domenica, 18 novembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Pensioni d’oro. Il governo ora pensa a un prelievo
Pubblicato il 26-10-2018


pensioni euro-2

In arrivo un nuovo prelievo sulle pensioni d’oro. Accantonata l’idea del ricalcolo con il metodo contributivo, l’esecutivo giallo-verde, come già anticipato in diverse occasioni, starebbe pensando di introdurre un contributo di solidarietà sugli assegni pensionistici che superano i 4.500 euro.

Il taglio, come già sperimentato in passato, dovrebbe colpire in maniera progressiva e dovrebbe essere modulato su diversi scaglioni, anche a seconda dell’età di accesso alla pensione, tutti ancora da definire. La misura infatti, ha ammesso ieri la capogruppo della Lega in commissione Lavoro della Camera, Laura Murelli, “non è stata messa a punto e arriverà nel corso dell’esame della manovra alla Camera, come emendamento alla legge di Bilancio”.

L’idea sarebbe quella di modularlo su diversi scaglioni, sulla falsariga dei vecchi contributi: quello introdotto dal governo Letta per il triennio 2014-2016 e salvato dalla Corte Costituzionale aveva tre aliquote al 6, 12 e 18 per cento, che si applicavano alla parte eccedente gli assegni a partire da 14 volte il minimo fino a 30 volte il minimo. La soglia di intervento, assicura la Lega, sarà quella dei 4.500 euro netti (circa 90mila euro lordi, che corrisponderebbe a un assegno 14 volte il minimo).

Resta da vedere come la maggioranza vorrà calibrare il nuovo meccanismo per raggiungere i risparmi annunciati dal governo, 1 miliardo in tre anni. Ma secondo altri calcoli da questa misura si potranno ricavare tra i 200 e i 300 milioni di euro l’anno, una cifra ben distante da quella di cui avrebbe bisogno il governo.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento