BLOG
Paolo D'Aleo

Le istituzioni nazionali e l’Europa democratica

commissione_berlaymont

Credo che sia giunto il tempo di pensare all’opportunità che gli Stati nazionali, al centro delle riflessioni politologiche nel ‘900, cedano parte della propria sovranità come forme di responsabilità decisionale agli enti sovranazionali europei. A condizione che le Istituzioni comunitarie si rinnovino nella composizione e nelle modalità di funzionamento.

Tuttavia, per realizzare questa ipotesi ambiziosa, la costruzione degli Stati Uniti d’Europa, è necessario riformare le Istituzioni dei paesi membri. La modifica della Costituzione e la razionalizzazione della forma di governo rappresentano una potente arma contro i populisti e i sovranisti, espressione delle destre prevalenti in questa fase storica, caratterizzata da una profonda crisi sociale e, per certi aspetti, culturale.

In Italia, da circa trenta anni le diverse classi politiche, si sono poste come obiettivo la riforma della Carta fondamentale, in particolare della seconda parte che disciplina il funzionamento delle Istituzioni. La prima parte della Costituzione rimane invariata nei suoi principi democratici e nella sua ispirazione egualitaria.

Già dalla fine degli anni Settanta furono avanzate richieste di riforma, più o meno, incisive: la prima proposta organica venne avanzata nel 1979 con il “Rapporto Giannini”; seguì il decalogo di Spadolini, in seguito la prima Commissione parlamentare bicamerale per le riforme costituzionali, presieduta dall’ex costituente di matrice liberale, Aldo Bozzi.

La prima commissione bicamerale, svolse il proprio lavoro dal 1983 al 1985, elaborando delle proposte che, tuttavia, non ebbero alcun seguito. Non ci fu alcuna disponibilità a riforme che incidessero a fondo sul regime politico, rafforzando davvero le istituzioni.

Si fece un ulteriore tentativo nel 1997, con la costituzione della Commissione bicamerale guidata da Massimo D’Alema che avrebbe dovuto istituire un semipresidenzialismo vero e proprio, accompagnato da un sistema elettorale a doppio turno. Com’è noto, i lavori della Commissione naufragarono a causa delle numerose contraddizioni e contrapposizioni tra le forze politiche.

Nel 2013, al momento della rielezione a Presidente della Repubblica di Giorgio Napolitano, in un quadro di crisi economica e stagnazione istituzionale, le forze politiche assunsero solennemente l’impegno di avviare il processo di revisione costituzionale che ha portato alla definitiva approvazione delle norme oggetto del referendum confermativo del dicembre 2016.

Ciò nonostante, anche a causa di errori nella comunicazione delle ragioni del Si (l’ex premier aveva impostato la campagna referendaria come una sorta di giudizio cosmico, un’ordalia, non tanto sul merito del progetto di revisione costituzionale, quanto su una valutazione complessiva dell’azione di governo), il 59% dei votanti decise di bocciare la proposta referendaria.

A questo punto, possiamo ricavare alcune considerazioni da un trentennio di tentativi di riforma costituzionali falliti: ieri come oggi occorre ripensare ad una “Grande Riforma” che razionalizzi la forma di governo e modifichi il sistema elettorale, rendendo il sistema politico più funzionante. Il sistema elettorale dovrebbe essere pensato come uno strumento duraturo nell’arco di più legislature e, in grado di accompagnare l’evoluzione futura del sistema partitico.

A questo proposito non c’è che da ribadire come i sistemi elettorali possano essere considerati degli acceleratori o in alternativa dei freni, che agiscono in determinati contesti e non uniche cause d’instabilità delle istituzioni.

Ritenere che il sistema elettorale da solo assicuri la stabilità è certamente errato. Bisogna considerare sia il sistema elettorale che il piano più propriamente istituzionale e strutturale. Poiché il rendimento del regime democratico dipende non soltanto dal sistema elettorale, ma anche dalle modalità di funzionamento delle Istituzioni, connesso con le forme di razionalizzazione della forma di governo.

In conclusione, continua ad essere presente uno dei temi chiave dell’esperienza costituzionale italiana l’assenza di progettualità costituzionale organica. Serve un coerente progetto di riforma della legge elettorale e di razionalizzazione della forma di governo, in un quadro di rinnovata centralità delle Istituzioni europee. Occorre tornare a immaginare un’Europa democratica, sociale e federale, in grado di garantire un patrimonio comune tra tutti i cittadini europei.

Paolo D’Aleo

Le istituzioni nazionali e l’Europa democratica

 

commissione_berlaymont

Credo che sia giunto il tempo di pensare all’opportunità che gli Stati nazionali, al centro delle riflessioni politologiche nel ‘900, cedano parte della propria sovranità come forme di responsabilità decisionale agli enti sovranazionali europei. A condizione che le Istituzioni comunitarie si rinnovino nella composizione e nelle modalità di funzionamento.

Tuttavia, per realizzare questa ipotesi ambiziosa, la costruzione degli Stati Uniti d’Europa, è necessario riformare le Istituzioni dei paesi membri. La modifica della Costituzione e la razionalizzazione della forma di governo rappresentano una potente arma contro i populisti e i sovranisti, espressione delle destre prevalenti in questa fase storica, caratterizzata da una profonda crisi sociale e, per certi aspetti, culturale.

In Italia, da circa trenta anni le diverse classi politiche, si sono poste come obiettivo la riforma della Carta fondamentale, in particolare della seconda parte che disciplina il funzionamento delle Istituzioni. La prima parte della Costituzione rimane invariata nei suoi principi democratici e nella sua ispirazione egualitaria.

Già dalla fine degli anni Settanta furono avanzate richieste di riforma, più o meno, incisive: la prima proposta organica venne avanzata nel 1979 con il “Rapporto Giannini”; seguì il decalogo di Spadolini, in seguito la prima Commissione parlamentare bicamerale per le riforme costituzionali, presieduta dall’ex costituente di matrice liberale, Aldo Bozzi.

La prima commissione bicamerale, svolse il proprio lavoro dal 1983 al 1985, elaborando delle proposte che, tuttavia, non ebbero alcun seguito. Non ci fu alcuna disponibilità a riforme che incidessero a fondo sul regime politico, rafforzando davvero le istituzioni.

Si fece un ulteriore tentativo nel 1997, con la costituzione della Commissione bicamerale guidata da Massimo D’Alema che avrebbe dovuto istituire un semipresidenzialismo vero e proprio, accompagnato da un sistema elettorale a doppio turno. Com’è noto, i lavori della Commissione naufragarono a causa delle numerose contraddizioni e contrapposizioni tra le forze politiche.

Nel 2013, al momento della rielezione a Presidente della Repubblica di Giorgio Napolitano, in un quadro di crisi economica e stagnazione istituzionale, le forze politiche assunsero solennemente l’impegno di avviare il processo di revisione costituzionale che ha portato alla definitiva approvazione delle norme oggetto del referendum confermativo del dicembre 2016.

Ciò nonostante, anche a causa di errori nella comunicazione delle ragioni del Si (l’ex premier aveva impostato la campagna referendaria come una sorta di giudizio cosmico, un’ordalia, non tanto sul merito del progetto di revisione costituzionale, quanto su una valutazione complessiva dell’azione di governo), il 59% dei votanti decise di bocciare la proposta referendaria.

A questo punto, possiamo ricavare alcune considerazioni da un trentennio di tentativi di riforma costituzionali falliti: ieri come oggi occorre ripensare ad una “Grande Riforma” che razionalizzi la forma di governo e modifichi il sistema elettorale, rendendo il sistema politico più funzionante. Il sistema elettorale dovrebbe essere pensato come uno strumento duraturo nell’arco di più legislature e, in grado di accompagnare l’evoluzione futura del sistema partitico.

A questo proposito non c’è che da ribadire come i sistemi elettorali possano essere considerati degli acceleratori o in alternativa dei freni, che agiscono in determinati contesti e non uniche cause d’instabilità delle istituzioni.

Ritenere che il sistema elettorale da solo assicuri la stabilità è certamente errato. Bisogna considerare sia il sistema elettorale che il piano più propriamente istituzionale e strutturale. Poiché il rendimento del regime democratico dipende non soltanto dal sistema elettorale, ma anche dalle modalità di funzionamento delle Istituzioni, connesso con le forme di razionalizzazione della forma di governo.

In conclusione, continua ad essere presente uno dei temi chiave dell’esperienza costituzionale italiana l’assenza di progettualità costituzionale organica. Serve un coerente progetto di riforma della legge elettorale e di razionalizzazione della forma di governo, in un quadro di rinnovata centralità delle Istituzioni europee. Occorre tornare a immaginare un’Europa democratica, sociale e federale, in grado di garantire un patrimonio comune tra tutti i cittadini europei.

Paolo D’Aleo

Finanziamento pubblico e qualità della democrazia

costituzione 2

Nell’epoca della contemporaneità, delle comunicazioni frequenti e veloci, occorre interrogarsi sulla qualità delle Istituzioni, delle forze politiche e, in ultima istanza, sullo stato di salute delle democrazie pluralistiche.

Con tutta evidenza, si tratta di temi complessi che attengono al futuro delle democrazie occidentali poste di fronte alle grandi sfide di un mondo globalizzato e sempre più interconnesso.

Da circa tre decenni si assiste a una profonda modificazione delle identità e delle forme organizzative dei partiti politici.

Si è passati dai partiti di massa e strutturati, presenti nel corpo vivo della società a partiti e movimenti “leggeri”, de-ideologizzati, privi di cultura politica e guidati da leadership carismatiche che celano una pressoché totale assenza di luoghi di discussione dove elaborare linee d’azione e di riflessione teorica.

L’irrompere delle nuove tecnologie della comunicazione politica, quali i social network e le piattaforme di condivisione, ha differenziato e moltiplicato i costi della funzione politica, sempre più personalizzata e con un notevole livello di dipendenza tra il politico e il finanziatore.

A differenza del passato, il rapporto tra il finanziatore e il politico non presenta filtri e controlli che potevano essere imposti dai partiti politici di massa del Novecento.

Si aggiunga, a tutto questo, la funzione sempre più marcata dei sondaggi d’opinione, come strumento di misurazione del consenso.

Vi è il rischio che la ripetizione dei sondaggi apra le porte ad una sorta di «contratto sociale continuo»,1 ovvero a un permanente elettrocardiogramma dell’opinione pubblica destinato ad incidere sulle modalità della partecipazione popolare.

Difatti, qualora la legittimazione politica delle decisioni prese derivi esclusivamente dalla “sondaggistica”, si aprirebbe la strada al rischio che le decisioni politiche vengano indirizzate dai gruppi di potere più influenti.

In questo senso, la politica «si trasforma da labor intensive work, che richiede suole delle scarpe e strette di mano, in capital intensive work, che esige mezzi finanziari per la pubblicità e contatti postali diretti. Il denaro e i media hanno sostituito i contatti personali come principale fonte d’energia politica»2.

Con tutta evidenza, si rileva un nesso tra destrutturazione dei partiti politici di massa, con conseguente debolezza della politica e la cancellazione del finanziamento pubblico ai partiti nel nostro Paese.

Il finanziamento pubblico ai partiti è una delle modalità, assieme alle quote d’iscrizione, alla raccolta fondi e ai rimborsi elettorali, attraverso cui i partiti politici reperiscono i fondi necessari a finanziare le proprie attività.

In passato, i partiti e i movimenti politici fondavano una parte significativa delle proprie attività sui tesseramenti dei militanti e sulle donazioni volontarie; tuttavia, l’evoluzione tecnologica ha comportato l’ulteriore aumento del fabbisogno partitico, a fronte di una riduzione progressiva del finanziamento pubblico.

In Italia, con la legge n. 47/2014 si è determinato l’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti, sotto la spinta di un diffuso sentimento antiparlamentare e di profonda sfiducia, da parte dei cittadini, verso i meccanismi della democrazia rappresentativa.

Tuttavia, questo comporta una grave differenziazione tra i grandi partiti che possono contare su cospicui finanziamenti privati e le piccole forze politiche, custodi delle culture politiche storiche, che hanno visto ridursi notevolmente le proprie capacità d’iniziativa politica.

Le modalità di finanziamento ai partiti, previste dalla nuova legislazione, prevedono da una parte le detrazioni per le erogazioni liberali in denaro in favore dei partiti politici e, soprattutto, il meccanismo del 2 per 1000, con il quale ciascun contribuente può destinare il due per mille della propria imposta sul reddito delle persone fisiche a favore di un partito politico.

In Germania il finanziamento pubblico ai partiti è disciplinato da una legge, la Parteiengesetz, un complesso di norme che disciplina pure l’ordinamento dei partiti. Prima di essa (approvata nel 1967), in ogni caso esisteva già la disposizione costituzionale che stabilisce che i partiti debbono rendere pubblicamente conto dell’origine dei loro mezzi finanziari.

Questa legge è risultata molto efficace: tutti i partiti politici presentano, ad ogni livello, le stesse modalità organizzative/decisionali e anche democraticità interna nella selezione dei candidati.

Viceversa, in Italia non si è mai data attuazione all’art. 49 della Costituzione che prevede il diritto di associarsi liberamente ai partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale.

Se si osserva il caso tedesco, si rileva come vi sia un legame tra sistema di rappresentanza proporzionale e partiti ben strutturati, nonché tra partiti forti e finanziamento pubblico alle attività politiche.

In questo senso, non sembri una digressione, l’evidenziare il nesso inscindibile che lega la costruzione delle moderne democrazie pluralistiche, la conseguente estensione del suffragio elettorale, all’avanzata del principio proporzionale che nel giro di pochi decenni nel Novecento ha soppiantato, in gran parte degli Stati europei, il sistema maggioritario.

In altri termini, l’affermarsi del principio proporzionale in relazione al processo di democratizzazione è connesso all’emergere delle classi subalterne, che si sono dotate di organizzazioni sindacali e di partiti politici a difesa dei propri interessi.

«Il processo di democratizzazione ha seguito una dinamica plurifase che si è connessa con l’emancipazione civile delle classi subalterne. Il progressivo allargamento del suffragio è quindi strettamente correlato con il riconoscimento di quella serie di diritti che la dottrina ha chiamato diritti pubblici soggettivi a tutte le persone socialmente ed economicamente dipendenti».3

Proprio la Germania rappresenta un caso emblematico, poiché il sistema elettorale è proporzionale, i partiti politici presentano una democraticità interna, il finanziamento pubblico è quantitativamente superiore al finanziamento privato. Di conseguenza, gli interessi delle lobby risultano meno perforanti.

Viceversa, in contesti dove il finanziamento pubblico è del tutto, o quasi, assente, si pensi agli Stati Uniti d’America, si registra una maggiore capacità di indirizzare e manipolare le decisioni politiche da parte delle organizzazioni d’interessi privati nei confronti dei rappresentanti del Congresso.

In questa maniera vengono progressivamente espunti alcuni caratteri essenziali della tradizionale rappresentanza democratica: l’eletto come rappresentante del popolo o della nazione. Al loro posto, trionfano la rappresentanza di settore e il legame con le categorie che hanno reso possibile l’elezione, fattori determinanti di riduzione drastica dell’indipendenza dell’eletto, che individua «quale entità astratta, il bene comune».4

Anche in Italia, a causa dell’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti si pone la necessità di regolamentare le attività di rappresentanza d’interessi nei confronti dei decisori pubblici.

Si tratta di mettere in risalto l’elemento della trasparenza, tramite l’istituzione di un registro dei rappresentanti d’interessi, la garanzia di pubblicità delle informazioni, della conoscibilità dei processi decisionali, in un’ottica che favorisca la più ampia partecipazione democratica.

Una legge sulle lobby che ancora oggi non esiste in Italia e che rappresenta una storica battaglia del movimento socialista.

In conclusione, il rendimento del regime democratico dipende non soltanto dal sistema elettorale, ma anche dalle modalità di funzionamento delle Istituzioni, connesso ad una vitalità delle forze politiche e della cittadinanza attiva.

Tutti questi elementi scaturiscono da rapporti di forza interni alla società su cui influiscono in modo determinante le scelte delle élites.

Paolo D’Aleo

1 S. Rodotà, Tecnologie dell’informazione. La democrazia e le nuove tecnologie della comunicazione, Roma – Bari, Laterza, 2004.

2 L. K. Grossman, The Electronic Republic. Reshaping American democracy in the information age, New York, Penguin Books, 1996.

3 F. Lanchester, I sistemi elettorali e forma di governo, Bologna, Il Mulino, 1981, p. 54.

4 G. Sartori, Videopolitica, in Rivista italiana di scienza politica, vol. 19, 1989, p. 197.