BLOG
Partito Socialista Ravenna

Gennaro Mancino
Welfare e rispetto dei nostri valori

Davvero una strana campagna elettorale, solo strali e promesse impossibili, che non affrontano i veri problemi del Paese pur di raccattare qualche voto in più.
In questo clima di confusione, neppure il Pd, sempre più alle prese con le sue contraddizioni e divisioni, può illudersi e illudere di rappresentare l’intera area riformista.
Nel campo del centrosinistra è la lista INSIEME a rappresentare la vera novità di questa tornata elettorale, poichè unisce culture, storie e tradizioni diverse, che costituiscono un soggetto politico riformista capace di parlare di responsabilità e sostenibilità, per un serio programma di governo che coniughi diritti e doveri, appellandosi a una cittadinanza consapevole.
In altri termini, se non si rispettano i nostri valori non si può vivere in Italia. Chi vive qui deve rispettare la parità uomo-donna, le nostre leggi e non quelle dei tribunali della sharia, né può consentire matrimoni coatti.
La crisi economica di questo decennio ha messo in discussione tante certezze e conquiste che
oggi vanno ricostruite e non semplicemente adeguate ai cambiamenti dell’innovazione e della globalizzazione, che pure sono un segno ineludibile del futuro, da rendere però meno ingiusto affinché non produca grandi diseguaglianze.
È perciò necessario restituire valore al lavoro e dignità ai lavoratori, rivedendo il jobs act laddove favorisce un eccesso di precarietà nel lavoro per le giovani generazioni.
È infatti la sostenibilità ambientale, sociale ed economica il filo conduttore del programma della Lista INSIEME, per rafforzare la coesione del Paese, contrastando le disuguaglianze sempre più gravi
È dunque in gioco il futuro modello di Welfare e non è certo togliendo ai poveri per dare ai ricchi, come sarebbe con la flat tax (una aliquota fiscale unica e ridotta) che si potrebbe continuare, ad esempio, a garantire livelli di assistenza sanitaria universale.
Meglio, molto meglio, l’innalzamento della no tax area (il limite di reddito sotto il quale non si pagano tasse) e la riduzione del cuneo fiscale, quel complesso di oneri che incidono sul costo del lavoro e che pesano sia sulle aziende sia sul reddito netto dei lavoratori.

Gennaro Mancino – segretario Psi Imola e vice segretario della Città Metropolitana di Bologna
candidato al Senato nel collegio proporzionale
Bologna-Imola-Ferrara-Forlì-Ravenna-Rimini

Daniele Perini
Parlare di Salute e di Sociale

“Risolvere le disuguaglianze per assicurare livelli di assistenza per tutti. Improrogabile l’aumento dell’assegno di accompagnamento”

Nel corso di questa campagna elettorale, dai toni assai cruenti e ricca di promesse senza certezze, non ho sentito alcun candidato, né a livello locale che nazionale, parlare di salute e di sociale.
Questo quadro sconfortante, purtroppo, ben si inserisce in un più ampio contesto caratterizzato da completa assenza di dibattito.
La salute rappresenta un diritto fondamentale da tutelare, quasi scontato sottolinearlo, ma nessuno sembra voler prendere atto della crisi di sostenibilità che attanaglia l’intero sistema sanitario nazionale.
Siamo il Paese che investe meno in Europa in sanità e nessuno ha rimarcato l’esigenza di salvaguardare la salute in toto e, più in particolare, la salute legata all’ambiente e agli alimenti.
Va affrontato e risolto il problema delle diseguaglianze regionali e occorre saper gestire l’accesso uniforme ai Lea – Livelli Essenziali di Assistenza – da parte di tutti i cittadini.
In ambito sanitario non si tiene conto, poi, delle attuali distribuzioni dei poteri tra Stato e Regione: appare indispensabile fare riferimento alla sostenibilità dei nuovi Lea, ridisegnando il loro perimetro attraverso la riduzione e lo sfoltimento degli esami e delle indagini, basandosi sulle evidenze scientifiche, ai fini di un maggior snellimento e semplificazione.
È il momento delle proposte complete in tema di assistenza socio – sanitaria, soffermandosi, più specificatamente, sulla non autosufficienza, sull’esigenza di aiuti concreti per le famiglie con disabili in casa e sull’improrogabile aumento dell’assegno di accompagnamento.

Daniele Perini

capolista alla Camera della Lista INSIEME