“Difendere la memoria dei socialisti barbaramente assassinati dai fascisti”

“Sentiamo l’urgenza di salvare il nostro Paese dal caos e dalla violenza: manifestiamo uniti contro l’intolleranza, la xenofobia, l’omofobia”. Lo affermano in un comunicato Chiara Menichetti – Filippo Chelli – Leonardo Carloppi del Psi di Pisa.

“Dobbiamo fermare il degrado delle coscienze e il declino della società; non dobbiamo dare per scontato che il fascismo sia stato e sia un incidente della storia. Anche Pontedera esistono nuovi movimenti che si pongono esplicitamente fuori del perimetro democratico perché teorizzano odio e sopraffazioni, incitano alla guerra civile, alzano steccati nella città, dividono il popolo sovrano, seminando egoismi, rancori viscerali e discordia sociale. L’antidoto che proponiamo è la memoria, è la cultura, contro chi ci vuole disumani progettando campi di concentramento, lager e gulag. Abbiamo il dovere di scendere in piazza per difendere i valori di democrazia, libertà, solidarietà che Pontedera in Comune da sempre rivendica e per i quali tutti gli Italiani hanno combattuto e dato la vita difendendo l’onore e la patria.
Aderiamo al presidio dell’antifascismo, organizzato dall’ANPI, Sabato 15 Dicembre, dalle ore 15.00 alle 18.00  in piazza Cavour: portiamo la Costituzione per leggere insieme i Principi Fondamentali del comune sentire e della civile convivenza”.

Psi Vibo Valentia: “Salute cittadini messa a repentaglio per incapacità”

“I mesi passano e della postazione di 118 per la zona sud della provincia di Vibo Valentia ancora nulla”. Lo afferma in una nota Gian Maria Lebrino  Segretario provinciale Psi Membro consiglio nazionale Psi. “Da tempo portiamo avanti l’istanza per ottenere una postazione fissa di 118 che serva una popolazione di circa 20 mila abitanti in una zona sprovvista e che presenta diverse criticità per raggiungere i nosocomi di Vibo (attraversamento del monte Poro ) e Tropea (sp 23 chiusa da molto tempo).  Ad oggi rimangono inascoltati i nostri numerosi e insistenti appelli al management provinciale dell’azienda sanitaria .nessuna risposta ,nessuna soluzione .
Tale comportamento, tenuto da chi dovrebbe tutelare la salute dei cittadini, è vergognoso ed inaccettabile”.

“La salute dei cittadini – continua la nota – che risiedono nei comuni di Nicotera, joppolo, limbadi, Rombiolo, San Calogero è messa a repentaglio per l’incapacità, nel 2018, di alcuni “manager” di rimediare del personale e un mezzo sufficientemente attrezzato per prestare in tempi ragionevoli i primi e vitali soccorsi. Chiediamo, ancora una volta , le dimissioni di chi sta alla guida dell‘Asp vibonese e invieremo nei prossimi giorni una missiva al ministro competente”.

Un cortometraggio dei socialisti di Parma e provincia e della regione Emilia Romagna

 

I socialisti di Parma e provincia e della regione Emilia Romagna, hanno realizzato un cortometraggio dedicato alle persone di ogni fascia d’età, ceto sociale, religione e appartenenza etnica. Il progetto è stato elaborato a cura del compagno Nicola Comparato.

Il PSI è un grande partito, con una grande storia alle spalle, che da sempre si batte per i diritti dei più deboli e per i lavoratori. Libertà, giustizia sociale e uguaglianza, sono solo alcuni dei temi trattati dai socialisti. I Socialisti sono orgogliosi di essere cittadini italiani e cittadini europei, ma soprattutto, sono orgogliosi di poterlo gridare a gran voce. Detto ciò, non ci resta che augurarvi buona visione. A questo cortometraggio, hanno partecipato in ordine di apparizione:
Cristiano Manuele segretario PSI Parma e provincia; Manuel Magnani Consigliere Comunale PSI Collecchio e Consigliere Unione Pedemontana Parmense; Marco Strada Coordinatore Regionale PSI; D.ssa Rosina Trombi ex Vice Sindaco di Felino; Giacomo Manzini; Enrico Maria Pedrelli segretario nazionale FGS; Francesco Bragagni Vice Coordinatore Regionale PSI; Pier Luigi Mora Vice Sindaco di Colorno.

 

Utoya, “Il silenzio sugli innocenti” a teatro

Sulla scena essenziale (e geniale) di Maria Spazzi – una sorta di memoriale-cimitero fatto di ceppi e lastre di vetro spezzate – si racconta la strage di Utoya, in Norvegia, dove Anders Breivik sterminò 69 ragazzi il 22 luglio 2011 sull’isola sede dello storico campeggio dei giovani laburisti. Il bel testo di Edoardo Erba è ispirato al saggio di Luca Mariani “Il silenzio sugli innocenti”. In scena, bravissimi, Arianna Scommegna e Mattia Fabris, guidati dalla regia intelligente e appassionata di Serena Sinigaglia, danno vita al punto di vista di tre coppie (i genitori di una vittima, due contadini fratelli vicini di fattoria di Breivik e due poliziotti di una piccola stazione vicina a Utoya), da cui emergono i lati inquietanti e contradditori della vicenda e la possibilità del male nella nostra società. Da vedere.

Sabato 15 dicembre, al termine dello spettacolo, il pubblico potrà incontrare Luca Mariani, autore del libro “Il silenzio sugli innocenti”, consulente di Edoardo Erba nella stesura del testo dell’opera.

Date e orari
TEATRO GEROLAMO

Piazza Cesare Beccaria, 8, Milano, MI, Italia
15/12/2018 al 15/12/2018
di Sabato dalle 20:00 alle 23:00
TEATRO GEROLAMO

Piazza Cesare Beccaria, 8, Milano, MI, Italia
16/12/2018 al 16/12/2018
di Domenica dalle 16:00 alle 19:00

Roma (Psi): “Salvini ci ha sempre descritti come parassiti”

“La partecipazione di una pattuglia di calabresi alla manifestazione di Salvini a Roma è un insulto per i tanti meridionali costretti in questi anni a subire insulti e sfottó, in nome di una questione settentrionale oggi ben camuffata solo per esigenze elettoralistiche”.

Così Scipione Roma, membro della Direzione del Psi, commentando la manifestazione di Salvini a Roma.

“Se a questo aggiungiamo che hanno persino usato lo stemma della Regione Calabria sul proprio striscione, l’insulto lascia il posto alla vergogna”- ha aggiunto. “Mi rivolgo ai tanti calabresi liberi: costruiamo un fronte comune contro una forza politica anti meridionalista, che ci ha sempre descritti come parassiti e nullafacenti, dimostrando che non abbiamo bisogno di mancette elettorali, di finti leader o pacche sulle spalle” ha attaccato. “Rimettiamo al centro del l’agenda politica nazionale, la questione meridionale”

Vent’anni del Rotary Act di Velletri

Venerdì sera del 30 novembre 2018, il Rotary Act di Velletri ha festeggiato i venti anni di attività da ‘Benito al bosco’ in seno alla serata conviviale familiare del Rotary Club di Velletri. Oltre ai giovani rotariani, sono stati presenti anche numerosi soci del Rotary Club di Velletri. La manifestazione è stata preceduta da un breve convegno sulle poesie del compagno e collaboratore dell’Avanti! Salvatore Rondello. La professoressa Mary Di Trapani in Sciamè ha svolto una brillante relazione sulla poetica di Salvatore Rondello e sulla forma tecnica degli acrostici, quale libera scelta del percorso artistico del poeta. Poi, su invito del presidente del Rotary Club di Velletri, Dr. Giulio Caporaso, il poeta Rondello ha spiegato alcune sue poesie riscuotendo unanimi apprezzamenti. Nel corso della cerimonia è stato illustrato l’impegno sociale delle associazioni rotariane di Velletri svolto complessivamente in quasi trent’anni di attività. Tra le iniziative in corso di realizzazione promosse dal Rotary, come ha spiegato il brillante presidente del Rotary, assume particolare importanza quella dal titolo “Evadendo con l’arte”: un programma educativo per i carcerati in collaborazione con il carcere di massima sicurezza di Velletri.

Mantova, presentato il libro di Mauro Del Bue

Si è svolta a Mantova, sabato 1 dicembre, la presentazione del libro di Mauro Del Bue, “L’unità…. storia di divisioni, scissioni, espulsioni e sconfitte della sinistra italiana”, edizione Cittá del Sole.

Oltre all’autore, all’hotel Poli della città virgiliana, erano presenti e interlocutori il giornalista del Quirinale Luciano Ghelfi e l’assessore all’ambiente del Comune di Mantova Mannari. Il libro di Del Bue verrà presentato il 13 dicembre a Perugia e il 14 a Fano. In programma presentazioni anche a Parma, Modena e Forlì.

Lebrino: positivo il cambio al vertice della sanità calabrese

“Accogliamo con piacere – afferma Gian Maria Lebrino  Segretario provinciale Psi e membro del Consiglio nazionale Psi – la notizia che il governo ha deciso di nominare un nuovo commissario per la sanità calabrese e quindi sostituirà Massimo Scura. La sanità è il tema che sta più a cuore a noi socialisti Vibonesi, infatti, da tempo ci battiamo per contrastare la cattiva gestione provinciale e regionale .

Ci auguriamo che il cambio al vertice porti nuova linfa e sopratutto serva da monito per gli altri manager regionali. Nell’attesa che la sanità torni nelle mani della politica (e che questa la gestisca nel solo interesse collettivo ) e quindi dei calabresi, speriamo che il successore del pessimo Scura produca azioni positive di rilancio. Sulla sanità non si possono accettare più gestioni fallimentari, i calabresi meritano di avere una assistenza al pari del resto dei connazionali” .

Scuola. Psi: “Al peggio non c’è mai fine”

“Al peggio non c’è mai fine. La proposta di adeguamento salariale che il Governo dovrebbe fare ai sindacati del personale scolastico – afferma in una nota Luca Fantò Referente nazionale PSI scuola – sembra confermare a pieno tale vecchio adagio. Non possono rassicurare le parole del Ministro che spiega come ci siano margini per inserire in corso d’opera ulteriori risorse. Parole che servono solo a confermare l’attuale scarsa disponibilità di fondi. Il Governo gialloverde, per ciò che riguarda l’istruzione pubblica, sta ormai da tempo dimostrando di voler rimanere nella scia di quanto fatto dai Governi precedenti. Poco cambia e quel poco cambia in peggio. Intanto le Regioni continuano la loro battaglia per la regionalizzazione dell’istruzione”.

“Regionalizzazione che accelererebbe il processo di aziendalizzazione delle scuole, che aprirebbe un mercato enorme all’istruzione privata, ma che il personale della scuola pubblica potrebbe accettare di fronte al fallace miraggio di un contratto regionale della scuola. Il PSI teme il combinato disposto tra azione del Governo, di fatto a trazione leghista, e richieste di autonomia di alcune Regioni. Un combinato disposto destinato ad accelerare e rendere ancor più profonde le differenze della nostra società”.

Psi Vicenza. Difendere l’antifascismo, valore fondante della nostra Costituzione

Il PSI vicentino si associa alle parole del suo Consigliere Ennio Tosetto e segnala con altrettanta preoccupazione il pericolo che nella città premiata con la medaglia d’oro per la resistenza venga sminuito l’antifascismo in quanto valore fondante della nostra Costituzione e quindi della nostra Repubblica. Corretto sostenere, come ha fatto il compagno Tosetto in Consiglio Comunale, come prioritaria sia la difesa di quei valori ed anche delle parole che quei valori simboleggiano.

La preoccupazione del PSI vicentino sembra avvalorata, oltre che dall’esplicita simpatia di alcuni eletti verso ciò che il “ventennio fascista” ha rappresentato anche da alcuni recenti comportamenti dell’Amministrazione

Il PSI vicentino quindi esprime ancora una volta la propria opposizione convinta ad un’Amministrazione in cui non è possibile riconoscersi, sia per le azioni che per ciò che essa rappresenta.

Il PSI lancia inoltre un appello a tutti coloro che si sono sentiti e si sentono rappresentati dal “Movimento 5 stelle” affinchè rappresentino anche a livello nazionale quanto accade a Vicenza e che temiamo possa presto ripetersi a livello nazionale. L’Italia di tutto ha bisogno fuorchè di un governo che si ispiri ai peggiori esempi che ci provengono dal nostro passato.

Luca Fantò

Segretario regionale PSI del Veneto