sabato, 22 Febbraio, 2020

Accordo per il governo. L’Austria si avvicina all’Europa

0

L’Austria si riavvicina all’ Europa. E’ questo il senso di quanto è accaduto politicamente negli ultimi giorni e cioè  del sospirato accordo tra i popolari e i verdi per la formazione del nuovo Governo. Dopo le elezioni anticipate di fine settembre che avevano visto il successo dei popolari con il  37% e dei verdi, entrati in Parlamento con il 14%, e la netta sconfitta dell’ estrema destra ridotta al 16%, erano iniziate in salita le trattative perché, dopo la defenestrazione di Christian Strache, leader del Partito della libertà, travolto insieme ad altri esponenti del partito di estrema destra dallo scandalo denominato” Ibiza gate” vie erano stati vari tentativi per una riedizione dell’ alleanza di centro destra.

Tentativi  naufragati però per la convinzione di Sebastian Kurz di cambiare rotta e di dare al Paese un Governo più in sintonia con la maggioranza che nel Parlamento europeo aveva eletto la nuova Commissaria Ursula van der Leyen. Una forte spinta in questo senso era stata fornita anche dai vertici del Partito popolare europeo e dalla stessa cancelliera Angela Merkel che avevano visto con preoccupazione alcune decisioni del precedente Governo di centro destra in senso sovranista e contrarie al principio di solidarietà dei rispetto dei diritti dei migranti come la chiusura delle frontiere e l’ utilizzo dell’ esercito sui confini con l’ Italia per respingere i clandestini. Nell’ ultimo mese si sono intensificati i contatti tra popolari e verdi in campagna elettorale profondamente divisi su alcune questioni. E’ prevalso il senso di responsabilità e la volontà di assicurare governabilità al Paese e alla fine Sebastian Kurz e  Werner Kogler sabato 28 dicembre hanno raggiunto un accordo di massima che probabilmente permetterà la formazione di un nuovo Governo. Si dovranno ancora superare le approvazioni dei singoli  partiti, in particolare quella dei verdi prevista per il 4 gennaio ma il 7 gennaio il Parlamento austriaco dovrebbe dare via libera al nuovo esecutivo. Sebastian Kurz sarebbe naturalmente riconfermato Premier con il verde Kogler suo vice. I popolari dovrebbero mantenere i principali Ministeri a parte Energia e Ambiente, Giustizia e Affari sociali  che andrebbero ai verdi. Una formula politica questa nuova a livello nazionale ma che si può riscontrare già’ in alcune regioni austriache. Il lavoro non mancherà al nuovo esecutivo con un Paese con un pil in crescita ma con alcuni problemi che riguardano alcuni settori economici. Un Paese che , per le sue agevolazioni fiscali e bancarie sta suscitando l ‘ interesse di molte realtà produttive del nord est italiano e che vede soprattutto dall’Italia la presenza di molti lavoratori transfrontalieri che godono di scarsa tutela sindacale. Un Paese che ha bisogno di una sintonia europea per crescere ancora.

Alessandro Perelli

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply