BLOG
Edoardo Gianelli

Nencini. Patto con gli Italiani con la sinistra riformista

Nencini-Psi“Sabato 1 luglio Pisapia a Roma, i socialisti a Bari. Noi celebreremo i 125 anni di storia del socialismo italiano. Non siamo nati ieri. Siamo quelli che hanno fatto l’Italia più libera e più civile”. E’ quanto ha dichiarato il Segretario del Psi, Riccardo Nencini, riferendosi alle celebrazioni del 125mo anno dalla fondazione del Psi, che i socialisti festeggeranno in una Kermesse di due giorni a Bari, alla fiera del Levante, venerdì 30 giugno e sabato 1 luglio. Domani, mercoledì 28 giugno, alle ore 13.15, Nencini e i parlamentari e dirigenti del Psi, tra i quali Pia Locatelli, Oreste Pastorelli, Enrico Buemi, Gian Franco Schietroma, Maria Pisani e Claudio Altini, presenteranno l’evento in una conferenza stampa che si terrà presso la sala stampa della Camera dei Deputati.

Sarà l’occasione per fare il punto sul dopo voto delle elezioni amministrative e sulle prossime sfide del centrosinistra. Nencini aggiunge: “Proprio da qui lanceremo tre appelli: al voto alla scadenza naturale, una legge elettorale di stampo maggioritario, un Patto con gli Italiani siglato da tutta la sinistra riformista”- ha concluso Nencini.

Continuano intanto le polemiche all’indomani dei ballottaggi. Il segretario del Pd Matteo Renzi, ha fatto la sua analisi durante la rassegna stampa del Nazareno: “Le continue esasperanti polemiche nel centrosinistra alla fine – ha detto – non fanno altro che agevolare il fronte avversario. È stato sempre così. Ma se in tanti pensano che il problema sia soltanto dentro il Pd, è chiaro che poi alle elezioni rischia di vincere qualcun altro”. “Noi – aggiunge – spalanchiamo le finestre e parliamo agli italiani. Se si perdono le elezioni è perché non si parla con la gente, non perché si fanno complicati giochi alchemici in quel di Roma. Il Pd ha risultati e una visione per i prossimi anni”. E aggiunge: “Bene quel che abbiamo fatto nei Mille giorni e quel che sta facendo il governo Gentiloni. Da venerdì al forum dei circoli di Milano vogliamo parlare di dove vogliamo portare l’Italia nei prossimi tre anni. Il Pd è l’unica forza che parla di contenuti: se si parla di contenuti non abbiamo nulla da perdere”.

Insomma Renzi non si sente affatto lo sconfitto di questo turno di amministrative. “Sconfitto io? Non mi pare proprio”. E sulle coalizione afferma: “Si conferma la tesi che i migliori amici del Berlusca sono i suoi nemici. È stato infatti ancora una volta dimostrato che quelli che invocano una coalizione di centrosinistra larga il più possibile fanno il gioco del centrodestra, e non del Pd”. La sua seconda riflessione riguarda esponenti come Prodi, Orlando, Pisapia, Bersani, gente “che da giorni si era preparata la parte in commedia: erano pronti a dire ‘Renzi perde, vince la coalizione’, ma la realtà è stata un’altra”.

Un dibattito in cui è intervenuto anche l’ex presidente del consiglio Romano Prodi: “Leggo  – ha affermato  in un nota – che il segretario del Partito democratico mi invita a spostare un po’ più lontano la tenda. Lo farò senza difficoltà: la mia tenda è molto leggera. Intanto l’ho messa nello zaino”.

Lavoro: Inps, in 4 mesi +559mila. Ma boom di precari

Inps-Pensioni sindacalistiNei primi 4 mesi 2017 il saldo tra assunzioni e cessazioni nel settore privato è stato pari a +559.000, superiore allo stesso periodo del 2016 (+390.000) e del 2015 (+499.000). Lo comunica l’Inps, precisando che il saldo annualizzato (la differenza assunzioni-cessazioni negli ultimi 12 mesi) alla fine del primo quadrimestre 2017 risulta positivo e pari a +490.000. A trainare sono stati in contratti a tempo determinato (+415 mila, inclusi gli stagionali e i contratti di somministrazione), seguiti dai contratti di apprendistato (+47.000) e da quelli a tempo indeterminato (+29.000).

Tra gennaio e aprile 2017, specifica l’Inps, complessivamente le assunzioni riferite al settore privato sono risultate 2.129.000, in aumento del 17,5% rispetto ai mesi gennaio-aprile 2016. Il maggior contributo però è dato dalle assunzioni a tempo determinato (+30,6%) mentre sono diminuite quelle a tempo indeterminato (-4,5%). Le trasformazioni da tempo determinato a tempo indeterminato sono risultate 122.000, con una riduzione rispetto allo stesso periodo del 2016 (-2,4%).

In particolare sono cresciute le assunzioni a tempo determinato nei comparti del commercio, turismo e ristorazione (+47,5%) e delle attività immobiliari (+43,6%). Negli stessi settori si osserva inoltre una crescita anche delle assunzioni in apprendistato (+46,9% nelle attività immobiliari e +35,8% nel commercio, turismo e ristorazione). Significativa pure la crescita dei contratti di somministrazione (+16,7%). Il forte aumento delle assunzioni a tempo determinato in contratti di lavoro intermittente o a somministrazione di manodopera intervenuto dalla seconda metà di marzo può essere messo in relazione alla chiusura della possibilità di acquistare voucher per remunerare i prestatori di lavoro occasionale.

Questo ha portato ad una ulteriore riduzione dell’incidenza dei contratti a tempo indeterminato sul totale delle assunzioni (26,6%) rispetto ai picchi raggiunti nel 2015 quando era in vigore l’esonero contributivo triennale per i contratti a tempo indeterminato. Le trasformazioni da tempo determinato a tempo indeterminato (ivi incluse le prosecuzioni a tempo indeterminato degli apprendisti) sono risultate 122.000, con una riduzione rispetto allo stesso periodo del 2016 (-2,4%).

Le cessazioni nel complesso sono state 1.570.000, in aumento rispetto all’anno precedente (+10,5%): a crescere sono soprattutto le cessazioni di rapporti a termine (+17,8%) mentre quelle di rapporti a tempo indeterminato sono leggermente in diminuzione (-1%).

Con riferimento ai rapporti di lavoro a tempo indeterminato, il numero complessivo dei licenziamenti risulta pari a 189.000, sostanzialmente stabile rispetto al dato di gennaio-aprile 2016 (-0,6%); cosi’ come stabili risultano le dimissioni (+0,4%). Il tasso di licenziamento (calcolato sull’occupazione a tempo indeterminato, compresi gli apprendisti) è risultato per il primo quadrimestre 2017 pari a 1,8%, sostanzialmente in linea con quello degli anni precedenti (1,8% nel 2016; 1,7% nel 2015).

L’Inps parla anche della complessa situazione dei voucher il cui stop ha fatto aumentare i contratti intermittenti. Infatti l’Inps afferma che dalla seconda meta’ di marzo, si è assistito nel mercato del lavoro ad un “forte aumento” delle assunzioni a tempo determinato in contratti di lavoro intermittente o a somministrazione di manodopera che “può essere messo in relazione alla chiusura della possibilità di acquistare voucher per remunerare i prestatori di lavoro occasionale”. “Questo – si legge – ha portato ad una ulteriore riduzione dell’incidenza dei contratti a tempo indeterminato sul totale delle assunzioni (26,6%) rispetto ai picchi raggiunti nel 2015 quando era in vigore l’esonero contributivo triennale per i contratti a tempo indeterminato”.

Preoccupazione dai sindacati. “Dai rapporti Inps emerge quello che da tempo segnaliamo: una lenta ripresa occupazionale frutto però di profonde contraddizioni. Da una parte ci sono imprese sane che assumono, ma con prudenza – come dimostrato dalla sostanziale staticità degli avviamenti a tempo indeterminato e da una prevalenza dei contratti a termine che continuano a crescere – dall’altra parte sembra ci sia ancora in atto una selezione darwiniana delle imprese, con parte del sistema produttivo in difficoltà”. Lo afferma in una nota il segretario confederale della Uil, Guglielmo Loy.

A maggio, infatti, dopo mesi di calo, risale la domanda di cassa integrazione straordinaria (+99,2%) e ordinaria (+45%), rileva il sindacalista, “a cui andrebbero aggiunte le ore richieste al Fondo di Integrazione Salariale (16,3 mln) delle quali, ad oggi, ne sono state autorizzate solo il 44,7% anche a causa dei ritardi nella lavorazione, che superano i 200 giorni. Dati, questi, che in generale portano a considerare questi ammortizzatori un vero argine ai licenziamenti che, di converso, nel primo quadrimestre diminuiscono soprattutto tra quelli per motivi economici. Resta, quindi, necessaria una rapida scelta politica che riconosca l’urgenza di non ridurre la protezione sociale e che, nel contempo, affronti con coraggio e risorse la questione del rafforzamento della rete delle politiche attive, come unico strumento per la ricollocazione delle persone espulse dal sistema produttivo”.

Garante, nel 2016 indetti 2.352 scioperi

Sciopero trasporti RomaIl diritto di sciopero è un diritto sacrosanto. E su questo non si discute. Ma lo sciopero viene sempre più visto un diritto di pochi. Di chi ha un lavoro e di chi ha un contratto e non soggetto a ricatti. Nel 2016 gli scioperi salgono del 4% sull’anno precedente ma scende il numero di giornate di protesta. Aumenta invece il numero degli scioperi generali che lo scorso anno sono stati 13, contro 1 del 2015. I dati emergono dalla relazione del presidente della Commissione Garanzia Sciopero, Giuseppe Santoro Passarelli.

Altra cosa è l’uso distorto dello sciopero contro il quale, dice Santoro Passarelli, servono “regole certe” in materia di rappresentatività. Molto spesso infatti non c’è proporzionalità tra il disagio causato agli utenti e lo stop proclamato senza un diffuso consenso sindacale sottolinea ancora il presidente della Commissione Garanzia Sciopero. “L’eccessivo ricorso allo sciopero – spiega il Garante – seppur nel rispetto della normativa di riferimento, pone l’esigenza di una riflessione, nel momento in cui in alcuni servizi essenziali esso (più che sanzione dell’ordinamento intersindacale, come lo definiva Gino Giugni) viene riproposto con una scadenza periodica, specie da alcune organizzazioni sindacali dall’incerta rappresentatività che vi ricorrono per avere auto-legittimazione e visibilità piuttosto che in reale funzione di autotutela degli interessi collettivi. Può così accadere che, oltre ad esservi un utilizzo “distorto” del diritto di sciopero, non vi sia proporzionalità fra il disagio causato agli utenti e lo sciopero proclamato senza un diffuso consenso sindacale”.

Per Santoro Passarelli “una possibile soluzione consiste nell’affrontare il problema della verifica della rappresentatività sindacale: problema fondamentale sia per il nostro sistema di relazioni industriali sia per il governo del conflitto collettivo. Non vi è dubbio, infatti, che, indipendentemente da come si voglia configurare la titolarità del diritto di sciopero (individuale o collettiva), le organizzazioni sindacali assumano, nella prassi, l’iniziativa e il governo del conflitto collettivo nei servizi pubblici essenziali, essendo rimessa a loro la proclamazione dello sciopero”. “Senza voler pregiudicare, dunque, il diritto costituzionale di tutti i sindacati a poter proclamare lo sciopero, – aggiunge ancora – appaiono ormai maturi i tempi per una seria riflessione, anche in sede legislativa, sull’opportunità di trovare dei sistemi di governo del conflitto che siano mutuati dai principi della democrazia rappresentativa e collegare, quindi, il potere di proclamazione dello sciopero, nel settore dei servizi pubblici essenziali, al raggiungimento di parametri di rappresentatività”.

“Nel settore dei servizi pubblici essenziali – afferma ancora Passarelli – lo sciopero si mantiene a livelli piuttosto elevati e, nell’anno in esame, si registra un trend complessivo in lieve crescita rispetto a quello precedente: il dato complessivo di tutte le proclamazioni di sciopero (nazionali, locali, settoriali, delle prestazioni straordinarie, etc.), si attesta sulle 2.352, rispetto alle 2.261 del 2015”.

E sullo sciopero di marzo dei Tassisti (di nuovo sul piede di guerra e che ci minacciano nuove mobilitazioni) aggiunge: “È avvenuta in dispregio di tutte le regole previste dalla legge”. “Tali azioni collettive – spiega – spesso collegate ad istanze sociali di vario tipo, più che sciopero in senso proprio, rappresentano l’espressione del potere di coalizione di gruppi professionali organizzati, oltre a quelle più squisitamente politiche, attese le conseguenze della globalizzazione dell’economia sulle dimensioni stesse del conflitto”.

La soluzione? La offre lo stesso Garante: rinnovare contratti. Bisogna trovare le risorse per il rinnovo dei contratti per ridurre i conflitti. Santoro Passarelli Sottolinea anche “che con la liberalizzazione dei servizi pubblici essenziali molto spesso ci sono state razionalizzazioni aziendali ed esternalizzazioni che hanno comportato forme di precarizzazione e dequalificazione. E ancora la riduzione dei finanziamenti pubblici ha portato in alcuni casi alla mancata erogazione degli stipendi”.

“Quando ho incontrato il nuovo garante – afferma il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo – gli ho spiegato qual è il nostro modo di pensare anche in merito allo sciopero virtuale, con sanzioni a carico delle aziende: per ogni giornata persa da un lavoratore tre giornate perse dall’azienda”. Poi commentando i dati sugli scioperi Barbagallo ha affermato che “ci sta bene che il garante dica di rinnovare i contratti se serve a diminuire il conflitto, ci sta bene che dica di attuare le regole della rappresentanza sia per i lavoratori sia per i datori di lavoro” perché è necessario “regolare il conflitto”. “Se pensiamo che la maggior parte degli scioperi viene fatta nelle aziende delle autonomie locali è la dimostrazione che anni e anni senza contratti creano disagi” per questo “bisogna mettere delle regole e noi stiamo affrontando seriamente questo discorso”.

“Lo sciopero – ha sottolineato – è un diritto costituzionale individuale che viene utilizzato collettivamente ed è sul ruolo collettivo che bisogna incidere con regole valide per tutti altrimenti rischiamo di avere norme che sono in costituzionali. Noi siamo per discutere seriamente”.

Contraria a riformare la legge sugli scioperi, e favorevole ad adottare una legge sulla rappresentanza è la segretaria generale della Cgil, Susanna Camusso. Rispondendo alle domande dei giornalisti Camusso ha sostenuto che non bisogna “assolutamente” intervenire sul diritto di sciopero. Secondo Camusso, il Garante ha “giustamente posto il problema di una sanzione alle imprese e articolato le ragioni degli scioperi, a partire da quelli dei trasporti, tanti dei quali derivano dalla mancata retribuzione dei lavoratori e dal mancato rinnovo del contratto”. E ha proseguito: “Mi paiono

tutte ragioni rispetto alle quali non c’è alcuna motivazione che possa far intervenire sul diritto di sciopero. Diversamente, e lo abbiamo già detto in tante occasioni, ritengo che bisogna accelerare e trasformare in legge la rappresentanza”.

Banche Venete, soluzione ancora lontana

banche veneteAncora senza soluzione la complicata vicenda delle Banche Venete. Oggi a parlarne è il presidente di Unicredit Giuseppe Vita a margine di un evento a Milano. Unicredit, ha detto Vita, è sempre “disponibile a partecipare a una soluzione di sistema” per il salvataggio delle banche venete, soluzione di cui però “siamo ancora alla ricerca”. Vita però si dice più ottimista oggi rispetto a 15 giorni fa. Ma serve una soluzione di sistema. In questo caso Vita ha detto che Unicredit è disponibile a partecipare: “Faremo il nostro dovere ma proprio per un senso di solidarietà al Paese”. Una soluzione di sistema – aggiunge – “può essere quella di creare una bad bank e intervenire per risolvere un problema minore come quello della parte buona”.

Soluzione di sistema significa coinvolgere “la grandissima parte delle banche italiane”, ma non con una “soluzione a due”. “Poi se altri trovano una soluzione migliore ben venga. Noi siamo per coinvolgere la grandissima parte delle banche in modo proporzionale”.

Il presidente della Consob, Giuseppe Vegas, in occasioni di un’audizione in Senato ha invece parlato dei rischi dell’intervento diretto di altri istituti nel salvataggio delle banche in crisi che potrebbe essere non sostenibile nel lungo periodo. Secondo Vegas, il sistema bancario italiano non ha saputo giocare il ruolo della spagnola Banco Santander (che ha acquisito la rivale Banco Popular per evitarne il fallimento) per due ragioni: da un lato, “non ha subito un profondo processo di ristrutturazione negli anni passati e dunque non ha ancora raggiunto nell’insieme quel livello di efficienza e redditività che consentono costose operazioni di salvataggio” dall’altro “non sono note le condizioni di redditività prospettica delle banche in crisi e quindi – ha osservato – un intervento diretto da parte di altri intermediari potrebbe non rispondere a logiche di sostenibilità nel lungo periodo”.

Vegas nella audizione ha anche parlato di bail-in. La crisi finanziaria ha visto fino al 2013 un flusso di risorse pubbliche rilevante per il salvataggio delle Banche. Le cose sono cambiate con le norme del bail-in, la cui fase di transizione in Italia “è avvenuta, a mio avviso, un po’ troppo brusca e rapida” ha sottolineato il presidente della Consob. Vegas ha aggiunto che prima dell’entrata in vigore del bail-in c’è stata un’Italia “sostanzialmente ferma” sul versante della ristrutturazione del sistema, a differenza di altri Paesi.

E poi una proposta per la revisione della direttiva europea Brrd (Bank Recovery and Resolution Directive) sulla risoluzione delle crisi bancarie. Si tratta di esentare dal bail-in anche le obbligazioni ordinarie sotto i 100mila euro o equiparazione ai depositi anche per ciò che attiene alla aggredibilità. “Oggi in un contesto di tassi negativi o prossimo allo zero – ha spiegato il presidente ancora Giuseppe Vegas – le obbligazioni bancarie sono forme di investimento del risparmio retail analoghe ai depositi: pertanto, depositi e obbligazioni sotto la soglia dei 100mila euro dovrebbero beneficiare della stessa tutela in termini di aggredibilità in caso di risoluzioni”.

Secondo Vegas, “la piena aggredibilità delle obbligazioni bancarie penalizza e rende più costosa questa importante forma di raccolta a medio-lungo termine delle banche. Può portare a un eccessivo peso dei depositi sul passivo delle banche, circostanza che potrebbe aumentare i rischi di liquidità e rendere il sistema più instabile”.

Toti passa alle offese. Nencini: “Zero argomentazioni”

giovanni-totiSabato scorso, in un post su Facebook intitolato “Ma i genovesi, dopo vent’anni, devono ancora pagare una poltrona per Merella? Edda’i…”, giovanni Toti,  usa il vecchio sistema dell’offesa purtroppo sempre di moda tra chi non ha argomenti. “Merella – ha detto ancora Toti – è parte della conventicola che si spartisce incarichi e prebende da oltre un ventennio, d’accordo con il Pd e tutti i sostenitori delle giunte di sinistra di questa città”.

“E bravo il presidente Toti – afferma il segretario del Psi Riccardo Nencini – riesuma la favoletta della volpe e l’uva. Non può avere i voti socialisti a Genova e addirittura passa alle offese. Stile per nulla presidenziale e zero argomentazioni”.

Ecco l’antefatto. La lista Ge9si alle amministrative di domenica 11 giugno aveva candidato Arcangelo Merella come sindaco di Genova. Per il ballottaggio Merella ha deciso di sostenere Gianni Crivello nella corsa a sindaco di Genova. Crivello, soddisfatto aveva commentato con un post sulla propria pagina Facebook: “Ringrazio Arcangelo Merella e la sua lista per avere deciso di sostenermi al ballottaggio. Ci conosciamo da anni e abbiamo lavorato insieme quando lui era assessore e io presidente di municipio in Valpolcevera e ho avuto occasione di apprezzarne competenza e serietà”.

Ada attaccare Toti per le sue affermazioni anche il Pd Ligure: “Consideriamo gravi e inaccettabili le parole che il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti ha rivolto nei confronti di Arcangelo Merella. Il confronto politico – scrivono in una nota Vito Vattuone, segretario Pd Liguria e Alessandro Terrile, Segretario Pd Genova – non ci fa paura e lo abbiamo sempre dimostrato, ma deve sempre misurarsi sui contenuti senza giungere ad attacchi personali che dimostrano solo il vuoto della proposta politica del centrodestra”.  “Siamo lieti di avere raggiunto un accordo politico e programmatico con la lista Genovesi, che ha costituito un elemento di novità e di pungolo in questa campagna elettorale. Arcangelo Merella rappresenta un punto di riferimento per il riformismo e la buona amministrazione nella nostra città, e siamo certi che insieme a Gianni Crivello metterà le sue competenze a disposizione di tutti i genovesi” hanno aggiunto.

Usa, Donald Trump come Richard Nixon

Donald Trump

Donald Trump

Dopo giorni il dubbio pare non ci sia più. Donald Trump è indagato per una possibile ostruzione della giustizia. Lo stesso reato per cui Richard Nixon si dimise evitando un sicuro impeachment. Lo scoop è del Washington Post, che cita dirigenti coperti dall’anonimato.

“Il procuratore speciale Robert Mueller che guida l’inchiesta sul ruolo della Russia nelle elezioni del 2016 interrogherà alti dirigenti dell’intelligence come parte di una più ampia indagine che ora include l’esame dell’ipotesi se Donald Trump ha tentato di ostruire la giustizia”, scrive il Washington Post.

Ovviamente durissima la reazione di Trump, che in un tweet bolla lo scoop del Wp come la più grande caccia alle streghe della storia americana. L’ipotesi di ostruzione alla giustizia si è profilata dopo che il tycoon ha licenziato a sorpresa l’allora capo dell’Fbi James Comey, che indagava sul Russia-gate. Ipotesi che ha preso più corpo dopo la deposizione al Senato dello stesso Comey, che ha accusato Trump di avergli fatto pressioni per far cadere l’indagine sul suo ex consigliere per la Sicurezza nazionale Michael Flynn. Il presidente ha contestato questa versione, definendo Comey un bugiardo, oltre che una ‘gola profonda’, e si è detto pronto a testimoniare sotto giuramento. La mossa dei Mueller lascia intendere, secondo il Wp, che il procuratore vuole andare al di là della disputa tra i due, cercando prove a carico (o a discarico) con altri testimoni.

Il presidente, secondo notizie di stampa dei giorni scorsi, avrebbe telefonato a Coats e a Rogers chiedendo di negare pubblicamente l’esistenza di qualsiasi prova di collusione tra la sua campagna e i russi. Coats inoltre avrebbe riferito ad alcuni suoi collaboratori che Trump gli aveva chiesto di intervenire su Comey per lasciare la presa su Flynn. Nella loro audizione pubblica al Senato entrambi i capi dell’intelligence hanno negato di aver mai subito pressioni da Trump, ma hanno anche precisato di non voler svelare il contenuto delle conversazioni col presidente. Lo faranno con Mueller? Quanto a Ledgett, avrebbe scritto il memo interno dell’Nsa che documenta la telefonata del presidente a Rogers. Il procuratore speciale intanto ha già acquisito i memo di Comey sui suoi colloqui con il tycoon.

I media Usa avevano già svelato nelle scorse settimane come Kushner fosse coinvolto nelle indagini del Russiagate come “persona di interesse”. Una notizia che mise in serio imbarazzo il presidente Trump durante il summit del G7 di Taormina, con il genero costretto a rientrare prima negli Stati Uniti insieme alla figlia di Trump, Ivanka. Ma è la prima volta che emerge come gli investigatori si stiano concentrando sulle operazioni finanziarie riconducibili a Kushner. Finora nel mirino c’erano i suoi incontri con l’ambasciatore russo a Washington Sergei Kislyak e con Sergei Gorkov, numero uno della Vnesheconombank, banca di proprietàdello stato russo. Nell’incontro con Kislyak, Kushner avrebbe anche proposto di instaurare un canale di comunicazione diretto ma segreto tra la casa Bianca e il Cremlino

Ok alla manovrina. Gentiloni: “Matenuti gli impegni”

gentiloni manovrina“Approvata manovra correttiva: impegni di bilancio mantenuti senza nuove tasse. Priorità ai fondi per la ricostruzione post terremoto”. Così il premier Paolo Gentiloni commenta su twitter il via libera definitivo del Senato alla manovrina sulla quale il governo ha incassato la fiducia al Senato con 144 Sì, 104 No e 1 astenuti. I votanti erano 249 e la maggioranza era di 125 voti. La Manovra è quindi legge. A favore si erano espressi il Pd, il gruppo Autonomie e Ap, anche se il presidente della Commissione Lavoro Maurizio Sacconi aveva dichiarato che non avrebbe votato, in dissenso con il suo gruppo, contestando la normativa sui voucher inserita nel testo della Manovra. Il primo a votare nella prima chiama è stato l’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che ha scelto il Sì.

Insomma Paolo Gentiloni preme l’acceleratore sui provvedimenti che ritiene fondamentali. Prima la fiducia al ddl penale alla Camera, ottenendo la maggioranza assoluta dell’Aula di Montecitorio (320 consensi, che diventano 267, contro 136 no, nella successiva votazione finale). Poi la fiducia al Senato, sulla manovrina.

Sono stati 69 i senatori assenti durante l’approvazione della manovra. Sedici di Mdp – Articolo 1, 13 di Forza Italia, 10 del gruppo Misto, 9 di Gal, 7 di Ala, 4 M5S, 3 autonomie, 2 i senatori del Pd (Tocci e Ruta), 4 Fl- Idea, 1 di Ap (Sacconi), ad astenersi il senatore Conti del gruppo Misto mentre un esponente di Ala non ha partecipato al voto. Per la precisione fra i 69 assenti 9 provengono dal Gruppo Misto e 1 dalla Lega.

Il gruppo di Mdp non ha partecipato al voto assumendo per la prima volta una così forte presa di distanza. “Una presa di distanza netta di cui siamo consapevoli” ha detto in Aula al Senato Maurizio Migliavacca intervenendo in dichiarazioni di voto. “Si tratta – ha spiegato – di una scelta obbligata, l’unica possibile per noi per non arrendersi al rifiuto in blocco del decreto”. “Un no – ha spiegato – Migliavacca – a quella che giudichiamo una forzatura sui voucher, contraria ai nostri valori costitutivi: la dignità del lavoro, la partecipazione democratica. Ma nello stesso tempo, per la responsabilità che sentiamo verso il governo, una porta aperta. Una porta aperta a scelte, nel metodo e nel merito, più condivise nel futuro”.

Dalla maggioranza il senatore del Pd Giorgio Tonini, parla di voto “convinto” a un “decreto, che è un tassello importante all’interno di una strategia di politica economica e sociale che si sta rivelando sempre più fruttuosa man mano che il tempo passa”.

Nencini: a Bari per celebrare i 125 anni di socialismo

Nencini“Chiamiamolo Nuovo Ulivo, chiamiamolo Campo del centrosinistra, chiamiamolo come ci pare, ma una coalizione che tenga insieme i simili è ormai assolutamente necessaria”. Ne è convinto Riccardo Nencini, segretario del Psi e viceministro delle Infrastrutture. “Che Fratoianni dica no a Renzi non mi stupisce – afferma Nencini in un’intervista al Mattino – Che lo dica Bersani, con la sua storia di ex presidente della Regione Emilia-Romagna, di ex ministro, di ex candidato premier del centrosinistra, mi sembra di sicuro la cosa più incomprensibile della politica italiana”. Dalle amministrative arriva l’indicazione che “il centrosinistra ha una forza elettorale che non può essere sacrificata per le nostre beghe interne. È chiaro che senza il Pd non può esistere il centrosinistra, ma è altrettanto vero che il centrosinistra non può essere rappresentato soltanto dal Pd”, osserva Nencini. “Non si può immaginare, da parte dei democrat, un partito degasperiano che come nel ’48 sia autonomo nella sua maggioritaria capacità di consenso. Lo stato del Paese non ci dà questa lettura. La coalizione è necessaria. Poi – conclude Nencini – è naturale che non qualsiasi coalizione vada bene. Pisapia certamente va coinvolto, certa sinistra radicale certamente no”. Il segretario del Psi ha poi annunciato l’appuntamento di Bari dove il 30 giugno e 1 luglio “celebriamo i 125 anni del socialismo italiano. E’ una buona occasione per riunire i protagonisti di una storia di libertà che ha reso l’Italia più civile. Ed è un’ottima opportunità per raccogliere compagne e compagni che hanno fatto scelte diverse. Forza, le porte sono spalancate”. E parlando del centrodestra aggiunge: “Non è fantapolitica, ma tra grillini e Lega è in corso una marcia di avvicinamento. Non approderà ad accordi prima delle elezioni ma attenzione al dopo. Su Europa, Euro e migranti troppi punti in comune”.

Passata la sbornia delle elezioni subito dopo l’accantonamento della riforma elettorale, i toni si placano e si può tornare a ragionare su come rivedere il centrosinistra in vista della fine della legislatura prevista per il prossimo anno. Tra i nomi che circolano nel dibattito di questi giorni è tornato di Romano Prodi: l’ideatore dell’Ulivo e poi dell’Unione che aveva alla base la convinzione di costruire una coalizione vasta come unico modo per portate il centrosinistra alla vittoria. E Prodi ha vinto due volte. Nel 1996 e dieci anni dopo nel 2006.

“L’ipotesi di dialogo con D’Alema è negata dalla realtà”, dice Matteo Renzi. “Serve un centrosinistra largo, nessuno escluso” ribatte Giuliano Pisapia. Si può stare tutti insieme, insiste l’ex sindaco di Milano, con riferimento al nome del nuovo soggetto della sinistra che terrà a battesimo il prossimo primo luglio. Magari con Romano Prodi a fare da federatore. Renzi guarda invece ora ai ballottaggi delle comunali, ad alto tasso di incertezza: dopo il “pareggio” del primo turno saranno, afferma, una sfida ai “rigori” con il centrodestra. “Se Prodi fosse disponibile a candidarsi a Palazzo Chigi – ha detto Giuliano Pisapia a ‘diMartedì’ – ci metterei la firma, però mi sembra che lui non sia disponibile”. Non si è fatta attendere la risposta di Prodi: “Io sono un pensionato, anzi, un felice pensionato”.

SPIRITO EUROPEO

ungheria-muri-e-porteLa Commissione europea ha deciso di lanciare le procedure di infrazione per Polonia, Ungheria e Rep. Ceca per i mancati ricollocamenti dei profughi da Italia e Grecia. Ad annunciare i provvedimenti è il commissario Ue Dimitris Avramopoulos, nel presentare la relazione di giugno sullo stato di attuazione delle ‘relocation’. “Dispiace constatare che nonostante i ripetuti appelli, Ungheria, Rep. Ceca e Polonia” non abbiano ancora agito. “Spero che” questi tre Paesi “possano riconsiderare la loro posizione e iniziare a “contribuire in un modo giusto”, afferma Avramopoulos, spiegando che la Commissione Ue in quel caso potrebbe anche riconsiderare la propria decisione. “Speriamo che lo spirito europeo prevalga”, auspica. “Questi tre Paesi non hanno fatto niente per oltre un anno”, avverte Avramopoulos. In particolare “l’Ungheria, non ha mai fatto niente – aggiunge -. La Polonia si è offerta di accogliere nel 2015 e poi non ha fatto altro. La Repubblica Ceca non ha più ricollocato dall’agosto 2016”.

Il commissario ha ricordato i numerosi appelli rivolti ai Paesi affinché ricollocassero. “Ora è tempo di passare all’azione”, avverte Avramopoulos “anche se non sono l’uomo più contento”. Domani sarà pubblicato il pacchetto mensile delle infrazioni. Una decisione che Budapest definisce un “puro ricatto e un atto antieuropeo” da parte della Commissione europea. Lo ha detto in Parlamento il ministro degli esteri ungherese Peter Szijjarto dopo l’annuncio di Bruxelles.

Intanto dall’Organizzazione internazionale delle migrazioni (Oim) di Ginevra, arriva il bilancio aggiornato sulle su migranti e rifugiati. Dall’inizio dell’anno sonno in totale 73.189 quelli giunti via mare in Europa e 1.808 sono morti mentre tentavano di attraversare il Mediterraneo. Circa l’85 % del totale degli arrivi in Europa via mare dall’inizio dell’anno è stato registrato in Italia. I dati globali sono inferiori a quelli registrati nello stesso periodo del 2016, quando gli arrivi furono 211.433 e i morti di 2.899.

L’Oim precisa che circa l’85 % del totale degli arrivi in Europa via mare dall’inizio dell’anno è stato registrato in Italia con un totale dei 61.903 migranti e rifugiati giunti nel Paese dal primo gennaio all’11 giugno scorso. Anche la stragrande maggioranza dei decessi è segnalato sulla rotta del Mediterraneo centrale tra l’Africa del Nord e l’Italia, con 1.717 morti dall’inizio del 2017.

Secondo le informazioni raccolte dall’ufficio dell’Oim a Roma, i dati per nazionalità degli arrivi in Italia fino al 31 maggio rivelano che i Nigeriani (9.286 uomini, donne e bambini) sono i più numerosi. Gli altri principali paesi di origine sono Bangladesh (7.106) Guinea (5.960), Costa d’Avorio (5.657), Gambia (4.011), Senegal (3.935), Marocco (3.327), Mali (3.150), Eritrea (2.344) e Sudan (2.327).

STELLE CADENTI

grillo di maio

All’indomani delle elezioni comunali il Movimento 5 Stelle deve fare i conti con un risultato deludente. I 5 Stelle, infatti, si ritrovano fuori dai ballottaggi delle città più grandi: a Palermo perdono, così a Genova e, come previsto, anche a Parma. Ma “brucia” anche la perdita di Mira (in provincia di Venezia) uno dei primi comuni conquistati dai 5 Stelle.

Il segretario del Psi Riccardo Nencini in un editoriale sull’Avanti! parla di “quattro fattori nel voto amministrativo: una scarsa partecipazione, il crollo verticale dei grillini, l’esplosione delle liste civiche (almeno il 70% delle liste presentate), la vittoria delle coalizioni”. “Il voto socialista – continua Nencini – è articolato. Buono al Sud. Ma il nord il vero problema, dal 1993”. “Siamo in attesa dei dati definitivi del Ministero dell’interno ma possiamo sin da ora dire che le liste Psi e di area civico socialista si attestano attorno al 4,4%. Una riflessione: si vince con coalizioni coese e con un progetto di governo. È vero, senza PD non c’è centrosinistra, ma nemmeno con il solo PD c’è il centrosinistra”.

Le divisioni interne al M5S e il poco radicamento sul territorio sono a incidere sui risultati poco lusinghieri in casa 5 Stelle ed è probabile che questo riaccenda le perplessità dell’ala più ortodossa del Movimento e che inneschi un nuovo “processo” alla figura di Luigi Di Maio che è responsabile Enti Locali oltre ad essere nei fatti candidato premier in pectore (anche se sarà la Rete a decidere il nome nei prossimi mesi). Ma sa qui a dire che il Movimento è in crisi ce ne vuole. La forza dei 5 Stelle è tutta nel suo leader. E spendersi a livello nazionali è per lui molto più facile piuttosto che scendere a livello locale dove le diversità di ogni amministrazione necessitano di candidature forti e radicate.

Insomma il voto in 1.004 Comuni, con oltre nove milioni di italiani, riconsegna un quadro politico soprattutto bipolare con i candidati di centrosinistra e quelli di centrodestra che si sfideranno ai ballottaggi tra due settimane. Affluenza intorno al 60%, in forte calo. Secondo turno previsto per il 25 giugno. Grillo dal canto suo non ci sta e va al contrattacco: “Tutti gongolano esponendo raffinate analisi sulla morte del M5S, sul ritorno del bipolarismo, sulla fine dei Grillini. L’hanno detto dopo politiche, europee, regionali e referendum. Fate pure anche ora”. Senza le liste civiche Renzi “avrebbe faticato a mettere anche solo qualche consigliere comunale! Stiamo assistendo alla lenta scomparsa di un partito che, con nomi diversi, era radicato sul territorio dal dopoguerra”.

In visita nelle zone terremotate, il segretario del Pd, parla di “buoni i dati”. Ma già pensa ai ballottaggi che si terranno tra due settimane. Il M5s, aggiunge Ettore Rosato, capogruppo Pd alla Camera “ha dimostrato di non essere all’altezza delle sfide delle grandi città, ma anche delle realtà medio-piccole. Questo Movimento, anche sulle riforme, ha dimostrato di non saper e voler decidere. “Il centrosinistra – aggiunge – tiene molto bene come coalizione”. “E tiene bene anche il Pd. Nei ballottaggi – precisa – ci scontreremo con un centrodestra che, quando si unisce, a prescindere dalle cose che li tengono insieme, si dimostra molto competitivo e molto forte”.