sabato, 17 novembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Tra Savona-Zurigo, l’esule Di Battista e il Grillo parlante
Pubblicato il 22-10-2018


Due giorni di notizie da tragicommedia all’italiana dopo la manina dimenticata, anche grazie alla manona di Donnarumma a farfalle nel derby. Come è a tutti noto il ministro Savona tiene conti personali in banche svizzere. Una trasmissione televisiva ha recentemente parlato di un milione e mezzo di euro in una banca di Zurigo custodito in un conto a lui intestato. Da non credere. Un ministro che invita ad aver fiducia dell’Italia si tiene i suoi soldi in un altro paese. Sembra un’imitazione di Crozza e invece è realtà. Possibile che questo non turbi nessuno al pari dei 49 milioni della Lega, pagati col metodo Lotito? Di Battista continua a girare il mondo coi soldi di Mondadori (razza d’un Berlusca ma cosa combini?) e attende lo scalpo di Di Maio il quale avrebbe confidato a Salvini che se l’asse Dibba-Fico si consoliderà allora saranno mazzi acidi per il governo. Meno male che c’è il Grillo parlante a portarci un po’ di allegria. Al Circo Massimo poteva mancare lui, oltre a Casaleggio junior nemico della grammatica italiana più che della politica? Grillo, lasciamo perdere gli insulti idioti agli autistici, dopo avere proposto un Parlamento non più eletto e nemmeno nominato, ma sorteggiato, ha chiesto di togliere poteri al presidente della Repubblica e di mandare in clinica i vecchietti di Bruxelles. Cioè di azzerare tutto in Italia e in Europa (Parlamento, presidente della Repubblica e Unione europea, tutto d’un colpo) evidentemente per instaurare il regno della Casaleggio & Grillo company. La nuova e piuttosto preoccupante democrazia del millennio.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Questi sono solo degli incompetenti e un po’ cialtroni, il popolo italico stufo della solita politica li ha votati in massa credendo chissà quale cambiamento epocale, ora quando vedranno i loro risparmi assottigliarsi del 15 o 20 per cento molti cambieranno opinione

Lascia un commento