venerdì, 30 Ottobre, 2020

Attentato Boston, due fratelli ceceni i presunti colpevoli. Uno è morto, l’altro è asserragliato in un sobborgo

0

Boston-attentatore-MartinDue giovani fratelli ceceni, di cui uno rimasto ucciso durante un inseguimento. Sarebbero questi, secondo quanto riferito da fonti di sicurezza interna, i responsabili dell’attentato consumatosi a Boston lo scorso lunedì. Si tratta di Tamerlan Tsarnaev di 26 anni, rimasto ucciso stamane dopo una sparatoria, durante la quale è rimasto ucciso un poliziotto, e Dzhokhar A. Tsarnaev, di 19 anni, in fuga e ora braccato in una casa di Watertown, sobborgo della metropoli. Secondo fonti di polizia il fuggiasco si comporta in modo tale da far temere l’impossibilità di prenderlo vivo. I due fratelli erano scappati dalla Cecenia, per andare in Kazakistan dove avevano aspettato di ottenere il permesso per andare negli Usa, ove vivevano da anni.

LA FOTO SU INTERNET – Il presunto attentatore della maratona di Boston, ancora ricercato dalla polizia, compare chiaramente in una fotografia che circola nella Rete, alle spalle del piccolo Martin, la più giovane delle tre vittime dell’attentato. Nell’immagine si vede il bimbo con i piedi sulla barriera e le mani aggrappate. Per terra, a qualche metro di distanza dai suoi piedi, è visibile uno zaino nero poggiato sul marciapiede. Alle sue spalle a circa tre metri, si riconosce in modo chiaro il berretto bianco di uno dei due presunti attentatori, quello attualmente ricercato nel quartiere di Boston.

LA STRAGE DI BOSTON – È ancora sotto choc la popolazione di Boston, ferita al cuore durante lo svolgimento della maratona, una tra le più antiche del mondo. L’esplosione di due bombe al traguardo ha provocato l’uccisione di tre persone e il ferimento di circa 176. Per tredici di loro è stato necessario amputare gli arti inferiori, dilaniati dalle esplosioni.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply