mercoledì, 19 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Cmc, i due operai sequestrati presto a casa
Pubblicato il 07-12-2018


operai cmc“Il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Enzo Moavero Milanesi, desidera condividere la buona notizia del provvedimento appena preso dalle Autorità del Kuwait” che rimuove il divieto di lasciare il Paese che era stato disposto nei confronti del cittadino italiano”. “La nuova misura”, aggiunge il Ministro riferendosi alla rimozione del divieto di viaggio, “prelude al ritorno a casa, a breve, del nostro compatriota”. È atteso per oggi il ritorno di Andrea Urcioli nella sua casa di Cesena. Al dipendente della ditta Cmc era stato imposto il divieto di lasciare il Kuwait a causa di una controversia societaria per mancati pagamenti a ditte locali. Insieme a lui era stato bloccato anche un altro lavoratore della stessa società, il portoghese Ricardo Pinela. Anche Pinela sarà presto tra i suoi famigliari.
Urcioli, dipendente della Cooperativa muratori e cementisti di Ravenna, si trova da giorni bloccato in Kuwait con il collega per l’accusa di un’azienda locale di aver danneggiato alcuni macchinari. Inoltre i due operai erano stati trattenuti a Kuwait City dopo che la Cmc aveva deciso di recedere da un contratto da 22 milioni di euro per realizzare un quartiere residenziale a 40 km dalla capitale. Pur non ricoprendo ruoli dirigenziali, si erano trovati in mezzo ad una rivolta di operai che pretendevano il pagamento degli stipendi. La società aveva poi pagato il dovuto, ma Pineda e Urcioli erano stati comunque trattenuti.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento