martedì, 11 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Genova, riprende il traffico dei treni
Pubblicato il 04-10-2018


metro-3_0Il traffico ferroviario sulle tre linee del nodo di Genova direttamente interessate dal crollo del Ponte Morandi, da oggi è stato parzialmente riattivato. Nel dettaglio:-“Linea Sussidiaria” utilizzata per il traffico passeggeri fra Genova Sanpierdarena/Genova Rivarolo e Busalla-“Linea Bastioni” utilizzata per il traffico passeggeri e merci fra Genova Sanpierdarena e Ovada, Milano e Torino (Via succursale e/o Via Busalla)- “Linea Sommergibile” utilizzata per il traffico merci fra gli scali di Genova Marittima e Genova Sanpierdarena. Su questi tre tracciati ferroviari il Gruppo Ferrovie dello Stato, tramite RFI, ha effettuato gli interventi di ripristino e messa in sicurezza dell’infrastruttura danneggiata. Le attività sono riprese a seguito dell’avvenuto rilascio del nulla osta delle Autorità Competenti.
Dalle prime ore di oggi la circolazione ferroviaria è ripresa su sue delle tre linee sospese al traffico dal 14 agosto, a seguito del crollo del viadotto autostradale Morandi.Rimarrà,invece,sospesa al traffico la linea “Sussidiaria”, il cui rpristino potrà avvenire solo al termine dell’iter di messa in sicurezza/demolizione della parte spezzata del viadotto suddetto che sovrasta la linea stessa.Sono dunque 82 i treni regionali attivati per i collegamenti diretti via ferrovia, senza più dover cambiare mezzo di trasporto,sulle linee Genova-Acqui Terme(26 collegamenti), Genova-Rivarolo-Busalla(24 di cui 6 con capolinea a Genova Piazza Principe invece che Brignole) e Genova-Arquata-Novi Ligure(32 treni). Sono ripartiti anche i collegamenti merci da e per il porto di Genova. Il dettaglio dell’offerta è consultabile su tutti i canali di vendita di Trenitalia e sulle locandine informative pubblicate sul sito trenitalia.com. Per i primi sei giorni dopo l’odierna riattivazione, fino a martedì 9 ottobre, i treni percorreranno il tratto interessato dai lavori con un rallentamento di velocità a 30 km/orari che determinerà lievi allungamenti dei tempi di viaggio non previsti negli orari pubblicati.Le Ferrovie dello Stato,attraverso la controllata RFI (Rete Ferroviaria Italiana),ha così completato i principali interventi di ripristino avviati il 15 settembre che hanno visto impegnati circa 60 maestranze suddivise in turni operativi di 24 ore su 24. Nel dettaglio, ottemperando alle prescrizioni della Protezione Civile,è stata realizzata una barriera di protezione, lunga 70 metri e alta 8 metri, che garantirà la ridefinizione dei confini della zona rossa escludendo le linee ferroviarie. Sono stati rinnovati 300 metri di binari(massicciata,traversine e rotaie) danneggiati dal crollo, la linea di alimentazione elettrica dei treni, i cavi e parte dei sostegni di una delle due reti di alimentazione danneggiate oltre al rinnovo degli impianti di segnalamento e telecomunicazione.Il Gruppo FS italiane, vicino ai genovesi fin dalle prime ore del tragico evento,garantisce il proprio supporto alle istituzioni locali e nazionali mettendo in atto tutte le misure necessarie per agevolare i collegamenti da e per la città della Lanterna.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento