BLOG
Ginevra Matiz

Biotestamento. Finalmente un passo avanti

biotestamentoIl ddl sul Biotestamento è stato approvato dalla commissione Affari sociali della Camera. Un passo avanti importante sul fronte dei diritti. Si tratta di “un importante risultato, anche se avrei preferito che fossero state definite modalità più accessibili”. È il commento di Pia Locatelli capogruppo del Psi alla Camera e componete della Commissione Affari Sociali. In particolare Pia Locatelli si riferisce alla “redazione delle disposizioni da parte del soggetto, rispetto alla redazione davanti ad un notaio o un medico del Servizio sanitario nazionale come previsto”. E spiega la motivazione: “Quanti andranno o potranno infatti andare davanti ad un notaio? Credo sia stato sbagliato eliminare la possibilità prevista nella versione iniziale del ddl di redigere le proprie disposizioni anche semplicemente davanti a due testimoni”. Ad ogni modo, prosegue, “si tratta di una mediazione e credo sia di fondamentale importanza il fatto che sia stato comunque affermato il principio che quando si è capaci di intendere e volere si possa esprimere la propria volontà per quando non si dovesse più essere capaci di intendere. Questo è il cuore della legge”. Complessivamente, dunque, “il ddl è un grande passo avanti”. Quanto al punto dibattuto circa la possibilità di interrompere la nutrizione e idratazione artificiali, conclude Locatelli, “il mondo scientifico è concorde nell’affermare che tali atti costituiscono dei trattamenti terapeutici”, e come tali “sono rinunciabili”.

Plaudono all’approvazione del ddl in commissione anche Marco Cappato e Filomena Gallo, a nome dell’Associazione Luca Coscioni per la ricerca scientifica affermando però allo stesso tempo che sono “necessarie modifiche in Aula”. Come Associazione Coscioni, proseguono, “chiediamo ora che la scadenza del 27 febbraio per il voto in Aula sia rispettata senza cedere a un terzo rinvio”.

Dall’alto campo i deputati cattolici, contrari al biotestamento, cercando di allungare i tempi. “Sulla legge che riguarda il testamento biologico rivedremo in aula lo stesso atteggiamento aggressivo che abbiamo dovuto subire per le unioni civili o ci sarà spazio per un dibattito approfondito?

Pisapia. Locatelli: “I socialisti pronti al dialogo”

Pisapia-unioni civili“Scendo in campo di nuovo. Ieri a Milano, oggi in Italia”. “Mi metto al servizio di un impegno politico collettivo. Il protagonista non sono io. Sono loro: le associazioni che lavorano sul territorio, le amministrazioni locali, il  volontariato laico e cattolico”. Così in una intervista a ‘Il  Corriere della Sera’, Giuliano Pisapia. “Campo progressista. Un progetto del tutto nuovo, che nasce con una grandissima ambizione: offrire altro, rivoluzionare la politica, cambiarla nel profondo. Vogliamo unire storie e percorsi diversi e costruire una casa comune, per riunire chi vuole fare qualcosa per la società e non trova il  modo”. E circa l’ipotesi che qualcuno dirà che fa la stampella di  Renzi e del Pd, Pisapia spiega: “Non ho mai fatto la stampella di nessuno, e a Renzi ho sempre detto quello che pensavo”.

Parole accolte con interesse dai socialisti. “L’iniziativa di Pisapia volta a riunire la sinistra –ha detto Pia Locatelli, capogruppo del Psi alla Camera – è una proposta senza dubbio interessante e da prendere in considerazione. I socialisti sono disponibili al dialogo e da sempre favorevoli alla creazione di un’area progressista che riunisca la parte riformista e laica del Paese”. “L’Italia – ha proseguito Locatelli – ha bisogno di ritrovare la strada di uno sviluppo sano ed equilibrato, per creare nuove opportunità di lavoro, ridurre le diseguaglianze e rinvigorire il progetto europeo. C’è bisogno di ridare voce a un vasto elettorato di sinistra smarrito e confuso sostenendo un programma riformista in parte già avviato in questa legislatura. Per le sue capacità, la sua storia, l’ex Sindaco di Milano ha le carte in regola per sostenere un progetto politico che va in questa direzione, un progetto – ha concluso l’esponente socialista – che proprio a Milano ha col riformismo socialista una lunga e solida tradizione”.

Una intervista che ha suscito interessi ampi nel centro sinistra. Sono diversi infatti i commenti alla decisione dell’ex sindaco di Milano di “scendere in campo”. Il ‘Campo progressista’ lanciato da Giuliano Pisapia, “dal punto di vista del messaggio politico, è certamente interessante, dal punto di vista dell’impatto che può avere bisogna valutare: quando capiremo se è un partito o meno, sarà più facile tirare le conclusioni”, ha detto il primo cittadino del capoluogo lombardo, Giuseppe Sala.

Il senatore Pd Luigi Manconi va dritto al sodo:”Da cittadino, da militante politico e da parlamentare, intendo aderire al progetto da lui  promosso che prende il nome di Campo Progressista. Penso che sia una proposta utile a tutto il centro sinistra, al fine di rilanciare l’iniziativa civica, la mobilitazione delle persone in carne e ossa, il rinnovamento delle idee e delle modalità dell’azione politica”.

Iniziativa utile e positiva viene definita da Antonio Bassolino: “Guarda giustamente in avanti, a sinistra, e si muove  nel solco della migliore e originaria impostazione dell’Ulivo e  del Partito Democratico”.

L’iniziativa di Giuliano Pisapia piace anche a Lorenzo Dellai e Paolo Ciani, rispettivamente Presidente e Coordinatore Nazionale di  Democrazia Solidale. “Merita senz’altro attenzione. Essa cerca di cogliere una domanda di partecipazione politica alla quale i partiti di oggi in larga parte non riescono a corrispondere” affermano in una nota.

Stesso positivo commento da parte del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti: “L’idea di tornare a unire una parte della sinistra che sui propri contenuti fa una scelta di governo e collaborazione è una sfida importante che aiuterà, quale che sia la legge elettorale, il rafforzamento del campo di forze del centrosinistra. E’ una sfida a cui guardare con rispetto ed  attenzione”.

NODI DA SCIOGLIERE

Consultazioni-Camera“Secondo me bisogna sciogliere il nodo della data del referendum e allo stesso tempo capire l’evoluzione della legge elettorale, in questo ordine”. Lo ha affermato il segretario del Psi e Riccardo Nencini, a margine della conferenza di organizzazione della Feneal-Uil. Il referendum in questione è quello promosso dalla Cgil sul lavoro (voucher e appalti). Nencini ha anche escluso che il codice degli appalti possa essere “l’attaccapanni giuridico” attraverso il quale veicolare modifiche sugli appalti, nella direzione richiesta dal sindacato. “Si tratta di fattispecie diverse” ha aggiunto. E sulla legge elettorale Nencini ha aggiunto che “i Socialisti non cambiano spalla al fucile. La strada maestra è un crono-programma così fatto: la maggioranza che sostiene il governo, che è la stessa che sosteneva il governo Renzi, si mette attorno a un tavolo. Anche perché è la stessa coalizione che presumibilmente si presenta alle prossime elezioni con una voce sola agli italiani. Stabilisce come primo passaggio che legge elettorale fare. Secondo, la proposta viene presentata all’intero arco delle forze parlamentari perché le leggi elettorali sono leggi regola, e quindi non devono avere una maggioranza e una minoranza precostituita. Terzo a quel tavolo che sostiene la coalizione si fissa anche un progetto per l’Italia”.

Legge elettorale e durata del governo sono ormai al centro del dibattito politico e stanno diventando una spada di Damocle per l’esecutivo costantemente sotto la minaccia degli umori di chi vorrebbe accelerare la strada verso le urne. A farne le spese il Pd, diviso su posizioni difficilmente conciliabili su diversi fronti. Dalla data del voto, alla legge elettorale al Congresso, solo per citare i temi di maggiore attrito. Insomma nel Pd si cerca la quadratura in vista della direzione del 13 febbraio. A rompere gli indugi e a sposare la testi del “lunga vita al governo Gentiloni” è l’ex segretario del Pd Bersani che nel dibattito interno al suo partito su Congresso e elezioni chiede chiarezza da parte di tutti. “E’ ora che tutti, dico tutti, dicano parole chiare: io sono per il voto nel 2018, perché il governo governi e da qui a giugno si faccia la legge elettorale e a giugno il congresso. Altrimenti – ha aggiunto – se non rimettiamo i piedi a terra, i cittadini non capiscono e andiamo nei guai non solo politici ma anche economici e sociali”. Quanto alla legge elettorale, per Bersani vanno tolti i capilista bloccati. “Io voglio sapere che ne pensa Renzi e che ne pensa Franceschini. Dalla data del voto tutto discende”, insiste Bersani che alla domande su un asse Franceschini-Orlando si indigna. E mentre i centristi, come afferma in una nota il segretario Lorenzo Cesa, segretario nazionale dell’Udc, “passata l’euforia immotivata per il voto anticipato è essenziale ora mettersi al lavoro per individuare correzioni equilibrate alla legge Elettorale” cercando una “convergenza in Parlamento su un sistema proporzionale”, Forza Italia ancora non si pronuncia e attente la sentenza della Corte per scoprire le proprie carte.

Ginevra Matiz

Nencini: “Da Orfini idea medievale della parità”

On. Matteo OrfiniAncora toni alti, scontri e polemiche all’interno del partito democratico. Questa volta è stato Michele Emiliano a polemizzare con il segretario del partito. Il governatore della Puglia ha osservato che se Renzi non lascia la guida del Nazareno è perché vuole compilare lui le liste elettorali. “Il segretario non si dimette – ha detto Emiliano – perché ha un sacco di soldati e salmerie da collocare, ha da salvaguardare un sacco di persone. E se dovesse perdere la possibilità di fare le liste – ha aggiunto Emiliano – non so se quei sondaggi sarebbero uguali perché questi sondaggi sono cosi’ adesso che il segretario ha il potere di fare le liste e quindi tiene insieme tutte le infinite correnti del Pd”. A stretto giro è giunta la replica dura dei renziani che traducono il pensiero del segretario: “Emiliano se proprio si sente un leader – ha attaccato Ernesto Carbone, della segreteria – dovrebbe credere un po’ di più in se stesso e candidarsi alle primarie anziché battere ritirata al primo sondaggio letto dando poi la colpa a Matteo Renzi”.

Poi l’affondo più netto, direttamente dal vicesegretario del Pd, Lorenzo Guerini:”Non passa giorno senza che Emiliano provi ad aprire fronti nel partito alla cui guida, ‘suo malgrado’, vorrebbe candidarsi. Ogni giorno un attacco frontale al segretario e al partito. La dialettica è assicurata nel pd e la polemica, anche aspra, può essere a volte utile. Ma in questi giorni – ha concluso Guerini – sta assumendo livelli pericolosi, nel solco di esperienze già fatte in passato di tentativi di indebolire il leader di turno”.

Altro tema caldo che riguarda  tutti i partiti e non è esclusivo di un singolo, è la legge elettorale. Matteo Orfini, presidente del Pd, in una intervista a la Stampa si è detto “radicalmente in dissenso con la proposta di Franceschini” che ieri aveva proposto primarie di coalizione, per evitare la scissione nel Pd, e premio di maggioranza alla coalizione e non più alla lista come punto di mediazione con Forza Italia e Ncd sulla legge elettorale. Con il premio di maggioranza alla coalizione “si rischierebbe di mettere completamente in crisi la vocazione maggioritaria del Pd: se si torna alle coalizioni, allora si rischia di tornare anche a Ds e Margherita”.

Orfini è il commento del segretario del Psi Riccardo Nencini “pensa di trattare gli alleati come ascari: utili alle maggioranze parlamentari, dannosi nelle alleanze elettorali. Un’idea medievale della parità e della dignità. Proprio da archeologo. Applicando la teoria orfiniana, il centrosinistra perderebbe anche le città. Lavorerà mica per Grillo?”. “Ricordo a Orfini – ha aggiunto Nencini – che si tratta di condizioni completamente differenti. l’Ulivo era composto da una decina di partiti alleati con Rifondazione, decisiva nella caduta dei due Governi Prodi (nel 2008, a dire il vero, non da sola)”. “La coalizione che ha sostenuto dalla nascita i due ultimi governi – ha proseguito Nencini – non è in nulla paragonabile all’Ulivo: i partiti nazionali sono solo quattro (PD, Scelta Civica, PSI, NCD) mentre gli eredi di Rinfondazione Comunista sono sempre stati, e stabilmente, all’opposizione. Quanto a Pisapia, leggo che un futuro governo riformista vorrebbe sostenerlo, non abbatterlo. È paradossale – ha proseguito Nencini – che Orfini metta in guardia da un rischio che in questi anni non si è mai manifestato tacendo invece le divisioni nei gruppi parlamentari del PD che spesso hanno creato difficoltà al governo. Ha forse dimenticato le dichiarazioni di Bersani sulla valutazione di volta in volta degli atti dell’esecutivo Gentiloni?”.

Nencini ha poi esortato a “parlare meno di legge elettorale e di approvare misure necessarie agli italiani. Giacciono in parlamento provvedimenti che vanno portati a termine entro questa legislatura. Dal codice della strada al reddito di inclusione, dal testamento biologico al ‘correttivo’ al nuovo Codice Appalti”. Nencini ha fatto un appello a Laura Boldrini e Piero Grasso affinché questi provvedimenti arrivino fino in fondo: “Mi rivolgo ai presidenti di Camera e Senato perché le conferenze dei Capigruppo calendarizzino quanto prima proposte e disegni di legge in dirittura d’arrivo”.

Ginevra Matiz

IL FRENO DI NAPOLITANO

Renzi le elezioni le vuole proprio. Tanto che non esita a cercare la sponda di Lega e Movimento 5 Stelle. Con loro infatti ha trovato un accordo sul calendario per intavolare l’inizio della discussione sulla legge elettorale a fine febbraio. Alla determinazione di Renzi risponde Pier Luigi Bersani: “Se Renzi forza, rifiutando il Congresso e una qualunque altra forma di confronto e di contendibilità della linea politica e della leadership per andare al voto, è finito il Pd. E non nasce la cosa 3 di D’Alema, di Bersani o di altri, ma un soggetto ulivista, largo plurale, democratico”. “Non incontro Renzi, parlo in pubblico. E mi piacerebbe farlo nel Pd, dove è preoccupante il restringimento degli spazi democratici”, ha detto ancora Bersani. Che ha aggiunto: “Il governo deve governare. Gentiloni vuole governare? Un presidente del Consiglio giura sulla Costituzione, non facciamo vedere un autolicenziamento in streaming alla direzione del Pd”.

Chi cerca di porre un freno è l’ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. “Nei paesi civili – ha detto – alle elezioni si va a scadenza naturale e a noi manca ancora un anno. In Italia c’è stato un abuso del ricorso alle elezioni anticipate”. Napolitano ha poi aggiunto: “Bisognerebbe andare a votare o alla scadenza naturale della legislatura o quando mancano le condizioni per continuare ad andare avanti. Non si fa certo per il calcolo tattico di qualcuno…”. Per togliere la fiducia a un governo deve accadere qualcosa”, ha ribadito l’ex presidente della Repubblica, conversando con i giornalisti a Palazzo Madama. “Non si fa certo per calcolo tattico di qualcuno”, ha sottolineato riferendosi, pur senza citarlo, all’ex premier Renzi.

Parole che hanno subito illuminato la fervida fantasia di Salvini che ha replicato con i modi che gli sono più consoni: “Nei Paesi civili chi tradisce il proprio Popolo viene processato, non viene mantenuto a vita come parlamentare, presidente e senatore”. Un attacco che il segretario del Psi Riccardo Nencini ha definito “scriteriato”. “Se c’è un traditore – ha aggiunto – quello è proprio Salvini, addirittura da quando lavorava per anteporre gli interessi della fantomatica Padania all’Italia”.

Le parole di Salvini sono definite rivoltanti anche dal presidente dice della commissione Esteri della Camera Fabrizio Cicchitto: “Quello che dice Salvini su Napolitano è rivoltante e  dovrebbe far riflettere chi addirittura fa con lui intese istituzionali e parlamentari”.  Salvini conosce i propri elettori. E sa cosa dire per farli contenti. Parlare alla pancia serve a pescare consensi, anche quando si rimesta nel torbido di affermazioni poco eleganti. “Per il Pd – dice Lorenzo Guerini  – sono inaccettabili e offensive le parole di Salvini contro il presidente Napolitano”. Mentre per Vannino Chiti “ci sarebbe da stupirsi il giorno in cui Salvini facesse affermazioni dotate di equilibrio e di saggezza. Anche in questi difficili tempi la rozzezza e la violenza verbale non sono una virtù. Le ingiurie contro il presidente Napolitano sono ricorrenti e gratuite, ma non per questo si può far finta di niente. A Napolitano vanno la mia stima e la massima solidarietà”.

“Un arruffapopolo inconcludente” lo ha invece definito Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Area popolare. “Nei paesi civili chi accusa di tradimento un capo dello Stato e lo vuole portare a processo dovrebbe provare quello che dice, o imparare a misurare le parole. Sempre che voglia fare il leader politico e aspirare a guidare il paese”. Le parole spesso vengono sparate al vento senza riflettere troppo, ma chi vuole votare subito dovrà sedersi al tavolo con Salvini per trovare una intesa.

L’invito di Napolitano: “Votare a fine legislatura”

Napolitano-dimissioni-RenziRenzi le elezioni le vuole proprio. Tanto che non esita a cercare la sponda di Lega e Movimento 5 Stelle. Con loro infatti ha trovato un accordo sul calendario per intavolare l’inizio della discussione sulla legge elettorale a fine febbraio. Alla determinazione di Renzi risponde Pier Luigi Bersani: “Se Renzi forza, rifiutando il Congresso e una qualunque altra forma di confronto e di contendibilità della linea politica e della leadership per andare al voto, è finito il Pd. E non nasce la cosa 3 di D’Alema, di Bersani o di altri, ma un soggetto ulivista, largo plurale, democratico”. “Non incontro Renzi, parlo in pubblico. E mi piacerebbe farlo nel Pd, dove è preoccupante il restringimento degli spazi democratici”, ha detto ancora Bersani.

Chi cerca di porre un freno è l’ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. “Nei paesi civili – ha detto – alle elezioni si va a scadenza naturale e a noi manca ancora un anno. In Italia c’è stato un abuso del ricorso alle elezioni anticipate”. Napolitano ha poi aggiunto: “Bisognerebbe andare a votare o alla scadenza naturale della legislatura o quando mancano le condizioni per continuare ad andare avanti. Non si fa certo per il calcolo tattico di qualcuno…”. Per togliere la fiducia a un governo deve accadere qualcosa”, ha ribadito l’ex presidente della Repubblica, conversando con i giornalisti a Palazzo Madama. “Non si fa certo per calcolo tattico di qualcuno”, ha sottolineato riferendosi, pur senza citarlo, all’ex premier Renzi.

Parole che hanno subito illuminato la fervida fantasia di Salvini che ha replicato con i modi che gli sono più consoni: “Nei Paesi civili chi tradisce il proprio Popolo viene processato, non viene mantenuto a vita come parlamentare, presidente e senatore”. Un attacco che il segretario del Psi Riccardo Nencini ha definito “scriteriato”. “Se c’è un traditore – ha aggiunto – quello è proprio Salvini, addirittura da quando lavorava per anteporre gli interessi della fantomatica Padania all’Italia”.

Le parole di Salvini sono definite rivoltanti anche dal presidente dice della commissione Esteri della Camera Fabrizio Cicchitto: “Quello che dice Salvini su Napolitano è rivoltante e  dovrebbe far riflettere chi addirittura fa con lui intese istituzionali e parlamentari”.  Salvini conosce i propri elettori. E sa cosa dire per farli contenti. Parlare alla pancia serve a pescare consensi, anche quando si rimesta nel torbido di affermazioni poco eleganti. “Per il Pd – dice Lorenzo Guerini  – sono inaccettabili e offensive le parole di Salvini contro il presidente Napolitano”. Mentre per Vannino Chiti “ci sarebbe da stupirsi il giorno in cui Salvini facesse affermazioni dotate di equilibrio e di saggezza. Anche in questi difficili tempi la rozzezza e la violenza verbale non sono una virtù. Le ingiurie contro il presidente Napolitano sono ricorrenti e gratuite, ma non per questo si può far finta di niente. A Napolitano vanno la mia stima e la massima solidarietà”.

“Un arruffapopolo inconcludente” lo ha invece definito Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Area popolare. “Nei paesi civili chi accusa di tradimento un capo dello Stato e lo vuole portare a processo dovrebbe provare quello che dice, o imparare a misurare le parole. Sempre che voglia fare il leader politico e aspirare a guidare il paese”. Le parole spesso vengono sparate al vento senza riflettere troppo, ma chi vuole votare subito dovrà sedersi al tavolo con Salvini per trovare una intesa.

DIETRO IL VOTO

d'alema massimoDopo una pausa di riflessione Matteo Renzi torna a prendersi la scena parlando direttamente di elezioni.  “Se dopo le elezioni – afferma – torneremo al governo dovremo riprendere il ragionamento” sul taglio dell’Irpef e “non solo quella”. Matteo Renzi sembra ignorare le richieste che arrivano dalla sinistra del proprio partito e guarda già oltre. La sinistra invoca il congresso e dibatte sulla legge elettorale e voto anticipato e il segretario liquida la discussione come tema da “palazzo” che preoccupa chi punta solo a “un posto in Parlamento”. E lancia già la sua proposta per le prossime elezioni, scrivendo sul suo blog e nella sua newsletter di “problemi reali di tutti i giorni”: giù le tasse, innanzitutto. Quanto alle urne, i renziani puntano a un’accelerazione per il voto a fine aprile, anche se scommettono più realisticamente su giugno.

Frena la fretta per le urne il segretario del Psi Riccardo Nencini: “La corsa alle elezioni senza la certezza di una legge elettorale e soprattutto senza un progetto per l’Italia condiviso da una coalizione riformista non è la strada maestra. Lo ripeto: è necessario che le forze che sostengono il governo si incontrino con l’unico obiettivo di parlare agli italiani con una lingua comune”.

Massimo D’Alema si prepara già a una corsa in solitaria: “Il giorno in cui senza cambiare la legge elettorale Renzi chiedesse a Gentiloni di dimettersi per andare al voto – afferma D’Alema – la reazione sarebbe preparare un’altra lista. E se nella sinistra si formerà un nuovo partito supererà il 10% dei voti: ho fatto fare delle ricerche”. Poi D’Alema aggiunge: “Renzi vuole votare subito per un calcolo molto meschino: con i 100 capilista bloccati lui garantirebbe se stesso e la parte più fedele del ceto politico che lo circonda. E questa è l’unica cosa che può spingere verso la scelta irresponsabile di andare a votare con una legge che aprirebbe una drammatica crisi istituzionale”. “Ho proposto che si discuta seriamente una nuova legge elettorale, che non sia la proporzionale semplice ma aiuti la governabilità. Una legge elettorale che favorisca la governabilità senza gli eccessi dell’Italicum: andrebbe negoziata e questo richiederebbe tempo. A nessuna di queste proposte si è risposto: solo insulti e dichiarazioni demonizzatrici. Che razza di partito è questo?”.

Renzi presto farà il punto al Nazareno con i dirigenti Dem sull’iter da seguire per un confronto con gli altri partiti sulla legge elettorale. Si parte dal Mattarellum, con la disponibilità a discutere di altre soluzioni, ma prevale lo scetticismo sulla possibilità di intervenire in Parlamento: si rischia la palude, dicono fonti Dem. Dunque, se con FI (dei Cinque stelle ci si fida poco) si giungesse a un’intesa, si potrebbe valutare di portare il testo in Parlamento e blindarlo con una “fiducia tecnica”. Ma il momento delle scelte è già fissato alla direzione del 13 febbraio (o qualche giorno dopo, se le motivazioni della Consulta tardassero ad arrivare).

Renzi, intanto, tiene la linea dettata a Rimini e imposta la campagna sui contenuti a partire da un tema sensibile come le tasse: “Bisogna rottamare il modello Dracula che per anni è stato la base di alcuni ministri del centrosinistra e del governo Monti: scommettere su un fisco amico, come abbiamo fatto ottenendo il record di 17 miliardi dalla lotta all’evasione. E abbassare le tasse”, scrive rivendicando una distanza dalla sinistra del passato.  Parole non gradite dal diretto interessato: “Io Dracula? Renzi mi fa pena” afferma Monti. “Non so chi ci crede più alle accuse lanciate ad altri dopo che sono stati sprecati tre anni: l’azione anche buona del governo è stata appesa a una priorità strategica sbagliata come giocarsi tutto sul referendum. Servirebbe molta modestia in più”.

Il Governo sfida l’Ue sulla manovra correttiva

commissione europaIl governo è pronto a lanciare la sfida Bruxelles sui conti pubblici e sulla eventuale manovra aggiuntiva. Si parla di clima positivo, ma in realtà sembra un dialogo tra sordi. Lo scontro è tra la Commissione che attende a breve una risposta dal governo italiano sui numeri della manovra e lo stesso esecutivo italiano che sembra intenzionato a resistere. Sullo sfondo anche la durata della legislatura la cui scadenza naturale è nel 2018, ma il cui prosieguo è minato dal nutrito partito del voto subito. O quantomeno del voto al più presto. E tra questi anche la maggioranza di Pd.

Intanto la Commissione europea si aspetta dall’Italia una risposta “precisa” alla lettera con cui le chiede una correzione dei conti dello 0,2%, e il ministro dell’economia Pier Carlo Padoan assicura che arriverà in tempo per il primo febbraio, come da richiesta. Ma al momento le opzioni del se e come intervenire restano tutte aperte. L’incertezza politica aumentata dopo la sentenza della Consulta sulle legge elettorale. Lo spread è tornato ai massimi dal 2015 e rende più difficile la partita con la Ue. E alla possibilità di una procedura di infrazione per deficit eccessivo paventata in questi giorni, ha risposto lo stesso ministro del Tesoro. “Una procedura d’infrazione – ha detto – sarebbe un grosso problema in termini di reputazione che l’Italia ha costruito, sarebbe un’inversione a U rispetto a quello che è stato costruito fino ad adesso”.

Il confronto tra Padoan e il commissario agli affari economici Pierre Moscovici è costante, ma Bruxelles non ha intenzione di ammorbidire la sua richiesta che già è frutto di un lavoro diplomatico di mesi di limature portato avanti dal Mef, visto che nell’opinione di novembre si evidenziava uno scostamento superiore allo 0,2%. “La lettera è là, le cifre anche, le risposte sono attese”, ha detto Moscovici.

Il premier Paolo Gentiloni da Madrid si dice fiducioso in una “Ue non sorda e cieca su terremoto” e conferma: “Rispetteremo le regole ma no a manovre depressive”. “In Italia – ha puntualizzato Gentiloni – non c’è alcuna instabilità, c’è un governo passato purtroppo attraverso la sconfitta del referendum, che lavora in continuità con il governo che ha operato per due anni, ne sviluppa le scelte programmatiche, fa le scelte che in questa fase bisogna fare. L’Italia è un Paese stabile che lavora in continuità con il governo precedente”

“Confido che l’Unione europea non sarà affatto sorda e cieca di fronte alle circostanze eccezionali” affrontate dall’Italia, “altrimenti farebbe un pessimo servizio innanzitutto a se stessa”, ha aggiunto Gentiloni in conferenza stampa facendo riferimento implicito al terremoto. Italia e Spagna – ha detto il premier – hanno un punto in comune, l’interesse ad avere da parte dell’Ue la consapevolezza dell’importanza di mettere il tema della crescita al centro delle nostre politiche con ragionevolezza e flessibilità”.

Pier Carlo Padoan ha confermato che “la risposta alla Commissione europea arriverà in tempo, in base alla richiesta della Commissione europea”. Così Pier Carlo Padoan, ministro dell’Economia, ha risposto entrando all’Eurogruppo a chi gli chiedeva quando arriverà la risposta italiana alla richiesta di aggiustamento dei conti pubblici arrivata da Bruxelles Sul modo in cui la Commissione tratta le spese per il terremoto, ha detto Moscovici, “non c’è nulla di nuovo”. L’Italia, ha ricordato, “ha già beneficiato di flessibilità sui conti pubblici per investimenti, riforme strutturali, rifugiati, dato che è un paese in prima linea su questo, per i terremoti: è chiaro che tutto questo è già integrato nella discussione con l’Italia”. Per quanto concerne le spese per i danni dei terremoti “ci sono elementi una tantum ed elementi strutturali nella misura in cui deve essere fatta della prevenzione con l’obiettivo di limitare i danni dei terremoti, qui non c’è nulla di nuovo e non ha senso speculare”. La Commissione europea, ha aggiunto il responsabile degli affari economici, ha già mostrato di essere flessibile e continuerà a esserlo, ma in ogni caso la questione degli elementi congiunturali e degli elementi strutturali delle spese per i terremoti non è nella discussione”. Moscovici ha concluso dichiarandosi ottimista sulle conclusioni del “dialogo” in corso con Padoan: il ministro italiano “vuole trovare soluzioni con noi, non dobbiamo essere preoccupati, troveremo una soluzione con l’Italia, che è un paese importante della zona euro, abbiamo bisogno dell’Italia nella zona euro”.

Punta il dito contro l’elevato debito il vicepresidente della Commissione Ue Valdis Dombrovskis. La Commissione Ue, ha detto,  si aspetta che l’Italia prenda “impegni chiari” e “dettagli misure” precise nella lettera con cui risponderà alla Ue. “L’Italia ha un debito molto alto che non è sceso negli ultimi anni, quindi stiamo valutando la conformità con la regola del debito”.

Redazione Avanti!

Dopo la Consulta un errore la corsa al voto

Consulta - votazione La legge elettorale uscita dalla sentenza della consulta è applicabile. Ma che sia anche congrua è cosa diversa. La Corte ha fatto il proprio compito, ha stabilito cosa rispettasse il dettato costituzionale e cosa no. Fare le leggi è invece compito del Parlamento che altrimenti verrebbe scavalcato da un altro organo costituzionale. Sulla legge elettorale, ha detto il  presidente del Senato Pietro Grasso, “dev’esserci un’intesa”, quindi “il Parlamento si deve pronunciare” e allora “i partiti la trovino”. “A me piace sempre leggere le motivazioni per comprendere meglio al di là di un comunicato stampa”, ha detto ancora Pietro Grasso. Alla luce degli interventi della Corte Costituzionale, come noto vi sono difformità tra la legge per l’elezione del Senato e della Camera, “parecchie differenze”, rileva Grasso, ma “non c’è dubbio che bisogna prenderne atto”. Ciò detto, “penso che bisogna sedersi attorno a un tavolo”, ha esortato il presidente del Senato, “trovare le soluzioni che la politica dovrà mettere insieme per ridurre tutte quelle differenze che determinano certamente la probabilità di maggioranze non uguali, non omogenee, tra i due rami del Parlamento”.

Il presidente del Senato ha quindi elencato le differenze tra i due sistemi: “C’è un premio per la lista alla Camera, mentre al Senato ci sono le coalizioni; le soglie di sbarramento sono diverse: il 3% alla Camera e l’8% al Senato che però può ridursi al 3% nei partiti coalizzati ma se la coalizione supera il 20%; le preferenze di genere alla Camera e la preferenza unica al Senato; infine i capilista nominati alla Camera e la preferenza al Senato; le pluricandidature con sorteggio alla Camera e non al Senato”.

Nella riunione dell’ufficio di Presidenza della commissione Affari costituzionali di Montecitorio che si è svolta questa mattina, il tema della legge elettorale all’indomani della sentenza della Consulta che ha bocciato alcuni aspetti dell’Italicum non è stato ancora sollevato. Tantomeno il Pd che ieri aveva rilanciato il Mattarellum. “La Consulta – ha detto Ettore Rosato capogruppo Pd alla Camera –  ha confermato la correttezza dell’Italicum: una legge confermata quasi in tutto tranne che nel ballottaggio. Il sistema uscito dalla Consulta consente di andare al voto subito ma siccome all’assemblea del Pd all’unanimità avevamo votato il Mattarellum in pochi giorni i partiti ci dicono subito sì o no altrimenti si può andare con questa legge”.

Di parere opposto Roberto Sparenza della minoranza interna: “Il Parlamento nelle prossime ore avvii una discussione per una nuova legge elettorale” e “se si riappropri della potestà legislativa”. Con la sentenza della Consulta, ha spiegato, “passiamo dalla legge più maggioritaria del mondo a una totalmente proporzionale. Il proporzionale puro significa che per fare un governo bisognerà fare le larghe intese e io questo scenario lo voglio evitare”. Per Speranza “il Mattarellum è una buona base di partenza, una buona soluzione anche perché  consente ai cittadini di scegliere il proprio eletto”.

Nel dibattito entra anche il segretario generale della Cei, mons. Nunzio Galantino. “Mi pare che sia sotto gli occhi di tutti che ci siano due leggi elettorali frutto del lavoro della magistratura. Non è normale un Paese in cui la magistratura detta tempi e modi all’amministrazione, vuol dire che la politica non ha fatto il suo mestiere”. “La politica deve riflettere e interrogarsi su questo” ha concluso Galantino.

Il bersaniano Zoggia chiede  un momento di riflessione. “Non capisco tutta questa enfasi e questi entusiasmi in certi ambienti del mio partito: la Corte costuzionale ha dichiarato l’incostituzionalità dell’Italicum e questo dovrebbe farci riflettere. Ora credo sia necessario un confronto interno sereno ma serrato che ci porti al congresso e a  riconoscere errori e correzioni da fare”.

Per il presidente della Regione Toscana, e candidato alla segreteria nazionale del Pd Enrico Rossi sarebbe “un errore andare a votare subito, perché il paese ha alcuni problemi da risolvere a iniziare dall’emergenza dei terremoti, fino alla disoccupazione giovanile”. “Il governo Gentiloni deve durare fino alla naturale scadenza se fa le cose e risolve questi problemi. E penso che il Pd debba sostenerlo perché queste cose vanno fatte”.  Rossi ha ricordato che oltre alla sentenza della Consulta “c’è un preciso pronunciamento del Presidente della Repubblica per armonizzare le leggi elettorali tra Camera e Senato” e che a suo parere bisogna “puntare sul Mattarellum”.

Legge elettorale. In attesa della Consulta

Latinorum elettorale“A sinistra, è tempo di una coalizione che tenga assieme il mondo riformista. Per evitare pericolosi scivoloni verso una destra demagogica e per giocare un ruolo forte in Europa”. È quanto ha affermato Riccardo Nencini, Segretario del PSI. Secondo Nencini infatti “va evitata ad ogni costo la frammentazione di cui stanno dando prova la sinistra francese e spagnola. Bisogna fare in fretta. Discussione su legge elettorale e coalizione di governo possono procedere assieme. Noi faremo la nostra parte sul fronte laico, verde, con i movimenti civici, e guardiamo con attenzione al lavoro di Pisapia. Sia Renzi ad assumere l’iniziativa. Né qui né altrove – ha concluso Nencini – esistono partiti a vocazione maggioritaria. Esistono buone alleanze”. Così il segretario del Psi alla vigilia della sentenza della Consulta dal cui dipenderà l’esito della discussione sulla legge elettorale. O meglio dopo la quale i partiti dovranno scoprire le carte.

La decisione di domani sulla legge elettorale “è sicuramente un momento importante e decisivo, svolta”. Ma “dovremo poi però attendere le motivazioni delle decisioni per poter creare leggi elettorali sempre più omogenee, come richiesto anche dal presidente Mattarella”, ha detto il presidente del Senato Pietro Grasso. Mentre dal partito del votosubito si fanno sentire Lega e Movimento 5 Stelle. “Io spero soltanto che domani la Consulta ci fornisca una legge per andare a votare il prima possibile, perché se questo Parlamento si mette di nuovo a lavorare su una legge elettorale finiamo nel 2019 non nel 2018” ha detto Luigi Di Maio. Stesso concetto arriva da Salvini.

Ma il presidente del Consiglio Gentiloni ha fatto capire chiaramente che non ritiene affatto il suo un governo a termine con il solo scopo di tirare avanti finché il Parlamento non abbia approvato una nuova legge. Altro punto è quale legge. Il presidente di Fi, Silvio Berlusconi, in un’intervista a La Stampa ha detto la sua. “E’ fondamentale che la nuova legge elettorale consenta la massima corrispondenza fra il voto espresso dai cittadini e la maggioranza parlamentare. Ogni distorsione in senso maggioritario, in uno scenario tripolare come l’attuale, porterebbe al governo una minoranza contro il parere dei due terzi degli elettori”. E ancora: “Ritengo che le preferenze siano il peggior sistema possibile per garantire una effettiva rappresentanza degli elettori. I candidati devono piuttosto essere proposti agli elettori in piccole circoscrizioni, in modo che i cittadini sappiano con chi hanno a che fare e dove cercarli dopo l’elezione”.

Il presidente del gruppo Misto alla Camera Pino Pisicchio risponde indirettamente di pentastellati: “Si illude chi pensa che la politica potrà fare solo ‘copia e incolla’ della sentenza per andare al voto con quel che resterà dell’Italicum. Il coordinamento tra i sistemi elettorali tra Camera e Senato si renderà necessario per evitare una distonia tra i risultati. E nel coordinamento necessario andrebbe messa anche una legge costituzionale che consenta il voto dei diciottenni al Senato: il voto riservato ai venticinquenni è un’anacronismo del tutto privo di senso che sottrae a 4 milioni e mezzo di italiani il diritto che la Costituzione riconosce alla Camera”. “A chi obietta che ci vorrebbe tempo per la procedura di riforma costituzionale – conclude Pisicchio – ricorderemmo che la riforma dell’art.81, nell’era Monti, è stata fatta in soli sei mesi e non tutti erano a battere le mani in Parlamento. Andrebbe fatta una verifica tra i gruppi politici e, se c’è la condivisione sul tema che tutti dicono di avere, si può procedere velocemente”.

La minoranza del Pd vede di buon occhio il Mattarellum. Il sistema di voto in vigore fino al 2006 e sostituito dal Porcellum. “Il Mattarellum – afferma Roberto Speranza – può essere una base positiva di partenza”. “Dobbiamo trovare i numeri nella discussione politica. Perché è inimmaginabile ricorrere a strumenti come la fiducia. Si usi il Mattarellum come base di partenza poi vedremo nella discussione parlamentare dove si arriva”.