domenica, 18 novembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La marcia dei 30mila
Pubblicato il 10-11-2018


Come quella volta nel lontano 1980, durante un’occupazione politica della Fiat, scese in piazza una massa di cittadini e lavoratori stanchi di slogan e di lotte inefficaci e controproducenti, cosi oggi decine di migliaia di persone di buonsenso sono sfilate a Torino senza bandiere e simboli di partito contro un folle ideologismo antimoderno che blocca le opere pubbliche. Parliamo dell’assurda posizione dei Cinque stelle sulla Tav Torino-Lione, in costruzione da anni mentre la Francia che ha ormai quasi completato la tratta fino al confine. Nessuna persona di media intelligenza può battersi contro una ferrovia per la quale l’Europa ha stanziato risorse ingenti. Il suo percorso parte dagli anni novanta, le primw decisioni risalgno al 2001 le discussioni sono state infinite. Viene quasi la noia a rpeterle.

La progettazione della Torino-Lione passa attraverso una decina di fasi progettuali, otto delibere del Cipe, conta cinque valutazioni di impatto ambientale e ha alle spalle sette tra trattati e accordi internazionali, l’ultimo dei quali ratificato dai due Parlamenti. L’opera vale 8,6 miliardi, equamente suddivisi tra Italia e Francia, ed è finanziata per il 40% dall’Europa. Oggi la Torino-Lione è un progetto esecutivo, con le gare formalmente “sospese” in attesa delle decisioni del governo, mentre é di una settimana fa la delibera votata a maggioranza dal Consiglio comunale di Torino, con la sindaca Appendino in testa, probabilmente costretta a irrigidirsi sulla Tav dopo il voltafaccia di Di Maio e compagnia sulla Tap, della quale si é pure occupato il presidente Trump.

In piazza c’erano anche i leghisti che sulla Tav hanno opinioni opposte ai grillini. Per la verità non é la prima volta che questa dissociazione si verifica. Gia al tempo del governo dell’Unione, 2006-2008, non c’era una comune posizione. Il voluminoso programma elaborato nella fabbrica prodiana non parlava dell’opera in presenza di una contrarietà manifestata dai Verdi e dai comunisti sull’argomento. Presentai personalmente un question time chiedendo quale fosse la posizione del governo e mi rispose un imbarazzatissimo D’Alema. Quel che accade oggi é assai più scellerato. Son passati oltre dieci anni da allora e bloccare oggi l’opera produrrebbe danni molto più gravi. Anzi, il no Tav costerebbe ben di più del completamento della ferrovia tra penali da pagare e costi di distruzione dei cantieri e del costruito. Ci allontanerebbe definitivamente dall’Europa che ci farebbe giustamente marameo, incassando i soldi della penale e traslocando il tratto della ferrovia Lisbona-Kiev (si tratta del corriodio europeo che ci coi bilge assieme a quello Amsterdam-Genova con valico appenninico anche questo sub judice) in Svizzera e in Austria per la contentezza dei due governi che l’avevano reclamata. Alla fine questi disgraziati che hanno promesso cose irrazionali e sono ispirati da un ideologismo di stampo luddista dovranno per forza cambiare idea. Dopo l’Ilva e la Tap ingoieranno anche la Tav. Perderanno i voti, ma salveranno l’Italia. O no?

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. La manifestazione di Piazza Castello ha un contenuto di altissimo valore. Maurizio Molinari che con il suo giornale, La Stampa, le ha dedicato una prima pagina extra, con una gigantografia della folla, conclude il suo articolo: “… la gigantografia di Cavour, i cartelli sui piemontesi europei, gli applausi per Pininfarina e Marchionne, il canto finale dell’inno di Mameli e una piazza senza neanche una carta in terra quando la folla è andata via. Con la schiena diritta.” Questa è una Torino, antica e vera capitale d’Italia, che esige di non essere nascosta dietro un monte ma vuole, a pieno tiolo, essere al centro dell’Europa. E con Torino l’Italia. Mi sono chiesto che cosa direbbe oggi Adriano Olivetti sulla vicenda NO TAV. Se lo dovrebbe chiedere anche Davide Casaleggio, che ha fondato il Movimento 5 Stelle sulla memoria di Adriano Olivetti, superata la fase dei vaffa per inaugurare la stagione del Governo.
    Sono soddisfatto di Matteo Salvini che ha dichiarato, in modo perentorio, il suo favore a completare i lavori della Torino – Lione come quelli delle altre grandi opere pubbliche. Non ha lasciato spazio a dubbi. Se i 5 Stelle dovessero provocare, con la loro insistenza distruttiva, una crisi di Governo, causerebbero la loro stessa fine. Vincerebbe così la componete razzista e fascista della Lega.
    Ma sono sicuro che la “coerenza liquida” dei seguaci di Beppe Grillo avrà la meglio sui bollori della base esagitata. La Sindaca Chiara Appendino ha già parlato. La Torino intelligente e laboriosa vincerà: quella che non grida, non sporca la piazza, che non si fa bloccare dai monti più alti d’Europa perché vuole raggiungere Parigi, Berlino in una manciata di minuti.

Lascia un commento