lunedì, 15 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Romics caput mundi del fumetto. Obiettivo 200mila presenze
Pubblicato il 25-09-2018


ROMICS 02 Roma caput mundi dei comics grazie al ricco programma della 24esima edizione di Romics, festival internazionale del fumetto, animazione, cinema e games, che si terrà nella Fiera di Roma dal 4 al 7 ottobre. E che punta a confermare il record delle 200mila presenze del passato. Romics, organizzato dalla Fiera di Roma e dall’associazione Isi.Urb., con la direzione artistica di Sabrina Perucca, ha il patrocinio del Ministero per i beni e le attività culturali, del Ministero dell’istruzione e della Regione Lazio.

Cinque le aree espositive con stand di tutti i tipi, tavole rotonde, mostre e premiazioni. Spazi dedicati a case editrici, fumetterie, collezionisti, merchandising, videogame, giochi di ruolo, conferenze, tavole rotonde, incontri con autori ed esperti, anteprime cinematografiche ed eventi speciali. Ci saranno lezioni sul fumetto e sull’animazione e non mancheranno i cosplay con i loro variopinti costumi. Molto attesi i vincitori del Romics d’Oro 2018. Uno dei più prestigiosi premi alla carriera del settore è stato assegnato a tre autori di livello internazionale: Charlotte Gastaut, Marco Gervasio e Chris Warner.

La Gastaut è una delle più valenti illustratrici dei nostri giorni e la mostra “Il sogno, la magia e la poesia: Charlotte Gastaut tra Illustrazione e Moda” ne mette ben in risalto lo straordinario talento. Identica celebrazione per un grande autore disneyano con l’antologica “Da Topolino a Fantomius fino a Papertotti, le mirabolanti avventure di Marco Gervasio”.

Chris Warner è una delle figure più importanti del fumetto Usa degli ultimi trent’anni: sceneggiatore, disegnatore, editor, ha lavorato per tutti i grandi editori. Tra i suoi lavori: “Predator”, “Terminator”, “Black Cross” e “Barb Wire”. L’area Kids&Junior propone ai giovanissimi un programma ricco di attività ludiche e d’intrattenimento, workshop e incontri, organizzati in collaborazione con la Scuola Romana dei Fumetti, la Scuola Internazionale di Comics e Bugs Comics.

ROMICS 05Nel corso di Romics verrà presentata anche la terza edizione del concorso “I linguaggi dell’immaginario per la scuola”, realizzato col Ministero dell’istruzione, università e ricerca, rivolto alle scuole di ogni e ordine e grado con l’obiettivo di creare occasioni di approfondimento sulla promozione del linguaggio e della cultura del fumetto, dell’illustrazione, dell’animazione e dei games. Tra le mostre, “Mettiamo in luce i nostri talenti”, presenta le opere degli allievi della Scuola Internazionale di Comics. La Scuola Romana dei Fumetti propone, invece, le illustrazioni dei docenti Tommaso Aiello, Riccardo Colosimo, Veronica Frizzo, Genea, Giulia La Torre, Angela Piacentini e Silvia Pirozzi.

“I cambiamenti nel linguaggio del fumetto” è uno degli argomenti che saranno affrontati durante gli incontri con gli autori.  Ne discuteranno i grandi artisti italiani, vincitori dei premi del Concorso Romics dei libri a fumetti 2018. Spazio anche al tema della crisi del fumetto con la tavola rotonda “Le edicole ai tempi delle librerie”. Gli editori italiani si confrontano sulle nuove dinamiche del mercato nazionale, mentre negli Stati Uniti la Dc Comic ha raggiunto un accordo con la Walmart per una serie di collane che la grande catena di negozi venderà in esclusiva. Due modi opposti per affrontare un calo di vendite che sembra irreversibile. E solo il futuro ci dirà chi ha fatto la scelta giusta.

Stefano Casini, che presenterà “Gli anni migliori” (Tunuè), il suo nuovo libro ambientato negli anni 70, e Gianfranco Manfredi, autore di “Cani Sciolti” (Sergio Bonelli Editore), intervistati da Luca Valtorta, parleranno de “Il ’68 e le sue molteplici eredità”. “Pixar. 30 anni di animazione” è il tema di una conferenza con Elyse Klaidman, responsabile degli Archivi Pixar e curatrice della mostra itinerante dedicata al grande studio di animazione statunitense, e con Maria Grazia Mattei, che ha curato l’edizione italiana della mostra, che dal 9 ottobre e sino al 20 gennaio 2019 sarà ospitata al Palazzo delle Esposizioni di Roma, e presidente MEET, centro internazionale per la cultura digitale.

Le anteprime e gli incontri speciali sul cinema si terranno al Movie Village. Film e serie ispirate a fumetti, romanzi, giochi e videogame più le installazioni delle principali fandom italiane e la mostra “Sogni e incubi del grande cinema di genere: fantascienza, fantasy e horror”, dedicata a Makinarium, pluripremiato studio di effetti speciali e visivi che ha sede a Roma. Inoltre, in collaborazione con 20th Century Fox Italia, Romics organizza per giovedì 4 ottobre, al cinema Adriano di Roma, un’anteprima speciale dell’atteso “The Predator” di Shane Black.

ROMICS 03I quattro giorni di Romics saranno caratterizzati dalla festosa invasione dei cosplay che, per chi ancora non lo sapesse, sono quei ragazzi (in questo caso l’età ha un significato elastico) che in queste occasioni di vestono da eroi dei fumetti, del cinema e dei cartoni animati, solitamente americani e giapponesi. E non sarà solo un’esibizione giusto per farsi vedere in giro, perché il Romics Cosplay Awards apre le porte alle grandi gare internazionali, come la Yamato Cosplay Cup di San Paolo del Brasile, dove proprio un italiano ha trionfato all’ultima edizione, e la World Cosplay Summit di Nagoya in Giappone.

Per i più piccoli c’è il Cosplay Kids, in compagnia di Fiore di Luna (Francesca Pace), Jack Sparrow (Andrea Franchini) e di Lupics, la mascotte di Romics. Non è tutto qui: c’è molto altro ancora, ma lo spazio è finito. Il programma completo è disponibile nel sito www.romics.it.

Antonio Salvatore Sassu

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento