sabato, 20 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scipione Roma
Sì alla sfida, no alla restaurazione
Pubblicato il 06-10-2018


Dopo la Segreteria Nazionale del PSI del 3 ottobre a Roma, che ha delineato il percorso che ci porterà al Congresso anticipato nel 2019 e alla scelta di un nuovo Segretario, è iniziata ufficialmente una nuova fase politica per il PSI.
Parteciperò al prossimo CN di novembre, alla conferenza programmatica che lo precederà e a tutte le iniziative territoriali che accompagneranno questa nuova fase. Così sono convinto faranno tutti i Compagni/e iscritti/e a questo Partito e quanti hanno responsabilità politica in CN, Direzione, Segreteria.

Il tesseramento è aperto fino al 31/12 e come comunicato dal Segretario, ci sarà una campagna straordinaria di sottoscrizione. Premessa d’obbligo per chiedere a tutti coloro che hanno tenuto in vita una Comunità politica con umiltà, impegno, sacrificio se sono disponibili a condividere il cammino che abbiamo davanti a noi con personaggi che non perdono occasione per buttare addosso al nostro Segretario, al gruppo dirigente e alla nostra comunità vagonate di merda sui Social.

Eccovi alcune greatest hits: 1. “Nencini a Chianciano ha preso in mano il partito al 10%”; 2. “Per questi pseudo-Socialisti del Psi la salvezza è allearsi con chi ha provocato il disastro”; 3. “Cosa non si fa per mantenere una poltrona” 4. “Finalmente un congresso: iscriviamoci così spazziamo via questi parassiti”; 5. “Nencini? Il distruttore dell’art.18” 6. “I dirigenti del Psi impiegati del PD” 7. “Insieme ai PDioti mai” 8. “Chi non sostiene le scelte economiche di questo governo non è Socialista” 9. “Hanno sostenuto per anni Nencini che è come Nencioni (l’anima nera del MSI)”.

Mi direte: eh vabbè. Gente incaxxata; ex compagni ecc. No, errore. Purtroppo alcuni di questi soggetti vengono invitati ai nostri dibattiti pubblici, si ergono a moralizzatori del PSI e ci odiano. Qui non si tratta di difendere i 10 anni di segreteria di Riccardo, che come ogni Segretario ha di sicuro meriti e demeriti, ma qui si tratta di difendere la nostra dignità. I richiami e gli appelli all’unità dei Socialisti a chi si rivolgono? A chi ha avuto la tessera nel 1992? Beh. Credo abbiano scelto altre strade e forse per mere questioni anagrafiche non siano più disponibili. Oppure a quelli che mentre questi 4 coglioni ci mettevano anima e corpo in ogni competizione elettorale, candidati o a supporto di candidati, quando al congresso di Salerno 3 anni fa si riuscì ad avere una bella iniezione di giovani anche negli organismi, decisero di adire alle vie legali per distruggerci? Se così fosse, capite bene, che c’è un problema. E il problema si chiama dignità.

Ho 40 anni, milito in questo partito da quando ne avevo 14. In una fase delicata per il Paese, con un revival fascistoide che sa di anni ‘30, sono profondamente convinto che il PSI abbia forze, energie, idee per dare un grosso contributo al centrosinistra. Senza i Socialisti si naviga a vista. Per raccogliere la sfida servono umiltà, impegno, coerenza e soprattutto una segreteria giovane e coesa, con alle spalle un gruppo dirigente fatto di esperienza sia istituzionale che politica, che non farà mancare il proprio supporto.

Se la sfida è questa continuerò a fare la mia parte – senza risparmiarmi. Se qualcuno pensa invece di aprire il recinto e in nome di un non meglio precisato richiamo alle armi, proporre una restaurazione in perfetto stile ‘ancienne régime’ in formato bocciofila, di certo non resterei in minuto in più.

Scipione Roma

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento