Psi Terni: “No al gioco allo sfascio”

“Non è giocando allo sfascio o al tanto peggio tanto meglio, come fanno alcune forze di opposizione solo per scopi elettoralistici, che si fa il bene della città e si tutelano gli interessi dei cittadini”. È quanto ha dichiarato Rossano Pastura, segretario provinciale del Partito socialista di Terni.

“A pochi giorni dal pronunciamento della Corte dei Conti – ha continuato Pastura – che definirà la procedura per il piano di rientro del Comune di Terni, ci sembra giusto dover dire che, a questo punto, quella del piano di rientro sia l’unica strada percorribile per evitare di far gravare la situazione economica del Comune di Terni sui cittadini”.

“Premesso che noi socialisti – ha spiegato Pastura – non abbiamo nulla da difendere, né da chiedere, visto che non siamo in Giunta dal 2009 e attualmente non sediamo nemmeno tra i banchi dell’Assemblea comunale, riteniamo comunque irresponsabile giocare allo sfascio come fanno alcune forze di opposizione con la sponda di qualche consigliere di maggioranza, inscenando continue proteste senza elaborare alcuna proposta”.

“Vista la situazione della città di Terni – ha proseguito Pastura – che è oggettivamente molto critica sotto diversi aspetti, occorre in questa fase un atteggiamento responsabile che tuteli per prima cosa i cittadini, soprattutto le fasce più deboli, evitando di ricorrere a strumenti finanziari o, peggio ancora, commissariamenti dell’Ente, che significherebbe aumento delle imposte, blocco degli investimenti e diminuzione dei servizi”.

“Tuttavia – ha aggiunto Pastura – pur auspicando che il percorso fin qui intrapreso possa concludersi positivamente, riteniamo che in questo ultimo scorcio di tempo che ci separa dalle prossime elezioni, sia necessario un cambio di passo da parte dell’amministrazione comunale di Terni; occorre individuare almeno 4-5 punti programmatici e perseguirli con tenacia, decisione e soprattutto con rapidità. Non c’è più tempo per elaborare grandi strategie ma è giunto il momento dell’azione, del completamento di alcuni lavori fermi da anni (Fontana di Piazza Tacito, Tetro Verdi, Parco Cardeto, passerella della stazione) e dell’avvio di altri ancora solo in programma (bretella stradale Ast – San Carlo, Cittadella dello sport), senza dimenticare temi molto importanti e sentiti dalla cittadinanza come la sicurezza, l’economia e l’ambiente. C’è bisogno di dare alla città e a tutti i suoi attori sociali, economici, culturali, un forte segnale di discontinuità e di cambiamento, a cominciare dagli assetti amministrativi attuali”. “Il Partito Socialista – ha concluso Pastura – sta lavorando per costruire un serio programma da presentare alla città che segni un concreto cambiamento sia dal punto di vista culturale sia per quanto riguarda aspetti economici e sociali. La Terni che siamo abituati a pensare, legata alle grandi fabbriche dell’acciaio e della chimica non c’è più. Si deve ripensare la nostra comunità alla luce dei cambiamenti della società, della globalizzazione, delle nuove esigenze che le persone hanno. I socialisti saranno pronti a raccogliere questa sfida con una propria lista, aperta a tutte quelle esperienze politiche, civiche, e associazionistiche che su questi temi vorranno confrontarsi e vorranno portare il proprio contributo”.

Cambogia, Locatelli: inaccettabile uso della giustizia per far tacere opposizioni

“E’ con estrema preoccupazione che apprendiamo la notizia della decisione della Corte suprema cambogiana di sciogliere il principale partito di opposizione, il Cnrp (Partito cambogiano di salvezza nazionale). L’uso della giustizia per mettere a tacere gli avversari politici è inaccettabile”. Lo ha detto Pia Locatelli, presidente del comitato Diritti umani della Camera e capogruppo del PSI. “Seguiamo da tempo il crescendo delle continue violazioni dei diritti in Cambogia, per mano del governo del premier Hun Sen. nell’ambito della campagna elettorale per le elezioni del 2018. Un mese fa alla Camera abbiamo audito gli onorevoli Sam Rainsy e Saumura Tioulong , rispettivamente ex presidente e deputato del CNRP e deputata del CNRP, che ci hanno illustrato la gravità della situazione e io stessa ho sollevato il problema con la delegazione cambogiana nel corso della 137esima Assemblea dell’Inter-parlamentary Union (IPU) a San Pietroburgo senza avere risposte. L’Italia, da sempre in prima linea nella difesa dei diritti umani, non può restare silente, a tal fine stiamo predisponendo una risoluzione che presenteremo in Commissione Esteri”.

Roma, Ipab, Fichera (Psi): razionalizzarle per migliorare servizi e ridurre nomine

 “Le opposizioni continuano a rifiutarsi di discutere il provvedimento della Giunta che permetterebbe di ridurre il numero delle IPAB da quasi 60 a meno di 20; una scelta del centrodestra e dei cinquestelle difficile da comprendere se non in chiave di strumentalità preelettorale. I socialisti, che sono tra i pochi ad avere presentato un organico progetto di riforma di questi enti, hanno invece dato sostegno ad un intervento che, con le opportune correzioni, potrebbe migliorare la qualità degli interventi erogati ad anziani e minori e ridurre il numero dei posti nei consigli di amministrazione e le conseguenti nomine”. Lo ha dichiarato in una nota il capogruppo del PSI e Presidente della commissione attività produttive, Daniele Fichera, al termine della riunione della commissione consiliare che ha nuovamente rinviato la discussione dell’argomento.

Mobilità: Pastorelli (Psi), legge bici è cambio prospettiva

 “La mobilità in bicicletta diverrà presto componente essenziale di qualsiasi piano urbanistico. La legge votata oggi dalla Camera, dunque, rappresenta un vero e proprio cambio di prospettiva in grado di metterci al passo dei grandi paesi europei”. Lo afferma Oreste Pastorelli, deputato del Psi e componente della commissione Ambiente della Camera, nel corso delle dichiarazioni di voto a Montecitorio sulla pdl inerente allo sviluppo della mobilità in bicicletta. “A questa sfida – prosegue – si lega quella più generale di una maggiore ecosostenibilità delle città, che non può che passare attraverso la promozione di sistemi di locomozione alternativi, come appunto la bici. Il provvedimento, quindi, potrà imprimere una spinta decisiva verso nuovi modelli urbanistici e culturali. Quello della sostenibilità ambientale è un obiettivo ambizioso, che da tempo noi socialisti portiamo avanti in Parlamento, tramite la presentazione di svariati atti che vanno proprio nella direzione della mobilità alternativa e dell’abbassamento delle emissioni di Co2”.

Svolta assemblea Psi Sezione Castellamonte e Canavese

Si è tenuta l’assemblea del PSI Sezione Castellamonte e Canavese sotto la Presidenza del Sen. Eugenio BOZZELLO VEROLE che dopo aver intrattenuto gli iscritti sulle vicende di carattere Nazionale, Regionale e Locale ha proceduto alle nomine che qui di seguito né diamo specifica:

Presidente : Sen Eugenio BOZZELLO VEROLE,

SEGRETARIO: Orazio Cav. MORGANDO VIGNA

Segreteria:
Carmine CENTOLANZE, Carmelo ORIFICI, Andrea MEDAGLIA, Mauro FASSO

Il Direttivo della Sezione PSI Castellamonte e Canavese è oltre alla Segreteria composto da: Vladimiro TRIONE, Elio VIRONDA, Giacomo LUCCO CASTELLO, Giovanni TRUCHETTO, Roberto BOZZELLO VEROLE

Per mantenere vivi i contatti con la cittadinanza locale e le Istituzioni abbiamo costruito un portale su internet dedicato alle problematiche di carattere Locale e non che di volta in volta si pongono. Ovviamente il tutto è coordinato da un comitato di Redazione che è così composto:
Sen. Eugenio BOZZELLO VEROLE, Orazio Cav. MORGANDO VIGNA, Andrea MEDAGLIA, Mauro FASSO

Il domino già  attivo ed è : www.socialisticastellamonte.it  e nel suo interno ci sono due sezioni così divise:
Una dedicata alla attività politica della Sezione e alle News della Città di Castellamonte e delle sue frazioni, dove inoltre nel suo interno trova spazio un vero e proprio giornalino “ON LINE” chiamato AVANTI…. CASTELLAMONTE  che sarà aggiornato con cadenza quindicinale e inviato agli iscritti attraverso una newsletter.
Nel suo interno ci saranno oltre alle notizie di carattere politico locale e regionale anche uno spazio dedicato alla Storia di Castellamonte con le sue Frazione e del Canavese.
Resta inteso che ci sarà qualche novità importante sarà nostra premura darne comunicazione attraverso le NEWS del Sito.
L’altra Sezione è dedicata all’attività politica del Presidente Sen Eugenio Bozzello Verole che in quest’ anno ha festeggiato i suoi 70 anni di tessera del PSI, una sezione che conterrà tutta la sua attività da Consigliere Comunale a Questore del Senato e che sarà aggiornata con cadenza mensile.
Per ogni ulteriore informazione in merito è possibile contattare il Segretario della Sezione Orazio Cav MORGANDO al numero 3484432033.
SEGRETERIA SEZIONE DI CASTELLAMONTE E CANAVESE

Ciao Oliva

Un caloroso saluto e un affettuoso abbraccio al compagno e amico Carlo per la prematura scomparsa della moglie Oliva. La redazione dell’Avanti! si stringe a lui in questo momento di grande dolore

Marzabotto. Pisani, FIGC prenda provvedimenti

“Nel nostro ordinamento, l’apologia del fascismo è un reato punito per legge. Chiediamo alla Federazione Gioco Calcio di adottare immediatamente misure nei confronti del giocatore e della società sportiva”. Così la portavoce del PSI, Maria Cristina Pisani, commentando il gesto di un calciatore della seconda categoria dilettanti che durante una partita di calcio ha mostrato la maglietta con l’aquila fascista e il gesto del saluto romano.
“Non possiamo archiviare banalmente un gesto che offende la nostra memoria storica e calpesta i valori della nostra Costituzione”, ha aggiunto Pisani. “Quello che è accaduto a Marzabotto non è una semplice bravata. È un gesto vergognoso che va condannato con fermezza”, ha concluso.

Veneto, Riunito direttivo
regionale Psi

I socialisti del Veneto, dopo il referendum che ha visto il partito battersi convintamente per l’astensione, hanno preso atto con soddisfazione di come il Presidente Zaia abbia finalmente iniziato a fare ciò che avrebbe potuto e dovuto fare già da tempo.

Contrario all’inganno politico del referendum, il PSI del Veneto è convintamente a favore dell’individuazione e concessioni alla Regione di maggiori competenze sulle materie riportate dalla Costituzione.

Il rischio che esiste è che la Lega usi come strumento di campagna elettorale, ancora una volta, il percorso che potrebbe permettere alla Regione di poter gestire in maniera più efficace un maggior numero di competenze. Lombardia ed Emilia Romagna sono un passo avanti mentre la Lega sembra voler continuare nel suo gioco al rilancio. Un gioco pericoloso fatto sulle spalle dell’intera popolazione del Veneto.

“Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi”, il PSI del Veneto teme che la Lega si stia ispirando alla frase di Tancredi, nipote del principe di Salina, nel romanzo di Tomasi di Lampedusa, “Il gattopardo”.

Oggi le Regioni, anche in Veneto, sono Enti in grado di fagocitare una quantità enorme di risorse umane ed economiche. Il MOSE, lo stato attuale della sanità, la pedemontana, lo scempio del territorio e dell’ambiente, ne sono la dimostrazione. Il PSI teme che il mantenimento dello “status quo” sia il vero obiettivo leghista.

Per quanto detto il Direttivo del PSI del Veneto chiede a tutti coloro che si ritrovano nei valori del centrosinistra di avviare un dibattito ed un percorso comune affinché realmente si arrivi alla rimodulazione delle competenze della Regione Veneto e che inizi una riflessione nazionale sulla possibilità che tutte le regioni siano uguali e che ad ogni Regione possa essere concessa, nella salvaguardia della unità del Paese e della solidarietà, una più ampia disponibilità di gestire le risorse prodotte sul proprio territorio, dai propri cittadini.

Luca Fantò
Segr. reg. PSI del Veneto

Bolzano, un tavolo
per il centrosinistra

L’incontro era finalizzato ad aprire un tavolo che coinvolgesse in primis esponenti con responsabilità pubbliche o impegnati nel sociale, collocati politicamente nell’area del centrosinistra, per discutere insieme ai rappresentati dei partiti di tale area, in merito alla necessità ed opportunità di ricercare una piattaforma politica e programmatica comune da presentare ai cittadini, in particolare in vista delle prossime scadenze elettorali del 2018.

La riunione ha visto la partecipazione dei parlamentari Kronbichler, Palermo, Gnecchi,  del consigliere provinciale Bizzo, oltre a numerosi esponenti della società civile e le delegazioni del PD , dei Verdi, di MdP, dei Radicali, di Project Bozen, oltre ad una rappresentanza del PSI che ha promosso l’iniziativa.

Durante la discussioni sono stati affrontati vari problemi sia di analisi delle cause del passato e del presente che hanno portato ad uno spostamento a destra di gran parte dell’elettorato sia in Italia, ma anche in Europa e in America; si sono rilevate le grandi difficoltà nell’affrontare temi come l’immigrazione e la sicurezza, ed è stata evidenziata l’inadeguatezza delle risposte fornite dalla politica rispetto all’ azione della finanza e dell’economia nel processo di globalizzazione e alla trasformazione i questi decenni delle categorie sociali ed in particolare alle diseguaglianze crescenti tra i ceti meno abbienti ed i ricchi , tra i sicuri e gli insicuri , e l’insufficiente capacità di rappresentare da parte del centrosinistra le problematiche collegate a tali processi.

Da parte di tutti gli interventi è emersa la necessità di dare seguito ad un’iniziativa capace di costruire almeno intorno ai punti più qualificanti una piattaforma politico-programmatica sulla quale trovare il consenso di tutte le forze politiche del centrosinistra da presentare ai cittadini in una rinnovata azione politica soprattutto nell’ambito della nostra Provincia ed in vista delle elezioni per il rinnovo del Consiglio provinciale nel prossimo autunno. Andrà soprattutto trovato un metodo di lavoro che , se condiviso, impegni i partiti del centrosinistra in azioni e risoluzioni concordate.

Verranno individuati nelle prossime settimane metodi di lavoro per discutere ed elaborare posizioni comuni sui temi più rilevanti, sui quali ricercare il massimo consenso da parte dei cittadini; verrà poi organizzato un incontro pubblico aperto a quanti si collocano in quest’area ed intendano partecipare alla elaborazione di una rinnovata politica del centrosinistra. Sono stati ribaditi alcuni concetti che devono caratterizzare tale azione politica : la partecipazione, la trasparenza e il controllo delle scelte fatte.

Psi: Graziano Cipriani confermato segretario Toscana

Graziano Cipriani è stato confermato segretario regionale del Psi nel corso del quarto congresso toscano. Il dibattito congressuale, spiega una nota, ha sottolineato che le priorità sono le infrastrutture, con in testa la Tirrenica, la verifica puntuale sullo stato della sanità toscana a due anni dalla legge regionale di riforma, l’emergenza finanziaria delle imprese del commercio e delle famiglie con particolare attenzione ai Consorzi Fidi e al credito alle piccole e medie imprese, l’emergenza ambiente ed il ciclo dei rifiuti, e infine il piano casa. Al centro del dibattito anche il progetto del centrosinistra programmatico, ridiscutendo lo stato dei rapporti con il principale alleato del centrosinistra, e un capillare lavoro politico nelle comunità e nei territori a tutela dei cittadini, costruendo un partito socialista ‘garibaldino’.