BLOG
Edoardo Gianelli

La Consulta, nessun conflitto sul Rosatellum

Legge elettrale_consulta

Il Rosatellum è costituzionale. Infatti la Corte Costituzionale ha dichiarato inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato sollevati sulla legge elettorale. Nella camera di consiglio di oggi, la Corte costituzionale – riferisce una nota diffusa al termine della camera di consiglio – ha discusso, in sede preliminare di ammissibilità, quattro conflitti di attribuzione riguardanti le procedure di approvazione delle leggi elettorali cosiddette Italicum e Rosatellum. Tre conflitti sono stati presentati da alcuni soggetti che si sono qualificati allo stesso tempo come elettori, soggetti politici, parlamentari e rappresentanti di un gruppo parlamentare (Movimento 5 Stelle). Nessuno dei tre ricorsi individua in modo chiaro e univoco né la qualità in cui i ricorrenti si rivolgono alla Corte né le competenze eventualmente lese nè l’atto impugnato. Tali gravi carenze degli atti introduttivi non mettono la Corte in condizione di deliberare sul merito delle questioni. Perciò ne è stata dichiarata l’inammissibilità.

Il quarto ricorso è stato proposto congiuntamente dal Codacons, da un cittadino elettore e da un senatore contro il Governo, per aver posto la questione di fiducia, alla Camera dei deputati, durante l’iter di approvazione della legge elettorale cd. Rosatellum. Per ragioni analoghe anche tale conflitto è stato dichiarato inammissibile. Inoltre, posto che un senatore non ha titolo per sollevare conflitto contro il Governo, per di più lamentando vizi del procedimento parlamentare seguito presso la Camera dei deputati, nessuno dei ricorrenti è, nel caso di specie, qualificabile quale potere dello Stato.

Ma i ricorrenti non si danno per vinti. Un pool di avvocati si prepara a depositare in Consulta nelle prossime ore – tra domani e giovedì – un altro ricorso per conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato sul Rosatellum. Nel ricorso – su cui si sta ultimando la raccolta firme – i legali si qualificano come esponenti del corpo elettorale e come tale ritengono di poter essere qualificati come potere dello Stato, e agiscono contro le Camere.

Biotestamento. Il 14 dicembre voto finale sul ddl

biotestamento

Al disegno di legge sul biotestamento sono stati presentati in tutto 3000 emendamenti (per l’esattezza 3005). Di questi 3005 emendamenti, 1527 sono di Alleanza Popolare, cioè il partito di maggioranza guidato da Angelino Alfano, che ha riproposto pari pari tutti quelli che aveva depositato in commissione. La Lega ne ha ripresentatiti 1203, mentre Forza Italia 147. Nessun emendamento invece da parte del M5S e dal Pd che ha messo a punto solo un ordine del giorno. Le proposte di modifica sono aumentate rispetto a quelle depositate in commissione. Ora per l’Aula sono 3005, mentre per la commissione erano 2970.

Dopo una lunga giornata di lavori e una altrettanto lunga conferenza dei Capigruppo per studiare anche l’ipotesi di un contingentamento dei tempi, si è stabilito che si voterà  il ddl giovedì 14 dicembre. Le dichiarazioni di voto cominceranno alle 11. Mentre martedì si cominceranno a votare gli emendamenti al provvedimento.

In mattinata l’aula del Senato aveva respinto la pregiudiziale di costituzionalità al ddl. La discussione del testo sul biotestamento, era iniziata ieri pomeriggio dopo la decisione della conferenza dei capigruppo di calendarizzarlo immediatamente.  Nel pomeriggio si sono votati i primi emendamenti. A favore del provvedimento sono il Pd, il Psi, Liberi e Uguali e il M5S (“I nostri voti ci saranno anche al Senato – assicurano i pentastellati – Vigileremo su possibili trabocchetti. Manca poco: un ultimo sforzo”).

Contraria la Lega, mentre Ap pur dicendosi pronta a lasciare libertà di coscienza attacca il testo: “Se non verranno accolte le nostre richieste – tuona Maurizio Lupi – Alternativa popolare voterà no”. Anche Forza Italia potrebbe lasciare ai propri senatori la possibilità di scegliere singolarmente cosa votare, così come fatto alla Camera, dove alcuni deputati azzurri dissero sì al testo. Il Senato esaminerà poi il regolamento interno, sul quale c’è un accordo di massima tra i gruppi.

BIOTESTAMENTO IN AULA

senato

La legge sul biotestamento subito in Aula. Sarà esaminata dall’Aula del Senato a partire dalla seduta di martedì pomeriggio. Lo ha deciso la conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama, riunita dal presidente Pietro Grasso. Il disegno di legge sullo ius soli invece è stato inserito “all’ultimo punto” del calendario dei lavori.

E così il provvedimento – approvato alla Camera lo scorso aprile e fermo in commissione a Palazzo Madama – riuscirà a vedere la luce, salvo improvvisi (e già avvenuti) passi indietro di qualcuno, grazie all’intesa che, tramite il capogruppo Luigi Zanda, ne ha chiesto la calendarizzazione immediata. “È un finale perfettamente in linea con l’intera legislatura che si è contraddistinta per aver cambiato il Paese in tema di diritti civili e politiche sociali a sostegno dei più deboli” ha detto il presidente dei senatori del Pd. “Il biotestamento, la legge sui testimoni di giustizia attesissima dall’ordinamento giudiziario, la legge sugli orfani di crimini domestici, lo Ius soli. Un calendario ambizioso ma realizzabile se, responsabilmente, tutti i gruppi collaboreranno evitando ostruzionismi e interventi finalizzati a rallentare i lavori. Ho proposto non solo di lavorare fino al giorno prima delle festività natalizie ma anche che a tutti i gruppi parlamentari di collaborare seriamente per rendere il nostro programma di calendario realizzabile”, ha concluso Zanda.

Favorevole Mdp, contrari i centristi di Ap che hanno minacciato di mettere i bastoni tra le ruote del provvedimento. “Se non verranno accolte le nostre richieste sul ruolo del medico e su alimentazione e idratazione, che non sono trattamenti medici, Alternativa popolare voterà no” ha ribadito Maurizio Lupi. “Lasceremo libertà di coscienza ma vogliamo entrare nel merito” del ddl ha aggiunto la capogruppo di Ap, Laura Bianconi sottolineando che Ap in ogni non accetterà la fiducia. Contraria anche la Lega (che ha annunciato 1820 emendamenti), mentre Forza Italia probabilmente darà libertà di coscienza ai suoi senatori.

Favorevole il commento dei socialisti. “Finalmente – ha detto la presidente del gruppo del Psi alla Camera Pia Locatelli – il provvedimento arriva in Aula al Senato. Ora è essenziale che venga approvato senza modifiche per evitare un nuovo passaggio alla Camera che impedirebbe di avere una legge entro la fine della legislatura. I numeri in Senato ci sono: diamo subito una risposta alle richieste di cittadini e cittadine di poter scegliere fino alla fine a quali cure sottoporsi”. “Siamo felici – ha aggiunto la portavoce del Psi Maria Cristina Pisani – che finalmente la Conferenza di Capigruppo di Palazzo Madama abbia deciso di inserire al primo punto del calendario dei lavori dell’Aula l’esame del ddl sul biotestamento. Abbiamo abbandonato per troppo tempo donne e uomini che ci chiedevano semplicemente di poter esprimere la loro volontà nel momento più drammatico della loro vita. Non c’è più tempo da perdere. Il testamento biologico va approvato entro il termine della legislatura. È un nostro dovere, è un loro diritto”.

Soddisfazione anche da parte di Fassino: “La calendarizzazione dei provvedimenti relativi al biotestamento, allo Ius Soli e culturae, ai testimoni di giustizia e ai minori orfani di femminicidio, conferma quanto questa legislatura, con quei provvedimenti e con leggi già approvate sulle unioni civili e il Dopo di noi, riconosca giusta centralità ai diritti civili e di cittadinanza”. “È impegno adesso del Partito Democratico e dei suoi gruppi parlamentari operare con determinazione per l’approvazione di tutti i provvedimenti all’ordine del giorno”, ha aggiunto.

Secondo Emma Bonino invece la riunione dei capigruppo ha messo in evidenza quello che ha definito “una competizione tra diritti”. “Se salta lo ius soli – ha detto – credo che sia un problema del Pd nel dialogo con i cittadini, aldilà di noi. Devo dire che mi dà grande scoramento questa competizione tra i diritti civili, o l’uno o l’altro, come se fosse una concorrenza. Sicché penso che nello scorcio di questa legislatura il problema è di volontà politica e ognuno si assuma le sue responsabilità”. A favore invece, una volta tanto, i pentastellati. “C’è solo una cosa da dire: finalmente. Finalmente, dopo mesi di stallo, il Senato ha smesso di temporeggiare e la legge sul biotestamento approda in Aula”. “I nostri voti per l’approvazione di questa legge di civiltà ci sono”, ha affermato la senatrice del MoVimento 5 Stelle, Paola Taverna. “Vittoria. Il biotestamento arriva in aula. Adesso approviamolo senza giochini e senza modifiche. Garantiamo agli italiani un diritto fondamentale atteso da troppo tempo. Noi ci siamo” scrive su Twitter il senatore del M5s Vito Crimi dimenticando forse che l’ultimo tentativo per approvare il biotestamento venne fatto naufragare proprio dai 5 Stelle.

LA SCHEDA
La proposta di legge approvata dalla Camera lo scorso 20 aprile, a 10 anni di distanza dalla morte di Piergiorgio Welby e a 8 anni dalla scomparsa di Eluana Englaro, approda in Aula al Senato per il via libera definitivo (salvo sorprese) prima del termine della legislatura. Il provvedimento mira ad introdurre la possibilità di sottoscrivere le Dat, ovvero le Disposizioni anticipate di trattamento, con la previsione di poter rinunciare anche all’idratazione e alla nutrizione artificiale.

Questi i 7 pilastri della proposta di legge:
– CONSENSO INFORMATO: Con la premessa che la legge tutela il diritto alla vita, alla salute, ma anche il diritto alla dignità e all’autodeterminazione, il testo dispone che nessun trattamento sanitario può essere iniziato o proseguito se privo del consenso libero e informato della persona interessata. È promossa e valorizzata la relazione di cura e di fiducia tra paziente e medico il cui atto fondante è il consenso informato. Nella relazione di cura sono coinvolti, se il paziente lo desidera, anche i suoi familiari e conviventi o compagni. Il consenso informato è documentato in forma scritta. Nel caso in cui le condizioni fisiche del paziente non lo consentano, viene espresso mediante videoregistrazione o dispositivi che la consentano. La volontà espressa dal paziente può essere sempre modificata.

– NUTRIZIONE E IDRATAZIONE ARTIFICIALE: Ogni persona maggiorenne e capace di agire ha il diritto di accettare o rifiutare qualsiasi accertamento diagnostico o trattamento sanitario indicato dal medico per la sua patologia o singoli atti del trattamento stesso. Ha, inoltre, il diritto di revocare in qualsiasi momento il consenso prestato, anche quando la revoca comporti l’interruzione del trattamento, comprese la nutrizione e idratazione artificiali. Nutrizione e idratazione artificiali sono trattamenti sanitari in quanto consistono nella somministrazione su prescrizione medica di nutrienti mediante dispositivi sanitari e, di conseguenza, possono essere rifiutati o sospesi.

– ACCANIMENTO TERAPEUTICO, SEDAZIONE PROFONDA E ABBANDONO CURE: Viene sancito il divieto di accanimento terapeutico, riconosciuto il diritto del paziente all’abbandono terapeutico e viene espressamente garantita la terapia del dolore fino alla sedazione profonda continuata. Il testo della legge, così modificato durante l’esame in Aula, recita: “Il medico deve adoperarsi per alleviare le sofferenze del paziente, anche in caso di rifiuto o di revoca del consenso al trattamento sanitario. È sempre garantita un’appropriata terapia del dolore e l’erogazione delle cure palliative. Nel caso di paziente con prognosi infausta a breve termine o di imminenza di morte, il medico deve astenersi da ogni ostinazione irragionevole nella somministrazione delle cure e dal ricorso a trattamenti inutili e sproporzionati. In presenza di sofferenze refrattarie ai trattamenti sanitari, il medico può ricorrere alla sedazione palliativa profonda continua in associazione con la terapia del dolore, con il consenso del paziente”.

– RESPONSABILITÀ DEL MEDICO: Il medico è tenuto a rispettare la volontà espressa dal paziente di rifiutare il trattamento sanitario o di rinunciarvi. In conseguenza di ciò, il medico è esente da responsabilità civile o penale. Il paziente non può esigere dal medico trattamenti sanitari contrari a norme di legge, alla deontologia professionale e alla buone pratiche clinico-assistenziali. È stata poi introdotta durante l’esame in Aula alla Camera una norma che, seppur in modo non diretto né esplicito, riconosce di fatto al medico l’obiezione di coscienza, in quanto dispone che “il medico non ha obblighi professionali”. Il che significa che il medico può, ad esempio, rifiutarsi di staccare la spina. Infine, la legge sul testamento biologico deve essere applicata anche dalle cliniche e strutture sanitarie cattoliche convenzionate.

– MINORI E INCAPACI: Il consenso informato è espresso dai genitori esercenti la responsabilità genitoriale o dal tutore o dall’amministratore di sostegno, tenuto conto della volontà della persona minore di età o legalmente incapace o sottoposta ad amministrazione di sostegno. Il minore o incapace ha diritto alla valorizzazione delle proprie capacità di comprensione e decisione e quindi deve ricevere informazioni sulle sue scelte ed essere messo in condizione di esprimere la sua volontà.

– DAT: ogni persona maggiorenne e capace di intendere e di volere, in previsione di una propria futura incapacità di autodeterminarsi può, attraverso disposizioni anticipate di trattamento, esprimere le proprie convinzioni e preferenze in materia di trattamenti sanitari. Viene indicata una persona di sua fiducia (fiduciario) che ne faccia le veci e lo rappresenti nelle relazioni con il medico e con le strutture sanitarie. Le Dat devono essere redatte in forma scritta (o videoregistrate a seconda delle condizioni del paziente) e vincolano il medico che è tenuto a rispettarne il contenuto. Tuttavia, le Dat possono essere disattese qualora appaiano palesemente incongrue o le condizioni nel frattempo siano mutate e se siano sopraggiunte nuove terapie non prevedibili al momento della loro compilazione. Con la medesima forma scritta le Dat sono rinnovabili, modificabili e revocabili in ogni momento. In caso di emergenza possono essere modificate o annullate anche a voce. Le Dat vengono inserite in registri regionali.

– PIANIFICAZIONE CONDIVISA DELLE CURE: Nella relazione tra medico e paziente, rispetto all’evolversi delle conseguenze di una patologia cronica e invalidante, può essere realizzata una pianificazione delle cure condivisa tra il paziente e il medico, alla quale il medico è tenuto ad attenersi. La pianificazione delle cure può essere aggiornata al progressivo evolversi della malattia su richiesta del paziente o su suggerimento del medico.

Germania, prove di grande coalizione

merkelschulz1

Si riaffaccia in Germania l’ipotesi di una grande coalizione. La Cdu è pronta a “negoziare seriamente” su una coalizione con l’Spd, “senza precondizioni”. Lo ha detto il segretario esecutivo del partito della cancelliera Angela Merkel, Klaus Schueler, dopo la riunione di ieri tra Merkel, il bavarese Horst Seehofer e il leader socialdemocratico Martin Schulz, su invito del presidente Frank Walter Steinmeier. L’esponente del partito di Angela Merkel ha aggiunto che l’Unione non pone ostacoli alle consultazioni per una Grosse Koalition.

La sua dichiarazione segue le affermazioni di Schulz, che ha negato ci sia stato un preaccordo a favore di negoziati per una Grosse Koalition, come ha affermato Bild. Schueler ha fatto riferimento anche alle previste consultazioni ai vertici del partito e al congresso dello stesso, che si aprirà giovedì 7 dicembre.

Schulz dovrà sottoporsi alla rielezione come capo del partito, assieme al resto dei vertici, ed è previsto un acceso dibattito a proposito della Grosse Koalition. I giovani socialdemocratici si oppongono alla sua riedizione, che definiscono un “affronto” agli elettori perché in campagna Schulz aveva negato categoricamente l’eventualità di entrare di nuovo in un governo Merkel. Schulz ha tuttavia aggiunto che “nessuna opzione è esclusa”, pur ribadendo che non vuole pressioni sulla tempistica.

Le elezioni federali tedesche si sono tenute il 24 settembre e sono state vinte dalla Cdu di Angela Merkel, che tuttavia non ha i numeri per governare da sola. I negoziati a tre con Liberali e Verdi per dar vita a una coalizione «Giamaica» sono falliti per l’incompatibilità tra i partner in materia di politiche ambientali e fisco. Di fronte alla prospettiva di un voto anticipato, la cancelliera ha tentato di riallacciare le trattative con i Socialdemocratici per una riedizione della Grosse Koalition che ha guidato il Paese negli ultimi 4 anni.

Edoardo Gianelli

Giro 2018. “Gerusalemme ovest”, e si sfiora “l’incidente” con Israele

giro italia israeleHa rischiato di trasformarsi in un caso diplomatico la partenza del Giro d’Italia 2018 con le prime tre tappe in Israele. Il governo Netanyahu ha minacciato di ritirare il sostegno alla corsa dopo che alla presentazione a Milano è stato fatto riferimento a “Gerusalemme ovest”, una dizione che si solito allude allo status controverso della Città Santa. “Gerusalemme è la capitale di Israele, non esistono est e ovest”, hanno denunciato in una nota congiunta i ministri dello Sport, Miri Regev, e del Turismo, Yariv Levin.

Poche ore dopo gli organizzatori del Giro d’Italia hanno rimosso dal sito ufficiale la dizione “ovest” accanto a Gerusalemme per indicare la sede della cronometro inaugurale della corsa. “Quella dicitura non ha alcuna valenza politica”, ha assicurato Rcs Sport, “indica soltanto l’area logistica della città in cui si svolgerà la corsa. È stata subito rimossa da ogni materiale del Giro”. Immediata è arrivata la soddisfazione del governo israeliano: “Ci felicitiamo della rapida decisione di rimuovere la definizione di ‘Gerusalemme ovest’ dalle pubblicazioni ufficiali”, hanno esultato i due ministri che avevano denunciato una violazione degli accordi presi.

“Se questa formulazione non cambia, il governo israeliano non sarà partner dell’evento”, avevano avvertito i due ministri. Tenuto conto delle tanti implicazioni simboliche, è stato convenuto tra il direttore generale del ministero dello Sport, Yossi Sharabi, e la direzione del Giro che nei prossimi giorni gli organizzatori saranno in Israele per coordinare il tracciato e garantire che la gara si svolga come progettato “dalla Torre di Davide e la Porta di Giaffa e poi attraverso Gerusalemme”.

La partenza della 101ma edizione del Giro e’ in programma il 4 maggio e per la prima volta sarà al di fuori del continente europeo, spingendosi fino al deserto del Neghev. Alla presentazione, mercoledì, gli organizzatori del Giro avevano annunciato che la gara partirà con una cronometro a “Gerusalemme ovest”, termine che viene di solito usato da chi allude all’occupazione israeliana di Gerusalemme est nel 1967.

L’organizzazione della gara nello Stato ebraico ha richiesto fin dall’inizio un esercizio di equilibrismo diplomatico, per non urtare le fortissime sensibilità politiche di israeliani e palestinesi su Gerusalemme. Gli organizzatori si sono premurati di evitare che il tracciato toccasse zone considerate come occupate dalla comunità internazionale, anche nelle due tappe successive lungo la costa mediterranea e fino a Eilat, sul Mar Rosso. Il direttore della gara, Mauro Vegni, ha sottolineato di averlo concordato tenendo conto delle linee guida della Farnesina per evitare “polemiche politiche”.

In particolare la corsa non entrerà nella Città vecchia (di cui i corridori potranno solo vedere le mura esterne) e in nessun quartiere palestinese di Gerusalemme est. Israele, d’altra parte, ha fornito un importante contributo economico al Giro (non ci sono cifre ufficiali ma si parla di 10 milioni di euro per la corsa e di due milioni per Chris Froome, il corridore britannico a caccia del Grande slam).

Fondi determinanti per finanziare il trasloco del circo rosa in Terra Santa in quello che è considerato “un grande risultato che rafforza la legittimazione” israeliana, come ha sottolineato il ministro per gli Affari strategici, Gilad Erdan.

I palestinesi, da parte loro, hanno criticato la diffusione di immagini della Città vecchia per promuovere la corsa e avevano minacciato proteste lungo le strade. Il co-fondatore del movimento per il boicottaggio di Israele, Omar Barghouti, ha chiesto la cancellazione delle tre tappe israeliane avvertendo che l’Europa si sta mobilitando per convincere “squadre, sponsor e federazioni ciclistiche per trasferire l’inizio della corsa”. “Spero che il Giro venga trattato come un evento sportivo, anche dai palestinesi”, ha auspicato Vegni.

Ius soli. Buemi, approvarlo prima di fine legislatura

Riforme-SenatoLa legge sul fine vita sembra a un passo. Con l’appoggio del M5S e con i voti del Pd e della sinistra potrebbe farcela a diventare legge prima di fine legislatura. L’accordo c’è, il timore di molti è che non regga. Discorso più complesso per lo ius soli. Il ddl sulla cittadinanza è di quelli a forte richiamo elettorale, il centrodestra è sulle barricate da mesi. “Noi lavoriamo su entrambi i fronti – assicura il ministro e vicesegretario dem Maurizio Martina, intervistato da Repubblica – Non esiste una classifica, ci proviamo fino in fondo. Anche politicamente sono questioni differenti, perché il biotestamento è una materia che ha una sua trasversalità particolare”.

Lo ius soli è uno di quei temi ove la destra ha sempre attinto sfruttando e cavalcando il malcontento, di molti. “Se si tiene conto – afferma il senatore del Pd Luigi Manconi che aggiunge: che ho presentato il mio disegno di legge sul biotestamento il primo giorno dell’attuale legislatura, si capisce bene quanto io tenga all’approvazione di questa normativa. Tanto quanto al provvedimento sullo Ius soli e culturae. Due leggi sacrosante e ragionevolissime. E proprio per questa ragione dico che sento odore di bruciato quando si accavallano strategie e calendari”. “È un dato oggettivo – aggiunge – facilmente verificabile sotto il profilo numerico e politico che la legge sulla cittadinanza ha qualche chance in più di quella sul testamento biologico. L’esito non è certamente scontato, ma può essere perseguito con successo”. “Immediatamente dopo – intendo: immediatamente dopo – si può affrontare il tema delle dichiarazioni anticipate di trattamento. Ma tutto ciò deve avvenire nella massima chiarezza politica – conclude Manconi – adottando comportamenti leali, evitando scivolosi sotterfugi che potrebbero rivelarsi altrettante trappole. Dunque, si calendarizzi per martedì 5 dicembre lo Ius soli, si ponga la fiducia e si vada avanti per ottenere altri risultati che potrebbero salvare il bilancio e l’onore di questa legislatura”.

“Diciamo la verità – aggiunge il senatore socialista Enrico Buemi – la legge di modifica delle norme sulla cittadinanza non è il cosiddetto ius soli; ciò nonostante è un passo importante perché introduce obblighi precisi per quanti iniziano il percorso per arrivare ad essere cittadini italiani”. “L’integrazione – aggiunge Buemi – è fatta di diritti e doveri, solo così può essere efficacemente realizzata”. “I socialisti pensano che questo provvedimento debba essere assolutamente approvato al Senato in via definitiva prima della conclusione della legislatura. Quello che gli italiani, che ragionano, devono sapere è che va anche nella direzione del loro interesse”, conclude il senatore socialista.

E sul  biotestamento Maria Cristina Pisani, portavoce del Psi, torna sulle parole pronunciate dal leader della Lega Matteo Salvini che ieri ha detto che “si occupa dei vivi, non dei morti”.  “Disumano, impietoso, atroce, senza alcun rispetto per tanti che non sono morti ma vorrebbero vivere la malattia in libertà e coscienza. Matteo Salvini dovrebbe chiedere scusa ad ognuno di loro e dovrebbe inchinarsi difronte alla dignità dei malati e delle loro famiglie”. Pisani ha aggiunto: “Il suo intervento è un insulto arrogante e volgare che lascia sgomenti per il disprezzo della sofferenza. Un insulto che diventa violenza nel momento in cui si vuole impedire a donne e uomini liberi di poter decidere della propria morte esprimendo semplicemente la propria volontà. Garantire il diritto alla dignità in un momento così delicato della vita di un uomo e di una donna è un nostro dovere oltre che un loro sacrosanto diritto. Come Psi non ci fermeremo, il testamento biologico – conclude – va approvato entro il termine della legislatura. Non ammettiamo strade diverse”.

Il senatore e sottosegretario agli Esteri, Benedetto Della Vedova, presidente di Forza Europa e promotore con Emma Bonino e Riccardo Magi della lista europeista +Europa punta il dito sulla agenda Salvini che è diventata “nei nei fatti” il programma del centrodestra. “No allo ius soli – spiega Della Vedova – ma anche no al biotestamento, contro cui si è duramente scagliato il segretario della Lega ieri, ripreso dal capogruppo alla Camera di Forza Italia, Renato Brunetta, oggi. No alle liberalizzazioni. No ai trattati commerciali della UE, in nome di un protezionismo autarchico autolesionistico per il paese del Made in Italy. Sì invece alla piazza della CGIL per una controriforma delle pensioni”. “Sull’Europa e sull’euro il segretario della Lega ha già ottenuto l’impegno solenne di Silvio Berlusconi alla doppia moneta. Oggi l’egemonia culturale nel centrodestra è della Lega, all’insegna della chiusura nazionalista, programmaticamente non liberale e non moderata. Una scelta netta – prosegue Della Vedova – che ricalca quella dei nazionalisti e lepenisti antieuropei”.

Centro sinistra. Nencini: appello per lavoro comune

ius soli

“Ci stiamo avvicinando alla meta e non giudico affatto chiusa la porta dei radicali. Alla sinistra massimalista che il 2 dicembre fonderà un nuovo partito, la sinistra riformista deve rispondere mettendo in campo la sua coalizione, un patto con gli italiani, un programma di governo. Da mesi i socialisti lavorano in questa direzione”. E’ quanto ha affermato il Segretario del Psi, Riccardo Nencini, intervenendo nel dibattito sulle coalizioni che si presenteranno alla prossima sfida elettorale. “Non c’è più tempo. Rivolgo un appello a ambientalisti, Campo Progressista, liste civiche democratiche perché il lavoro comune prosegua fin dallo scorcio di questa legislatura con l’approvazione delle leggi su fine vita e jus soli” – ha aggiunto. “Martedì prossimo riunirò a Roma sindaci, amministratori socialisti di tutta Italia e segreteria nazionale per stabilire il percorso che ci porterà alle prossime elezioni” ha concluso il segretario del Psi.

Di jus soli e di fine vita ha discusso anche Campo Progressita che ha oggi incontrato Piero Fassino e Maurizio Martina del Pd.  “Un in incontro – ha detto Ciccio Ferrara di Campo Prgressista – che è servito per mettere nero su bianco fatti politici e punti programmatici che Campo Progressista ritiene imprescindibili per proseguire il dialogo avviato con il Partito Democratico”. E per per poter proseguire il confronto da Campo Progressista chiedono “fatti politici concreti” come l’immediata calendarizzazione di Ius Soli e biotestamento.

Alla fine dell’incontro i due partiti hanno redatto un comunicato congiunto i cui si fa riferimento ai temi programmatici discussi e “su cui costruire una nuova alleanza di centrosinistra che deve avere al centro del suo programma i temi dello sviluppo sostenibile, del lavoro, della protezione sociale e dei diritti. Un forte incremento agli investimenti pubblici può e deve essere un impulso alla crescita in corso”.

Quanto all’approvazione entro la legislatura della legge su Ius soli e culturae nel comunicato si legge che “va accompagnata da forti investimenti nelle politiche di integrazione, a partire dal rafforzamento del sistema SPRAR di accoglienza diffusa nei Comuni e dei servizi sociali ad esso collegati. Così come deve essere dato robusto impulso all’esperienza dei ‘corridoi umanitari’ che consentano arrivi legali e sicuri nel nostro paese”. Sul terreno politico, sostiene la nota congiunta, “è necessario che la convergenza intorno ad un nuovo inizio del centrosinistra, se si vuole che ci sia con efficacia e capacità di raccogliere consensi, venga valorizzato riconoscendo pienamente pari dignità e pari ruoli a tutti i soggetti partecipanti all’intesa. Gli argomenti programmatici discussi – a partire dal forte rilancio di un’azione per un’Europa politica e sociale – saranno oggetto di approfondimenti puntuali nei prossimi giorni”.

Germania: niente accordo, spettro di nuove elezioni

angela-merkel

Lo spetto di un ritorno alle urne si aggira per la Germania. Dopo il fallimento nella notte delle trattative per la formazione della coalizione Giamaica tra i centristi della Cdu di Angela Merkel, i Verdi e i Liberali, Berlino rischia di ripetere il modello Madrid: tornare al voto anticipato per l’impossibilità di formare un nuovo governo. I socialdemocratici di Martin Schulz non arretrano di un passo e ribadiscono di non voler ripetere l’esperienza della Grande coalizione che ha governato il paese nelle ultime due legislature: al termine di una riunione del direttivo del partito, il leader della Spd ha chiuso la porta alla cancelliera Angela Merkel e ha aggiunto che i socialdemocratici “non hanno paura” di tornare al voto.

Il presidente della Repubblica, Frank-Walter Steinmeier, prova ad allontanare il rischio di un ritorno alle urne e chiede ai partiti di fare ancora un altro tentativo. “Costruire un governo è sempre stato un processo difficile di dare e avere, ma il mandato di formarne uno è forse il più alto compito dato dagli elettori a un partito in una democrazia. E questo mandato rimane”, ha sottolineato Steinmeier. “Questo è il momento in cui tutti partecipanti hanno bisogno di riconsiderare il loro atteggiamento”, ha aggiunto, ricordando che “tutti i partiti politici eletti in Parlamento hanno un obbligo verso il comune interesse di servire il Paese”. Per questo, “mi aspetto da tutti una disponibilità a parlare per rendere possibile un accordo per un governo nel prossimo futuro”. Il pressing di Steinmeier ricomincerà domani, quando il presidente della Repubblica incontrerà personalmente le delegazioni di Cdu, Liberali e Verdi nella sua residenza berlinese di Bellevue tentando una ulteriore moral suasion per vagliare tutte le vie d’uscita possibili.

Ma a spingere per nuove elezioni non è solo la Spd: a chiedere che i tedeschi ritornino al voto anche la sinistra della Linke, ma soprattutto la destra nazional-populista della AfD, che ha già ottenuto un risultato clamoroso alle elezioni di fine settembre e pensa di approfittare ancora della situazione di stallo del Paese. “I vecchi partiti dell’establishment e delle lobby sono falliti miseramente”, ha detto la leader di Alternative fur Deutschland, Alice Weidel.

Escluso un ritorno alle urne, l’ipotesi in campo se la Cdu della Cancelliera non dovesse trovare un accordo con ecologisti e liberali, resterebbe solo quella di un governo di minoranza. Opzione quest’ultima che l’Europa guarda con preoccupazione. La Commissione europea fa sapere che “la stabilità e la continuità saranno assicurate” in Germania, malgrado il fallimento dei negoziati. Ma è evidente che una Germania debole in questa fase della politica europea potrebbe causare non pochi problemi. E la stessa Merkel si troverebbe fortemente indebolita.

Il fallimento dei negoziati per formare un nuovo governo a Berlino “sta causando una situazione molto difficile non solo in Germania, ma anche a livello europeo”, ha detto il ministro delle Finanze austriaco, Hans Joerg Schelling, che partecipa a una riunione del Consiglio Affari generali. “La Germania è sempre stata un grande traino dell’idea europea”, ha ricordato Schelling: “Siamo in un momento in cui cerchiamo di capire come approfondire il progetto europeo e in questo senso la Germania è un partner della massima importanza”.

Secondo il ministro delle Finanze di Vienna, “le elezioni non sarebbero un evento desiderabile”, ma un governo di minoranza rischierebbe comunque di portare la Germania al voto. “Dobbiamo rispettare il fatto che se non c’è consenso per costruire una coalizione, allora la sola opzione sarebbe un governo di minoranza che generalmente porta a nuove elezioni”, ha detto Schelling, auspicando “decisioni rapide”.

Riina. Martelli. Morte Falcone gli si è ritorta contro

riinaIl ‘capo dei capi’ della Mafia, è morto nella notte a Parma. Aveva appena compiuto 87 anni ed era ricoverato in coma farmacologico nel reparto detenuti dell’ospedale del capoluogo emiliano, dopo il secondo intervento chirurgico nel giro di pochi giorni. Arrestato il 15 gennaio del 1993 dopo 24 anni di latitanza, Riina era considerato ancora il boss indiscusso di Cosa nostra, malgrado da allora sia rimasto rinchiuso in carcere in regime di 41 bis per scontare i 26 ergastoli a cui era stato condannato. Il legale di Riina, Luca Cianferoni, raggiunto telefonicamente ha chiesto il massimo riserbo. Riina era malato da anni, ma negli ultimi mesi le sue condizioni si erano aggravate tanto da indurre i legali a chiedere a luglio un differimento di pena per motivi di salute. Il tribunale di Sorveglianza di Bologna aveva però respinto la richiesta finché ieri il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha concesso ai familiari un incontro straordinario col boss.

Riina non si era mai pentito per le decine di omicidi compiuti (il primo a Corleone negli anni ’50) e le tante stragi da lui ordinate, tra cui gli attentati del 1992 in cui furono uccisi Falcone e Borsellino e quelli del 1993, nella penisola. Fu suo l’ordine di scatenare un’offensiva armata contro lo Stato nei primi anni ’90. Riina era ancora imputato nell’ultimo processo a suo carico, quello sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia, che lo vede accusato di minaccia a Corpo politico dello Stato.

“Penso di aver tenuto fede a quella promessa che feci il giorno dell’assassinio di Falcone: in una dichiarazione ai media italiani e stranieri, ricordo la Cnn, dissi ‘dimostreremo che assassinando Falcone Cosa nostra ha fatto il peggiore affare, e cosi è stato”. Ha commentato Claudio Martelli, ministro della Giustizia ai tempi della cattura di Toto’ Riina. Secondo l’ex Guardasigilli, “la guerra militare con la mafia è vinta”, mentre rimane da condurre la lotta contro la “mafiosità”.

“Gli omicidi di Falcone e Borsellino – ha detto aggiunto Claudio Martelli parlando a Radio Anch’io su Rai Radio1 – furono un colpo al cuore. La mafia perforò il meccanismo di protezione dei magistrati. Falcone in particolare fu protetto come le più alte cariche dello Stato. Purtroppo però i frequenti viaggi a Palermo nell’ultima parte della sua vita e l’uso sistematico dei servizi di scorta furono un errore. La smagliatura fu quella. Bastò controllare gli spostamenti della scorta”. “Il giorno della cattura di Riina fu la fine di un lungo incubo. Ancora oggi non si è trovata una spiegazione su come Totò Riina abbia trovato rifugio a Palermo, abbia potuto viaggiare e così via. Ci sono state delle omertà. Lo Stato non si è rivelato efficace. Sono stato Ministro della Giustizia per 2 anni: abbiamo toccato il punto più basso con gli attentati a Falcone e Borsellino e il punto più alto subito dopo con la reazione e l’arresto di più di mille latitanti fino a Riina e poi Provenzano”

“La morte di un uomo dovrebbe portare al silenzio ed alla riflessione. E’ difficile, però in questo caso” ha affermato il Presidente del PSI Carlo Vizzini. “Non pensare in questi momenti alla tante vite spente ferocemente in tanti anni dal boss duro e glaciale ed anche al dolore di tutte le loro famiglie. A coloro che vorrebbero succedergli – ha concluso Vizzini che è stato relatore dell’ultima modifica del 41bis e delle confische dei beni – prima o poi saranno anche loro assicurati alla giustizia e finiranno al carcere duro con la confisca dei beni”.

Il procuratore di Palermo, Francesco Lo Voi, ha definito folle la sua guerra allo Stato. “Lo Stato ha sconfitto l’idea folle di Riina e altri esponenti mafiosi di fare la guerra allo Stato e vincerla. Lo Stato ha vinto continuando a rispettare la legge e la Costituzione”. “L’attacco allo Stato – ha aggiunto – è stato il più grosso errore strategico di Riina e ha avuto ripercussioni pesantissime su Cosa Nostra, di cui alcuni mafiosi si sono ben resi conto”. “C’e’ da chiedersi, e da chiedere agli uomini di Cosa Nostra, se valga la pena finire in carcere o venire ammazzati, fare questa vita e imporla ai propri familiari, o se non sia meglio piuttosto decidere di intraprendere un’altra strada”. E’ la riflessione, del procuratore di Palermo, Francesco Lo Voi. E sulla mafia ha aggiunto: “Muore Riina ma non finisce Cosa Nostra. Scompare quello che tuttora, nonostante la detenzione, era il capo della mafia, e si apre una nuova stagione. Ma Cosa Nostra non è finita”.

Manovra: emendamento Psi per stabilizzare ricercatori

ricerca-scientifica-laboratorio

Il Psi ha presentato un un emendamento alla Legge di Bilancio, depositato a prima firma del capogruppo socialista al Senato, Enrico Buemi. L’emendamento è volto a garantire un piano di superamento del precariato negli Enti Pubblici di Ricerca (EPR) vigilati dal Miur e prevede la possibilità di trasformare rapporti lavorativi a tempo determinato istituiti su fondi ordinari in contratti a tempo indeterminato, senza oneri aggiuntivi per la spesa pubblica. Non essendo stata consentita per anni un’adeguata pianificazione a medio-lungo termine delle attività di ricerca, il precariato rappresenta una barriera alla capacità di imporsi nel panorama della ricerca internazionale e allo sviluppo di un’economia basata sulla conoscenza. Stabilizzare il personale precario consentirebbe di invertire questa tendenza e di rilanciare il ruolo degli EPR.

IMG_1574L’emendamento è stato illustrato in una conferenza stampa a cui hanno partecipato, oltre a Buemi, Pia Locatelli, Capogruppo del Psi alla Camera dei deputati; Oreste Pastorelli, deputato e Tesoriere del Psi. È intervenuti anche una delegazione del gruppo PU-CNR composta da Marco Girolami, Danilo Durante, Principia Dardano, Giovanna Occhilupo.

L’emendamento alla legge di stabilità per stabilizzare i precari degli enti pubblici di ricerca presentato dai socialisti spinge per “ricollocare risorse essenziali alla creazione di condizioni sostenibili e dignitose di lavoro per le migliaia di lavoratori precari della ricerca”. “L’obiettivo – ha spiegato Buemi in conferenza stampa – è aprire un percorso per utilizzare risorse già esistenti nel settore. Vogliamo risolvere la problematica dei ricercatori precari, con un’estensione anche ai tecnologi”.

Sì, perché la platea di chi chiede una stabilizzazione potrebbe essere “anche più ampia. Alcuni, ad esempio, svolgono non un lavoro di ricerca, ma di supporto. Penso ai tecnici informatici ad esempio, o ai ricercatori inquadrati come amministrativi”. L’emendamento presentato costituisce un fondo per l’attuazione nel triennio 2018-2020 del piano di superamento del precariato. “Le risorse sono già previste- ha concluso Buemi- se poi ci fosse modo di aggiungerne altre…ma ci credo poco”.

L’emendamento, se approvato, sarebbe a costo zero perché utilizzerebbe la quota premiale del Fondo ordinario per gli enti e le istituzioni di ricerca. Verrebbero utilizzati 46,6 milioni per il 2018, 93,2 milioni per il 2019 e 140 milioni per il 2020. “Il Governo e la relatrice – ha assicurato il senatore socialista Buemi – sono stati attivati”. L’emendamento è stato firmato anche da Di Giorgi (Pd), Bocchino (Sel) e Orellana. La vicepresidente della Camera, Marina Sereni, ha assicurato l’appoggio dell’intero gruppo Pd.

“I ricercatori precari sono circa 8200 – ha detto ancora Buemi – e per stabilizzarli tutti servirebbero 400 milioni. Questi 40 milioni aprirebbero la strada. L’emendamento va approvato, perché se l’Italia non investe in questo settore il nostro futuro sarà più difficile del presente”. Pia Locatelli, presidente del gruppo Psi alla Camera, ha sottolineato che l’Italia spende per la ricerca solo l’1,5% del pil, ma “l’obiettivo rimane il 3% del pil tra pubblico e privato. I socialisti hanno sempre sostenuto gli stanziamenti per la ricerca”.

Per Oreste Pastorelli i ricercatori arricchiscono l’Italia e sono lavoratori che vanno difesi. “Ci siamo incontrati con una rappresentanza dei ricercatori precari nei giorni scorsi – ha spiegato Pastorelli –  e abbiamo tracciato un percorso da intraprendere. Loro non vogliono né favori né privilegi, vogliono solo lavorare con dignità e hanno tutto il diritto di farlo. Chi ha lavorato vent’anni, contribuendo in maniera concreta alla ricerca italiana, va difeso dalla politica. Il Paese ha bisogno di queste professionalità”. Marco Girolami e Giovanna Occhilupo, rappresentanti dei ricercatori precari al Cnr, hanno ringraziato il Psi e Nencini per l’impegno profuso, auspicando che l’emendamento possa essere accolto dall’intero Parlamento.

L’emendamento, promosso dal segretario del PSI Nencini,  costituisce un fondo per l’attuazione nel triennio 2018-2020 del piano di superamento del precariato, introdotto dall’articolo 20, commi 1 e 2, del decreto legislativo 25 maggio 2017, n.75, negli enti pubblici di ricerca (EPR) vigilati dal MIUR. Il D. Lgs. 75/2017 prevede la possibilità di trasformare rapporti lavorativi a tempo determinato istituiti su fondi ordinari in contratti a tempo indeterminato, dunque senza oneri aggiuntivi per la spesa pubblica.

La situazione di stallo in cui versano molti EPR è alla base del precariato cronico che limita la capacità del Paese di poter rilanciare l’economia. Il precariato, non consentendo un’adeguata e strategica pianificazione a medio-lungo termine delle attività, rappresenta una barriera alla capacità di imporsi nel panorama sempre più competitivo della ricerca internazionale. Inoltre rappresenta una barriera allo sviluppo di un’economia basata sulla conoscenza, determinando un’emorragia degli investimenti italiani in ricerca verso altri Paesi Europei. Stabilizzare il personale precario consentirebbe di invertire questa tendenza, e di rilanciare il ruolo degli EPR  come volano di sviluppo economico e sociale.