domenica, 18 novembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Prescrizione, arriva il ‘dispetto’ della Lega
Pubblicato il 05-11-2018


bonafedeLa lite nel Governo tocca anche il versante dei cinquestelle che dopo il no di alcuni senatori pentastellati al dl Sicurezza, adesso si vedono ripagati con la stessa moneta dai colleghi della Lega. Igor Iezzi della Lega fa sapere che sulla prescrizione l’intesa con i pentastellati è ormai lontana.
“Saranno Salvini e Di Maio a sciogliere i nodi, ma noi non possiamo permettere che una riforma così importante venga fatta in due righe. Sui principi siamo concordi, ma non sullo strumento che si è deciso di scegliere”, ovvero un emendamento.
La relatrice al ddl anticorruzione Francesca Businarolo del M5s ha ritirato l’emendamento ma subito dopo ha presentato un nuovo testo. Questo è identico a quello ritirato e cambia solo il titolo. L’emendamento-fotocopia da un lato mira a superare solo alcuni rilievi foprmali ma dal punto di vista politico ribadisce la volontà dei pentastellati di “tenere il punto” sullo stop alla prescrizione. Per superare l’ostacolo dell’inammissibilità per estraneità di materia, si modifica il titolo del ddl aggiungendo “nonché in materia di prescrizione del reato”.
“È evidente che il nostro obiettivo sulla giustizia è diminuire i tempi, accelerare i processi e non garantire più l’impunità. Per farlo dobbiamo riformare la prescrizione, cosa che si fa in tre righe, dicendo da quando si ferma, cioè da quando è sicuro che una persona arriverà al terzo grado di giudizio. Quindi un colletto bianco non la farà più franca per reati finanziari, di corruzione o i soliti furbetti. E questo si scrive in un emendamento di tre righe che deve entrare nel disegno di legge Bonafede”. Afferma il vicepremier Luigi Di Maio da Shanghai, a proposito delle tensioni nella maggioranza sulla prescrizione. Di rincalzo anche il premier Giuseppe Conte ha ribadito dall’Algeria: “La prescrizione è nel contratto di governo, manterremo il punto. Lasciatemi chiamare a raccolta Bonafede e gli altri partner per un ultimo vertice per portare a casa un punto di incontro che tutti si sono dichiarati disponibili a raggiungere”

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento