venerdì, 27 Novembre, 2020

L’Armenia verso le elezioni anticipate

1

Non c’è pace per l’Armenia. Dopo che il Paese è uscito con le ossa rotte dallo scontro militare con l’Azerbaigian nel Nagorno-Karabakh, il Primo ministro Nikol Pashinyan è assediato dalle richieste di dimissioni che arrivano dall’opposizione. Fuori dai palazzi, giornalmente, migliaia di persone chiedono lo scioglimento del parlamento. Nonostante Pashinyan abbia ripulito la politica armena dalla corruzione, all’opinione pubblica non va giù l’arretramento militare nella regione contesa con Baku rispetto alle posizioni conquistate negli anni Novanta.

“Ci hanno mentito – dichiara un manifestante ai microfoni di Euronews – dicendo che stavamo vincendo, che avevamo il controllo della situazione. Solo negli ultimi giorni è diventato chiaro che tutti questi territori venivano ceduti e poi la città di Shushi si è arresa. Ci sentiamo traditi”. Effettivamente, fino all’ultimo giorno delle ostilità si credeva che la seconda città più grande del Karabakh fosse ancora sotto il controllo armeno; solamente a seguito della firma dell’accordo di pace si è saputo che i combattimenti tra armeni e azeri erano arrivati a lambire Stepanakert, capitale dell’autoproclamata Repubblica dell’Artsakh.

Nei giorni scorsi il Primo ministro Pashinyan ha spiegato ai parlamentari armeni le ragioni del trattato, firmato congiuntamente con la Federazione Russa e l’Azerbaigian. L’Armenia si è ritrovata costretta a cedere i territori persi durante gli scontri delle scorse settimane; secondo Pashinyan, se le ostilità non si fossero fermate in tempo, l’esercito di Baku avrebbe conquistato l’intero Nagorno-Karabakh. Insomma, Yerevan ha tentato di salvare il salvabile.

Intanto, sono arrivate le dimissioni del ministro degli Esteri Zohrab Mnatsakanyan. A questo punto sembra improbabile che un rimpasto possa salvare il governo dell’ex giornalista d’opposizione. Lo stesso capo di Stato Armen Sarkissian ha dichiarato che le elezioni anticipate sono ormai inevitabili.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar