CALENDARIO LA FRANCIA IN SCENA

CALENDARIO LA FRANCIA IN SCENA

MAGGIO

Maggio/dicembre – Rendez-vous avec la Danse française – Museo nazionale Rocca Albornoziana di Spoleto, Teatro Romano Spoleto, Norcia, Visso- Macereto, Valnerina DANZA

6-12 maggio – Ghedalia Tizartes, Benat Achiary, Erwan Keravec, Francesco Filidei – AngelicA, Festival Internazionale di Musica, Centro di Ricerca Musicale/Teatro San Leonardo, Bologna MUSICA

10 maggio – Cie Atou – Hidden Boy, Déclinaison – Festival Fabbrica Europa, Stazione Leopolda Firenze DANZA

13 maggio/ 26 novembre – Xavier Veilhan – Studio Venezia – Biennale Arte, Padiglione francese, Giardini della Biennale, Venezia ARTE VISIVE

20 maggio – Nonotak – Spring Attitude Festival, Ex Dogana, Roma MUSICA

23 maggio – Sébastien Roux Ensemble Dédalus – Inevitable Music – Cantieri culturali alla Zisa, Palermo MUSICA

25 maggio – Sébastien Roux Ensemble Dédalus – Inevitable Music – Standards, Milano MUSICA

25 maggio – Christian Rizzo – Comme crâne comme culte – Giovedì della Villa – Questions d’art, Villa Medici, Roma DANZA

27 maggio – Christophe Chassol – Big Sun – Spring Attitude Festival, Guido Reni District, Roma MUSICA

30 maggio – Ghedalia Tizartes, Benat Achiary, Erwan Keravec, Francesco Filidei – AngelicA, Festival Internazionale di Musica – Basilica di Santa Maria dei Servi, Bologna MUSICA

GIUGNO

2-3 giugno – Cie LMP – Piti Peta Hofen Show – festival Artisti in Piazza, Pennabilli CIRCO

3- 4 giugno – Cie La contrebande – Bal trap – festival Artisti in Piazza, Pennabilli CIRCO

6-7-8-9 giugno – Fanny de Chaillé – La Bibliothèque – Biblioteca Centrale Nazionale, Roma BIBLIOTHÈQUES VIVANTES

13-14-15 giugno – Alex Cecchetti – Louvre I – Départements des Antiquités Grecques, Étrusques et Romaines – Triennale Teatro dell’Arte, Milano / TransARTE, Milano ARTI VISIVE

16-17-18 giugno – Alex Cecchetti – Louvre II – Départements des Peintures Italiennes – Triennale Teatro dell’Arte, Milano / TransARTE, Milano ARTI VISIVE

16 giugno – Vaudou Game – Institut français, Palermo MUSICA

17 giugno Vaudou Game – Magazzini Generali, Catania MUSICA

18 giugno – Vaudou Game – Piazza Matteotti, Potenza MUSICA

19 giugno – Vaudou Game – Piazza San Giovanni, Matera MUSICA

21 giugno – La Femme/Cosmo – Festa della Musica, Piazza Farnese, Roma MUSICA

28/29 giugno – Cie du Chaos – Nebula – Festival Mirabilia, Chapiteau Diaz, Fossano CIRCO

29 giugno – Cie Defracto – Dystonie – Festival Mirabilia, Cortile del Castello, Fossano CIRCO

30 giugno – Cie du Chaos – Urban Vigilia/ NONADA – Fondazione Piemonte dal vivo, Piazza del Popolo, Vignale Monferrato DANZA

LUGLIO

1 luglio – Mattatoio Sospeso – Tu me fais tourner la tête – Festival Mirabilia, Cortile del Castello, Fossano CIRCO

1-2 luglio – Cie du Chaos – Urban Vigilia/ NONADA – festival Mirabilia, Cortile del Castello, Fossano CIRCO

4 luglio – Sylvain Daniel – Palinsesto immaginato – Bari in Jazz, Atrio del Comune di Acquaviva delle Fonti, Bari MUSICA

6 luglio – Latifa Laâbissi – Ecran Somnambule – Giovedì della Villa – Questions d’art, Accademia di Francia a Roma- Villa Medici, Roma DANZA

7 luglio – Compagnia Wang Ramirez – Monchichi – Fondazione Piemonte dal vivo, Piazza del Popolo Vignale Monferrato DANZA

8 luglio – Pokemon Crew – Hashtag o il simbolo dell’eccesso – Fondazione Piemonte dal vivo, Piazza del Popolo, Vignale Monferrato DANZA

9 luglio – Pokemon Crew – Freestyle – Fondazione Piemonte dal vivo, Cascina Orsolina, Moncalvo DANZA

9 luglio – Compagnia Wang Ramirez – AP 15 – Fondazione Piemonte dal vivo, Cascina Orsolina, Moncalvo DANZA

14-15 luglio – Cléo T – Shine – Institut français, Napoli MUSICA

20 luglio – Rachid Ouramdane – Sfumato – Bolzano Danza Festival, Teatro comunale, Bolzano DANZA

21 luglio – François Chaignaud e Cecilia Bengolea – Dub Love – Teatro Comunale, Bolzano Danza Festival, Bolzano DANZA

24 luglio – Le Ballet de Lorraine – Merce Cunningham – Fabrication/ Marcos Morau – Le Surréalisme au service de la révolution – Bolzano Danza Festival, Teatro comunale, Bolzano DANZA

26 luglio – Vaudou Game –Villa Tittoni, Desio, Milano MUSICA

26-27 luglio – Olivier Dubois – 7x rien – Bolzano Danza Festival, Teatro comunale Bolzano DANZA

27 luglio – Radhouane El Meddeb – Teatro comunale, Bolzano DANZA

28 luglio – Mourad Merzouki – Cartes blanches – Bolzano Danza Festival, Teatro Comunale, Bolzano DANZA

AGOSTO

19 agosto – Vaudou Game – Mandrea Music Festival, Mandrea MUSICA

26 agosto – Sébastien Roux Ensemble Dédalus – Inevitable Music – Musma, Matera MUSICA

28 agosto/10 settembre – The Lulu Projekt di Magali Muogel – Fabulamundi – Playwriting Europe. Beyond Borders. Laboratorio per adolescenti condotto da Alessandra Cutolo. Mare Culturale Urbano GÉNÉRATION BELLE SAISON

SETTEMBRE

1-2-3 settembre – Collectif de la Bascule – Quand quelqu’un bouge – Festival Tutti Matti per Colorno, Colorno CIRCO

1-2-3 settembre – Ivana Müller – Annotare – OperaEstate Festival Veneto/ Finestate Festival / Transarte – Biblioteca Civica, Bassano del Grappa BIBLIOTHÈQUES VIVANTES

1-2-3 settembre – Homo catodicus – L’excuse – Festival Tutti Matti per Colorno Colorno CIRCO

8 settembre – Gaelle Bourges e Gwendoline Robin – Incidence 1327 – Short Theatre / Finestate Festival / TransARTE – La Pelanda, Roma DANZA

12-13 settembre – Angelin Prejlocaj – Roméo et Juliette – Torinodanza festiva, Teatro Regio, Torino DANZA

12 settembre/12 novembre – Renaud Auguste-Dormeuil – Jusqu’ici tout va bien – Arteealtro, Macro Testaccio, Roma ARTI VISIVE

13-14 settembre – Nacera Belaza – Sur le fil – Short Theatre, La Pelanda, Roma DANZA

14 settembre – Ivana Müller – Annotare – Short Theatre / Finestate Festival / Transarte – Biblioteca Vallicelliana, Roma BIBLIOTHÈQUES VIVANTES

16 settembre – Clédat et Petitpierre – La Parade Moderne – Torinodanza festival, centro storico, Torino DANZA

16 settembre – Sir Alice & Cristina Kristal Rizzo – (Untitled) Humpty Dumpty – Short Theatre / Finestate Festival / Transarte – La Pelanda, Roma DANZA

16 settembre – Nacera Belaza – Sur le fil – Terni Festival, Teatro Secci, Terni DANZA

18 settembre/15 ottobre – Cirque el Grito & Les Acolytes / Cabaret Itinerante di Circo Contemporaneo Italo-Francese – Si tu t’imagines – Guardia Perticara (in strada), Policoro (arena), Martina Franca (teatro), Taranto (tendone) CIRCO

19-20-21-22 settembre – Ivana Müller – Annotare – Ternifestival / Finestate Festival / Transarte – Biblioteca comunale, Terni BIBLIOTHÈQUES VIVANTES

19-20-21-22 settembre – Kristoff K.Roll – A l’ombre des ondes, Bibliothèque de récits de rêves – Ternifestival / Finestate Festival / Transarte – Biblioteca comunale, Terni BIBLIOTHÈQUES VIVANTES

20/ 23 settembre – “F.A.R.E.”: Fourneyron/Arcelli residence ensemble – Residenza di creazione franco-italiana per il jazz. Concerto 23 settembre, Una Striscia di Terra Seconda, Casa del Jazz, Roma MUSICA

20 settembre/28 ottobre – Mark Jenkins e Rero – Rules of engagement – Wunderkammern, Milano ARTI VISIVE

26 settembre – Herman Diephuis – Bang! – Contemporanea festival ‘17/ Fondazione Teatro Metastasio / Finestate Festival / Transarte – Teatro Fabbricone, Prato DANZA

29-30 settembre – Ivana Müller – Annotare – Contemporanea festival ‘17/ Fondazione Teatro Metastasio / Finestate Festival / Transarte – Biblioteca Lazzerini, Prato BIBLIOTHÈQUES VIVANTES

30 settembre – Andrea Belfi – Gaspar Claus/Emmanuelle Parrenin/ Low Jack/ O. Xander – Les siestes électroniques – Institut français, Milano BIBLIOTHÈQUES VIVANTES

OTTOBRE

Ottobre/ novembre – The Lulu Projekt di Magali Muogel – Fabulamundi – Playwriting Europe. Beyond Borders. Laboratorio per adolescenti condotto da Alessandra Cutolo – Teatro di Roma, Roma BIBLIOTHÈQUES VIVANTES

Ottobre/ novembre – Laboratorio di drammaturgia – Fabulamundi/ Playwriting Europe / Beyond Borders condotta da Attilio Scarpellini con David Lescot – teatro di Roma, Roma

7-8 ottobre – Compagnie 111 Aurélien Bory – Espaece A piece by Aurélien Bory – Romaeuropa Festival, teatro Argentina, Roma DANZA

7 ottobre/ 18 novembre – Lek et Sowat – Wunderkammern, Roma, ARTI VISIVE

11-12-13-14-15 ottobre – Collectif Petit Travers – Nuit – Torinodanza festival, Teatro Juvarra, Torino CIRCO

14-15 ottobre – Olivier Meyrou, Matthias Pilet – Tu – Romaeuropa festival, Teatro Vascello, Roma CIRCO

15-30 ottobre – Dancefloor Memories di Lucie Depauw – Fabulamundi/ Playwriting Europe. Beyond Borders. Laboratorio per anziani condotto da Silvia Rampelli – Mare Culturale Urbano, Milano BIBLIOTHÈQUES VIVANTES

21-22 ottobre – La main de l’Homme – Humanoptère – Torinodanzafestival, Fonderie Limone, Moncalieri DANZA

23 ottobre – Emmanuelle Pireyre – Performance – Lecture “Chimère” – Institut français Centre Saint-Louis, Roma BIBLIOTHÈQUES VIVANTES

24 ottobre – Emmanuelle Pireyre – Performance – Lecture “Chimère” –Biblioteca universitaria, Genova BIBLIOTHÈQUES VIVANTES

26 ottobre – Emmanuelle Pireyre – Performance – Lecture “Chimère” – Institut français, Palermo BIBLIOTHÈQUES VIVANTES

27-28-29 ottobre – Cie DCA – Nouvelles pièces courtes – Torinodanza festival, Fonderie Limone, Moncalieri DANZA

28 ottobre – Sébastien Roux Ensemble Dèdalus – Inevitable Music – teatro di Ricerca Musicale, Bologna MUSICA

28-29 ottobre – Piste and Love – Cirque inachevée – Festival Segni d’Infanzia, Teatro Ariston, Mantova GÉNÉRATION BELLE SAISON

NOVEMBRE

Novembre/dicembre Le Petit Chaperon rouge di Joël Pommerat – Fabulamundi – Playwriting Europe. Beyond Borders. Laboratorio per anziani condotto da Silvia Rampelli – Teatro di Roma, Roma BIBLIOTHÈQUES VIVANTES

1-2-3 novembre – Centre dramatique national d’Alsace- Strasbourg – WAX, Comment sortir du moule – New Generations Festival, Teatro San Leonardo, Mantova GÉNÉRATION BELLE SAISON

1/2/3/4/5 novembre – Collectif AIE AIE AIE – Ma biche et mon lapin – New Generations festival, Centro culturale Contardo Ferrini, Mantova GÉNÉRATION BELLE SAISON

2 novembre – La Marionetta, l’Adolescenza e l’audience engagement – New Generations festival, Teatro Bibiena, Mantova GÉNÉRATION BELLE SAISON

2-3-4 novembre – Groupe Emile Dubois / Cie Jean-Claude Gallotta – L’étranger, d’après le roman d’Albert Camus, Teatro Libero, Palermo DANZA

3 novembre – Quatuor Diotima e Ircam – Centre Pompidou – Festival Milano Musica, Auditorium San Fedele, Milano MUSICA

6 novembre – Mariangela Vacatello e Ircam-Centre Pompidou – Festival Milano Musica, Teatro Elfo Puccini, Sala Shakespeare, Milano MUSICA

10-11 novembre – Ballet national de Marseille – Two, Boléro – Torinodanza festival, Fonderie Limone, Moncalieri DANZA

11-12 novembre – Stereoptik – Dark Circus – Romaeuropa “Ref Kids”, Macro Testaccio, La Pelanda, Roma GÉNÉRATION BELLE SAISON

11 novembre – Dorothée Munyaneza – Unwanted – Romaeuropa Festival, Teatro India, Roma DANZA

15 novembre/ 20 dicembre – Zevs – Wunderkammern, Milano ARTI VISIVE

17 novembre – Collectif Petit Travers – Nuit – Fondazione Piemonte dal vivo, Spazio Kor, Asti CIRCO

18-19 novembre – Julien Gosselin – Si vous pouviez lécher mon cœur (Les particules élémentaires, Michel Houellebecq) – Romaeuropa festival, Teatro Vascello, Roma TEATRO

18-19 novembre – Stereoptik – Congés payés – Romaeuropa “Ref Kids”, Macro Testaccio, La Pelanda, Roma GÉNÉRATION BELLE SAISON

19 novembre – Collectif Petit Travers – Nuit – Fondazione Piemonte dal vivo, Teatro Il Maggiore, Verbania CIRCO

21-22 novembre – Catherine Meurisse & DD Dorvilliers – Vois-tu celle-là qui s’enfuit Alliance française, Bologna BIBLIOTHÈQUES VIVANTES

23-24-25-26 novembre – Collectif Petit Travers – Nuit – AMAT Circuito Marche, Senigallia CIRCO

24 novembre – Catherine Meurisse & DD Dorvilliers – Vois-tu celle-là qui s’enfuit – Institut français, Napoli BIBLIOTHÈQUES VIVANTES

25-26 novembre – Laurent Bigot – Le petit cirque – Romaeuropa “Ref Kids”, Macro Testaccio, La Pelanda, Roma GÉNÉRATION BELLE SAISON

DICEMBRE

2 dicembre/ 20 gennaio – Mr. A – Wunderkammern, Roma ARTI VISIVE

4-5-6 dicembre – Alex Cecchetti – Louvre III – Département des antiquités orientales – Triennale Teatro dell’Arte / Transarte, Milano BIBLIOTHÈQUES VIVANTES

Il testo delle legge elettorale depositato

PROPOSTA DI TESTO UNIFICATO DEL RELATORE

Modifiche al testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 marzo 1957, n. 361, concernenti l’elezione della Camera dei deputati, e al testo unico di cui al decreto legislativo 20 dicembre 1993, n. 533, in materia di elezione del Senato della Repubblica, nonché delega al Governo per la determinazione dei collegi uninominali e plurinominali

ART. 1.
(Modifiche al sistema di elezione della Camera dei deputati).

  1. L’articolo 1 del testo unico delle leggi recanti norme per la elezione della Camera dei deputati, di cui al decreto della Presidente della Repubblica 30 marzo 1957, n. 361, di seguito denominato «decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957», è sostituito dal seguente:
«ART. 1. – . 1. La Camera dei deputati è eletta a suffragio universale, con voto diretto ed eguale, libero e segreto, espresso in un unico turno elettorale.
2. Il territorio nazionale è diviso nelle circoscrizioni elettorali indicate nella tabella A allegata al presente testo unico.
3. Per la presentazione delle candidature e per l’assegnazione dei seggi ai candidati, ciascuna circoscrizione è ripartita in collegi uninominali ed in uno o più collegi plurinominali. Salvi i seggi assegnati alla circoscrizione Estero e fermo quanto disposto dall’articolo 2, nelle circoscrizioni del territorio nazionale sono costituiti 303 collegi uninominali ripartiti in ciascuna circoscrizione sulla base della popolazione di cui all’articolo 3, comma 1. Per la assegnazione del restante numero di seggi ciascuna circoscrizione è ripartita in collegi plurinominali costituiti, di norma, dalla aggregazione del territorio di tre o quattro collegi uninominali contigui e tali che a ciascuno di essi sia assegnato, con le modalità di cui all’articolo 3, comma 2, un numero di seggi non inferiore a due e non superiore a quattro.
4. In ciascuno dei collegi uninominali è proclamato eletto il candidato che ha ottenuto il maggior numero di voti validi. L’attribuzione dei seggi assegnati nei collegi plurinominali è effettuata, con metodo proporzionale, ai sensi degli articoli 83 e 83-
bis del presente Testo Unico.».

  2. All’articolo 3 del decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957 sono apportate le seguenti modificazioni:
   a) il comma 2 è sostituito dal seguente:
«2. Con il medesimo decreto del Presidente della Repubblica di cui al comma 1, sulla base dei risultati dell’ultimo censimento
generale della popolazione, riportati dalla più recente pubblicazione ufficiale dell’Istituto nazionale di statistica, è determinato il numero di seggi da attribuire in ciascuna circoscrizione nei collegi uninominali ed il numero di seggi da attribuire nei collegi plurinominali.».
   b) il comma 3 è soppresso.
3. L’articolo 4, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957 è sostituito dal seguente:
«2. Ogni elettore dispone di un voto da esprimere su un’unica scheda recante il nome del candidato nel collegio uninominale e il contrassegno di ciascuna lista, corredato dei nomi dei candidati nel collegio plurinominale».
4. L’articolo 11, comma 5, del decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957 è soppresso.
5. L’articolo 14, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957, dopo le parole: « nei collegi plurinominali « sono inserite le seguenti: «e nei collegi uninominali» e dopo le parole: «nei singoli collegi plurinominali» sono inserite le seguenti: «e nei singoli collegi uninominali».
6. All’articolo 17, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957, dopo le parole: «collegi plurinominali» sono inserite le seguenti: «e dei candidati nei collegi uninominali».
7. All’articolo 18-
bis del decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957 sono apportate le seguenti modificazioni:
   a) al comma 1, il primo periodo è sostituito dai seguenti: «La presentazione delle liste di candidati per l’attribuzione dei seggi nel collegio plurinominale, con l’indicazione dei candidati della lista in tutti i collegi uninominali compresi nel collegio plurinominale, deve essere sottoscritta da almeno 1.500 e da non più di 2.000 elettori iscritti nelle liste elettorali di comuni compresi nel medesimo collegio plurinominale o, in caso di collegio plurinominale compreso in un unico comune, iscritti nelle sezioni elettorali di tale collegio plurinominale. Nel caso di collegamento del candidato nei collegi uninominali con più liste, la presentazione della candidatura deve essere accompagnata da tutti i contrassegni delle liste collegate e dalla sottoscrizione dei rappresentanti di cui all’articolo 17 di tutte le liste collegate. Nel caso di collegamento con più liste, questo deve essere il medesimo in tutti i collegi uninominali compresi nell’ambito del collegio plurinominale».
   b) dopo il comma 1 è aggiunto il seguente:
«1-
bis. Per ogni candidato nei collegi uninominali devono essere indicati il cognome, il nome, il luogo e la data di nascita, il collegio uninominale per il quale viene presentato. Per le donne candidate può essere indicato il solo cognome o può essere aggiunto il cognome del marito.
   c) il comma 3 è sostituito dal seguente:
«3. In ogni collegio plurinominale ciascuna lista, all’atto della presentazione, è composta da un elenco di candidati, presentati secondo un ordine numerico. Il numero dei candidati non può essere inferiore alla metà, con arrotondamento all’unità superiore, né superiore al limite massimo di seggi assegnati al collegio plurinominale. A pena di inammissibilità, nel complesso delle candidature presentate da ciascuna lista nei collegi plurinominali nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura superiore al 60 per cento con arrotondamento all’unità superiore».
8. L’articolo 19 del decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957 è sostituito dal seguente:
«ART. 19. – 1. Nessun candidato può presentarsi con contrassegni di liste diverse nei collegi plurinominali o uninominali, a pena di nullità dell’elezione.
2. Nessun candidato può essere incluso in liste con lo stesso contrassegno in più di tre collegi plurinominali, a pena di nullità dell’elezione.
3. La candidatura della stessa persona in più di un collegio uninominale è nulla.
4. Il candidato in un collegio uninominale può essere candidato altresì nei collegi plurinominali, fermo restando quanto previsto ai commi 1 e 2.
5. Nessun candidato può accettare la candidatura contestuale alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica, a pena di nullità dell’elezione.».
9. All’articolo 20, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957, dopo le parole: «collegi plurinominali» sono inserite le seguenti: «e i candidati nei collegi uninominali».
10. All’articolo 21, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957, dopo le parole: «collegi plurinominali presentate» sono inserite le seguenti: «, dei candidati nei collegi uninominali».
11. All’articolo 22, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957 sono apportate le seguenti modificazioni:
   a) al numero 3) le parole: «e al quarto» sono soppresse;
   b) al numero 4) sono premesse le seguenti parole: «dichiara non valide le candidature nei collegi uninominali e»;
   c) al numero 5) sono premesse le seguenti parole: «dichiara non valide le candidature nei collegi uninominali e»;
   d) dopo il numero 5 è aggiunto il seguente:
«5-
bis) dichiara non valide le candidature nei collegi uninominali di candidati già presentatisi in altro collegio uninominali»;
   e) al numero 6-bis), sono apportate le seguenti modificazioni:
1) all’alinea, dopo le parole: «comunica i nomi dei candidati di ciascuna lista» sono inserite le seguenti: «e dei candidati di ciascun collegio uninominale»;
2) all’alinea, le parole: «di cui all’articolo 19, e» sono sostituite dalle seguenti: «di cui all’articolo 19 e, fermo restando che, nel caso in cui sia dichiarata non valida la candidatura in un collegio uninominale, resta valida la presentazione della lista nei restanti collegi uninominali.
12. All’articolo 24, comma 1, il numero 2) è sostituito dal seguente:
«2) stabilisce, con sorteggio da effettuarsi alla presenza dei delegati di lista, per ciascun collegio uninominale della circoscrizione, l’ordine da assegnare ai candidati nei collegi uninominali nonché alle liste ad essi collegati e ai relativi contrassegni. I contrassegni di ciascuna lista sono riportati, unitamente ai nominativi dei candidati nell’ordine numerico di cui all’articolo 18-bis, comma 3, e ai nominativi dei candidati nei collegi uninominali, sulle schede di votazione e sui manifesti secondo l’ordine progressivo risultato dal suddetto sorteggio;»

  13. All’articolo 30, comma 1, numero 4), dopo le parole: «collegio plurinominale» sono inserite le seguenti: «e i nominativi dei candidati nei collegi uninominali».
14. L’articolo 31 del decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957 è sostituito dal seguente:
«
Art. 31. – 1. Le schede sono di carta consistente, sono fornite a cura del Ministero dell’interno con le caratteristiche essenziali del modello descritto nelle tabelle A-bis e A-terallegate al presente testo unico e riproducono in fac-simile i contrassegni di tutte le liste regolarmente presentate nella circoscrizione, secondo le disposizioni di cui all’articolo 24.
2. La scheda reca il nome e il cognome del candidato nel collegio uninominale, scritti entro un apposito rettangolo alla destra del quale, in un rettangolo di pari dimensioni, sono riportati il contrassegno della lista cui il candidato è collegato con a fianco i nomi e i cognomi dei candidati nel collegio plurinominale secondo il rispettivo ordine di presentazione. I contrassegni devono essere riprodotti sulle schede con il diametro di centimetri tre. Secondo le disposizioni di cui all’articolo 24 è stabilito con sorteggio l’ordine dei candidati uninominali sulle schede e delle liste ad essi collegate».

  15. All’articolo 58 del decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957 il comma 2 è sostituito dal seguente: «2. L’elettore, senza che sia avvicinato da alcuno, esprime il voto tracciando con la matita sulla scheda un segno, comunque apposto, sul rettangolo contenente il nominativo del candidato nel collegio uninominale ovvero sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale. Il voto è valido a favore della lista e ai fini dell’elezione del candidato nel collegio uninominale».
16. L’articolo 59 del decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957 è sostituito dal seguente: «Ai fini del computo dei voti validi, non sono considerate le schede nulle e le schede bianche».
17. All’articolo 59-
bis del decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957, i commi da 1 a 5 sono sostituiti dai seguenti:
«1. Se l’elettore traccia un segno sul rettangolo contenente il nome e il cognome del candidato del collegio uninominale e sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale il voto è considerato comunque valido».

  18. All’articolo 68 del decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957 sono apportate le seguenti modificazioni:
   a) al comma 3:
1) al terzo periodo, le parole: «o dei candidati cui è attribuita la preferenza» sono sostituite dalle seguenti: «al quale è attribuito il voto per l’elezione nel collegio uninominale»;
2) al quarto periodo, le parole: «di preferenza» sono sostituite dalle seguenti: «di ciascun candidato nel collegio uninominale»;
   b) al comma 3-bis, le parole: «di preferenza» sono sostituite dalle seguenti: «di ciascun candidato nel collegio uninominale».

  19. All’articolo 71, comma 1, numero 2), del decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957 le parole: «di preferenza» sono sostituite dalle seguenti: «di ciascun candidato nel collegio uninominale».
20. L’articolo 77 del decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957 è sostituito dal seguente:
«
Art. 77. – 1. L’Ufficio centrale circoscrizionale, compiute le operazioni di cui all’articolo 76, facendosi assistere, ove lo ritenga opportuno, da uno o più esperti scelti dal presidente:
   a) determina la cifra elettorale individuale di ciascun candidato del collegio uninominale; tale cifra è data dalla somma dei voti validi conseguiti dal candidato nelle singole sezioni elettorali del collegio uninominale; in conformità ai risultati accertati, proclama eletto in ciascun collegio uninominale il candidato che ha ottenuto il maggior numero di voti validi;
   b) determina la cifra elettorale di collegio plurinominale di ciascuna lista. Tale cifra è data dalla somma dei voti validi conseguiti dalla lista stessa nelle singole sezioni elettorali del collegio plurinominale;
   c) determina la cifra elettorale circoscrizionale di ciascuna lista. Tale cifra è data dalla somma delle cifre elettorali di collegio plurinominale della lista stessa;
   d) determina il totale dei voti validi della circoscrizione. Tale totale è dato dalla somma delle cifre elettorali circoscrizionali di tutte le liste;
   e) comunica all’Ufficio centrale nazionale, a mezzo di estratto del verbale, la cifra elettorale circoscrizionale di ciascuna lista nonché il totale dei voti validi della circoscrizione».

  21. L’articolo 83 del decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957 è sostituito dal seguente:
«
Art. 83. – 1. L’Ufficio centrale nazionale, ricevuti gli estratti dei verbali da tutti gli Uffici centrali circoscrizionali, facendosi assistere, ove lo ritenga opportuno, da uno o più esperti scelti dal presidente:
   a) determina la cifra elettorale nazionale di ciascuna lista. Tale cifra è data dalla somma delle cifre elettorali circoscrizionali conseguite nelle singole circoscrizioni dalle liste aventi il medesimo contrassegno;
   b) individua le liste che abbiano conseguito sul piano nazionale almeno il 5 per cento dei voti validi espressi e le liste rappresentative di minoranze linguistiche riconosciute, presentate esclusivamente in una regione ad autonomia speciale il cui statuto preveda una particolare tutela di tali minoranze linguistiche, che abbiano conseguito almeno il 20 per cento dei voti validi espressi nella regione medesima;
   c) procede al riparto di 303 seggi tra le liste di cui alla lettera b) in base alla cifra elettorale nazionale di ciascuna di esse, fatto salvo quanto previsto agli articoli 92, comma 1, e 93-bis, comma 1, del presente testo unico. A tale fine divide il totale delle cifre elettorali nazionali di ciascuna lista per il numero dei seggi da attribuire, ottenendo così il quoziente elettorale nazionale. Nell’effettuare tale divisione non tiene conto dell’eventuale parte frazionaria del quoziente. Divide poi la cifra elettorale nazionale di ciascuna lista per tale quoziente. La parte intera del quoziente così ottenuta rappresenta il numero dei seggi da assegnare a ciascuna lista. I seggi che rimangono ancora da attribuire sono rispettivamente assegnati alle liste per le quali queste ultime divisioni hanno dato i maggiori resti e, in caso di parità di resti, a quelle che hanno conseguito la maggiore cifra elettorale nazionale; a parità di quest’ultima si procede a sorteggio;
   d) procede quindi alla distribuzione nelle singole circoscrizioni dei seggi assegnati alle liste ammesse al riparto ai sensi della lettera b). A tale fine per ciascuna circoscrizione divide la somma delle cifre elettorali circoscrizionali delle liste per il numero di seggi da attribuire nella circoscrizione, ottenendo così il quoziente elettorale circoscrizionale. Nell’effettuare tale divisione non tiene conto dell’eventuale parte frazionaria del quoziente così ottenuto. Divide poi la cifra elettorale circoscrizionale di ciascuna lista per il quoziente elettorale circoscrizionale, ottenendo così il quoziente di attribuzione. La parte intera del quoziente di attribuzione rappresenta il numero dei seggi da assegnare a ciascuna lista. I seggi che rimangono ancora da attribuire sono rispettivamente assegnati alle liste per le quali queste ultime divisioni hanno dato le maggiori parti decimali e, in caso di parità, alle liste che hanno conseguito la maggiore cifra elettorale nazionale; a parità di quest’ultima si procede a sorteggio. I seggi che rimangono ancora da attribuire sono rispettivamente assegnati alle liste per le quali le parti decimali dei quozienti di attribuzione siano maggiori e, in caso di parità, alle liste che abbiano conseguito la maggiore cifra elettorale circoscrizionale; a parità di quest’ultima si procede a sorteggio. Esclude dall’attribuzione di cui al periodo precedente le liste alle quali è stato già attribuito il numero di seggi ad esse assegnato a seguito delle operazioni di cui alla lettera c). Successivamente l’Ufficio accerta se il numero dei seggi assegnati in tutte le circoscrizioni a ciascuna lista corrisponda al numero dei seggi determinato ai sensi della lettera c). In caso negativo, procede alle seguenti operazioni, iniziando dalla lista che abbia il maggior numero di seggi eccedenti e, in caso di parità di seggi eccedenti da parte di più liste, da quella che abbia ottenuto la maggiore cifra elettorale nazionale, proseguendo poi con le altre liste, in ordine decrescente di seggi eccedenti: sottrae i seggi eccedenti alla lista in quelle circoscrizioni nelle quali essa li ha ottenuti con le parti decimali dei quozienti di attribuzione, secondo il loro ordine crescente, e nelle quali inoltre le liste, che non abbiano ottenuto il numero di seggi spettanti, abbiano parti decimali dei quozienti non utilizzate. Conseguentemente, assegna i seggi a tali liste. Qualora nella medesima circoscrizione due o più liste abbiano le parti decimali dei quozienti non utilizzate, il seggio è attribuito alla lista con la più alta parte decimale del quoziente non utilizzata. Nel caso in cui non sia possibile fare riferimento alla medesima circoscrizione ai fini del completamento delle operazioni precedenti, fino a concorrenza dei seggi ancora da cedere, alla lista eccedentaria vengono sottratti i seggi in quelle circoscrizioni nelle quali li ha ottenuti con le minori parti decimali del quoziente di attribuzione e alla lista deficitaria sono conseguentemente attribuiti seggi nelle altre circoscrizioni nelle quali abbiano le maggiori parti decimali del quoziente di attribuzione non utilizzate.

  2. L’Ufficio centrale nazionale provvede a comunicare ai singoli Uffici centrali circoscrizionali il numero dei seggi assegnati a ciascuna lista.
3. Di tutte le operazioni dell’Ufficio centrale nazionale viene redatto, in duplice esemplare, un apposito verbale: un esemplare è rimesso alla Segreteria generale della Camera dei deputati, la quale ne rilascia ricevuta, un altro esemplare è depositato presso la cancelleria della Corte di Cassazione».

  22. L’articolo 83-bis del decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957 è sostituito dal seguente:
«
Art. 83-bis – 1. L’Ufficio centrale circoscrizionale, ricevute da parte dell’Ufficio elettorale centrale nazionale le comunicazioni di cui all’articolo 83, comma 2, procede all’attribuzione nei singoli collegi plurinominali dei seggi spettanti alle liste. A tal fine l’Ufficio determina il quoziente elettorale di collegio dividendo la somma delle cifre elettorali di collegio di tutte le liste per il numero dei seggi da attribuire nel collegio stesso. Nell’effettuare tale divisione non tiene conto dell’eventuale parte frazionaria del quoziente. Divide quindi la cifra elettorale di collegio di ciascuna lista per tale quoziente di collegio. La parte intera del quoziente così ottenuto rappresenta il numero dei seggi da assegnare a ciascuna lista. I seggi che rimangono ancora da attribuire sono assegnati alle liste seguendo la graduatoria decrescente delle parti decimali dei quozienti così ottenuti; in caso di parità, sono attribuiti alle liste con la maggiore cifra elettorale circoscrizionale; a parità di quest’ultima, si procede a sorteggio. Esclude dall’attribuzione di cui al periodo precedente le liste alle quali è stato attribuito il numero di seggi ad esse assegnato nella circoscrizione secondo la comunicazione all’articolo 83, comma 2. Successivamente l’Ufficio accerta se il numero dei seggi assegnati in tutti i collegi a ciascuna lista corrisponda al numero di seggi ad essa attribuito nella circoscrizione dall’Ufficio elettorale centrale nazionale. In caso negativo, determina la lista che ha il maggior numero di seggi eccedentari e, a parità di questi, la lista che tra queste ha ottenuto il seggio eccedentario con la minore parte decimale del quoziente; sottrae quindi il seggio a tale lista nel collegio in cui è stato ottenuto con la minore parte decimale dei quozienti di attribuzione e lo assegna alla lista deficitaria che ha il maggior numero di seggi deficitari e, a parità di questi, alla lista che tra queste ha la maggiore parte decimale del quoziente che non ha dato luogo alla assegnazione di seggio; il seggio è assegnato alla lista deficitaria nel collegio plurinominale in cui essa ha la maggiore parte decimale del quoziente di attribuzione non utilizzata; ripete quindi, in successione, tali operazioni sino alla assegnazione di tutti i seggi eccedentari alle liste deficitarie.».

  23. L’articolo 84 del decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957 è sostituito dal seguente:
«
Art. 84. – 1. Al termine delle operazioni di cui agli articoli precedenti, l’Ufficio centrale circoscrizionale proclama eletti in ciascun collegio, nei limiti dei seggi ai quali ciascuna lista ha diritto, i candidati compresi nella lista medesima, secondo l’ordine di presentazione.
2. Qualora una lista abbia esaurito il numero dei candidati presentati in un collegio plurinominale e non sia quindi
possibile attribuire tutti i seggi a essa spettanti in quel collegio, l’Ufficio centrale circoscrizionale assegna i seggi alla lista negli altri collegi plurinominali della stessa circoscrizione in cui la lista medesima abbia la maggior parte decimale del quoziente non utilizzata, procedendo secondo l’ordine decrescente. Qualora al termine di detta operazione residuino ancora seggi da assegnare alla lista, questi le sono attribuiti negli altri collegi plurinominali della stessa circoscrizione in cui la lista medesima abbia la maggior parte decimale del quoziente già utilizzata, procedendo secondo l’ordine decrescente.
3. Qualora, al termine delle operazioni di cui al comma 2, residuino ancora seggi da assegnare alla lista, l’Ufficio centrale nazionale, previa apposita comunicazione dell’Ufficio centrale circoscrizionale, individua la circoscrizione in cui la lista abbia la maggiore parte decimale del quoziente non utilizzata e procede a sua volta ad apposita comunicazione all’Ufficio centrale circoscrizionale competente. L’Ufficio centrale circoscrizionale provvede all’assegnazione dei seggi ai sensi del comma 2.
4. Nell’effettuare le operazioni di cui ai commi 2 e 3, in caso di parità della parte decimale del quoziente, si procede mediante sorteggio.
5. Dell’avvenuta proclamazione effettuata ai sensi del presente articolo il presidente dell’Ufficio centrale circoscrizionale invia attestato ai deputati proclamati e ne dà immediata notizia alla Segreteria generale della Camera dei deputati nonché alle singole prefetture-uffici territoriali del Governo, che la portano a conoscenza del pubblico».

  24. All’articolo 85 del decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957 sono apportate le seguenti modificazioni:
   a) il comma 1 è sostituito dal seguente: «1. Il deputato eletto in più collegi plurinominali è proclamato nel collegio nel quale la lista cui appartiene ha ottenuto la minore percentuale di voti validi rispetto al totale dei voti validi del collegio»;
   b) dopo il comma 1 è aggiunto il seguente: «1-bis. Il deputato eletto in un collegio uninominale e in uno o più collegi plurinominali si intende eletto nel collegio uninominale».

  25. All’articolo 86 del decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957 sono apportate le seguenti modificazioni:
   a) al comma 1, dopo le parole: «anche sopravvenuta», sono inserite le seguenti: «in un collegio plurinominale» e le parole: «non eletto che abbia ottenuto il maggior numero di preferenze» sono sostituite dalle seguenti: «primo dei non eletti, secondo l’ordine di presentazione»;
   b) al comma 3 le parole: «dei collegi uninominali delle circoscrizioni Valle d’Aosta/Vallée d’Aoste e Trentino-Alto Adige/Südtirol» sono sostituite dalle seguenti: «attribuito in un collegio uninominale».

  26. All’articolo 92, comma 1-bis del decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957 sono apportate le seguenti modificazioni:
   a) al primo periodo le parole «e alla determinazione della lista che ha ottenuto la maggiore cifra elettorale nazionale» sono soppresse;
   b) l’ultimo periodo è soppresso.

  27. All’articolo 93 del decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957 sono apportate le seguenti modificazioni:
   a) al comma 2, lettera c), le parole «nonché i seggi provvisoriamente assegnati con le modalità di cui all’articolo 93-quater, comma 6, secondo, terzo, quarto e quinto periodo.» sono soppresse ed è soppresso l’ultimo periodo;
   b) al comma 3 le parole «, anche se non collegato ad una lista ammessa ai sensi dell’articolo 83, comma 1, numero 3)» sono soppresse.

  28. All’articolo 93-bis del decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957 sono apportate le seguenti modificazioni:
   a) al comma 1, terzo periodo, le parole «e alla determinazione della lista che ha ottenuto la maggiore cifra elettorale nazionale» sono soppresse e l’ultimo periodo è soppresso;
   b) al comma 3, le parole «di cui all’articolo 1, comma 2, presentate» sono sostituite dalle seguenti: «presentate, per l’attribuzione dei seggi in ragione proporzionale,»;
   c) al comma 7, le parole «, nonché il contrassegno ovvero i contrassegni delle» sono sostituite dalle seguenti: «e il contrassegno ovvero i contrassegni che contraddistinguono le».

  29. All’articolo 93-ter del decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957, il comma 3 è soppresso.
30. All’articolo 93-
quater del decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957 sono apportate le seguenti modificazioni:
   a) al comma 2, le parole «, anche se non collegato ad una lista ammessa ai sensi dell’articolo 83, comma 1, numero 3)» sono soppresse;
   b) al comma 3 le parole «comma 1, numero 3)» sono sostituite dalle seguenti: «comma 1, lettere a), b) e c)» e le parole da «e, per ciascuna lista cui sono collegati,» fino alla fine del periodo sono soppresse;
   c) il comma 4 è soppresso;
   d) al comma 6, il primo periodo è soppresso e le parole «A tale fine, per ciascuna di tali liste, divide le rispettive cifre elettorali, come determinate» sono sostituite dalle seguenti: «L’Ufficio centrale circoscrizionale procede alla attribuzione dei seggi in ragione proporzionale, a tale fine per ciascuna lista divide la rispettiva cifra elettorale, come determinata»;
   e) il comma 7 è soppresso;

  31. Le Tabelle A-bis e A-ter, allegate al presente testo unico, sono sostituite dalle Tabelle A-bis e A-ter di cui all’Allegato 1 alla presente legge.

ART. 2.
(Modifiche al sistema di elezione del Senato della Repubblica).

  1. L’articolo 1 del testo unico delle leggi recanti norme per l’elezione del Senato della Repubblica, di cui al decreto legislativo 20 dicembre 1993, n. 533, di seguito denominato «decreto legislativo 20 dicembre 1993, n. 533», è sostituito dal seguente:
«
Art. 1. – 1. Il Senato della Repubblica, salvi i seggi assegnati alla circoscrizione Estero, è eletto su base regionale. I seggi sono ripartiti tra le regioni a norma dell’articolo 57 della Costituzione sulla base dei risultati dell’ultimo censimento generale della popolazione, riportati dalla più recente pubblicazione ufficiale dell’Istituto nazionale di statistica, con decreto del Presidente della Repubblica, da emanare, su proposta del Ministro dell’interno, previa deliberazione del Consiglio dei ministri, contemporaneamente al decreto di convocazione dei comizi.
2. Il territorio nazionale, con eccezione del Trentino-Alto Adige/
Südtirol e della Valle d’Aosta/Vallée d’Aoste, è suddiviso in 150 collegi uninominali. Nella regione Molise è costituito un collegio uninominale. I restanti collegi uninominali sono ripartiti nelle altre regioni in numero proporzionale alla rispettiva popolazione determinata sulla base dei risultati dell’ultimo censimento generale della popolazione, come riportati dalla più recente pubblicazione ufficiale dell’Istituto nazionale di statistica. In tali collegi uninominali risulta eletto il candidato che ha riportato il maggior numero di voti. Per l’assegnazione del restante numero di seggi, ciascuna regione è ripartita in uno o più collegi plurinominali costituiti, di norma, dall’aggregazione del territorio di collegi uninominali contigui costituiti per l’elezione del Senato e tali che a ciascuno di essi sia assegnato, con le modalità di cui al comma 1, un numero di seggi non inferiore a due e non superiore a quattro.
3. La regione Valle d’Aosta/
Vallée d’Aoste è costituita in unico collegio uninominale.
4. La regione Trentino-Alto Adige/
Südtirol è costituita in sei collegi uninominali definiti ai sensi della legge 30 dicembre 1991, n. 422. La restante quota di seggi spettante alla regione è attribuita con metodo del recupero proporzionale.
5. L’assegnazione dei seggi alle liste nei collegi plurinominali si effettua con metodo proporzionale, ai sensi dell’articolo 17».

  2. Al comma 1 dell’articolo 2 del decreto legislativo 20 dicembre 1993, n. 533, sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: «, suddivise in collegi uninominali e in collegi plurinominali».
3. Nel titolo II, dopo l’articolo 7 è aggiunto il seguente:
«
Art. 7-bis. – 1. Presso la Corte di cassazione è istituito, entro tre giorni dalla pubblicazione del decreto di convocazione dei comizi, l’Ufficio elettorale centrale nazionale per il Senato della Repubblica, composto da un presidente di sezione e da quattro consiglieri scelti dal primo presidente».

  4. All’articolo 9 del decreto legislativo 20 dicembre 1993, n. 533, sono apportate le seguenti modificazioni:
   a) al comma 2, il primo periodo è sostituito dal seguente: «2. La presentazione delle liste di candidati per l’attribuzione dei seggi nel collegio plurinominale, con l’indicazione dei candidati della lista in tutti i collegi uninominali compresi nel collegio plurinominale, deve essere sottoscritta da almeno 1.500 e da non più di 2.000 elettori iscritti nelle liste elettorali di comuni compresi nel medesimo collegio plurinominale o, in caso di collegio plurinominale compreso in un unico comune, iscritti nelle sezioni elettorali di tale collegio plurinominale. Nel caso di collegamento del candidato nei collegi uninominali con più liste, la presentazione della candidatura deve essere accompagnata da tutti i contrassegni delle liste collegate e dalla sottoscrizione dei rappresentanti di cui all’articolo 17 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957 di tutte le liste collegate. Nel caso di collegamento con più liste, questo deve essere il medesimo in tutti i collegi uninominali compresi nell’ambito del collegio plurinominale».

  5. All’articolo 11 del decreto legislativo 20 dicembre 1993, n. 533, sono apportate le seguenti modificazioni:
   a) al comma 1, la lettera a) è sostituita dalla seguente: «a) stabilisce, con sorteggio da effettuarsi alla presenza dei delegati di lista, per ciascun collegio uninominale della circoscrizione, l’ordine da assegnare ai candidati nei collegi uninominali nonché alle liste ad essi collegati e ai relativi contrassegni. I contrassegni di ciascuna lista sono riportati, unitamente ai nominativi dei candidati nell’ordine numerico di presentazione, e ai nominativi dei candidati nei collegi uninominali, sulle schede di votazione e sui manifesti secondo l’ordine progressivo risultato dal suddetto sorteggio»;
   b) il comma 3 è sostituito dai seguenti:

  «3. Le schede sono di carta consistente e sono fornite a cura del Ministero dell’interno, con l’osservanza delle norme di cui all’articolo 31 del testo unico delle leggi recanti norme per l’elezione della Camera dei deputati, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 marzo 1957, n. 361. Le schede hanno le caratteristiche essenziali del modello descritto nelle tabelle A e B allegate al presente testo unico».

  6. L’articolo 14 del decreto legislativo 20 dicembre 1993, n. 533, è sostituito dal seguente:
«
Art. 14. – 1. L’elettore, senza che sia avvicinato da alcuno, esprime il voto tracciando con la matita sulla scheda un segno, comunque apposto, sul rettangolo contenente il nominativo del candidato nel collegio uninominale ovvero sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale. Il voto è valido a favore della lista e ai fini dell’elezione del candidato nel collegio uninominale.
2. Si applica quanto previsto dagli articoli 59 e 59-
bis del testo unico delle leggi recanti norme per l’elezione della Camera dei deputati, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 marzo 1957, n. 361».

  7. L’articolo 16 del decreto legislativo 20 dicembre 1993, n. 533, è sostituito dai seguenti:
«
Art. 16. – 1. L’Ufficio elettorale regionale, compiute le operazioni previste dall’articolo 76 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 marzo 1957, n. 361, facendosi assistere, ove lo ritenga opportuno, da uno o più esperti scelti dal presidente, determina la cifra elettorale ottenuta da ciascun candidato nei collegi uninominali. Tale cifra è data dalla somma dei voti validi conseguiti dal candidato nelle singole sezioni elettorali del collegio uninominale. In conformità ai risultati accertati, proclama eletto in ciascun collegio uninominale, il candidato che ha ottenuto il maggior numero di voti validi.
2. L’Ufficio elettorale regionale procede quindi alle seguenti operazioni:
   a) determina la cifra elettorale di collegio plurinominale di ciascuna lista. Tale cifra è data dalla somma dei voti validi conseguiti dalla lista stessa nelle singole sezioni elettorali del collegio plurinominale;
   b) determina la cifra elettorale regionale di ciascuna lista. Tale cifra è data dalla somma delle cifre elettorali di collegio plurinominale della lista stessa;
   c) determina il totale dei voti validi della regione. Tale totale è dato dalla somma delle cifre elettorali regionali di tutte le liste;
   d) comunica all’Ufficio elettorale centrale nazionale, a mezzo di estratto del verbale, la cifra elettorale regionale di ciascuna lista nonché il totale dei voti validi della regione.
Art. 16-bis. – L’Ufficio elettorale centrale nazionale, ricevuti gli estratti dei verbali da tutti gli Uffici centrali regionali, facendosi assistere, ove lo ritenga opportuno, da uno o più esperti scelti dal presidente:
   a) determina la cifra elettorale nazionale di ciascuna lista. Tale cifra è data dalla somma delle cifre elettorali regionali conseguite nelle singole regioni dalle liste aventi il medesimo contrassegno;
   b) individua le liste che abbiano conseguito sul piano nazionale almeno il 5 per cento dei voti validi espressi;
   c) comunica agli Uffici elettorali regionali, a mezzo di estratto del verbale, l’elenco delle liste di liste individuate ai sensi della lettera b).».

  8. L’articolo 17 del decreto legislativo 20 dicembre 1993, n. 533, è sostituito dai seguenti:
«
Art. 17. – 1. L’Ufficio elettorale regionale procede quindi all’assegnazione dei seggi spettanti nei collegi plurinominali della regione fra le liste individuate dall’Ufficio elettorale centrale nazionale ai sensi dell’articolo 16-bis, lettera b), e incluse nell’elenco di cui all’articolo 16-bis, lettera c). Sono inoltre ammesse al riparto dei seggi le liste non incluse nell’elenco di cui all’articolo 16-bis, lettera c), che abbiano conseguito almeno il 20 per cento dei voti validi espressi nella regione medesima. A tal fine l’Ufficio procede alle seguenti operazioni:
   a) divide il totale delle cifre elettorali regionali di ciascuna lista ammessa al riparto per il numero dei seggi da attribuire, ottenendo così il quoziente elettorale regionale. Nell’effettuare tale divisione non tiene conto dell’eventuale parte frazionaria del quoziente. Divide poi la cifra elettorale regionale di ciascuna lista per tale quoziente. La parte intera del quoziente così ottenuto rappresenta il numero dei seggi da assegnare a ciascuna lista. I seggi che rimangono ancora da attribuire sono rispettivamente assegnati alle liste per le quali queste ultime divisioni hanno dato i maggiori resti e, in caso di parità di resti, a quelle che hanno conseguito la maggiore cifra elettorale regionale; a parità di quest’ultima si procede a sorteggio;
   b) procede quindi alla distribuzione nei singoli collegi plurinominali dei seggi assegnati alle liste ammesse al riparto. A tale fine per ciascun collegio plurinominale divide la somma delle cifre elettorali di collegio delle liste per il numero di seggi da attribuire nel collegio, ottenendo così il quoziente elettorale di collegio. Nell’effettuare tale divisione non tiene conto dell’eventuale parte frazionaria del quoziente così ottenuto. Divide poi la cifra elettorale regionale di ciascuna lista per il quoziente elettorale regionale, ottenendo così il quoziente di attribuzione. La parte intera del quoziente di attribuzione rappresenta il numero dei seggi da assegnare a ciascuna lista. I seggi che rimangono ancora da attribuire sono rispettivamente assegnati alle liste per le quali queste ultime divisioni hanno dato le maggiori parti decimali e, in caso di parità, alle liste che hanno conseguito la maggiore cifra elettorale regionale; a parità di quest’ultima si procede a sorteggio. I seggi che rimangono ancora da attribuire sono rispettivamente assegnati alle liste per le quali le parti decimali dei quozienti di attribuzione siano maggiori e, in caso di parità, alle liste che abbiano conseguito la maggiore cifra elettorale regionale; a parità di quest’ultima si procede a sorteggio. Esclude dall’attribuzione di cui al periodo precedente le liste alle quali è stato già attribuito il numero di seggi ad esse assegnato a seguito delle operazioni di cui alla lettera a). Successivamente l’Ufficio accerta se il numero dei seggi assegnati in tutti i collegi plurinominali a ciascuna lista corrisponda al numero dei seggi determinato ai sensi della lettera a). In caso negativo, determina la lista che ha il maggior numero di seggi eccedentari e, a parità di questi, la lista che tra queste ha ottenuto il seggio eccedentario con la minore parte decimale del quoziente; sottrae quindi il seggio a tale lista nel collegio in cui è stato ottenuto con la minore parte decimale dei quozienti di attribuzione e lo assegna alla lista deficitaria che ha il maggior numero di seggi deficitari e, a parità di questi, alla lista che tra queste ha la maggiore parte decimale del quoziente che non ha dato luogo alla assegnazione di seggio; il seggio è assegnato alla lista deficitaria nel collegio plurinominale in cui essa ha la maggiore parte decimale del quoziente di attribuzione non utilizzata; ripete quindi, in successione, tali operazioni sino alla assegnazione di tutti i seggi eccedentari alle liste deficitarie.
Art. 17-bis. – 1. Il senatore eletto in più collegi plurinominali è proclamato nel collegio nel quale la lista cui appartiene ha ottenuto la minore percentuale di voti validi rispetto al totale dei voti validi del collegio.
2. Il senatore eletto in un collegio uninominale e in uno o più collegi plurinominali si intende eletto nel collegio uninominale».

  9. L’articolo 19 del decreto legislativo 20 dicembre 1993, n. 533, è sostituito dal seguente:
«
Art. 19. – 1.Nel caso in cui rimanga vacante, per qualsiasi causa anche sopravvenuta, un seggio nel collegio uninominale si procede ad elezioni suppletive a cui si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni di cui all’articolo 21-ter.
2. Nel caso in cui rimanga vacante, per qualsiasi causa anche sopravvenuta, un seggio nel collegio plurinominale si applica quanto previsto dall’articolo 84 del testo unico delle leggi recanti norme per l’elezione della Camera dei deputati, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 marzo 1957, n. 361».

  10. All’articolo 20, comma 1, del decreto legislativo 20 dicembre 1993, n. 533, sono apportate le seguenti modificazioni:
   a) l’ultimo periodo della lettera a) è soppresso;
   b) dopo la lettera a) è inserita la seguente:
«
a-bis) nella regione Valle d’Aosta/ Vallèe d’Aoste i partiti ed i gruppi politici organizzati di cui all’articolo 8 presentano candidati ad essi collegati nel collegio uninominale. Alla presentazione delle candidature nel collegio uninominale si applicano le disposizioni di cui all’articolo 93-bis, comma 3, primo, secondo, terzo, quarto, quinto e sesto periodo, nonché le disposizioni dei commi 4 e 6 del medesimo articolo del decreto del Presidente della Repubblica 30 marzo 1957, n. 361. La dichiarazione di presentazione della candidatura deve essere depositata, dalle ore 8 del trentacinquesimo giorno alle ore 20 del trentaquattresimo giorno anteriore a quello dell’elezione, presso la cancelleria del tribunale di Aosta;»
   c) l’ultimo ed il penultimo periodo della lettera b) sono sostituiti dai seguenti: «L’elezione nei collegi uninominali e l’elezione dei candidati cui sono assegnati seggi con metodo proporzionale della regione Trentino-Alto Adige/Südtirol è disciplinata dalle disposizioni dei precedenti articoli, in quanto applicabili, con le modificazioni ed integrazioni di cui al presente titolo. Alla presentazione delle candidature nei collegi uninominali della regione si applicano le disposizioni di cui all’articolo 93-bis, comma 3, primo, secondo, terzo, quarto, quinto e sesto periodo, nonché le disposizioni dei commi 4, 6 e 7 del medesimo articolo del decreto del Presidente della Repubblica 30 marzo 1957, n. 361 In tali disposizioni la parola lista è riferita ai gruppi di candidati presentati per l’elezione nei collegi uninominali della Regione. La presentazione dei gruppi di candidati per la candidatura nei collegi uninominali è effettuata presso della Corte di appello di Trento.»;
   d) la lettera c) è sostituita dalla seguente:
«
c) per ciascun collegio uninominale, la scheda per la votazione reca in un riquadro il contrassegno del partito o gruppo politico organizzato che presenta la candidatura ai sensi dell’articolo 20, comma 1, lettera b-bis), con accanto, sulla destra, il nome e il cognome del candidato nel collegio uninominale. I contrassegni che contraddistinguono i candidati e i relativi riquadri sono posti in successione dall’alto in basso e da sinistra a destra secondo l’ordine stabilito con il sorteggio di cui all’articolo 11, comma 1, lettera a). Qualora il medesimo candidato nel collegio uninominale sia contraddistinto da più contrassegni, tali contrassegni sono posti nella parte sinistra di un medesimo riquadro, in successione dall’alto in basso secondo l’ordine del citato sorteggio, e nella parte destra del medesimo riquadro, in posizione intermedia dall’alto in basso, sono posti il cognome e il nome del candidato nel collegio uninominale;»;
   e) dopo il comma 1 sono inseriti i seguenti:
«1-
bis. L’elettore esprime un voto unico, tracciando un unico segno sul contrassegno del gruppo di candidati prescelto. Il voto espresso in favore del gruppo ovvero di uno dei gruppi di candidati cui è collegato il candidato nel collegio uninominale è espresso anche in favore del candidato nel collegio uninominale. Il voto espresso contrassegnando il nominativo del candidato nel collegio uninominale è un voto espresso anche in favore del gruppo di candidati cui questi è collegato, quando il candidato è collegato ad una solo gruppo di candidati. Il voto espresso contrassegnando il nominativo del candidato nel collegio uninominale collegato a più gruppi è voto valido in favore del candidato medesimo ma non è attribuito ad alcun gruppo cui questi è collegato.
1-
ter. I voti espressi nel collegio della Valle d’Aosta/Vallée d’Aoste e nella regione Trentino-Alto Adige/Südtirol per ciascun gruppo di candidati sono computati dell’Ufficio elettorale centrale nazionale nella determinazione della cifra elettorale nazionale di ciascuna lista avente il medesimo contrassegno del gruppo di candidati, ai fini della determinazione del numero di voti considerato come soglia di accesso alla ripartizione dei seggi.».

  11. All’articolo 20-bis è aggiunto in fine il seguente periodo: «Nella presentazione delle candidature nella regione Trentino-Alto Adige/Südtirol è nulla la candidatura della stessa persona in più di un gruppo di candidati.»
12. All’articolo 21, comma 1, del decreto legislativo 20 dicembre 1993, n. 533, la lettera 
b) è sostituita dalla seguente:
«
b) determina la cifra elettorale di ciascun candidato nel collegio uninominale. Tale cifra è data dalla somma dei voti validi ottenuti dal gruppo ovvero di uno dei gruppi di candidati cui questi è collegato e dei voti attribuiti al candidato ai sensi dell’articolo 20, comma 1-bis, ultimo periodo. Determina la cifra elettorale regionale di ciascun gruppo di candidati. Tale cifra è data dalla somma dei voti validi conseguiti dalla stessa nelle singole sezioni elettorali della regione. L’Ufficio centrale regionale comunica all’Ufficio elettorale centrale nazionale, a mezzo di estratto del verbale, la cifra elettorale regionale di ciascun gruppo di candidati e il totale dei voti validi nella regione ai fini di quanto disposto dall’articolo 20, comma 1-ter.».

  13. All’articolo 21-bis, il comma 3 è sostituito dal seguente:
«3. L’ufficio elettorale regionale assegna i seggi sulla base della graduatoria decrescente delle cifre elettorali dei gruppi di candidati, come calcolate ai sensi del comma 2.».

  14. Le tabelle A e B, allegate al decreto legislativo n. 533 del 1933, sono sostituite dalle tabelle A e B di cui all’Allegato 2 alla presente legge.

ART. 3.
(Delega al Governo per la determinazione dei collegi uninominali e dei collegi plurinominali).

  1. Per l’elezione della Camera dei deputati, il Governo è delegato ad adottare, entro quarantacinque giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, ai sensi dell’articolo 14 della legge 23 agosto 1988, n. 400, un decreto legislativo per la determinazione dei collegi uninominali e dei collegi plurinominali nell’ambito di ciascuna circoscrizione di cui alla tabella A allegata al decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957, sulla base dei seguenti princìpi e criteri direttivi:
   a) fatto salvo quanto stabilito per le circoscrizioni Valle d’Aosta/Vallée d’Aoste e Trentino-Alto Adige/Südtirol, nelle restanti circoscrizioni del territorio nazionale per l’elezione della Camera dei deputati sono costituiti 303 collegi uninominali ripartiti in ciascuna circoscrizione in numero proporzionale alla rispettiva popolazione determinata sulla base dei risultati dell’ultimo censimento generale della popolazione, come riportati dalla più recente pubblicazione ufficiale dell’Istituto nazionale di statistica;
   b) con esclusione delle circoscrizioni Valle d’Aosta/Vallée d’Aoste e Trentino-Alto Adige/Südtirol in ciascuna delle altre circoscrizioni del territorio nazionale sono costituiti collegi plurinominali formati dalla aggregazione di collegi uninominali contigui e tali che a ciascuno di essi sia assegnato, con le modalità di cui alla lettera a), un numero non inferiore a due e non superiore a quattro dei seggi da attribuire ai sensi degli articoli 83 e 83-bis del decreto del Presidente della Repubblica 30 marzo 1957, n. 361. Uno dei seggi assegnati alla circoscrizione Molise è attribuito ai sensi dei citati articoli 83 e 83-bis. In ciascuna circoscrizione il numero dei collegi plurinominali è determinato di norma aggregando il territorio di tre ovvero quattro collegi uninominali contigui, salvo che non sia altrimenti necessario per completare l’aggregazione di tutti i collegi uninominali costituiti nella circoscrizione;
   c) la popolazione di ciascun collegio uninominale può scostarsi dalla media della popolazione dei collegi della circoscrizione di non oltre il 15 per cento in eccesso o in difetto;
   d) nella formazione dei collegi uninominali e nella formazione dei collegi plurinominali sono garantite la coerenza del bacino territoriale di ciascun collegio e, di norma, la sua omogeneità sotto gli aspetti economico-sociale e delle caratteristiche storico-culturali, nonché la continuità del territorio di ciascun collegio, salvo il caso in cui il territorio stesso comprenda porzioni insulari. I collegi uninominali, di norma, non possono dividere il territorio comunale, salvo il caso dei comuni che, per le loro dimensioni demografiche, comprendano al loro interno più collegi. Nelle zone in cui siano presenti minoranze linguistiche riconosciute, la delimitazione dei collegi, anche in deroga ai princìpi e criteri direttivi di cui al presente comma, deve tenere conto dell’esigenza di agevolare la loro inclusione nel minor numero possibile di collegi;
   e) nella circoscrizione Trentino-Alto Adige/Südtirol, in base ai princìpi e criteri direttivi stabiliti dall’articolo 7 della legge 4 agosto 1993, n. 277, i collegi uninominali sono determinati assicurando che il territorio di nessun collegio sia compreso in più di una circoscrizione provinciale;
   f) nella circoscrizione Friuli Venezia Giulia uno dei collegi uninominali è costituito in modo da favorire l’accesso alla rappresentanza dei candidati che siano espressione della minoranza linguistica slovena, ai sensi dell’articolo 26 della legge 23 febbraio 2001, n. 38;

  2. Con il medesimo decreto legislativo di cui al comma 1, il Governo è delegato a determinare i collegi uninominali e i collegi plurinominali ai fini dell’elezione del Senato della Repubblica, nell’ambito di ciascuna regione, sulla base dei seguenti princìpi e criteri direttivi:
   a) fatto salvo quanto stabilito per la circoscrizione Valle d’Aosta/Vallée d’Aoste e Trentino-Alto Adige/Südtirol, nelle restanti regioni del territorio nazionale per l’elezione del Senato della Repubblica sono costituiti 150 collegi uninominali. Nella regione Molise è costituito un collegio uninominale. I restanti collegi uninominali sono ripartiti nelle altre regioni in numero proporzionale alla rispettiva popolazione determinata sulla base dei risultati dell’ultimo censimento generale della popolazione, come riportati dalla più recente pubblicazione ufficiale dell’Istituto nazionale di statistica;
   b) i collegi uninominali sono costituiti in ciascuna regione in numero determinato, di norma, dalla aggregazione di due collegi uninominali contigui costituiti per l’elezione della Camera dei deputati ai sensi del comma 1, salvo che non sia altrimenti necessario per il minore numero dei collegi uninominali costituiti per l’elezione della Camera dei deputati, ovvero per completare l’aggregazione di tutti i collegi uninominali costituiti per l’elezione della Camera dei deputati in collegi uninominali per l’elezione del Senato della Repubblica;
   c) con esclusione delle circoscrizioni Valle d’Aosta/Vallée d’Aoste e Trentino-Alto Adige/Südtirol in ciascuna delle altre regioni sono costituiti collegi plurinominali formati dall’aggregazione, di norma, di due ovvero tre collegi uninominali contigui e tali che a ciascuno di essi sia assegnato, con le modalità di cui alla lettera a), un numero non inferiore a due e non superiore a quattro dei seggi da attribuire ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 20 dicembre 1993, n. 533; uno dei seggi assegnati alla circoscrizione Molise è attribuito ai sensi del citato articolo 17;
   d) nella aggregazione dei collegi contigui sono garantite la coerenza del bacino territoriale di ciascun collegio che si costituisce e, di norma, la sua omogeneità sotto gli aspetti economico-sociale e delle caratteristiche storico-culturali, nonché la continuità del territorio di ciascun collegio, salvo il caso in cui il territorio stesso comprenda porzioni insulari. I collegi, di norma, non possono dividere il territorio comunale, salvo il caso dei comuni che, per le loro dimensioni demografiche, comprendano al loro interno più collegi. Nelle zone in cui siano presenti minoranze linguistiche riconosciute, la delimitazione dei collegi, anche in deroga ai princìpi e criteri direttivi indicati nella presente lettera, deve tenere conto dell’esigenza di agevolare la loro inclusione nel minor numero possibile di collegi;
   e) nella regione Trentino-Alto Adige/Südtirol, in base ai princìpi e criteri direttivi stabiliti dall’articolo 7 della legge 4 agosto 1993, n. 277, i collegi uninominali sono determinati assicurando che il territorio di nessun collegio sia compreso in più di una circoscrizione provinciale;
   f) nella regione Friuli Venezia Giulia uno dei collegi uninominali è costituito in modo da favorire l’accesso alla rappresentanza dei candidati che siano espressione della minoranza linguistica slovena, ai sensi dell’articolo 26 della legge 23 febbraio 2001, n. 38.

  3. Ai fini della predisposizione degli schemi dei decreti legislativi di cui ai commi 1 e 2, il Governo si avvale di una commissione composta dal presidente dell’Istituto nazionale di statistica, che la presiede, e da dieci esperti in materia attinente ai compiti che la commissione è chiamata a svolgere, senza nuovi o maggiori oneri per il bilancio dello Stato.
4. Gli schemi dei decreti legislativi di cui ai commi 1 e 2 sono trasmessi alle Camere entro venti giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, ai fini dell’espressione dei pareri delle Commissioni parlamentari competenti per materia, che sono resi entro quindici giorni dalla ricezione di ciascuno schema. Qualora il decreto legislativo non sia conforme al parere parlamentare, il Governo, contemporaneamente alla pubblicazione del decreto, deve inviare alle Camere una relazione contenente adeguata motivazione.
5. Si prescinde dal parere di cui al comma 4 qualora non sia espresso entro i termini ivi previsti.

Cyberbullismo. La dichiarazione di voto di Pia Locatelli

“Ho più volte sollecitato, anche in quest’aula – afferma nella sua dichiarazione di voto, Pia Locatelli, presidente del gruppo Psi alla Camera – la rapida applicazione della legge contro il cyberbullismo. I fatti di cronaca, i suicidi di tanti giovani, da Carolina a Tiziana ad Andrea a Nadia, vittime della gogna mediatica lasciate senza tutele e protezione,  rendono un intervento legislativo urgente e non più rinviabile.

Per questo motivo il gruppo socialista voterà a favore di questo provvedimento, anche se non possiamo non notare, come hanno già fatto il relatore Beni e la collega Campana nel corso della discussione generale, che si tratta di un’occasione mancata, di un provvedimento monco.

La Camera aveva incluso nella legge il bullismo ed esteso il provvedimento ai maggiorenni, ritenendo che bullismo e cyberbullismo non possono essere considerati due reati separati e che se è vero che le vittime sono spesso minori è anche vero che i cyberbulli sono spesso maggiorenni.  Basti pensare alla recente pubblicazione del catalogo online di donne single “disponibili”, fatto con informazioni illecitamente carpite dai profili Facebook, in vendita al modico prezzo di 6,74 euro.

La maggioranza in Senato non ha ritenuto di approvare questo nostro ampliamento, ma appunto l’urgenza di avere un testo approvato prima dell’inizio del nuovo anno scolastico ci induce a non apportare nuove modifiche.

Questo provvedimento, comunque, se pur mutilato contiene molti aspetti positivi puntando non solo alla “punizione” ma soprattutto alla prevenzione e all’informazione: molti giovani che commettono atti di cyberbulllismo non sanno che stanno commettendo un reato. Per questo è fondamentale il coinvolgimento delle scuole in un processo di collaborazione con le famiglie. La legge è un primo passo che certamente non risolverà il problema ma, essendo un grave problema sociale, va affrontato con tutti i mezzi e le azioni possibili a cominciare dal controllo da parte dei gestori dei social network, la cui azione tempestiva è fondamentale e indispensabile.

Le proposte di socialisti e radicali

Il segretario del Psi Riccardo Nencini e il Segretario dei Radicali Italiani Riccardo Magi, hanno presentato oggi in conferenza stampa, presso la Sala stampa della Camera dei Deputati, le proposte di modifica alla legge elettorale dei socialisti e dei radicali nei giorni in cui le forze politiche di maggioranza e di opposizione stanno cercando un accordo condiviso.

Alla luce dell’appello del Capo dello Stato a dotare il paese di una nuova legge elettorale e a seguito delle sentenze della Corte costituzionale, è urgente rendere omogenei i meccanismi di selezione dei parlamentari tra Camera e Senato e rafforzare il ruolo di scelta da parte degli elettori.

Il Psi e i radicali hanno sottoposto all’attenzione delle forze politiche l’adozione di un sistema basato sui seguenti criteri:

  1. meccanismo elettorale di tipo maggioritario a turno unico, da applicare in collegi uninominali pari al 90% dei seggi della Camera e del Senato da assegnare in ambito nazionale (con esclusione, quindi, dei seggi riservati alle circoscrizioni estero di entrambi i rami);

  2. previsione di un “premio di governabilità” pari al 10% dei seggi da attribuire alla coalizione che abbia conquistato il maggior numero di seggi nei collegi uninominali;

  3. elezione alla carica di deputato o senatore, in primo luogo, dei candidati vincenti nei singoli collegi uninominali, e, in secondo luogo, dei “migliori perdenti” compresi nella lista o coalizione che abbia ottenuto il premio di governabilità: a tal fine vengono presi in considerazione i candidati di collegio con le percentuali più alte fino a concorrenza dei mandati da assegnare con il premio.

Obiettivi della riforma:

  1. l’opportunità di ripristinare un reale ed efficace rapporto di rappresentanza tra elettori ed eletti, incoraggiato dal collegio uninominale rispetto ad altre soluzioni, così da consentire ai cittadini di scegliere in modo più diretto e consapevole i propri rappresentanti parlamentari, nell’ambito di aree territoriali non troppo vaste e quindi con beneficio anche sul lato del contenimento delle spese elettorali;

  1. l’ incentivo alla formazione di una maggioranza parlamentare conforme al risultato elettorale complessivo e con una logica premiale per la forza politica che abbia già conquistato, nei vari collegi uninominali, la maggioranza dei seggi in palio;

 

  1. la conservazione del carattere parlamentare della forma di governo prevista dalla Costituzione.

 

Rome Parliamentary Appeal

Rome Parliamentary Appeal

The 2017 International G7/G20 Parliamentarians’ Conference

The Challenges of a World on the Move:

Migration and Gender Equality, Women’s Agency and Sustainable Development

Rome, 4-5 May, 2017

  1. We, members from 45 parliaments from all over the world  gathered in Rome, Italy on May 4thand 5that the International G7/G20 Parliamentarians’ Conference “The Challenges of a World on the Move: Migration and Gender Equality, Women’s Agency and Sustainable Development, Empowering women and girls to lead self-determined, healthy and productive lives”,
  2. We met at a time of greatest humanitarian crisis that the world has recently seen with an unprecedented numbers of migrants, refugees and internally displaced people.  There are over 250 million people in the world living in countries other than in which they were born: 70 million of them are refugees and half of the refugees are women and girls, who are particularly vulnerable when on the move. The average time of displacement among the world’s refugee population has now reached 20 years,
  3. Today, we reaffirm the overarching 2030 Agenda forSustainable Development: “Transforming our world” adopted in 2015 and stress that it recognizes the “positive contribution of migrants for inclusive growth,” while observing the “multidimensional reality” of international migration and call for “orderly, safe, regular and responsible migration and mobility of people, including through the implementation of planned and well-managed migration policies” (Target 10.7),
  1. We reaffirm the Programme of Action of the International Conference on Population and Development of 1994 and the Beijing Declaration and Platform for Action of 1995, which emphasize the importance of protecting and empowering women and girls; the key actions for their further implementation and the outcomes of their review conferences, constituting regional plans of actions as well as the WHO Global Strategy for Women’s Children’s and Adolescent’s Health (2016-2030),
  2. We reaffirm the UN Convention on the Protection of the rights of all Migrant Workers and members of their families, the Convention on the Elimination of all Forms of Discrimination Against Women (CEDAW), the UN Convention on the Rights of the Child, the Protocol of trafficking in persons, especially Women and Children, the UN Security Council Resolution 1325 on Involvement of Women in Peace and Security and the other relevant documents on the same issues, as well as  the adopted, existing body of international law designed to protect and promote human rights and the final outcomes of the regional parliamentary conferences of the parliamentary networks on population and development,
  1. We recognize the importance of the Paris Agreement on climate change adopted during COP21 in 2015 as an unprecedented breakthrough for action on migration and climate; it specifically refers to migration and human mobility, calling for respecting and promoting the rights of migrants. We also recognise the need for a comprehensive response to migration and stress the impact that the climate change has on women, girls and their health,
  1. We reaffirm the previous parliamentary statements addressing sexual and reproductive health and rights, specifically the “2014 Stockholm Statement of Commitment on the Implementation of the International Conference on Population and Development Beyond 2014”, as well as the 2015 Berlin Parliamentary Appeal  of the International G7/20 Parliamentarians Conference, and the 2016 Tokyo Declaration and Recommendations to the G7 from the Global Conference of Parliamentarians on Population and Development Towards the 2016 G7 Ise-Shima Summit and that the present Rome 2017 G7/20 Parliamentary Appeal builds upon these previous Parliamentary statements.

Whereas we stress that:

In regards to harnessing the demographic dividend:

  1. Migration is a key enabler for social and economic development in countries of origin and destination and an important vehicle for the human development of migrants and their families.  Migrants can boost social welfare systems in many countries that need new labour to support an ageing population,
  2. Expanded investments in empowerment and education have lasting effects throughout life; particularly those that focus on the critical juncture of adolescence and that take into account the vulnerabilities that come from gender identity, sexual orientation, ethnic/indigenous background, and physical and mental disabilities.When such investments extend broadly across the population groups including migrants, they result in a surge of human capital into society. If young people are realistic about their country of destination and are met with an inclusive society and an economy that offers real opportunities for decent work, accelerated development can occur in the course of a generation,
  3. Ensuring that everyone can build their capabilities and shape their future means eliminating barriers that come from the above vulnerabilities and that are faced by countless young people. The chance for millions of girls worldwide to realize their potential and contribute to development is derailed by child,  or forced marriage, unplanned pregnancies or poor access to quality health care, with spiraling impacts on educational attainment and labor-force participation,
  4. Easy access to sexual and reproductive health and reproductive rights services therefore is essential for women’s empowerment for the health of girls and women, their lifelong prospects and well-being, and their ability to contribute fully, at all ages, to sustainable development,
  5. When women and girls have access to sexual and reproductive health and their reproductive rights are promoted, in conjunction with comprehensive relationship and sex education, gender equality and access to voluntary modern contraception, they decide if, when and how many children to have, thus having a direct impact on  demographic transition to sustainable development,

In regards to sexual and reproductive health and rights:

  1. Women on the whole still lack satisfactory access to sexual and reproductive health and rights and displaced women and girls are particularly vulnerable to high-risk and unplanned pregnancies, miscarriages, perinatal complications, unsafe abortions, unsafe deliveries, and resulting poor health outcomes and sometimes deaths. In humanitarian settings one in five women of childbearing age is likely to be pregnant and thus complications that occur during pregnancy or childbirth in these settings can prove fatal without timely assistance,
  2. Even where these services exist, women may have difficulty accessing them as a result of poor information or lack of financial means, even more so women who are from indigenous population, of foreign descent, and/or living in rural and remote areas. Many pregnant women and girls end up giving birth without assistance from a skilled health worker. In order to survive and thrive, women and girls of reproductive age need quality, age appropriate and culturally sensitive sexual and reproductive health services, as well as information, support and supplies to prevent sexually transmitted infections, including HIV/AIDS,
  3. Providing family planning information, services, and free supplies to the more than 200 million women who have the right and who want to use family planning but do not have access could reduce maternal mortality by up to one-third and infant mortality by one-fifth, while significantly reducing maternal and newborn healthcare costs. This also means decreasing health expenditure,
  4. Women with choices, taking informed decisions about their reproductive health are better empowered to seek and keep better jobs and contribute more to their families, nations and global prosperity,  thus reducing the cycle of poverty. Their families are better-off financially and their children receive better education, helping trigger a cycle of prosperity that carries over well into future generations. This produces demographic dividends and enhances global prosperity,
  5. Child marriage threatens the lives and health of girls. It compromises a girl’s development by resulting in often coerced sexual relations, early pregnancy and social isolation, interrupting her schooling, limiting her opportunities for career and vocational advancement and placing her at increased risk of domestic violence,

In regards to human capital and migration:

  1. Migration is a key enabler for social and economic development in countries of origin and destination. It is also an important vehicle for the human development of migrants and their families, enlarging their capabilities, opportunities and choices that can improve their lives and those of their family members,
  2. The key is to promote the productive engagement of people in home countries, as well as abroad, and to promote a circular flow, rather than a one-way emigration. In this light, it is important to empower, educate and employ people at home, enlarging their opportunities, giving them tools, and giving them hope to make a productive contribution,
  3. Settling internal and external disputes presents a major contribution to tackling the root causes and challenges of migration,

We Parliamentarians are determined to fulfill our role as legislators in particular to strengthen our monitoring role to ensure that gender equity and equality, women’s empowerment and women’s rights become pillars of day-to-day policies on humanitarian action. Therefore today, we the Parliamentarians commit and call upon G7/G20 Heads of State:

  1. To adopt coherent policies that strengthen development focus in the countries of origin, while stressing the co-responsibility of European Union countries and of the ones who are receiving high number of migrants,
  1. To work on adopting policies that embrace the contribution migration makes to the political, economic, social and cultural fabric of countries of origin and destination alike, as well as to the global community, and build better systems for monitoring the development benefits of migration,
  2. To promote, protect and fulfill human rights and fundamental freedom of all migrants effectively, regardless of their migration status, especially those of women and children by incorporating a gender perspective and the human rights based approach into policies and strengthening national laws, institutions and programmes to prevent and combat gender-based and sexual violence in particular increased cooperation to combat human trafficking  and to support victims especially  women and girls and all types of sexual violence,
  3. To create an environment where girls and women are  no longer excluded from  building a less vulnerable, safer  and more resilient world, but are key part of the solution to achieving  sustainable development,
  1. To recognize that the detention of migrants and refugees including women and children is a violation of human rights. Such imprisonment is an affront to the integrity of a person and must end. Migrants and refugees must have access to quality health services including mental health services and legal aid,
  1. To facilitate the recognition of migrant women’s previous study and the work careers they had in the countries of origin, in the moment in which they pursue new study or look for a job in the destination country,
  1. To promote training and organizing of migrant women in countries of destination and of origin (pre-departure and after-return) with a focus on enhancing their economic independence, e.g. with activities to foster independent and informed management of remittances and savings,
  2. To promote cooperation and collaboration on all areas of migration to develop policies and procedures (such as memorandum of understanding on female migrant workers, ethical recruitment code, ecc) also involving and supporting diaspora networks or encouraging repatriation of knowledge and skills,
  1. To strengthen health systems to achieve greater equity in delivering health care including sexual and reproductive health and rights whose achievement is at the core of sustainable development, contributing to each of its three pillars: social, economic and environmental,
  1. To guarantee access to integrated, comprehensive sexual and reproductive health and rights services including legal, psychological and medical – gynecological, information and education to any person regardless of their gender and sexual orientation, legally or illegally arriving in host countries and to recognize that these are crucial for people to protect themselves from harm and should be made available to everyone.   We also call upon decision makers to implement measures to eliminate gender based violence, including harmful practices such as child and forced marriage and female genital mutilation and / or cutting,
  1. To support the United Nations Population Fund (UNFPA) politically and financially to fulfil a leading role in ensuring universal access to SRH and the Minimum Initial Service Package (MISP) for sexual and reproductive health in order to build resilience and readiness for safeguarding maternal, new-born, child and adolescent health services regardless of the changing political circumstances,
  1. To recognize women’s organisations and women’s movement as a key actor to achieve women’s rights and gender justice and to guarantee the coproduction of public policies and to actively promote good governance with full participation of civil society,
  1. To provide age appropriate relationship and sex education and establish a universal health coverage  system that focuses on universal access to full sexual and reproductive health services including family planning and information for young people, addressing the negative social consequences of gender stereotypes,
  1. To build a continued evidence base (data disaggregated by migration status, gender and age) in order to:
  2. inform decision makers,
  3. regularly evaluate policies and programmes,
  4. ensure political commitment,
  5. address the challenge of financing and create an enabling environment at all levels for sustainable development,
  6. in the spirit of global partnership, using international public finance, including ODA, to catalyze additional resource mobilization from other sources, both public and private,
  1. To support the G7 roadmap for a gender responsive economic empowerment and the gender task force.

We, members of parliaments from 45 countries urge the G7 and G20 to take into account the above issues at the G7 Summit in Taormina, Italy on 26 and 27 May 2017.

Il saluto di Pia Locatelli

Do il benvenuto e saluto la presidente della Camera Laura Boldrini e la vice-presidente vicaria del Senato Linda Lanzillotta e le ringrazio per il supporto ed il contributo di Camera e Senato alla conferenza; saluto il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, la sottosegretaria Maria Elena Boschi, le parlamentari presenti, ospiti e i relatori. Ringrazio il personale tutto del Parlamento per la generosa e competente collaborazione.

Infine un saluto speciale alla nostra ospite speciale, la Consigliera di Stato del Myanmar, Aung San Suu Kyi, che ha accettato di partecipare a questa conferenza, impegnandosi in un lungo viaggio. Gliene siamo profondamente grate.

Sono felice e onorata di aprire i lavori di questa Conferenza Internazionale dei/delle Parlamentari dei Paesi G7 e G20 e dei Paesi del Sud ed emergenti (o donatori). L’iniziativa continua una tradizione ormai decennale delle conferenze in tema di popolazione e sviluppo che hanno luogo nei Paesi che ospitano la presidenza G7.

Ogni anno l’ European Parliamentary Forum on Population and Development (EPF), le parlamentari del Gruppo di lavoro che si occupa di salute e diritti delle donne” (APPG, All-Party-Parliamentary-Group) e una ONG del Paese ospitante il G7, organizzano questo evento con l’intento di sensibilizzare i governi G7 e G20 e influenzare la loro agenda con impegni in favore della parità di genere, della salute e dei diritti sessuali e riproduttivi delle donne e delle ragazze, nel quadro ora degli obiettivi di sviluppo sostenibile e dell’Agenda 2030.

Quest’anno, in vista del vertice di Taormina di fine mese, il compito spetta all’Intergruppo parlamentare “Salute globale e diritti delle donne”, che ho il piacere di coordinare, in collaborazione con AIDOS (Associazione Italiana Donne per lo Sviluppo) e naturalmente con EPF.

Inevitabilmente, per attualità e agenda della presidenza italiana la conferenza non poteva che affrontare il tema delle migrazioni , nel linguaggio ONU: People on the Move.

Noi lo abbiamo declinato al femminile parlando di SHE MOVES e dando alla conferenza il titolo “The Challenges of a World on the Move: Migration and Gender Equality, Women’s Agency and Sustainable Development”.

Circa 250 milioni di persone vivono in un paese diverso da quello in cui sono nate. Una presenza che ha generato paura, intolleranza, razzismo. Il nostro mondo non è stato finora in grado di fornire risposte adeguate e questo ha rafforzato populisti e xenofobi che non hanno esitato ad alimentare insicurezza e odio. Alcuni Paesi hanno innalzato muri e barriere. Altri, come l’Italia, e dobbiamo essere fieri di questo, pur essendo stati lasciati soli, hanno continuato a salvare vite umane .

In questi due giorni di dibattito analizzeremo il tema delle migrazione con ottica di genere e da prospettive diverse. Ci auguriamo che il nostro lavoro sia utile perché i governi G7 e G20 rinnovino i loro impegni in tema di cooperazione internazionale affrontando le questioni migratorie, con una particolare attenzione alle esigenze e ai bisogni delle donne e delle ragazze.

La nostra sfida è di trasformare ciò che oggi è problema in opportunità. Insieme possiamo farcela.

Dichiaro aperti i lavori e do la parola alla Presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini.

Dichiarazione di voto di Pia Locatelli sulla legittima difesa 

Noi socialisti, come è noto siamo sempre stati garantisti e contrari alla “giustizia fai da te”. L’esempio negativo degli Stati Uniti dove è lecito l’uso e l’abuso delle armi per difendersi che ha prodotto tante vittime innocenti, dovrebbe essere un monito per quanti in quest’aula propongono provvedimenti che porterebbero il Paese a una sorta di Far West.

Siamo stati quindi pienamente d’accordo con il lavoro svolto dalla Commissione che ha respinto fermamente la proposta originaria presentata dalla Lega, volta ancora una volta ad accontentare la pancia del Paese sull’ondata emotiva dei crimini avvenuti nei confronti dei cittadini.

Siamo fermamente convinti che i colpevoli di tali crimini vadano arrestati e processati, così come sosteniamo il diritto dei cittadini a difendersi in caso di gravi aggressioni, soprattutto quando queste avvengono all’interno del proprio domicilio o dove si esercita la propria attività.

Non possiamo però accettare che questo diritto venga esteso in modo espansivo al punto da far passare il principio che una vita umana valga meno dei beni materiali che si vogliono tutelare. Deve sempre sussistere un pericolo concreto, attuale e imminente. Il nostro parere è il medesimo di quello esposto dai magistrati, dagli avvocati e dai docenti auditi in Commissione giustizia: il cittadino non deve mai sostituirsi, o addirittura superare lo Stato, nell’esercizio della repressione del crimine. Questo testo così come è stato rivisto va contro tutti i nostri principi di garantismo. Parlare di colpa che viene “sempre esclusa” quando l’errore è conseguenza del “grave turbamento psichico”, potrebbe essere interpretata come un’autorizzazione a sparare ogni qualvolta si è spaventati a prescindere da chi ci si trova di fronte. Come socialisti quindi non possiamo votare a favore e annunciamo l’astensione del nostro Gruppo.

Dichiarazione di voto di Pia Locatelli, capogruppo Psi alla Camera, sulla risoluzione di maggioranza

Purtroppo noi non abbiamo voluto la Brexit, non l’ha voluta la stragrande maggioranza dei cittadini europei, ma siamo tutti oggi costretti a subirla. Per la verità riteniamo anche che gli stessi cittadini britannici, che con una risicata maggioranza si sono espressi per il leave, abbiano maturato e stiano maturando una maggiore consapevolezza dei rischi e dei costi che questa scelta comporta per loro e per il resto dell’Unione, ma ormai siamo obbligati ad amministrare quella che si rivelerà come una sconfitta collettiva.

Apprezziamo dunque la linea di prudenza e di fermezza che il Governo italiano, di concerto con gli altri Governi europei, manterrà nel negoziato con Londra.

Sottolineiamo in particolare l’importanza di difendere i diritti degli europei che vivono in Gran Bretagna per quanto attiene la residenza permanente e per scongiurare un abbassamento delle loro prerogative prima della conclusione dei negoziati ricordando che ci sono circa 600 mila italiani che vivono oggi stabilmente nel Regno Unito.

Sosteniamo convintamente inoltre la proposta di destinare i 73 seggi lasciati vacanti al Parlamento europeo a liste transnazionali, per favorire il processo di legittimazione delle istituzioni europee e la competizione tra diversi programmi e differenti partiti politici, non più su base nazionale, ma continentale e transnazionale. Condividiamo pienamente questo passo perché potrebbe essere il primo in direzione di una rifondazione dell’Unione soprattutto se con le elezioni del 2019 del Parlamento europeo si aprisse la strada anche all’elezione diretta del Presidente dell’Unione.

I socialisti voteranno perciò a favore della risoluzione della maggioranza.

Intervento del Presidente del gruppo del Psi Pia Locatelli nel dibattito generale sulle comunicazioni del Presidente del Consiglio in vista del Consiglio europeo sulla Brexit

Il giorno in cui il Consiglio europeo ha ricevuto dalla Prima Ministra britannica la notifica dell’intenzione di uscita del Regno Unito dall’Unione europea noi europeisti lo abbiamo sentito come un lutto. Qualcuno ha parlato di 8 settembre britannico, altri di ponte levatoio sulla Manica; noi lo abbiamo sentito come mutilazione sia dell’Unione come entità sia del progetto europeo. Era evidente che la Brexit avrebbe comportato conseguenze sugli altri Stati membri e, per quanto possa apparire paradossale, aveva ragione Emma Bonino quando diceva che non dovevano essere solo i cittadini britannici a decidere della loro uscita dalla UE, perché è chiaro che l’esito del referendum pesa e peserà su tutti noi.

È stato detto che affronteremo le trattative in modo costruttivo, adoperandoci per trovare un accordo e augurandoci che in futuro il Regno Unito resti un partner stretto. I primi segnali di difficoltà, però, vengono dalla richiesta britannica di doppio negoziato per un nuovo accordo di partnership e, insieme, per l’uscita dalla UE.

Non è possibile fare due negoziati in parallelo, lo ha detto il sottosegretario Sandro Gozi; sono già difficili e complessi anche se li facciamo in successione. E poi alcune regole ineludibili, pur nel rapporto di amicizia e alleanza. Ad esempio, come ha già detto il Presidente del Consiglio, la Gran Bretagna non può pensare di scegliersi del mercato unico solo la parte che preferisce, perché l’accesso al mercato unico europeo implica l’accettazione delle quattro libertà della UE: libera circolazione di beni, di capitali, di servizi e pure delle persone, la parte di cui Theresa May farebbe volentieri a meno. Negoziati difficili e in più elezioni in arrivo, perché saranno le prossime elezioni nei tre principali Paesi UE, Francia, Germania ed Italia, a determinare il futuro della UE. Fortunatamente, i primi segnali che ci sono venuti dall’Olanda e che ci stanno venendo dalle elezioni francesi sono nella direzione positiva.

Biotestamento. La dichiarazione di voto di Pia Locatelli alla Camera

Oggi è un giorno buono per i socialisti, per questo Parlamento, per l’Italia: un passo fondamentale è stato fatto per l’applicazione dell’articolo 32 della Costituzione secondo il quale nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario. Un diritto costituzionale che finalmente, con questo provvedimento, diventa dovere per il sistema sanitario nazionale.

Noi socialisti siamo da sempre in prima linea in questa battaglia, a fianco degli amici radicali, dell’Associazione Luca Coscioni e di Beppino Englaro che ci ha aiutato a elaborare la nostra proposta di legge, presentata all’inizio di questa legislatura.

Non è stato un cammino facile e siamo consapevoli che il testo presenta alcune ambiguità che consentiranno ritardi o rinvii. Però consente di dire no alle cure, di interromperle, se un malato non le regge più; pone uno stop all’accanimento terapeutico; prevede la sedazione continua e profonda, che consente che la morte arrivi in modo dignitoso, introduce la figura del fiduciario a garanzia del rispetto della volontà di chi è diventato incapace, e nessun esonero nell’applicazione della legge è previsto per i soggetti privati. Tutti aspetti positivi a fianco di alcune ambiguità e ombre, una di queste l’introduzione di una sorta di obiezione di coscienza, ambiguità che abbiamo segnalato nella fase di approvazione degli emendamenti.

Abbiamo lavorato per quasi un anno per ottenere la calendarizzazione del provvedimento e un altro in Commissione per avere un testo condiviso. Il risultato è il frutto dell’impegno di forze politiche diverse, di un lavoro trasversale, come a volte avviene sui temi etici e apprezziamo che il governo abbia lasciato al Parlamento la piena responsabilità della legge.

Questa legge è un buon compromesso, e sappiamo che nei compromessi ciascuna parte rinuncia a qualcosa, ma si tratta di un primo importante passo, anche se l’opinione pubblica lo ha già definito insufficiente.

Siamo però solo a metà percorso. Ci aspetta un passaggio al Senato che sarà forse ancora più arduo. Speriamo di non arrivare alla fine della legislatura a mani vuote. Il Paese non ce lo perdonerebbe.
I socialisti voteranno a favore.