Se l’Italia è un luogo comune, non è certo un belvedere!

Italia-pizza e mandolinoE guardo il mondo da un pc. Mi sento come un pensionato parcheggiato su una panchina di Villa Borghese a dare le molliche di pane ai piccioni. Al mio fianco non c’è niente e nessuno, neanche il kompagno Walter. E come un ottuagenario mi lamento con i pennuti. «Oramai ti fanno pagare anche l’aria che respiri. Quando cade la fetta biscottata cade sempre dalla parte della marmellata. Lo spinello porta inevitabilmente all’eroina». Lo sconforto mi assale, mentre ripeto come un mantra ai piccioni: «Non ci sono più i grillini di una volta. Il capogruppo Morra ha ricordato Salvatore Borsellino». E meno male che il presidente Grasso lo ha rimbrottato: «Dobbiamo ricordare Paolo Borsellino, non credo che Salvatore (fratello di Paolo, ndr) sia ancora in condizione di essere ricordato». Bontà sua e del suo piglio ironico pure di fronte ai morti. Salvatore Borsellino, per la serie non è vero ma ci credo, si “gingilla con i gioielli di famiglia”. Mi lamento, biascico con la voce roca per le troppe sigarette. Ho rotto le scatole pure ai piccioni. Se ne vanno. Prima però lasciano cadere sul colletto della mia polo sdrucita un souvenir dai cieli di Roma. Parlo con me stesso, e mi rispondo pure. “Non ci sono più i mitici Magazzini Mas”. “Sì, è tutto vero: dal 31 dicembre chiudono bottega”. Continua a leggere

Quell’eterno giovane del Pd che si è scoperto “piccione”. Il segreto per non essere investiti è volare basso: parola di Povia

Renzi-Povia-piccione

L’eterno giovane del Pd è cresciuto e scalpita quando il padre gli ripete col vocione di chi ne ha viste tante e molte più di lui: “Fai il bravo Matteo…resta al tuo posto che vedrai, prima o poi, verrà anche il tuo turno”. Si sa quanti danni può fare un’educazione castrante e quanto dolore si celi dietro anni di continui “no”. Ma l’enfant prodige di Firenze oramai è un uomo bello e fatto: il rottamatore ha fiutato il pericolo di una sua rottamazione, ha capito in questo ordine che il suo turno non verrà mai, che non vuole finire impallinato come uno dei tanti “piccioni” che svolazzano tra il Campanile del Duomo e il corridoio del Vasari, e che Babbo Natale non esiste. Continua a leggere

Moda, farfalle multicolori su abiti e accessori

Lie-sang-bong-farfalleSimbolo della primavera, in tante credenze popolari italiane, è identificata come portatrice di buone notizie. E questa Estate sarà presente in numerose collezioni di abbigliamento e accessori. Stiamo parlando della farfalla, il lepidottero dalle ali grandi e multicolorate che ha sedotto anche celebri ideatori di moda come Tomas Maier, direttore creativo di Bottega Veneta, e la stilista koreana, Lie Sang Bong che ha proposto farfalle sugli abiti della sua collezione Primavera-Estate 2013. Ma se un abito o un accessorio, caratterizzato dalla presenza di farfalle non dovesse essere sufficiente per la buona sorte, è di tendeza il cosiddetto “butterfly wedding”: al posto del riso, si lasciano volare centinaia di farfalle colorate. Continua a leggere

Moda, estate 2013: costume anni ’50, intero e trikini

Beachwear-Estate 2013Costumi anti-cellulite e contenitivi. Queste le principali novità di questa sempre più vicina estate 2013. La maison “Ritratti Milano” ha ideato il costume anticellulite, realizzato con un tessuto hi-tech studiato dal “Maglificio Ripa”, in collaborazione con la israeliana “Nilit”. Si tratta di un tessuto in microfibra di poliammide che, sfruttando le proprietà di un additivo metallico nel filato, converte l’energia termica del corpo umano in raggi infrarossi. Questi, riflessi sull’epidermide, producono un riscaldamento benefico capace di produrre e un’azione defaticante che favorisce la tonicità della pelle. Continua a leggere

OroArezzo: kimono, Egitto e anni Sessanta ispirano gioielli da collezione

OroArezzo-gioielliGioielli che evocano l’Egitto o gli anni Sessanta, orecchini con tessuti recuperati dai kimono giapponesi e anche la collana “vivente” che si anima sul collo di chi la indossa. Queste le principali novità proposte e presentate da “OroArezzo” la mostra internazionale dell’oreficeria, argenteria e gioelleria, giunta alla sua 34esima edizione, e ospitata nella rinnovata struttura espositiva di “Arezzo Fiere e Congressi”. La manifestazione è iniziata il 13 aprile e oggi chiude i battenti dopo aver ospitato circa 475 aziende del campo. Continua a leggere

Per l’estate i colori della frutta su abiti leggeri, trench e volant

Dolce&Gabbana-Summer-2013Mens sana in corpore sano. E come, se non con una buona dose (quotidiana) di frutta? Niente di nuovo sotto il sole, se non che ora i colori di lime, fragola e banana invadono l’armadio. Più che per il corpo, però, dovrà essere una cura per la mente. E se durante il freddo che sta per finire hanno trionfato tinte cupe all’insegna dell’austerità, la stagione calda sarà invece un’esplosione di colori. Meno male, perché se non sarà ottimismo (non esageriamo) almeno porterà un po di brio. Per una volta non saranno Dolce&Gabbana a evocare la calda Sicilia (i due stilisti da qualche stagione si ispirano alle atmosfere dell’isola mediterranea) perché ci ha pensato Louis Vuitton a rubare i colori da un limoneto di Sicilia, tingendo di verde e giallo pantaloni, abiti e tailleur, spesso prediligendo la fantasia a quadri, che attraversa tutta la collezione. Continua a leggere

Primavera in bianco e nero: effetto optical e righe per abiti e scarpe

b&wPoveretti questi uomini, sempre alle prese con donne lunatiche e indecifrabili. Inutile sforzarsi, non si capisce mai che cosa vogliano le signore, che passano dal giorno alla notte con un batter di ciglia. E lo stesso fanno quando si parla di guardaroba, balzando con disinvoltura dal bianco al nero. Alla fine, pero’, la soluzione per la prossima primavera l’hanno trovata, mettendo insieme le due tinte, che con il caldo sono destinate a incontrarsi. Bianco e nero, i due antipodi all’insegna della semplicita’? Macche’, la questione e’ tutt’altro che facile. E cosi’ gli abiti diventano specchio di questo enigma. Come in un cruciverba, il bianco e il nero formano un rebus, su tessuti e pellami. Cosi’ una grande griglia bicolore corre lungo tutto il guardaroba: sulle gonne corte (perche’ nei prossimi mesi si accorceranno molto) come da Michael Kors e Moschino, tanto per dirne due, ma anche sugli abiti da sera, come succede da Marc Jacobs, che tempesta di quadratini un vestito lungo fino ai piedi con gli spacchi riempiti di tulle nero. Piu’ esplicito ancora il foulard firmato Faliero Sarti, con la stampa di un cruciverba che tra le definizioni nasconde anche il nome della griffe. Continua a leggere

Anna Wintour diventa direttore artistico Conde’ Nast: un ruolo creato ad hoc per lei

AWAnna Wintour, che in estate festeggerà il 25mo anno alla guida di Vogue, diventa ancora più potente e ai suoi attuali incarichi aggiunge quello di direttrice artistica di Conde’ Nast. Wintour, che diventa cosi’ una delle donne più potenti nell’industria dell’editoria, assumera’ alcune delle responsabilita’ di S. I. Newhouse, che per tre decenni ha controllato la gestione editoriale di Conde’ Nast come presidente. L’annuncio mette fine ai rumors di un possibile addio di Wintour da Vogue per diventare ambasciatrice dell’amministrazione Obama: la protagonista de ‘Il Diavolo Veste Prada’ restera’ direttore della rivista di moda. Continua a leggere

British tailoring per la donna Stella McCartney

StellaMcCartney-ParisFashionWeekAppurato che il connubio maschile/femminile è uno dei trend della prossima stagione fredda, sulle passerelle parigine da Stella McCartney le modelle sembrano davvero appena uscite da uno dei tanti laboratori di Savile Row, la storica via londinese amata dai gentleman di tutto il mondo perché sede di famose sartorie. Per Stella il ‘british tailoring’ è d’ispirazione anche per lo stile di lei. In passerella ci sono completi maschili gessati, cappottoni oversize, bomber nel classico tartan. Tutto si gioca intorno a pochi colori, tra cui i più belli melanzana e ametista. Ai piedi stivali col tacco in legno e ankle boots dalle suole biodegradabili. Quindi sartoriale, ma anche rispettoso del pianeta, e non soltanto per via delle suole bio. Continua a leggere

British tailoring per la donna Stella McCartney

McCartney-ParisFashionWeekAppurato che il connubio maschile/femminile è uno dei trend della prossima stagione fredda, sulle passerelle parigine da Stella McCartney le modelle sembrano davvero appena uscite da uno dei tanti laboratori di Savile Row, la storica via londinese amata dai gentleman di tutto il mondo perché sede di famose sartorie. Per Stella il ‘british tailoring’ è d’ispirazione anche per lo stile di lei. In passerella ci sono completi maschili gessati, cappottoni oversize, bomber nel classico tartan. Tutto si gioca intorno a pochi colori, tra cui i più belli melanzana e ametista. Ai piedi stivali col tacco in legno e ankle boots dalle suole biodegradabili. Quindi sartoriale, ma anche rispettoso del pianeta, e non soltanto per via delle suole bio. Continua a leggere