sabato, 15 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

“Fascista vattene”, manifesti contro Di Battista
Pubblicato il 28-09-2018


di battistaL’America Latina non sembra gradire la permanenza dell’ex deputato grillino, Alessandro Di Battista. Dopo il suo ultimo reportage per il Fatto Quotidiano “I nuovi zapatisti con la Coca Cola”, su Twitter si è diffuso un vero e proprio manifesto con foto segnaletica del Dibba e con l’hashtag #DiBattistaFueraYa e #NoLoDejenEntrar. Un tam-tam con per avvertire le comunità latinoamericane della sua presenza: “Attenzione – si legge nel messaggio – questo signore, Alessandro Di Battista, sta viaggiando per il Centroamerica facendo reportage e foto sui processi di resistenza, si presenta come un cooperante di sinistra, ma in realtà è il leader del M5S, partito italiano che sta al governo, che sostiene posizioni fasciste e razziste contro migranti africani, asiatici e latinoamericani”.

Durante la sua gita ‘familiare’ alle comunità zapatiste e agli attivisti che in Messico e fuori le sostengono, non è piaciuto per niente che il politico abbia mentito sulla sua reale attività, presentandosi come semplice cooperante. Ancor meno è stato apprezzato il racconto che Di Battista ha fatto della sua “esperienza” nel caracol, a detta degli stessi zapatisti e di chi dall’Italia li sostiene come la storica associazione “Ya basta”, pieno di luoghi comuni e inesattezze.
Tuttavia resta da sottolineare che gli account Twitter che hanno lanciato e che stanno diffondendo il messaggio di allerta appartengono a cittadini italiani che per lavoro sono in Messico o in altri paesi del Sud America.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento