mercoledì, 19 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La doppiezza e l’ipocrisia
Pubblicato il 08-09-2018


Salvini dice che un deputato é eletto e un magistrato no. Dunque che quest’ultimo non avrebbe il potere di indagare un eletto. Trasecolo. Ma dov’era lui e la sua Lega tra il 1992 e il 1994 quando una gran parte degli eletti finirono nelle grinfie dei magistrati? Da che parte stavano coi loro cappi e i loro insulti e le loro minacce? Se lo ricordano cosa dissero di Craxi e dei socialisti? Se lo ricordano del loro entusiastico appoggio al Pool Mani pulite mentre sventagliavano le loro manette? Si ricordano di cosa disse il loro Miglio del povero Cagliari, dopo il suo disperato suicidio? Si ricordano i leghisti gli improperi e i cori contro di noi dopo il voto sull’autorizzazione a procedere contro il nostro segretario? Si ricordano di quando pretendevano le immediate dimissioni di un uomo di governo solo perché raggiunto da un avviso di garanzia? Si ricordano di Formentini che sfilava a Milano coi giudici di Mani Pulite dopo quegli attentati della mafia nella metropoli lombarda e a Roma che venivano attribuiti alla responsabilità dei politici inquisiti? Si ricordano come votavano i leghisti sulle autorizzazioni a procedere in Parlamento anche su quelle più assurde, come il voto di scambio? Si ricordano come votarono a proposito dell’annullamento dell’immunità parlamentare? Vuoti spaventosi di memoria. Non ricordano oppure hanno fatto loro la morale dei due forni che si concreta in questa nuova formula: “I magistrati possono inquisire tutti, tranne i leghisti di Salvini”…

Poi certo c’é stata e tuttora esiste anche una doppia morale a sinistra. Quella che appoggiava acriticamente tutti gli atti del magistrati. Quella che amava visceralmente Di Pietro che aveva risolto a suo vantaggio il conflitto storico tra socialismo democratico e comunismo, tanto da far pensare che il muro di Berlino in Italia sia caduto all’incontrario, visto che i post comunisti son finiti al governo e i socialisti sono stati perseguitati ed emarginati, pagando il prezzo più alto, incommensurabile rispetto ai loro errori. Quella che inseguí a tal punto il piemme di Mani Pulite da apparentarlo, eravamo nel 2008, in luogo della Costituente socialista. Quella che ha preferito l’accordo cogli ex democristiani rifiutando l’unità socialista e poi si é fatta dominare dagli ex democristiani e oggi si é praticamente estinta. Quella che continua a esaltare Berlinguer e la storia del comunismo italiano e ad ignorare Turati, Nenni, Saragat e Craxi. Quella che ancora oggi non vuole intestare una via a Bettino Craxi mantenendo quelle a Lenin e a Togliatti. La sinistra della doppiezza e dell’ipocrisia. La sinistra della sconfitta perché doppiezza e ipocrisia alla fine non pagano.

Quello che serve é una sinistra nuova. La sinistra del riformismo e delle libertà. Quella che sa integrarsi col movimento socialista europeo e non guarda all’America. Quella che sa riprendere il dialogo col popolo e sa unire un mondo che oggi non la riconosce. Quella che intende unire i riformisti ma non può fare a meno dell’unico riformismo storicamente riconosciuto che é quello socialista. Quella che sa darsi un’identità e una storia, che sa che il conflitto storico tra socialisti e comunisti é stato vinto dai primi e che ha il coraggio di definirsi non solo progressista e nemmeno solo riformista ma, come é giusto che sia per rispetto della verità, col nome assunto dal movimento dei lavoratori in Italia e in Europa. Quella che non china la testa all’Europa pur essendo europeista e sa coniugare i temi della solidarietà verso chi sta peggio in Italia e nel mondo con la sicurezza dei suoi cittadini. Quella che difende e rilancia il potere della politica democratica, autonoma da tutti gli altri poteri (economici, finanziari, editoriali, giudiziari). Quella che in fondo noi reduci, noi illusi, abituati a fare da spettatori da venticinque anni, noi delusi da ogni tentativo di rilancio sempre fallito ma che non abbiamo mollato mai e che siamo tuttora i soli senza doppiezze e ipocrisie, abbiamo sempre sognato.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Io mi auguro che prima o poi ci pensi la “nemesi storica” a dar piena “riabilitazione” ai socialisti, e alla loro storia, ma nel frattempo devono aiutarsi anche loro stessi, innanzitutto senza cadere in contraddizioni, così da distinguersi dagli altri.

    A proposito del rilanciare il “potere della politica democratica” e la sua autonomia da tutti gli altri poteri, ivi compreso quello giudiziario, trattandosi di uno dei temi affrontati da questo FONDO, mi viene da ricordare una iniziativa legislativa di qualche anno fa.

    Se non ricordo male quella iniziativa, che poi non andò in porto, veniva dal centrodestra, e mirava a “deresponsabilizzare”, sul piano giudiziario, alcune figure istituzionali, tra cui il Presidente del Consiglio, durante l’esercizio del proprio e rispettivo mandato.

    Non mi sembrava essere, come principio, una proposta del tutto fuori luogo, al di là del come venne allora formulata, ma se la memoria non mi tradisce non trovò l’approvazione dei socialisti, intendendo quella parte di loro collocata oggi a sinistra.

    Se fosse andata effettivamente così, mi sembrerebbe una posizione abbastanza contraddittoria, o comunque incoerente, rispetto all’idea, qui riportata, di una politica che sia effettivamente autonoma, non solo a parole, dagli altri poteri.

    Dai socialisti poi, visto che al tempo seppero “governare” questioni anche complesse e difficili, ci si potrebbe aspettare qualcosa di più rispetto al dire “coniugare i temi della solidarietà verso chi sta peggio in Italia e nel mondo con la sicurezza dei suoi cittadini”.

    E’ un concetto, senz’altro nobile, che ho ascoltato più volte, ma il compito della politica è quello, io credo, di dar corpo ai concetti, e bisognerebbe quindi uscire dal generico, indicando agli elettori in che modo si intenderebbe realizzare una tale “coniugazione”.

    Paolo B. 09.09.2018

  2. Caro amico e compagno Mauro,questo tuo pezzo mi commuove,ma lo apprezzo.Proprio questa mattina ho effettuato il rinnovo del mio tesseramento al nostro PSI.E’ il mio 50 esimo rinnovo(sono ottuagenario dal 23/07/2018).Condivido ogni parola di questo tuo articolo.Manfredi Villani.

Lascia un commento