mercoledì, 23 Ottobre, 2019

AtinaJazz Festival festeggia gli 80 anni di Enrico Rava

0

Ad Atina, in provincia di Frosinone, questa sera alle ore 22:00, il concerto di Giorgio Ferrera Trio (ingresso gratuito), che si terrà nel cortile di Palazzo Cantelmi, aprirà il calendario delle quattro giornate di AtinaJazz Festival.

Prima del concerto, alle 20:30, ci sarà la presentazione degli appuntamenti della 35esima edizione di una tra le più longeve manifestazioni estive italiane, organizzata dalla locale Pro Loco con l’amministrazione comunale, e il sostegno della Banca Popolare del Cassinate.

Il Trio di Giorgio Ferrera, composto da Giorgio Ferrera al pianoforte, Alessandro Del Signore, contrabbasso e Pierluigi Tomassetti, batteria, proporrà un’anteprima del disco in uscita il prossimo ottobre.

Domani pomeriggio, giovedì 25 luglio, alle 17:30, nel salone di rappresentanza di Palazzo Cantelmi, tavola rotonda su “Turismo culturale, impresa e territorio”, in collaborazione con Camera di commercio di Frosinone, le Università di Camerino, di Cassino e del Lazio Meridionale, Banca Popolare del Cassinate, Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno, ConfimpreseItalia, con docenti universitari ed esperti del settore. La tavola rotonda si propone di evidenziare ipotesi di collaborazione tra istituzioni culturali, imprese e università per stimolare una rigenerazione dal basso capace di attrarre nuove iniziative, migliorando ed ulteriormente qualificando l’offerta turistica locale, con particolare riferimento al turismo culturale.

Sempre domani sera, ma alle 20:30, nel cortile di Palazzo Cantelmi, Cosmic Sextet, mentre alle 22:00, in piazza Marconi, si esibirà il Kinga Glyk Trio. Kinga Głyk, a soli 20 anni è considerata la nuova stella del panorama internazionale della musica jazz, blues e funk. Nonostante la giovane età, ha già tenuto molti concerti non solo in Polonia, ma anche in paesi come Indonesia, Austria, Germania, Svizzera, Italia, Portogallo, Slovacchia, Repubblica Ceca e Ucraina. Nel 2016 un suo video, dove interpreta “Tears In Heaven” di Eric Clapton, ha ottenuto venti milioni di visualizzazioni su facebook.

Venerdi 26 luglio doppio appuntamento in piazza Marconi. In apertura, Gemma Sugrue & The Julien Colarossi Quartet. A seguire, Franco D’Andrea “New Things”, con il celebre pianista che presenta la sua nuova formazione. Quella di Franco D’Andrea è una musica che si rinnova sempre, in ogni concerto, e qui trova la sua espressione più inedita e contemporanea.

Con oltre 160 dischi incisi in Italia e all’estero e 20 premi Top Jazz vinti nella sua carriera, di cui 11 nella categoria “Musicista italiano dell’anno”, Franco D’Andrea è considerato uno dei migliori pianisti attuali e rappresenta l’eccellenza che il jazz italiano ha saputo partorire negli ultimi 50 anni.

Sabato 27 luglio, alle 20:30, nel cortile di Palazzo Cantelmi Virgilio Volante, piano solo. Quindi alle 22:00, in piazza Marconi, il palco sarà tutto per i BowLand, un progetto musicale nato a Firenze da tre amici che si sono incontrati a Teheran, e che trova le sue radici in uno spazio in cui atmosfere fluttuanti e suoni insoliti si fondono con voci eteree e ritmi groovy.

La chiusura di AtinaJazz, domenica 28 luglio, è affidata a “Enrico Rava 80th Anniversary”. Per i suoi 80 anni, che compirà il 20 agosto, Enrico Rava ha pensato a una formazione “Special Edition” live, raggruppando i musicisti che più gli sono stati vicino negli ultimi anni, per rivisitare i brani più significativi della sua carriera e interpretare nuove composizioni scritte per l’occasione. Ad accompagnarlo ci saranno Giovanni Guidi al pianoforte, Gianluca Petrella al trombone, Francesco Diodati alla chitarra, Gabriele Evangelista al contrabbasso, ed Enrico Morello alla batteria. Numerose le date del tour mondiale che toccherà, oltre all’Italia, anche Belgio, Germania, Lussemburgo, Polonia, Stati Uniti e Argentina. Il 6 settembre uscirà il suo nuovo album: un live registrato durante il tour con il sassofonista Joe Lovano. Quest’anno Rava ha ricevuto l’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica italiana.

Sono passati ormai più di 50 anni da quando Enrico Rava è apparso, dapprima sulla scena italiana e poi in quella mondiale, collaborando con artisti del calibro di Gato Barbieri e Steve Lacy, con cui passa una breve stagione a Buenos Aires insieme ai sud-africani Johnny Dyani e Louis Moholo. Poi si trasferisce a New York dove collabora con artisti come Roswell Rudd, Carla Bley, John Abercrombie, Cecil Taylor, tra i tanti. Negli anni Settanta il rientro in Italia e un inanellarsi di concerti e dischi con i gruppi a suo nome, l’incontro con l’opera e quello con il pop di Michael Jackson, la sua predisposizione a scoprire giovani talenti e le collaborazioni con tanti artisti di fama mondiale.

Mentre nel cortile di Palazzo Cantelmi, alla mezzanotte, Giovanni Guidi, piano solo. Esponente della generazione dei trentenni del jazz italiano, Guidi ha realizzato una decina di album, favorevolmente accolti da pubblico e stampa specializzata, e ha partecipato a numerosi e importanti festival.

Dalla mezzanotte di giovedì 25, venerdi 26 e sabato 27 luglio, appuntamento, sempre nel Cortile di Palazzo Cantelmi, con il dj resident Piergiorgio D’Arpino.

Redazione Avanti

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply