sabato, 17 novembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

INCERTEZZE D’EUROPA
Pubblicato il 25-10-2018


DRAGHI NON MOLLA PRESA, DECISO CONTRO RISCHI DEFLAZIONE

Non è la prima volta che Draghi ha dovuto metterci una pezza. Lo ha fatto con il Quantitative Easing, il massiccio programma di acquisto dei titoli di stato dei paesi membri per aiutarne la sostenibilità del debito. Nel giorno in cui lo spread riprende a salire e tocca quota.

La Bce ha riunito oggi il consiglio direttivo in una fase delicatissima per l’Europa, in piena bufera per lo scontro sulla manovra italiana, incerta sull’esito dei negoziati della Brexit e preoccupata per dati che mostrano un indebolimento complessivo della crescita. Il Consiglio direttivo ha lasciato invariati i tassi sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi presso la banca centrale rispettivamente allo 0,00%, allo 0,25% e al -0,40%. E proprio mentre si contano i giorni prima della fine del Quantitative Easing, la lista dei problemi e delle preoccupazioni sull’eurozona e sull’euro si allunga. Sulla manovra italiana Draghi cerca di tranquillizzare augurandosi che non si arriverà allo scontro. Lo fa in conferenza stampa al termine del Consiglio direttivo della Banca europea affermando di essere “fiducioso che si troverà un accordo” tra Commissione europea Ue e governo, precisando che questa è una sua opinione personale. Se non altro, ha spiegato perché gli aumenti dei rendimenti sui titoli di Stato italiani peseranno sui costi di finanziamento di imprese e famiglie e al tempo stesso “riducono i margini espansivi” del Bilancio.

Quello che è certo e che l’Italia rimane, in compagnia della Brexit, “fra le incertezze per lo scenario economico dell’Eurozona”. Sulla manovra italiana bocciata da Bruxelles il presidente della Bce Draghi esclude il rischio che la Bce possa essere coinvolta: “Finanziare i deficit non è nel nostro mandato” chiarisce. Quindi precisa: “Abbiamo l’Omt come strumento specifico”, da usare in caso i paesi entrino in un programma, “per il resto siamo in un regime di dominanza monetaria”, non di bilancio. Un intervento della Bce nel dibattito tra Roma e Bruxelles, insomma, è “assolutamente” da escludere: “Non è il nostro compito quello di fare da mediatori” rimarca Draghi. Questa “è una discussione fiscale, non è un ruolo da banchieri centrali”.

L’ex governatore di Bankitalia parla anche dello spread e avverte: “Io non ho la palla di cristallo, 300, 400, certamente questi titoli sono nelle banche e se perdono valore loro impattano sul capitale delle banche”. Certo, “abbassare i toni e non mettere in discussione l’esistenza dell’euro può far ridurre gli spread” è l’indicazione che arriva – con un chiaro riferimento all’Italia – dal presidente della Bce. E a chi gli chiede se i rialzi dello spread italiano possano contagiare altri paesi della zona euro, risponde: “Forse c’è qualche ricaduta ma limitata”. Secondo il presidente della Bce, i rialzi dello spread sui Btp italiani pesano sui costi di finanziamento di imprese e famiglie e “riducono i margini espansivi” del bilancio.

Poi sulla manovra italiana aggiunge: “Non c’è stata una grande discussione sull’Italia, c’era Dombrovskis, gli ho chiesto il permesso di citarlo”, aggiunge, facendo eco al vice presidente dell’esecutivo Ue: “Si devono osservare e applicare le regole, ma anche cercare il dialogo” specifica il presidenre della Bce. Nel corso della conferenza stampa, Draghi mette poi l’accento sull’inflazione. “Nell’area dell’euro l’inflazione sui dodici mesi si è portata lo scorso settembre al 2,1%, dopo il 2,0 di agosto” afferma, aggiungendo che “sulla base dei prezzi correnti dei contratti future sul petrolio, è probabile che l’inflazione complessiva si collochi intorno al livello attuale nella parte restante dell’anno”. “Davanti ad ogni evenienza – sottolinea ancora Draghi – il Consiglio direttivo della Bce è pronto ad adattare i propri strumenti per assicurare che l’inflazione continui a muoversi verso l’obiettivo”.

Infine la crescita dell’Eurozona: la Bce, ha detto Draghi, “regista un certo rallentamento dello slancio ma non una inversione di rotta”. “Una delle spiegazioni arriva dalle situazione specifica dei singoli Paesi”, rimarca, facendo l’esempio delle recenti difficoltà dell’industria automobilistica tedesca. Quindi ammette: “Non è semplice distinguere fattori transitori da fattori permanenti” sottolineando però come i dati e i segnali “non ci bastano per cambiare scenario di base”.

I rischi che circondano le prospettive di crescita dell’area dell’euro possono ancora “considerarsi ampiamente equilibrati. Allo stesso tempo, i rischi relativi al protezionismo, le vulnerabilità nei mercati emergenti e la volatilità dei mercati finanziari rimangono importanti” afferma il presidente della Bce. L’espansione economica, aggiunge Draghi, è “sostenuta dalla domanda interna e da continui miglioramenti nel mercato del lavoro”. Sulla fine del Quantitative Easing, Draghi spiega che alla riunione odierna “non abbiamo parlato di un prolungamento del programma di acquisti, e non abbiamo discusso di cosa fare dopo, abbiamo altri due incontri prima di fine anno”, osservando che alla Bce “pensiamo di avere ancora strumenti che possiamo usare”, come gli Tltro tema che è stato sollevato “da due partecipanti”.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento