mercoledì, 21 novembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Leopolda 9 e la disfatta in Trentino Alto Adige
Pubblicato il 22-10-2018


leopolda 9L’Italia va sempre più a destra, ma stavolta la Lega travolge anche il suo alleato azzurro. A Trento la lista dei salviniani supera il 27% e trascina la coalizione di centrodestra alla conquista del governo della Provincia. Il suo candidato, il sottosegretario alla Sanità Maurizio Fugatti, è il nuovo presidente. Dopo il Veneto e il Friuli Venezia Giulia, anche il Trentino Alto Adige porta il vessillo della Lega, Tutto questo avviene a ridosso del grande evento che avrebbe dovuto ridare aria al Pd e al Centrosinitra, la Leopolda di Matteo Renzi. La kermesse al suo nono anno dell’ex segretario del Pd anche se ha avuto un successo in termini di partecipazione (oltre 35mila presenze registrate) non ha avuto lo stesso effetto sul piano politico. L’evento puntava a ridare slancio a un Partito arroccato ai cimeli del passato, ma con quel “Ritorno al futuro” che rimanda all’omonima trilogia di commedie di fantascienza di Robert Zemeckis, si punta ancora una volta a una generazione di quarantenni, mentre i giovanissimi hanno conosciuto Michael J Fox quando era già malato. Inoltre come in una grande passerella, l’ex sottosegretario alla Presidenza, Maria Elena Boschi, è stata notata per il suo outfit.
Ma va riconosciuto che nonostante tutto Matteo Renzi ha dichiarato più volte che sosterrà il candidato che uscirà dalle primarie, che non ci sarà un ‘fuoco amico’ e ha ripetuto fino allo sfinimento che lui non si candiderà.
Ma le sue proposte, come quella di una Contromanovra ideata e scritta con l’ex Ministro del Tesoro, Pier Carlo Padoan, riceve la bocciatura dell’ex Commissario alla Spending Review, Carlo Cottarelli

Ma non è il solo a criticare Matteo Renzi, anche Alessandra Ghisleri (Euromedia Research) in diretta a Omnibus su La7, spiega i motivi per i quali i dem hanno perso recentemente nel Nord Est e in molte roccaforti rosse: “Non solo Renzi ma tutto il Pd parla solo di sé, critica il governo senza dare alcun contributo fattivo”. Per la sondaggista Matteo Renzi non ha indicato una via alternativa a quella dell’attuale governo e “in questo scenario la gente non capisce lo scopo di questo partito che rischia di sparire”.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento