giovedì, 20 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Lino Tardia, ottant’anni di lustro all’arte
Pubblicato il 10-09-2018


lino tardia

Il maestro Lino Tardia, il pittore trapanese che vive a Ciampino, il giorno 8 settembre 2018 ha compiuto ottant’anni. E’ considerato il più importante tra i pittori trapanesi viventi. Dal 2003, Lino Tardia è uno dei ‘Benemeriti della Cultura d’Italia’, ricevendo la medaglia d’oro conferita dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. Oggi, dopo quattro ventenni, con le sue opere continua ancora a dare lustro all’arte, all’Italia ed alla sua città natìa. Negli anni ’50 si è trasferito a Roma. Suo mentore fu il senatore Simone Gatto, medico pediatra, socialista ed uomo di cultura. Il genetliaco lo ha festeggiato con i suoi familiari, alcuni amici artisti tra cui Turi Sottile, Salvatore Provino, Francesca Leone (sua ex allieva), il filosofo e critico Franco Campegiani, il poeta Salvatore Rondello ed il cugino pittore Enzo Tardia.

Dopo avere conseguito la maturità artistica, ha rifiutato la docenza in Discipline Pittoriche al Liceo Artistico di Palermo per trasferirsi a Roma dove ha frequentato gli studi di Renato Guttuso e Saro Mirabella. Nel 1955 ha iniziato ad esporre le proprie opere ottenendo successi in Italia ed all’estero. Dieci anni dopo, nel 1965 ottiene un significativo successo esponendo a Londra nella St. Martin Gallery’s. Gli anni sessanta segnano il suo passaggio dal Realismo all’Informale, e poi alla Nuova figurazione secondo la maniera di Francio Bacon che ha incontrato a Londra durante un soggiorno. Successivamente ha partecipato a numerose mostre collettive assieme a Guttuso, De Chirico, Sironi, Treccani, Turi Sottile ed altri importanti autori del panorama artistico internazionale. All’estero ha esposto le sue opere in mostre collettive e personali a Londra, New York, Chicago, Parigi, Houston, Ottawa e Tripoli. In Italia, tra le tante esposizioni fatte, vanno ricordate le città di Milano, Trapani, Roma, Pescara, Viareggio, Palermo, Mantova, Bari, Cosenza, Reggio Calabria, Erice, Spoleto, Marsala, Fiuggi, Capo d’Orlando, Barcellona Pozzo di Gotto, Sciacca, Ascoli, Velletri, L’Aquila e Savona. Per la sua evoluzione artistica, nel 1996 alla Galleria Comunale d’Arte Moderna di Spoleto, in una mostra personale intitolata ‘In viaggio con i Fenici’, ha esposto una selezione di sue opere prodotte negli ultimi venticinque anni. Recentemente, ripercorrendo quella esperienza, a Roma, alla ‘Galleria Edercom Europa’ ha presentato la personale ‘Germinare mondi’: all’inaugurazione, il Maestro Lino Tardia ha raccontato alcune esperienze della propria vita e della sua arte in dialogo con il filosofo e critico d’arte Franco Campegiani. La critica ha detto di Lui: “Gli spazi figurativi di Lino Tardia sono dilaceranti espressioni in bilico tra icona e astrazione. La sua maniera di porsi nel flusso quotidiano del mondo, il guardare le figure e movimenti dell’esistenza, rimane motivo di grande partecipazione emotiva. Alberi, aquiloni, persone, diventano protagonisti fino al limite dell’astrazione, dove i ritmi interiori prevalgono sulle apparenze formali, dove il cromatismo diviene metafora”.

Redazione Avanti!

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento