lunedì, 15 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Ponte Morandi, abbassare la voce e alzare lo sguardo
Pubblicato il 01-10-2018


Il crollo del ponte Morandi ha inferto alla città di Genova una ferita difficile da rimarginare e sta portando a nudo non solo la debolezza del sistema infrastrutturale della regione ma anche l’insipienza di un governo incapace di affrontare in tempi rapidi e con strumenti adeguati un’emergenza che non è solo di Genova ma dell’intero sistema Paese.

Andiamo per gradi. Che il Ponte Morandi non godesse di buona salute lo si sapeva da molti anni; capitò a me in un’intervista rilasciata al “Il Giornale” il 12 dicembre del 2006 avvertire del rischio caduta del ponte e dell’urgente necessità di pensare seriamente ad un’alternativa in grado di spostare buona parte del traffico gravitante sul Morandi.

Lo scopo fu quello di incitare la politica a decidere sul progetto di una bretella autostradale (poi chiamata Gronda) alla luce di un incremento del traffico che rassegnava cifre impressionanti: oltre 70.000 veicoli al giorno di cui 4.000 camion che transitava quotidianamente su una struttura i cui interventi manutentori, a causa dell’evidente ammaloramento, erano all’ordine del giorno.

Il mio non fu un appello isolato; altri autorevoli soggetti misero in guardia dal rischio incombente sulla stabilità del ponte e dei timori delle gravi conseguenze sull’economia locale qualora l’utilizzo del ponte fosse stato, per ragioni diverse, inibito.

Dopo infinite discussioni, tentennamenti pericolosi (quali quelli del Sindaco Doria e parte dei suoi alleati per i quali sarebbe stata sufficiente il completamento delle nuove opere previste in ambito urbano ad alleggerire il traffico di attraversamento con ciò rendendo inutile una nuova bretella) le Istituzioni locali si sono ritrovate-insieme ai Governo precedenti all’attuale – unite nel sostenere il definitivo progetto della Gronda così come era emerso dopo il debat public. Decisione indispensabile ma tardiva, almeno per evitare l’enorme tragedia che ha colpito la città alle 11,36 del 14 agosto 2018.

43 morti, ma potevano essere molti di più. Se il fatto fosse accaduto in una giornata normale e in un’ora di punta le vittime potevano essere oltre 4/500. Infatti su quel maledetto ponte, su cui ultimamente transitavano circa 80.000 veicoli al giorno di cui 5000 camion, era quotidiana la coda di veicoli fermi.

Nella disgrazia un po’ di fortuna. Tuttavia la città ha vissuto quel dramma con profonda angoscia perché su quel ponte ci passavamo tutti; è accaduto a quelle povere persone ma poteva accadere ad ognuno di noi. Anche per questo l’impatto emotivo è stato enorme per dimensione e per carico individuale.

Le conseguenze purtroppo non si sono fermate al già tragico bilancio di vite umane ma si sono trascinate dietro oltre 500 sfollati, danni economici alla miriade di aziende collocate nell’area investita dal crollo (oltre 1000), un danno enorme all’economia portuale che è il settore trainante dell’economia regionale cittadina, un disagio infinito per le caotiche condizioni del traffico che continuano a registrarsi nel ponente della città.

Ebbene di fronte a questa situazione così pesante, malgrado la compattezza delle Istituzioni locali e il ruolo energico che esse, e su tutte il Sindaco Bucci e il Presidente della Regione Toti, hanno profuso e stanno profondendo per assistere la città in tutte le sue componenti, emerge la superficialità, l’incompetenza, l’arroganza di ministri inadeguati che, a oltre 45 giorni dal crollo e con una città in fortissima difficoltà, hanno provveduto, con increscioso ritardo, a decretare per la ricostruzione, individuare il Commissario Straordinario, in un quadro confuso di norme, deroghe e risorse che temiamo forniscano alibi fortissimi ai tanti ricorrenti che già rischiano di manifestarsi.

Le stesse risorse individuate sono ritenute dall’intera comunità ligure largamente insufficienti sia per contrastare il declino sia per far fronte all’emergenza.

Un disastro nel disastro di cui ne faremmo volentieri a meno e che sta generando sconcerto in tutti gli ambienti della città. Una città che, comunque, paga anche il prezzo di non aver avuto la capacità di decidere quando era il momento di farlo; diffidenza e “mugugno, particolarismi ideologici hanno prevalso sul pragmatismo indispensabile a rompere l’isolamento della città. Questa logica non ha risparmiato nemmeno il nodo autostradale e dunque il Ponte Morandi.

Ora è il tempo della ricostruzione. Non basterà un anno. Fossero tre sarei contento. Nel frattempo la città non può sprofondare, il suo porto, anzi i suoi porti, devono macinare traffici e mantenere il primato nel Mediterraneo. Per questo c’è bisogno di sostegno dello Stato, non di elemosine ma di incentivi veri allo sviluppo di modalità alternative al traffico stradale ( ferrobonus e autostrade del mare, cabotaggio tra porti del mediterraneo onde evitare trasporto su strada), contributi all’autotrasporto nei limiti dei sovracosti che deve sopportare, sostegno all’aumento della produttività portuale sula base di apertura dei porti h24 e un fortissimo investimento sulla ferrovia. Ad iniziare dal prosieguo del Terzo Valico, radice a sud del Corridoio Reno Alpi ma anche tutte quelle opere minori che collegano le banchine ai retroporti.

Ma anche sostegno alle categorie economiche imprigionate e bloccate dal crollo e soprattutto supporto economico al Comune di Genova su cui grava il maggior peso dei problemi. Il Comune ha il dovere di adottare provvedimenti severi, per esempio, sul tema della mobilità, ma per mettere in campo convincenti alternative ha bisogno di risorse, e tante, che oggi non ha.

Anche sotto questo profilo il decreto è molto deludente: pochi soldi e mal distribuiti. Una disattenzione grave che nessuno comprende. Eppure è da qui che occorre ripartire per ridare alla città, alla regione una forma di sviluppo sostenibile, smart e all’avanguardia dove qualità della vita, paesaggio, efficienza e sostenibilità sono la cifra di un nuovo rinascimento.

Il nuovo ponte deve essere il simbolo della rinascita, il ritratto autentico di Genova. È il momento, per dirla con Renzo Piano di “abbassare la voce alzare lo sguardo”

Arcangelo Merella
Già Assessore Mobilità e Trasporti Comune di Genova

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Intervento chiaro, realista ed anche audace.
    Vadano a Genova i socialisti – insieme a coloro che vogliono aprire fronti politici – a presentare queste tesi e a propugnare questi provvedimenti.

Lascia un commento