domenica, 29 Novembre, 2020

Aperto per virus: musei online per superare la quarantena

0

Uscire solo per fare la spesa o per far fare un giro dell’isolato al cane e poi restare a casa a contatto con le stesse persone, o da soli con l’unica compagnia dell’animale domestico, quasi 24 ore al giorno per due settimane potrebbe anche nuocere gravemente alla salute, quasi più del coronavirus. Distrarsi un attimo, invece, nuoce sicuramente alla democrazia perché c’è sempre chi cerca di approfittare delle emergenze, vedi il tentativo di esautorare il Parlamento dei suoi poteri – come ha ben spiegato il nostro Riccardo Nencini -, o il tentativo di imbavagliare la stampa in Sardegna.

Uno degli effetti collaterali più gravi di questo periodo di isolamento, di quarantena più o meno volontaria, insomma di questa situazione legata al coronavirus, rischia di essere la noia. D’altronde lo aveva già cantato Renato Zero più di venti anni fa in “Emergenza noia”, dall’album “Amore dopo amore” uscito nel 1998. Ricordate? «È la noia / Che ogni voglia spazza via / Vecchia troia / Non ti voglio a casa mia».

Quindi occorre proprio ingegnarsi per non morire di una noia contagiosa che si è già fatta troppi clienti. Potrebbe sicuramente aiutare una full immersion nella bellezza dei tanti capolavori custoditi nei vari musei del Bel Paese e dintorni.

Visite virtuali, ovviamente, perché tante strutture hanno aderito alla campagna #Iorestoacasa, con una varietà enorme di proposte, sui propri siti e sui social.

E basta poco per viaggiar pur restando a casa: un pc, un tablet o uno smartphone. Tutta l’arte e la bellezza a disposizione con un click

Quello che segue non è un elenco completo, né esaustivo, ma l’inizio di un puzzle al quale ogni momento si aggiungono nuove tessere, frutto più di preferenze personali che di giudizi sul valore delle proposte.

Senza dimenticare che ci sono app come quelle di Google per aprono nuovi orizzonti virtuali in giro per musei, gallerie d’arte e monumenti vari.

Quello che segue è un elenco di musei di tutto il mondo che offrono tour virtuali ai visitatori del loro sito. Museo archeologico, Atene; Museo Galileo, Firenze; British Museum, Londra; Prado, Madrid; Pinacoteca di Brera, Milano; Metropolitan Museum, New York; Louvre, Parigi; Musei Vaticani, Roma; Hermitage, San Pietroburgo; National Gallery of art, Washington.

Per maggiori dettagli, iniziamo da Roma, dove i Musei Capitolini, l’Ara Pacis e i Mercati di Traiano – Museo dei Fori imperiali, offrono da tempo esaustivi tour virtuali.

Anche il Colosseo ha aderito a #iorestoacasa potenziando, come annunciato su fb, i tour virtuali del parco archeologico, cioè dell’Anfiteatro Flavio, del Foro e del Palatino.

Nella home page del museo Galileo di Firenze c’è un video dove Galilei in persona suggerisce ai visitatori come trascorrere il tempo.

Nella pagina facebook delle Gallerie degli Uffizi di Firenze, invece, è disponibile una vasta scelta di immagini e video dedicati ai tesori degli Uffizi, di Palazzo Pitti e del giardino di Boboli. #UffiziDecameron, propone un tour virtuale sui tanti capolavori conservati nella Galleria fiorentina.

Il Museo Egizio di Torino, il più antico museo del mondo sull’argomento, nel sito propone la visita alla sale ristrutturate, mentre nella pagina facebook pubblica dei video dove il direttore o i curatori raccontano gli allestimenti e spiegano i capolavori esposti.

Anche la Peggy Guggenheim Collection di Venezia utilizza i social per una serie di presentazioni virtuali delle opere di Palazzo Venier dei Leoni e delle mostre in corso. Su Instagram sono sbarcati anche i “Virtual Talks”, con lo staff del museo che illustra la collezione e racconta la biografia dell’illustre collezionista e mecenate statunitense.

Il Museo d’Arte moderna di Bologna propone, sino al 5 aprile, “2 minuti di MAMbo”. In onda sui social dal martedì alla domenica, alle ore 15.

A Milano, la Pinacoteca di Brera ha organizzato una apertura virtuale: “Appunti per una resistenza culturale”. E nella sezione “Brera Media” vengono aggiunti sempre nuovi video.

Il Museo nazionale della Scienza e tecnologia Leonardo Da Vinci di Milano propone sui propri canali facebook e Instagram #storieaportechiuse, che raccontano con mini video e immagini le collezioni, i laboratori interattivi, l’attualità scientifica e i dietro le quinte.

Antonio Salvatore Sassu

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply