domenica, 18 novembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Rugby, il cammino degli Azzurri riprende Oltreoceano
Pubblicato il 02-11-2018


MINOZZI ITA ARG

Minozzi

Aumentano da tre a quattro i classici test-match novembrini. Sabato 3 novembre, diretta ore 22 DAZN, il cammino degli Azzurri del rugby riprende Oltreoceano, esattamente al 16th Street, Lakeshore Drive di Chicago, stadio Soldier Field che ospita le partite domestiche dei Chicago Bears della NFL (football americano). Avversaria l’Irlanda trionfatrice nel 6 Nations 2017 e attualmente seconda nel ranking. Il Soldier Field è già noto agli irlandesi del rugby visto che nel 2016 hanno piegato quegli All Blacks possessori, allora, di un record di diciotto incontri vinti consecutiva
mente. Ma anche come italiani abbiamo una esperienza nello stesso stadio e proprio contro l’Irlanda. In questo caso, però, la palla era tonda perché si parla del Mondiale di calcio e la nazionale di Sacchi fu battuta per 1 a 0. Una sgambata niente male per gli uomini di O’Shea e l’insolita location ha un suo fine “nobile” come quello di promuovere il rugby negli States con un presente, da parte degli sponsor, che porterà nelle casse azzurre una cifra che si aggirerà fra i 500 ed i 700 mila Euro a prescindere dal risultato. Una Italia piena di belle novità o di assenze importanti a seconda della prospettiva di osservazione. Parisse, Minozzi e Violi, fuori per infortuni con gli ultimi due in forse anche per il 6 Nazioni, sono sicuramente le più rilevanti. Anche l’Irlanda deve dire no a Best, no Sexton e O’Mahony, neanche Stander, Rob Kearney e Earls ci saranno ma, detto questo, loro potrebbero vincere perché sono Irlanda e noi perdere perché non lo siamo. Una Italia che urla forte nelle dichiarazioni prepartita ma per limitarsi a dire timidimente “gli daremo fastidio”. O’Shea chiede ai suoi uomini l’ennesima prova d’orgoglio. Ripropone, così, un “amarcord” di qualità con la coppia di centri Morisi e Campagnaro, quest’ultimo con i gradi da capitano visto l’assenza di Parisse che sarà sostituito in mezzo al campo da Giammarioli con la maglia numero 8. Inedita coppia di flanker sudafricani con il debutto assoluto di Johan Meyer al fianco di Steyn mentre in seconda linea due veterani come Biagi e Fuser cercheranno di fare muro alle ondate dei “trifogli”. Bigi, Pasquali e Quaglio, prima linea della Benetton Treviso, ultimano gli otto del pacchetto di mischia. Canna e Tebaldi saranno i due registi e il giovane Sperandio, non facile sostituire Minozzi, coprirà il ruolo di estremo in un “triangolo allargato” che vedrà Bellini e Bisegni alle ali. In panchina, sei gli avanti, una pletora di ragazzotti che fremono per dimostrare tutte le qualità e “trafugare” una maglia da titolare magari proprio a partire dalla sfide di sabato 10 quando a Firenze incontreranno la Georgia e dove la vittoria è d’obbligo per il rugby italiano.

ITALIA: 15 Luca SPERANDIO (Benetton Rugby, 2 caps), 14 Mattia BELLINI (Zebre Rugby Club, 14 caps), 13 Michele CAMPAGNARO (Exeter Chiefs, 34 caps), 12 Luca MORISI (Benetton Rugby, 16 caps), 11 Giulio BISEGNI (Zebre Rugby Club, 10 caps), 10 Carlo CANNA (Zebre Rugby Club, 29 caps), 9 Tito TEBALDI (Benetton Rugby, 25 caps), 8 Renato GIAMMARIOLI (Zebre Rugby Club, 2 caps), 7 Abraham STEYN (Benetton Rugby, 21 caps), 6 Johan MEYER (Zebre Rugby Club, esordiente), 5 George Fabio BIAGI (Zebre Rugby Club, 22 caps), 4 Marco FUSER (Benetton Rugby, 29 caps), 3 Tiziano PASQUALI (Benetton Rugby, 9 caps), 2 Luca BIGI (Benetton Rugby, 11 caps), 1 Nicola QUAGLIO (Benetton Rugby, 7 caps). a disposizione 16 Oliviero FABIANI (Zebre Rugby Club, 6 caps) 17 Cherif TRAORE’ (Benetton Rugby, 1 cap), 18 Giosuè ZILOCCHI (Zebre Rugby Club, 2 caps), 19 Marco LAZZARONI (Benetton Rugby, 2 caps), 20 Federico RUZZA (Benetton Rugby, 6 caps), 21 Jimmy TUIVAITI (Zebre Rugby Club, esordiente), 22 Guglielmo PALAZZANI (Zebre Rugby Club, 24 caps), 23 Ian MCKINLEY (Benetton Rugby, 3 caps)- all. Conor O’Shea

IRLANDA: 15 Jordan Larmour (St. Mary’s College/Leinster), 14 Andrew Conway (Garryowen/Munster) , 13 Garry Ringrose (UCD/Leinster), 12 Bundee Aki (Galwegians/Connacht) , 11 Jacob Stockdale (Ballynahinch/Ulster), 10 Joey Carbery (Clontarf/Munster) , 9 Luke McGrath (UCD/Leinster), 8  Jack Conan (Old Belvedere/Leinster), 7 Josh van der Flier (UCD/Leinster), 6 Rhys Ruddock (St Mary’s College/Leinster), 5 Quinn Roux (Galwegians/Connacht), 4  Tadhg Beirne (Munster), 3 Andrew Porter (UCD/Leinster), 2 Niall Scannell (Dolphin/Munster), 1 Jack McGrath (St. Mary’s College/Leinster), A disposizione: 16 Sean Cronin (St. Mary’s College/Leinster), 17 Dave Kilcoyne (UL Bohemians/Munster), 18 Finlay Bealham (Buccaneers/Connacht), 19 Devin Toner (Lansdowne/Leinster), 20 Jordi Murphy (Lansdowne/Ulster), 21 John Cooney (Terenure College/Ulster), 22 Ross Byrne (UCD/Leinster), 23 Will Addison (Enniskillen/Ulster) – all. Joe Schmidt

Umberto Piccini Rugbying Class

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento