mercoledì, 19 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Dombrovskis: “Senza modifiche pronti a procedura”
Pubblicato il 03-12-2018


file43852346_dombrovskis

“Se non ci sono modifiche siamo pronti a procedere ai prossimi passi della procedura per deficit eccessivo”. Lo ha detto il vicepresidente della Commissione europea, Valdis Dombrovskis parlando dell’Italia in un’intervista a Bloomberg Tv.

Dombrovskis ha comunque salutato positivamente i “segnali” che vengono dal governo italiano sulla volontà di modificare la manovra. Ma non basta. I segnali evidentemente non bastano, servono i fatti. Ed ha ammonito: la “strategia” espansiva di bilancio che il governo italiano ha adottato” con la manovra economica per il 2019 “non sembra funzionare ed è importante per l’economia italiana che questa strategia venga corretta”. ​ Per evitare una procedura per deficit eccessivo legata al debito l’Italia deve realizzare “un piccolo sforzo strutturale positivo, invece del deterioramento strutturale sostanziale come è ora” sottolinea Dombrovskis. E spiega che sono in corso contatti “intensi” con le autorità italiane e che nel pomeriggio incontrerà il ministro dell’Economia, Giovanni Tria. “Quello che è positivo è che il tono della discussione è cambiato e che le autorità italiane segnalano che sono pronti a fare aggiustamenti” alla manovra, ha detto Dombrovskis.

Dal canto suo il ministro Tria ha voluto rassicurare la Commissione: “Italia – ha detto – intende intraprendere un percorso che consenta al Paese di rafforzare la propria posizione nel continente e nel Mediterraneo nell’ottica di continuare a ricoprire un ruolo di partner strategico all’interno dell’alleanza transatlantica, rimanendo saldamente ancorato al proprio storico collocamento nell’Unione europea e nell’area euro”. Il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, lo ha detto in un intervento scritto inviato ai partecipanti della Conferenza internazionale ‘US-Italy Dialogue. The economics of the bilateral relationship’, all’Istituto Aspen a Roma.  In quest’ottica – si legge nel testo del ministro – il governo ha declinato una serie di misure all’interno di una manovra moderatamente espansiva che che dovrà concorrere a creare le necessarie condizioni di stabilità e inclusione sociale, favorevoli allo sviluppo e agli investimenti sia italiani, che esteri”.

Al momento, secondo fonti leghiste di Governo, non sono in agenda vertici di governo sulla manovra nella giornata odierna. Secondo queste fonti nessun incontro era stato calendarizzato nei giorni scorsi anche per i pre-esistenti impegni del ministro dell’Economia Giovanni Tria e Matteo Salvini a Bruxelles.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento