BLOG
Giusy Montera

XVI Edizione del Roma Videoclip. A Ron il Premio ‘Special Award’

Presid.Luciano Sovena-Ron-Francesca PiggianelliL’annuncio del bravo artista nella presentazione della XVI Edizione del Roma videoclip-il cinema incontra la musica, in una affollata sala Auditorium Arte-Festa del cinema di Roma, dove è stato premiato per la sua carriera artistica, dal Presidente della Roma Lazio Film Commission Luciano Sovena e dal Direttore del Kermesse Francesca Piggianelli. RON ha ricevuto anche un Premio per il videoclip “Almeno pensami” regia di Gianluca Calu Montesano consegnato da una rappresentanza di giornalisti.

Un altro premio speciale a LUNA VINCENTI per l’interpretazione e l’originalità del videoclip “Mille anni luce” presente anche la regista Luisa Carcavale, con la partecipazione di Giulio Berruti
Presenti, altri premiati di questa Edizione tra cui Piotta, Miriam Galanti, la band La Scelta.
Gli appuntamenti del Roma videoclip-il cinema incontra la musica sono ad Apollo 11 -7 dicembre 2018 Festa Videoclip Indie, la premiazione in data 11 dicembre Sala Fellini-
Premiazione Roma Videoclip – 11/12/18 ore 19:00 Sala Fellini Studi di Cinecittà
Presenti, altri premiati di questa Edizione tra cui Piotta, Miriam Galanti, la band La Scelta.

Roma Videoclip è la più importante kermesse nazionale, ideata da Francesca Piggianelli, dedicata al settore della musica e del cinema, realizzata in collaborazione con Luce Cinecittà, il supporto di Roma Lazio Film Commission, il patrocinio di Direzione Generale Cinema, Regione Lazio. la partecipazione di Sagevan ed Equilibra. Una rassegna che omaggia artisti, registi, videoclip, musiche.

A fine presentazione del Roma videoclip, sono stati presentati in anteprima i cortometraggi, Core Nero, L’Idea Malvagia, Othello 3.0, Sombras ed il trailer di Cristallo in omaggio alle donne, il libro di Ciro Formisano, L’Esodo ed anteprima trailer del film Il Ribelle 2, con la presenza dei registi, del cast, dei produttori e del collettivo femminile.

Andrea Rivera agli Audaci con “I quartieri di Roma ed altre storie…”

Locandina Andrea RiveraPrende il via la stagione al Teatro degli Audaci, lo stabile del III Municipio di Roma, con uno degli spettacoli più divertenti del momento “I quartieri di Roma ed altre storie…” scritto ed interpretato da Andrea Rivera in scena dal 4 al 14 ottobre 2018

I quartieri di Roma ed altre storie è uno spettacolo di teatro – canzone incentrato su Roma e sulle sue mille sfaccettature: dal Re di Roma al problema delle buche, dalla storia all’attualità, tutto è spunto per stimolare un pensiero nel pubblico, seppur tra una risata e l’altra.

“Un giorno nei Giardinetti, ho visto una Donna Olimpia…co du Boccea così! La classica Romanina non certo la Pisana”… inizia così il viaggio-omaggio a Roma e ai suoi personaggi di ieri, tra re ed imperatori “Anco m’Arzio e me ritrovo un Nerone nel letto”. Ritroviamo anche la plebe “cal-pestata” come è accaduto a Giorgiana Masi e a Stefano Cucchi.

Ormai con tutte le buche che ha si canta Roma “Capocciata” ma sarà sempre una Caput mundi, si vendono persino contraccettivi anche in Vaticano, ma solo se parli in latino! Per i giovani c’è il “carpe diem” per gli anziani il “requiem” per i miopi “urbi et orbi”.

“Il mio biglietto costa 16 euro l’entrata…3.500 l’uscita! Infatti la gente resta volentieri con me a parlare dopo lo spettacolo!”

I teatri di periferia e i cine..mah, sostituiti dalle urla Romamericane “Bingo”, sono l’unica forma di lotta contro la distruzione dell’impero Romano d’accidente! “Veni, vidi, viCina! Tutto il resto……arRivera’”!

Ma Andrea Rivera oltre a far sorridere e ridere tanto è conosciuto per la capacità di affrontare numerosi temi sociali come la mancanza di lavoro, la sanità, il dilagante razzismo e l’intolleranza che si vive nel nostro paese e non solo.

Sarà uno spettacolo, ironico, unico nel suo genere, ma soprattutto un’occasione per ridere assieme di noi stessi e per combattere la paura degli altri, dove il noto attore e cantautore ogni sera improvviserà brani diversi “la scaletta – afferma Andrea Rivera – è l’unico mezzo per salire che non rispetto!”

4 ottobre alle ore 21:00 presso lo stabile del Comune di Roma, sito in via Giuseppe De Santis

Il Teatro del Torrino apre la nuova stagione con “God save the king”

Locandina God Save The KingIl regista, nonché direttore artistico del Teatro del Torrino di Roma, Luca Pizzurro Premio Fersen alla regia nel 2016 presenta lo spettacolo “God save the king”.

Nato da un laboratorio estivo, che si tiene tutti gli anni al Teatro del Torrino, e da cui sono nati spettacoli come “Je m’en fous”, “Charlie Chaplin” ricevendo importanti riconoscimenti come il Premio Lago Gerundo e il Premio dei Visionari, “God save the king” narra la storia di Freddie Mercury e verrà messo in scena il 28 e 29 settembre 2018 alle ore 21:00 sempre al Teatro del Torrino!

Ricordato per il talento vocale e la sua esuberante personalità sul palco, è considerato uno dei più celebri e influenti artisti nella storia del rock: universalmente riconosciuto come uno dei migliori frontman nella storia della musica, nel 2008 la rivista statunitense Rolling Stone lo classificò 18° nella classifica dei migliori cento cantanti di tutti i tempi, mentre l’anno successivo Classic Rock lo classificò al primo posto tra le voci rock.

Il sipario si aprirà con l’annuncio al telegiornale della morte di Freddie Mercury, proseguendo con una serie di flashback e ricordando una delle band più famose degli anni ‘70 -‘80.

Il noto cantante negli ultimi anni della sua vita si rifugiò nella Garden Lodge, la sua villa di Earls Court a Londra e secondo le sue ultime volontà, fu cremato e le sue ceneri affidate a Mary Austin, l’unica donna della sua vita, la quale le conservò nella sua camera da letto per circa due anni.

Ed è proprio dai suoi racconti e dalle allucinazioni che ha all’interno della Garden Lodge che Freddie Mercury rivive, ma soprattutto attraverso questo imperdibile spettacolo scritto e diretto da Luca Pizzurro.

Non saranno raccontate le tournée, i concerti più famosi, la parte artistica, ma il Freddie Mercury uomo, compagno e amico di Mary Austin.

Grandi le performance di Luca Pizzurro che interpreta Freddie Mercury e Lauraine Criscione che veste i panni di Mary Austin, il tutto coordinato dalle coreografie di Luana Iaquaniello e la preziosissima collaborazione del grande stilista di Versace Ilian Rachov, per rendere lo spettacolo irripetibile ed unico nel suo genere.

Massimo Sergi presenta il suo primo successo da solista: “Walkaround”

Copertina cd walkaroundWalkaround è il primo album solista di Massimo Sergi, artista di formazione prevalentemente di tipo organista, orientatosi in un secondo momento verso il vasto spettro sonoro del solo pianoforte.
Questo suo esordio si muove in un range musicale molto esteso, tra sottili venature jazz ed evidenti richiami classici, passando per alcune eleganti soluzioni pop e rarefatte malinconie, atmosfere tragiche ma sempre votate alla riflessione intima.
Questo album è suddiviso in due parti. La prima consiste in dodici pezzi eseguiti dal solo pianista; nella seconda, invece, Massimo Sergi si avvale della collaborazione di due artisti Stefano Pontani blasonato chitarrista già al servizio di band di prog e jazz quali Ezra Winston, Anagramma, Vu-Meters e Matilda Mothers Project nonché Gianluca Livi, componente degli Anno Mundi, gruppo hard rock romano, e coinvolto, nel progetto Walkaround, come ingegnere del suono.
Questo cd è una passeggiata a bordo di un pianoforte, attraverso i sentieri più semplici e profondi dell’esistenza umana, soffermandosi davanti a piccole cose o persone all’apparenza poco significative, ma che, a loro volta, proseguono il cammino della propria vita.
L’opera sottolinea, inoltre, i momenti più bui e profondi dell’esistenza umana, come la perdita dell’amore e l’affievolimento dei sentimenti come è possibile percepire dai brani Lost Love, Strangers Again, o ne celebra l’importanza come in (Almost) All About Us e No Distance; invece in altri brani come Studio n. 1 è evidente l’impronta di modelli classici.
Il brano Walkaround è una passeggiata a se stante, fatta in una mattina di primo autunno, preludio di una ciclica rinascita.
Nella seconda parte dell’album ci sono dei brani in cui le note melodiche del piano si fondono con degli effetti digitali e con la chitarra elettrica, creando una melodia irripetibile: Lost Love ne rappresenta l’esempio migliore.
L’album è pubblicato da Terre Sommerse, nella collana Terre Sonore.
Ma senza dare ulteriori anticipazioni vi invitiamo ad ascoltare questo irripetibile progetto che vi catapulterà in un mondo surreale fatto di suoni ed emozioni uniche!

A grande richiesta “Le memorie di Sarah Bernhardt”

Le Memorie di Sarah

Dopo il clamoroso successo al teatro Pegaso – Sala Trosi di Ostia (7 tutto tutto esaurito su 7 serate) torna, a grande richiesta, “Le memorie di Sarah Bernhardt” al teatro Trastevere di Roma, uno spettacolo che vede gli attori, Antonia Di Francesco e Alessandro Moser impegnati in una performance complessa sotto la guida dell’ormai noto regista Luca Pizzurro.

“Un successo inaspettato”, asserisce Antonia Di Francesco “uno spettacolo che colpisce nel profondo, ma con delicatezza”. “Un piccolo gioiello” – continua Alessandro Moser -“siamo molto emozionati nel raccontare questa storia”.

Luca Pizzurro immerge i due protagonisti in un ambiente completamente bianco “come un velo che avvolge e copre le cose per proteggerle, nasconderle, preservarle dall’incedere degli anni, dal deperimento… dalla fine”.

In un portico anni ’20 completamente bianco e romantico, ritroveremo l’anziana Sarah Bernhardt (Antonia Di Francesco) che riposa su una poltrona di bambù e l’elegante segretario Pitou (Alessandro Moser) che si preoccupa per lei, rimasta troppo al sole che possa dimenticare le sue terapie e medicine.

La grande diva chiede in continuazione a Pitou di interpretare personaggi della sua intensa vita da attrice: la madre che la mortificava, il marito tossicodipendente, il produttore americano che la pressava e il macchinista che per negligenza la fece infortunare e perdere la gamba; così da poterci interagire come stesse vivendo di nuovo il momento passato e sviluppare il racconto delle sue memorie.

“Una storia senza tempo, – definita da Luca Pizzurro – che ha incantato il pubblico di tutto il mondo con la sua straordinaria bravura e la sua stravaganza, raccontandosi nei momenti più salienti della sua vita, attraverso la scrittura dei suoi memoires”.

Pitou e Sarah sono i due opposti che si attraggono, due meravigliose creature che attraverso l’espediente della scrittura, si incontrano e si scontrano sul grande teatro della memoria, donando al pubblico una tagliente, ironica e folgorante rappresentazione della vita.

Ma senza dare troppe anticipazioni, per chi si fosse perso questo memorabile spettacolo, vi invitiamo a visitare il sito https://www.teatrotrastevere.it/ o a telefonare al numero 06 5814004, prenotando il posto in prima fila presso il Teatro Trastevere di Roma l’8 maggio alle ore 21:00!

Premio Anna Magnani. Il 23 aprile quinta edizione a Cinecittà Studios

anna magnaniTutto pronto per la proclamazione della cerimonia di premiazione che si svolgerà il 23 aprile presso la Sala Fellini di Cinecittà Studios, con anticipazione di alcuni premiati tra cui: Carlo Verdone, Valeria Solarino, Vinicio Marconi, Premio Oscar Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo, inoltre altre grandi sorprese con la presenza di autorevoli personaggi.

Il Premio Anna Magnani è la celebrazione da parte del cinema italiano della grande attrice italiana, con una impareggiabile carriera teatrale e cinematografica nazionale ed internazionale, culminata con l’Oscar vinto oltre sessantuno anni fa per l’interpretazione recitato in lingua inglese del film Serafina Delle Rose nel film “The Rose Tattoo” (La Rosa Tatuata) di Daniel Mann.

Il premio Anna Magnani è la più importante manifestazione internazionale dedicata alla memoria della grande attrice italiana .In questa V Edizione un programma ricco, del “PREMIO ANNA MAGNANI” ideato da Matteo Persica (autore del libro “Anna Magnani. Biografia di una donna”) e direttore artistico con Francesca Piggianelli,presidente di Romarteventi, con la collaborazione di Luce Cinecittà, il supporto di Roma Lazio Film Commission, il Patrocinio della Direzione Generale Cinema, Regione Lazio, Centro Sperimentale di Cinematografia,Cinecittà Panalight e con il sostegno dell’Associazione Equilibra. Un premio che viene assegnato agli artisti e personaggi del cinema, musica, dello spettacolo, maestranze più autorevoli e premi speciali.
Nelle precedenti edizioni citiamo alcuni dei premiati: Franca Valeri, Franco Zeffirelli, Lidia Vitale, Paola Cortellesi, Giovanna Ralli, Giancarlo Giannini, Valeria Golino, Lina Sastri, Gianni Togni, Giulia Michelini, Giuliano Montaldo, Paola Turci, Anna Foglietta, Alessandro Borghi,Giancarlo Governi, Fioretta Mari, Antonio Giuliani e tanti altri.

Programma della V Edizione
PROCLAMAZIONE VINCITORI DEL PREMIO ANNA MAGNANI: “Premio International”, “Premio speciale cinema”, “Premio miglior attrice”, “Premio migliore attore”, “Premio speciale musica”, “Premio speciale teatro”, “Premio mestieri del cinema” e “Premi speciali varie categorie”.
Conduce Claudio Guerrini, Il programma prevede,clip, premiazioni, testimonianze di artisti, registi, produttori, relatori, critici.

Il Comitato d’onore e giuria è composto da autorevoli personaggi della cultura e del giornalismo: Adriano Pintaldi presidente Roma Film Festival, Franco Mariotti segretario generale SNGCI, Giancarlo Governi scrittore ed autore tv, Marcello Foti direttore Centro Sperimentale, Giorgio Ginori direttore dell’Isola del Cinema, Carlotta Bolognini scrittrice e sceneggiatrice, Saverio Vallone direttore Premio Raf Vallone, Luigi De Filippis produttore della DreamWorldMovies, Giampietro Preziosa produttore Inthelfilm, Fabrizio Borni Presidente ANPOE, Giacomo Carioti direttore Agenzia DiStampa

“Le donne nell’arte”, Romarteventi per l’8 marzo

logo 8 marzoOmaggio alle donne che lavorano nel campo artistico e non solo, con proiezioni, anteprime, trailer, cortometraggi, spot, videoclip, presentazioni libri e dibattito. Grande attenzione anche per il sociale

“Le donne nell’arte” è un’iniziativa promossa dal Comune di Fiumicino in collaborazione con l’associazione culturale Romarteventi

PROGRAMMA:

SOCIALE – presentazione e proiezione di cortometraggi contro la violenza sulle donne

“METAMORFOSI” cortometraggio che affronta il tema del femminicidio. Scritto e diretto da Gilles Rocca, con Miriam Galanti, Gilles Rocca, Manuel Ferrarini. Con la presenza della protagonista MIRIAM GALANTI
“CRISTALLO” diretto da MANUELA TEMPESTA, prodotto da Mediterranea Productions, promosso da Equilibra. Racconta la storia di due donne: Elena (interpretata da Daphne Scoccia) e Sofia (interpretata da Giglia Marra), vittime di violenza, la cui sofferenza si incrocia una notte in ospedale. Presenti la regista ed il cast
“MADAME” regia di SUSY LAUDE prodotto da Giampietro Preziosa e Marco S. Puccioni con Marina Rocca, Dino Abbrescia Giorgia Sinicorni e Stella Egitto. Racconta la sofferenza di una donna che vorrebbe realizzarsi nel lavoro, ma la società non glielo permette. Presenti la regista, il cast e la produzione.

LIBRI – presentazione libri con la presenza delle autrici

“E volo da te” di MARIA CORRAO vincitore nel 2017 di uno dei prestigiosi premi della X edizione del concorso internazionale “Premio Alberoandronico”, Il romanzo mette in evidenza le esperienze di vita e osservazione di quanto accade quotidianamente nel mondo femminile con particolare attenzione al fenomeno dei social media.

“Manolo Bolognini, la mia vita nel cinema” di CARLOTTA BOLOGNINI. L’autrice racconta ricordi visti da dietro le quinte, avendo l’autrice vissuto sempre sul set, di cui ha raccolto tantissimi episodi ed autrice anche del docu-film “Figli del set”

CINEMA e MUSICA: incontri ed anticipazioni alla presenza delle autrici e artiste

Spot “How Can we help you “, regia di ANNAMARIA LIGUORI prodotto da Rotary International: tratta di un tema delicato come le malattie rare. Lo spot ha ricevuto una menzione al Festival “Uno sguardo raro” per la direzione artistica di CLAUDIA CRISAFIO e SERENA BARTEZZATI. Presenti la regista e la direzione artistica del Festival.
Anteprima Videoclip “Sconnessi” di CAROLINA REY, regia di Roberto Capucci, tratto dal film SCONNESSI di Christian Marazziti. Presente CAROLINA REY.

– DIBATTITO: incontro sul tema “Le donne nell’arte, nel sociale, nello sport, nel lavoro… ieri… oggi… domani” con la partecipazione delle maestranze del panorama artistico, cinematografico e di stampa, registe, scrittrici, sceneggiatrici, giornaliste, produttrici e distributrici, sportive etc. Modera l’assessore alla cultura ARCANGELA GALLUZZO insieme a FRANCESCA PIGGIANELLI, presidente dell’Associazione culturale Romarteventi.

Con gli Audaci il Capodanno si festeggia “Tutti a letto!”

Locandina Tutti a lettoPotrebbe sembrare un invito a non uscire di casa ma in realtà è tutt’altro!
La Compagnia degli Audaci è lieta di invitare il suo calorosissimo pubblico a festeggiare il Capodanno al Teatro degli Audaci con una delle commedie più comiche di Ludovic Marceau “Tutti a letto” per la regia di Flavio De Paola, con Flavio De Paola, Maria Cristina Gionta, Emiliano Ottaviani, Giuseppe Abramo, Alessia Di Fusco, Stefano Centore, Annamaria Fittipaldi, Marina Pedinotti e Rossella Romano. Lo spettacolo comincerà il 28 dicembre 2017 e si concluderà il giorno 21 gennaio 2017 ed è divisa in due atti, dove, apparentemente, sembra tutto fermo, ma, al contrario, “tutto è in movimento”.
La storia è ambientata in Italia, ai giorni nostri, in un salotto borghese di Roma, in un appartamento ristrutturato sopra gli uffici della casa editrice di Filippo ed Enrico. Si ritrovano i due soci con le loro mogli, un eccentrico arredatore, una ragazza alla pari disinibita, un’operatrice di call center ed una scrittrice bizzarra. L’intreccio è quello classico: due coppie a confronto, qualcuno sa qualcosa che l’altro non deve sapere, in una ci si tradisce e nell’altra no.
Poi l’imprevisto fa scattare la peripezia… La pagina di una lettera caduta per caso da una borsetta creerà una serie di imbarazzanti equivoci, un gioco reso con brio, ma senza scadere mai nella volgarità. Giovanna, moglie fedele di Filippo, si troverà al centro di un intreccio di tradimenti di cui diverrà l’inconsapevole vittima. Ma a tanta frenesia, eccitazione e follia, in una serie di esilaranti colpi di scena, seguirà la resa dei conti finale dove, come in ogni commedia che si rispetti, trionferà la verità.
Un’opera teatrale molto divertente, che vi lascerà sicuramente senza parole e vi farà trascorrere un Capodanno all’insegna del divertimento e del buon umore!

Il 31 dicembre alla fine dello spettacolo, si festeggerà, come di consueto, tutti insieme, degustando panettone pandoro, pizzette, tramezzini e lenticchie, con relativo brindisi di mezzanotte insieme a tutti gli attori della Compagnia degli Audaci festeggiando, così, l’avvento di questa magica ricorrenza e l’arrivederci al nuovo anno! Un’ occasione per confrontarsi e augurarsi il meglio in un momento di grande confusione e sconforto come quello che stiamo vivendo.

Ma senza dare ulteriori anticipazioni vi invitiamo a prenotare il posto in prima fila al Teatro degli Audaci al numero 06 9437 6057, per assistere ad uno spettacolo che farà ridere ma… ridere tanto!!!

RomaVideoClip 2017 – Il cinema incontra la musica. XV edizione

Carlo Verdone Francesca Piggianelli e Silvia Salemi

In una sala gremita, sono stati consegnati premi e riconoscimenti:
Carlo Verdone premio “regista dell’anno e miglior videoclip” per “Se mi ami davvero” di Mina e Celentano, riconoscimento anche la co-sceneggiatrice Paola Mammini, premiati dal Direttore di Cinecittà News Giancarlo Di Gregorio.
Claudia Gerini premio “artista dell’anno” un connubio tra cinema e musica” da sempre a lei caro e per la sua interpretazione del brano “La canzone della serva” tratto dal film “Ammore e malavita” dei Manetti Bros.
Michele Zarrillo “Premio alla carriera “ per i suoi successi, le canzoni ed i videoclip intensi, ultimo “Mani nelle mani” di Riccardo Canini.
Ermal Meta “Premio International” ed ad il videoclip ”Vietato morire” il “Premio rivelazione regista e Produzione” regista Matteo Bruno (Canesecco) Produzione Slim Dogs
Luna Federica Vincenti “Artista rivelazione dell’anno” per il videoclip “Sorry” regia di Daniele Barbiero
Mirkoeilcane “artista rivelazione dell’anno” per il videoclip “Per fortuna” regia di Daniele Falleri.
“Miglior videoclip tratti da film” opere prime:
Lara Martelli per “We can’t fall” e ad regista Simone Godano per il videoclip tratto dal film Moglie e marito.
Michela Andreozzi regista per il videoclip”Ho cambiati i piani”di Arisa tratto dal film Nove lune e mezza
Silvia Salemi “Special award cinema e musica” per il videoclip “Potrebbe essere” regia di Gaetano Morbioli
Fabrizio Cestari “Special award cinema e musica”regista del videoclip “Autunno” di Noemi, premiato anche l’attore Massimiliano Varrese per la sua partecipazione nel videoclip
Cosimo Damiano D’amato “Miglior videoclip d’animazione” al regista per “Dalla pace del mondo lontano” di Sergio Cammariere
Nico Maraja “Special award anteprima” cinema musica sport ,premiato dal campione del mondo Emiliano Marsili per la clip tratta dal cortometraggio “Nico e le cicloavventure” di Valerio Perini
Carlo Fenizi e Cosetta Turco regista ed attrice “Special award omaggio Giuni Russo” videoclip “Non voglio andar via”con la partecipazione di Maria Grazia Cucinotta

Grande successo anche in questa Edizione del cinema incontra la musica e per la Festa del videoclip ad Apollo 11 un no-stop di proiezioni di videoclip provenienti da tutta Italia e con la presenza di registi, artisti, band, produttori ed addetti ai lavori, con premi a videoclip speciali, selezionati dall’organizzazione.
Premio Panalight pubblico al videoclip “Capigliatura” di Leonardo Angeluzzi regia di Marco Mari e “Premio Direzione Roma videoclip” a “Transoceanica” della band “La scelta” regia di Marco Montanari

Chissà se arriverà Godot… al Teatro degli Audaci dal 26 ottobre

Aspettando Godot“Chissà se arriverà Godot al Teatro degli Audaci” ecco come esordisce il direttore artistico del Teatro degli Audaci Flavio De Paola durante la conferenza stampa, nell’annunciare lo spettacolo “Aspettando Godot”, una delle opere più famose di Samuel Beckett. Dal 26 ottobre al 5 novembre vedremo Flavio De Paola nei panni sia di attore che di regista affiancato da Gianluca Delle Fontane, Giuseppe Abramo ed Emiliano Ottaviani nella famosissima rappresentazione teatrale.
Aspettando Godot è senza dubbio la più celebre opera teatrale di Samuel Beckett, nonché uno dei testi più noti del teatro del Novecento. La storia narra di due uomini, Estragone e Vladimiro, che, vestiti come vagabondi, si trovano sotto un salice piangente spoglio in una strada desolata di campagna. Si trovano lì poiché un certo Godot ha dato loro appuntamento, anche se l’orario è abbastanza vago. I due vagabondi non sanno neanche esattamente chi sia questo Godot, ma credono che quando arriverà li porterà a casa sua, gli darà qualcosa di caldo da mangiare e li farà dormire all’asciutto. Mentre attendono il suo arrivo, passa sulla stessa strada una strana coppia di personaggi: Pozzo, un proprietario terriero, e il suo servitore, Lucky, tenuto al guinzaglio dal primo. Pozzo si ferma a parlare con Vladimiro ed Estragone, che sono da una parte incuriositi dall’istrionismo del padrone, dall’altra spaventati dalla miseria e della condizione del servo. Ma dopo una serie di battute, monologhi che terminano in una zuffa tra i personaggi, Pozzo e Lucky riprendono il loro cammino.
Intanto è calata la sera, ma di Godot nessuna traccia! Arriva però un ragazzo, un giovane messaggero di Godot, il quale dice a Vladimiro e a Estragone che il signor Godot si scusa, ma che quella sera non sarebbe venuto. Arriverà però sicuramente il giorno dopo.
Ma riusciranno Vladimiro ed Estragone ad incontrare Godot? Resteranno ad aspettarlo oppure andranno via? Lo potete scoprire venendo al Teatro degli Audaci dal 26 ottobre al 5 novembre dal giovedì al sabato alle ore 21:00 e la domenica alle ore 18:00.

Un’opera teatrale molto divertente, dove la parola “Godot” composta dalle parole “go” e “dot” significa, appunto, rispettivamente “va” e “fermo” e dove Samuel Beckett sottolinea la frustrazione dell’uomo nel suo tentativo fallimentare di “muoversi”, procedere e cambiare la sua posizione.
L’opera è divisa in due atti, dove, apparentemente, sembra tutto fermo, ma, al contrario, “tutto è in movimento”.

A partire dal 26 ottobre al 5 novembre 2017 – Via Giuseppe De Santis 29 Roma. Tutte le sere ore 21:00 – Domenica ore 18:00 – lunedì, martedì e mercoledì riposo