BLOG
Micol Goldoni

I giovani Fgs in scena
con “Europa e Matteotti”

Giacomo MatteottiFederica Gullotta e Federico Penazzi sono gli spumeggianti protagonisti del brillante spettacolo ispirato all’omicidio di Giacomo Matteotti di cui – la scorsa settimana – è ricorso il novantesimo anniversario (10 giugno 1924, ndr). In una turbinosa mescolanza di antico e moderno, il personaggio storico di Matteotti è inserito in una trama incalzante scandita dalla ricerca di Europa vista come donna misteriosa e sfuggente ma anche negletta e avvilita dagli egoismi degli stati che la compongono.

Il viaggio di ricerca attraversa Inghilterra, Francia, Germania e un generico paese latino rappresentati da ragazze dei rispettivi paesi con i relativi tic e stereotipi: la ragazza sboccata della periferia inglese, la raffinata francesina snob, l’ingenua contadinella tedesca, la severa sensuale danzatrice latina. Ma proprio quando la ricerca da parte del personaggio maschile di Matteotti redivivo diventa affannosa, ecco affacciarsi il dubbio: dov’è Europa? Dove l’hanno sotterrata e avvilita e dove sono libertà ed eguaglianza che ne erano il manifesto programmatico?

La narrazione scenica corre veloce intramezzando gustose gag di personaggi contrapposti come un leghista e un “terun” , emblematici simboli degli opposti populismi che lacerano ‘Europa attuale. Precede il finale un turbinoso fado portoghese dove Federica dimostra, a fianco alle doti sceniche di talentuosa giovane attrice, anche quelle di armoniosa ed elegante ballerina. La conclusione alterna tragedia a commedia: ad un toccante brano del discorso di Matteotti alla Camera (voce di Franco Nero dal film del 1973 di Florestano Vancini) segue una chiusa spensierata ma di riflessione sull’onda del classico evergreen On an evening in Rome di Dean Martin.

Degni di nota sono anche gli altri pezzi musicali della colonna sonora, che spaziano dai Beatles ad Amalia Rodriguez e i brani di dialoghi registrati che permettono di aggiungere alla scena il personaggio virtuale del leghista. Lo spettacolo, dopo l’apprezzato esordio ravennate, sarà probabilmente replicato in molte città dell’Emilia-Romagna.

Micol Goldoni

 

I giovani socialisti arrabbiati non si fermano

Fgs Federica GullottaCi ritroviamo di nuovo con i giovani socialisti della FGS Emilia-Romagna in via Matteotti nella piazzetta tra la chiesa del Sacro Cuore di Gesù e il teatro Testoni Ragazzi per un nuovo volantinaggio di protesta contro la legge elettorale, il cosiddetto “Italicum”. Questo volantinaggio ha avuto un grande successo dal momento che sono stati distribuiti ai passanti circa 400 volantini, e molte persone tra cui simpatizzanti, ex socialisti e anche molti studenti si sono fermati incuriositi a chiedere informazioni e a parlare dei temi più scottanti della politica attuale. Fa molto caldo, nella piazzetta, ma i ragazzi continuano imperterriti a volantinare, concedendosi solo brevi pause. A proposito dei temi attuali introduco la mia seconda intervista con Federica Gullotta, la giovanissima “leader ideale” dei socialisti arrabbiati, sorridente nella sua fresca bellezza naturale che ricorda una Catherine Deneuve agli esordi, inizia la sua intervista con me, scusandosi per la forte allergia ai pollini che la infastidisce nel parlare.  Continua a leggere