domenica, 18 novembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Alessandro Bertinazzo
Autonomia e passaporto Europeo
Pubblicato il 18-10-2018


L’ Autonomia che ha portato benessere e condivisione nella Provincia, rischia oggi, sulla spinta dei nazionalismi che vogliono la costruzione di barriere e divisioni tra i popoli, di fare significativi passi indietro. Tutte le forze democratiche devono respingere questi tentativi di involuzione e cercare di adeguare e consolidare l’autonomia, che nei passati decenni si è dimostrata la leva ottimale per lo sviluppo sociale, culturale ed economico del nostro territorio.

In primo luogo l’autonomia rappresenta il cardine della pacifica convivenza tra i gruppi linguistici in provincia di Bolzano e dunque la base di un vivere assieme fondato sul rispetto, sulla tolleranza e sulla responsabilità.

I socialisti ritengono che, così come previsto e non realizzato nella passata legislatura  dovrà essere messa a punto una disposizione statutaria che garantisca la rappresentanza proporzionale dei tre gruppi linguistici in Giunta provinciale collegata al censimento della popolazione ed inoltre ,per quanto riguarda la nomina di rappresentanti della Provincia in consigli di amministrazione ed in altri organismi, vanno strettamente applicati principi e criteri di trasparenza, competenza, merito e parità di accesso.

La richiesta di concessione del passaporto austriaco ai residenti in Provincia di Bolzano appartenenti al gruppo linguistico tedesco, appare una forzatura ed una strumentalizzazione elettoralistica, capace solo di far riemergere sentimenti nazionalisti  in contrasto con una volontà di pacificazione e di superamento delle tensioni tra i diversi gruppi conviventi.

I Socialisti sono semmai per la realizzazione tra gli Stati Europei di un unico Passaporto Europeo, rilasciato dalle singole Nazioni, che dia un reale segnale di superamento di ogni confine e barriera all’interno dell’ Europa, e rappresenterebbe un segnale importante verso la costruzione di una Europa politica e non solo finanziaria o monetaria.

Alessandro Bertinazzo
Segretario PSI dell’Alto Adige

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento