BLOG
Claudio Martelli

Con l’Avanti! digitale il Socialismo è un messaggio universale

Quando si dice “unire tradizione e innovazione”! Grande è il merito della Critica Sociale di Milano e della Fondazione Salvemini di Torino nell’aver trasferito su supporto elettronico cento anni di pubblicazioni dell’Avanti!. Un patrimonio immenso di cultura e di lotte politiche per la libertà e per la democrazia, di emancipazione e di educazione del proletariato italiano dalla sottomissione, dallo sfruttamento, dall’ingiustizia sistematica diventa disponibile per tutti e per ciascuno. Mai come in questo caso appare evidente quanto sia vero che il mezzo è il messaggio. Il mezzo di comunicazione più potente perché più rapido, più diffuso, più diretto e più veloce realizza il fine universale del messaggio socialista, del socialismo democratico e umanitario. L’Avanti! digitale ci restituisce intatta, integra, plurale conflittuale come fu l’opera di civilizzazione compiuta dai socialisti, un’opera immensa dedicata alla vita e alla coscienza di ogni donna e di ogni uomo.Ciascuno saprà approfittarne liberamente secondo i propri bisogni e i propri interessi. Ricercatori e storici potranno approfondire, rivedere, aggiornare, allargare i loro studi attingendo alla fonte più ricca e generosa, quella di un giornale unico che rispecchia senza tradirla la quotidianità del passato. Giovani avidi di conoscere o semplicemente curiosi del passato o che cercano una bussola nel presente potranno conoscere i protagonisti, le idee, le esperienze di una parte costitutiva della storia moderna. Potranno conoscere in presa diretta attraverso la viva testimonianza degli avi, dei nonni, dei padri e delle madri che quella storia l’hanno vissuta e l’hanno fatta. Conoscere quella storia significa attrezzarsi a capire anche il presente. E’ la premessa necessaria per cambiarlo questo presente dove deve essere cambiato o per difenderlo tutte le volte che merita di essere difeso per difendere la possibilità stessa di un futuro migliore. Significa anche reagire a questo spaesamento, a questo ignorantamento, significa uscire dai decrepiti castelli assediati da una modernizzazione senza tregua. La modernità è una tigre. Una tigre sanguinaria fu la prima rivoluzione industriale e poi le catene di montaggio e quest’ultima elettronica, robotica, degli automi elevati a quasi uomini e degli uomini ridotti a quasi automi. La modernità è una tigre e come insegnano gli orientali chi cavalca la tigre non può scendere perché se riprovi ti divora. L’unica cosa che si può fare è cercare di guidarla la tigre con l’astuzia della ragione per evitare che ti porti in un precipizio o al centro di una tempesta. Populisti e nazionalisti sono gli ignavi urlatori che vogliono scendere dalla modernità. Non meno ignavi sono i sedicenti modernizzatori che dalla modernità si lasciano trasportare felici di correre più veloci non sanno dove. I socialisti i loro alleati per quanto indeboliti e divisi oggi siano hanno imparato dalla loro storia che negare la modernità o lasciasene guidare senza proteggere le vittime designate non aiuta né il progresso né la giustizia.

Claudio Martelli
Critica Sociale

Mani pulite. L’eredità disastrosa di Tangentopoli

 tangentopoli2

Per alcuni “Mani Pulite” fu la giusta – divina forse? – punizione per l’indebita l’euforia degli anni ottanta che indebitò lo Stato. Ma è una leggenda. Nell’83 quando Craxi diventa presidente del Consiglio il debito pubblico ammontava già al 70 per cento del Pil. La dilatazione della spesa era cominciata nei Settanta col consociativismo spendaccione tra Dc e Pci e con l’inflazione a due cifre che moltiplicava gli interessi sul debito. È vero che con il governo Craxi e i successivi il debito continua a salire ma, almeno, nel quadriennio di Craxi l’inflazione venne abbattuta e l’economia crebbe sino al 4,5 per cento. Un miraggio negli anni successivi. Ora il debito pubblico – in euro – in metà del tempo è cresciuto del doppio nonostante i bassissimi interessi e i massicci acquisti della Bce.

Quanto a industrie e infrastrutture quelle non vendute ristagnano, la produttività e il tenore di vita sono calati rispettivamente del 20 e del 14 per cento e abbiamo meno diplomati e laureati di tre lustri fa.

Solo la corruzione è aumentata eppure i partiti sono morti. Vive la partitocrazia in simulacri al servizio di capi e capetti che nominano senatori e deputati i loro servitori. Nulla più della parabola di Di Pietro dà il senso del disastro. Il grande inquisitore processato perché prendeva soldi in prestito da chi inquisiva dovette lasciare la toga. Poi, svergognato da un’inchiesta tv per aver fatto man bassa dei finanziamenti pubblici al suo partito, ha dovuto lasciare anche la politica. Non diversa la storia dei segretari amministrativi della Lega e della Margherita arrestati per analoghi motivi. O vogliamo parlare di Fini? O degli scandali Parmalat, Cirio, Monte dei Paschi? Ciascuno eccede dieci, venti volte il finanziamento Enimont che ruinò la Prima repubblica. Quella che Di Pietro marchiò come «la madre di tutte le tangenti» al confronto appare quasi una parente povera.

L’epitaffio l’ha scritto Francesco Saverio Borrelli, l’inflessibile guida del pool «Mani pulite»: «Chiedo scusa per il disastro seguito a Mani pulite. Non valeva la pena di buttare il mondo precedente per cadere in quello attuale». Nei codici questa condotta si chiama «delitto colposo» e la colpa ammessa è quella, avendo «buttato» la Prima repubblica di aver propiziato la Seconda. La Prima era quella dei partiti che l’avevano creata trasformando il regime fascista in un regime di partiti. Partiti veri, formazioni storiche, comunità organizzate, divise da ideologie, legami internazionali, conflitti di classe. Migliaia di sedi, giornali, funzionari, congressi, associazioni fiancheggiatrici, campagne elettorali non si finanziano con parole. Il sistema di finanziamento era vasto, ramificato e spesso illegale. Casi di corruzione individuale e scandali clamorosi furono neutralizzati o dal regime delle immunità politiche o dall’indulgenza giudiziaria. La repubblica doveva essere riformata in radice, soprattutto da quando, con il crollo del comunismo e il varo del mercato unico europeo, il contesto internazionale da protettivo si era fatto ostile.

Ma i leader democratici o non capirono o non agirono e furono travolti dalla rivolta antipartitica scatenata da un establishment impaurito e dai media, dalle nuove e vecchie forze anti sistema. Mentre il paese precipitava nella crisi economica, la lira veniva svalutata e il governo nottetempo metteva le mani sui conti correnti degli italiani si aprì la caccia al capro espiatorio.

Arma letale fu l’uso violento della giustizia, gli arresti e il carcere preventivo per estorcere confessioni, delazioni, chiamate di correità a catena. «Mani pulite» è stata la più colossale operazione di polizia giudiziaria della nostra storia: trentamila indagati, tremila arrestati, tra cui cinquecento parlamentari, decine tra ministri e primi ministri, grandi e piccoli imprenditori, dirigenti, funzionari. Decapitati in piazza e in effigie i leader e i partiti di governo la repubblica si schiantò e cominciò una crisi che non ci ha più lasciato.

Buttitta, traccia indelebile di devozione alla libertà della ricerca

Partecipo commosso al rimpianto dei famigliari e di tutti coloro che hanno conosciuto stimato amato Nino Buttitta e dei tanti che hanno potuto apprezzare la sua opera di grande accademico e di esemplare dirigente socialista. Amico sincero e forte, Nino era tanto amabile nella convivialità quanto impetuoso nelle battaglie politiche del popolo siciliano.

L’ho avuto vicino in anni belli, difficili e indimenticabili e in ogni frangente ho potuto sperimentarne l’intelligenza e la probità. Letterato raffinato e antropologo innovatore Buttita è stato un intellettuale siciliano impegnato e senza complessi, un ricercatore ed un esploratore insaziabile delle nuove frontiere dischiuse dalle scienze sociali, un creativo animatore della fitta rete di relazioni culturali europee e internazionali che hanno illustrato Palermo e la sua università. Con la sua vita e la sua opera Nino Buttitta lascia un ricordo luminoso d’integrale umanesimo e una traccia indelebile di devozione alla libertà della ricerca.

Claudio Martelli