mercoledì, 21 Agosto, 2019

Addio a Gordon Banks: sua la parata del Secolo su Pele’

0

Si è spento a 81 anni il portiere della squadra inglese che vinse nel 1966 la Coppa del Mondo e che, nel mondiale 1970, si mise in luce per una prodezza rimasta storica su O’Rei

LONDRA – Il mondo del calcio piange la morte di Gordon Banks. Se ne va ad 81 anni uno dei migliori portieri della storia: con l’Inghilterra vinse in patria il Mondiale 1966 (all’epoca si chiamava Coppa Jules Rimet), ma rimase storica una sua prodigiosa parata quattro anni dopo, a Messico 1970, nei confronti di Pelé.

MITO DEGLI ANNI ’60 – Gentiluomo con un pizzico di humor tipicamente britannico, Banks è stato un grande protagonista nella nazionale inglese con ben 73 convocazioni. Meno nelle squadre di club, dove vinse appena due Coppe di Lega con Leicester e Stoke. Si ritirò nel 1973 e pochi mesi dopo, in seguito ad un grave incidente automobilistico, perse la vista dall’occhio destro. Nonostante il trionfo nella Coppa del Mondo del ’66, viene appunto ricordato per la paratona durante Brasile-Inghilterra nel Mondiale ’70 (partita finita 1-0 per i verdeoro grazie alle rete di Jairzinho) quando negò il gol a Pelé dopo un colpo di testa imperioso del fuoriclasse sudamericano. Un guizzo che fu celebrato in tutta l’Inghilterra tanto da essere definita la “parata del secolo”.

PELE’: “AMICO E GRANDE PERSONA” – Proprio Pelé ha voluto ricordare il suo ex avversario: “Quell’intervento fu uno dei migliori che abbia mai visto tra tutte le partite che ho giocato e le migliaia che ho visto nella mia vita. Ogni calciatore si rende subito conto quando colpisce bene la palla e quel pallone io lo colpii proprio come speravo e infatti ero pronto a festeggiare, ma quest’uomo, Banks, apparve all’improvviso alla mia vista come una specie di fantasma blu, facendo qualcosa che non mi sembrava possibile, non riuscivo a crederci e ancora oggi non capisco come abbia fatto. Ho segnato tanti gol nella mia vita – prosegue Pele’ -, ma molte persone quando mi incontrano mi chiedono sempre di quella parata che fu fenomenale. Il mio ricordo di Gordon, però, non è legato a quell’intervento, ma alla sua amicizia. Era un uomo gentile e caloroso che ha dato tanto alla gente. Sono felice che fece quella parata su di me, perché da lì cominciò un’amicizia della quale farò sempre tesoro. Ogni volta che ci incontravamo era come se non ci fossimo mai separati”.

I RICORDI DI MARADONA, ZOFF E BUFFON – Non solo Pelé, anche Diego Armando Maradona ha speso parole al miele per ricordare Banks: “Il calcio ha bisogno di leggende e oggi ci ha lasciato una di loro. Il mio rispetto per Gordon Banks”. Messaggio anche da parte di Dino Zoff: “Per me la morte di Banks è un dispiacere notevole perché lo consideravo veramente un grandissimo portiere, quasi un idolo dopo Lev Yashin che ho conosciuto personalmente. Questi sono stati i due grandissimi dell’epoca senza dubbio. Resta indimenticabile non solo la sua vittoria al Mondiale del 1966, ma in particolare la mitica parata su Pelè – ricorda l’ex portiere e ct azzurro, a sua volta campione del mondo nel 1982 -. E chi se la scorda, specie se pensate che difficilmente le gesta di noi portieri vengono ricordate. Io, ad esempio, sono spesso celebrato per una bella parata ai Mondiali ’82. Sono soddisfazioni, anche perchè, purtroppo, quello del portiere è un ruolo che difficilmente riceve premi come il Pallone d’Oro. Un premio che Banks avrebbe meritato. E allora ben vengano simili celebrazioni per lui”. Arriva anche il ricordo di Buffon: “Io e molti altri abbiamo costruito i nostri sogni sulla tua parata perfetta! Grazie ancora di cuore, caro Gordon”.

Francesco Carci

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply