giovedì, 13 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Psi scuola. Nel Def la scuola viene dimenticata
Pubblicato il 02-10-2018


Il PSI scuola esprime preoccupazione poiché nella nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza approvata la scorsa settimana non risultano previsti finanziamenti per il rinnovo dei contratti degli statali e quindi del personale scolastico.

Evidentemente, al di là degli slogan della campagna elettorale, al governo Salvini- Di Maio sembra importare poco dell’istruzione pubblica. Il governo giallo-verde sembra preferire la linea politica intrapresa da molti precedenti governi che avevano atteso anni prima di rinnovare, durante il governo Gentiloni, il contratto del comparto Istruzione e Ricerca.

Il PSI scuola chiede ai suoi parlamentari di attivarsi quanto prima con un’interrogazione al Ministro competente e di sollecitare, qualora si verifichi la mancata volontà al rinnovo, tutte le forze dell’opposizione riformista e democratica affinché si denunci con forza questo ennesimo tentativo di ridimensionamento dell’istruzione pubblica.

Sostenere l’istruzione pubblica significa creare pari opportunità per i cittadini, significa dare ai giovani gli strumenti per governare il proprio futuro.

Sostenere l’istruzione pubblica vuol dire permettere ai futuri cittadini di porsi in maniera critica e costruttiva nei confronti di chi è delegato a rappresentare il popolo…ed è forse proprio questo che si vuole impedire ancora una volta.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento