lunedì, 15 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Bankitalia e Confcommercio ‘smontano’ il Def
Pubblicato il 09-10-2018


Bankitalia-debito pubblicoIl FMI e la Banca d’Italia hanno analizzato la situazione congiunturale dell’Italiana ed hanno comunicato le valutazioni fatte.
Nel periodico World Economic Outlook elaborato dal Fondo Monetario Internazionale, la crescita italiana è stata rivista al ribasso. Il Fmi ha confermato il rallentamento dell’economia italiana che nel 2018 dovrebbe crescere dell’1,2% e dell’1,0% nel 2019. Nel documento della prestigiosa istituzione monetaria internazionale si legge: “In Italia dovrebbero essere preservate le riforme varate nel sistema pensionistico e nel mercato del lavoro, interventi che anzi dovrebbero essere affiancati da ulteriori misure, come il decentramento della contrattazione salariale per allineare i salari alla produttività del lavoro a livello di impresa. Come già avvenuto nelle previsioni di luglio, si conferma il taglio di 0,3 punti per il Pil italiano nell’anno in corso rispetto alla prima valutazione fornita ad aprile scorso. Un dato che riflette il deterioramento della domanda esterna e interna e l’incertezza sull’agenda del nuovo governo. In Italia le recenti difficoltà nella formazione di un governo e la possibilità di un’inversione di rotta sulle riforme o l’attuazione di politiche che danneggerebbero la sostenibilità del debito hanno innescato un forte allargamento degli spread”.
Le stime del FMI sull’economia italiana hanno fissano, inoltre, l’inflazione all’1,3% quest’anno e all’ 1,4 nel 2019 mentre continuerebbe la parabola discendente della  disoccupazione  che dall’11,3% del 2017 quest’anno scenderebbe al 10,8% e nel 2019 al 10,5%. Comunque, l’Italia si confermerebbe, rispetto alle altre principali economie avanzate fra quelle con la migliore bilancia dei conti correnti, con un avanzo nel 2018 stimato al 2,0% di Pil dietro soltanto a Germania (surplus dell’8,1%) e Giappone (3,6%).
Secondo il Fondo Monetario Internazionale la situazione dell’Italia e le prospettive della Brexit sono questioni di importanza sistemica. In una conferenza stampa il consigliere economico del Fmi, Maurice Obstfeld, ha spiegato che per il nostro paese: “C’è un imperativo reale nelle scelte di politica fiscale a mantenere la fiducia dei mercati. Negli ultimi mesi si è assistito all’aumento dello spread sui titoli di stato italiani e ciò ha certamente contribuito alla nostra revisione al ribasso della crescita italiana oltre a rendere la nostra economia più suscettibile agli shock. Quindi, pensiamo che sia importante che il governo operi nel quadro delle regole europee, che sono importanti anche per la stabilità della zona euro stessa”.
Il Fondo Monetario Internazionale, inoltre, ha stimato un calo del debito pubblico italiano dal 131,8% del Pil nel 2017 al 130,3% quest’anno e al 128,7% nel 2019. La traiettoria discendente, che dovrebbe portare il debito al 125,1% del Pil italiano nel 2023, è contenuta nelle statistiche allegate al World Economic Outlook che hanno fissato  una riduzione del deficit dal 2,3% del 2017 all’1,7% quest’anno ed il prossimo, per poi risalire al 2,2% nel 2023. Rispetto alle stime dello scorso aprile, il Fondo ha rivisto al rialzo il rapporto debito/pil di 0,6 punti per il 2018 e di 1,2 punti per il prossimo anno. E comunque, si precisa, queste stime non si basano sulle indicazioni fornite dal governo Conte con la Nadef bensì si basano sui progetti inclusi nel bilancio 2018 e nel Def di aprile 2018 (quello stilato dal governo Gentiloni).
Il Fondo Monetario Internazionale ha tagliato la stima di crescita globale al 3,7% per il 2018 e 2019, con una revisione al ribasso di 0,2 punti rispetto alle previsioni dello scorso aprile. Nel World Economic Outlook, il Fmi ha stimato che, nel biennio, l’andamento del Pil globale dovrebbe rimanere stabile al livello del 2017, ma con un ritmo meno vigoroso di quanto previsto in primavera. Inoltre la crescita dovrebbe confermarsi più disomogenea anche perché negli ultimi sei mesi i rischi al ribasso per la crescita globale sono aumentati.
A spingere il Fmi alla revisione al ribasso ha influito particolarmente la crescita del protezionismo  scatenata dagli interventi dell’Amministrazione Trump. Tuttavia, oltre agli effetti negativi delle misure commerciali attuate o approvate tra aprile e metà settembre, il Fmi ha evidenziato le prospettive di indebolimento per alcuni importanti mercati emergenti e in via di sviluppo derivanti da fattori specifici per paese: condizioni finanziarie più rigide, tensioni geopolitiche e maggiori costi petroliferi.
Nel medio termine con la normalizzazione delle politiche monetarie, si prevede che la crescita nelle economie più avanzate diminuirà a livelli ben al di sotto delle medie raggiunte prima della crisi finanziaria globale. Ma, ricorda il Fondo: “Se la ripresa ha contribuito a migliorare occupazione e redditi, rafforzando i bilanci e offrendo l’opportunità di ricostruire buffer di bilancio, nel momento in cui i rischi si orientano al ribasso, cresce l’urgenza di politiche per una crescita solida e inclusiva”.
Il vice direttore generale della Banca d’Italia, Luigi Federico Signorini, in audizione sulla Nadef, ha detto: “Il debito pubblico italiano è detenuto per circa due terzi da istituzioni e soggetti italiani ma ciò non lo isola dalla logica del mercato che cerca il rendimento e fugge l’incertezza. Le oscillazioni del suo valore esercitano i propri effetti anche sui soggetti italiani, famiglie, imprese e istituzioni finanziarie che lo detengono. Inoltre, una minore valutazione dei titoli di Stato in portafoglio incide sui requisiti patrimoniali delle banche; oltre certi limiti può ridurne la capacità di offrire credito all’economia”.
Il vice direttore generale della Banca d’Italia si è soffermato, poi, su pensioni e reddito di cittadinanza: “La Nota sottolinea giustamente che le riforme pensionistiche introdotte negli ultimi vent’anni hanno significativamente migliorato sia la sostenibilità sia l’equità intergenerazionale del sistema pensionistico italiano. E’ fondamentale  non tornare indietro su questi due fronti”.
Quanto al perseguimento dell’obiettivo di protezione sociale a cui punta il reddito di cittadinanza, Signorini ha detto: “Non deve disincentivare l’offerta di lavoro. A questo scopo appare determinante il livello del beneficio rispetto al salario potenziale che il lavoratore sarebbe in grado di guadagnare sul mercato studiando forme opportune di modulazione”.
Critiche alla manovra del governo sono arrivate anche dalla Confcommercio. Il direttore dell’Ufficio Studi di Confcommercio, Mariano Bella, intervenendo a Cernobbio, alla quinta edizione del ‘Forum Internazionale Conftrasporto’, ha annunciato: “Abbiamo ulteriormente abbassato le previsioni di crescita del Pil rispetto a due mesi fa: +1,1% nel 2018 e +1% nel 2019, sempre escludendo le clausole di salvaguarda che sembra non scattino e di questo siamo molto contenti”.
Mariano Bella ha evidenziato: “Il costo del programma del governo, secondo le stime di Confcommercio, ammonta a circa 53 miliardi di euro, ovvero il 2,9% del Pil, e non il 2,4%. Da questo punto in poi si innesta la manovra con interventi sui quali non abbiamo sicurezza, ma sui quali abbiamo potuto fare qualche riflessione molto cauta e prudenziale: sullo smontaggio Fornero mettiamo solo 7 mld e sulla flat tax zero. Immaginiamo che sia escluso il provvedimento di Imposta sul reddito degli imprenditori, che sarebbe costata 2 miliardi; anche sul reddito di cittadinanza mettiamo solo 7 miliardi, perché immaginiamo che i 10 di cui si parla includono già quelli stanziati per il Rei. Ci mettiamo addirittura 4 mld per la pace fiscale e 1 mld di minore deducibilità delle perdite da parte delle banche. Ecco che questa somma fa 53 mld che diviso il nostro Pil, l’1%, implicherebbe un deficit al 2,9%.
Come si può riconciliare questa lista con il 2,4%? In due modi: o non crediamo alla lista, oppure, più verosimilmente, dobbiamo immaginare una forte crescita del Pil, sia in termini reali (il governo dice 1,5% il prossimo anno) sia in termini nominali, la parte di maggiore inflazione. Questa è la sola possibilità per mettere insieme le cose. Questa è una possibilità che noi auspichiamo che si verifichi, nel senso che provochi uno choc talmente forte che nel giro di qualche mese triplichi il tasso di variazione del Pil congiunturale, dallo 0,2% odierno allo 0,6% nel secondo quarto del 2019, o noi abbiamo qualche perplessità. Gli ultimi dati ci dicono che l’Italia è cresciuta dello 0,6% solo nel 2010 come rimbalzo del 2009. Riteniamo abbastanza improbabile questa crescita. Ma c’è anche un’altra possibilità: che si proceda a dei tagli ad esempio sulle spese fiscali, ad esempio con una minore deducibilità delle spese sanitarie, o sulla spesa per interessi. Allora, non sarebbe più la manovra del popolo ma la manovra di una parte del popolo finanziata dall’altra parte del popolo nella speranza di essere dalla parte giusta”.
Il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, ha lanciato un appello: “Ci auguriamo che la manovra di bilancio realizzi la sintesi necessaria tra le misure per la crescita economica e le regole della finanza pubblica. Per infrastrutture e trasporti servono più investimenti, bisogna rimettere in moto i cantieri, e le risorse stanziate non mancano perché nell’ultimo Documento di economia e finanza c’è, per le infrastrutture, un quadro di programmazione di risorse da 110 miliardi di euro. Una programmazione preziosa per un Paese che, nell’ultimo decennio, ha accumulato un deficit infrastrutturale pari a 60 miliardi di euro, le risorse, dunque, ci sono. Ma vanno semplificate le procedure previste dal Codice degli appalti, visto che in Italia servono, in media, 15 anni per realizzare un’infrastruttura strategica di trasporto. Vanno realizzate senza tentennamenti le opere realmente necessarie. Così come bisogna porre la giusta attenzione al tema del confronto europeo sullo scorporo degli investimenti infrastrutturali dal computo del deficit”.
Intanto, lo spread ha superato quota 300 anche per i titoli quinquennali e le risorse disponibili si vanno assottigliando. In cinque mesi di rialzi dello spread, qualche seria valutazione l’attuale Governo dovrebbe farla, senza inventarsi mostri inesistenti di ‘donchisciottiana’ memoria.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento