penso.

Lascia un commento