giovedì, 20 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Ryanair, nuove regole bagaglio a mano all’Antitrust
Pubblicato il 04-09-2018


ryanairAltro che low cost. Ryanair cambia ancora una volta le regole del bagaglio a mano e chiede un supplemento – tra i 6 e i 10 euro – ai passeggeri che voleranno dal 1° novembre, con un’applicazione della nuova policy anche a chi aveva acquistato il biglietto prima del 1° settembre.
Per questo Altroconsumo ha segnalato la compagnia all’Antitrust per pratica commerciale scorretta. Se a questo si aggiungono anche le cancellazioni massive dello scorso anno e gli scioperi recenti l’unica cosa che vola è la sfiducia dei consumatori nei confronti dell’azienda.
Lo scenario è lo stesso di qualche mese fa: disagio e confusione tra i passeggeri che hanno programmato i loro viaggi sulla base del volo acquistato e che ora si trovano a dover pagare il supplemento.
Altroconsumo sta raccogliendo le lamentele dei consumatori che hanno acquistato i biglietti prima del 1° settembre. Ryanair mostra anche una mancata trasparenza e carenza di informazioni ai viaggiatori, non avvisati adeguatamente del cambio delle regole.
Commenta Ivo Tarantino, Responsabile relazioni esterne di Altroconsumo: “Chiediamo all’Antitrust di intervenire con urgenza per sospendere questa condotta scorretta. I passeggeri sono stufi di questi continui cambi di regole che generano confusione. Invitiamo i consumatori a segnalarci comunicazioni sospette e poco convincenti da parte di Ryanair, che finora ha dimostrato di avere scarso rispetto per i consumatori”.
Anche le organizzazioni partner del gruppo Euroconsumers si sono già mobilitate per tutelare i consumatori dalla condotta scorretta reiterata di Ryanair. “Se Ryanair applica le nuove regole prima di quando dovrebbe, sicuramente non è un comportamento corretto”, fanno sapere dai vertici dell’Enac. “Il pagamento del bagaglio a mano dovrebbe essere applicato solo alle prenotazioni fatte dal 1° settembre per partenze dal 1° novembre. L’Enac sta scrivendo alla compagnia Ryanair per chiedere chiarimenti e per richiamare il vettore ad applicare in modo corretto le proprie condizioni di trasporto”. La stessa autorità, però, ci tiene anche a precisare di “non avere potere sanzionatorio in quanto la fattispecie non rientra nel Reg. 261 del 2004” che istituisce regole comuni in Europa in materia di compensazione e assistenza ai passeggeri in caso di negato imbarco, cancellazione del volo o ritardo prolungato.
“Una politica che porta evidenti svantaggi agli utenti, i quali avevano scelto di acquistare un volo con la compagnie irlandese proprio in virtù delle tariffe e delle condizioni praticate, e che ora si ritrovano prezzi diversi da quelli pattuiti al momento dell’acquisto”, denuncia la Codacons.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento