BLOG
Ricciarda Nencini

Ginnastica artistica
IX trofeo città di Jesolo

Laurie Hernandez Foto Ricciarda Nencini

Laurie Hernandez
Foto Ricciarda Nencini

Nel mondo della ginnastica artistica l’amichevole che si tiene ogni anno al Pala Arrex di Jesolo rappresenta uno degli eventi più attesi dell’intera stagione. Non sono in gioco titoli di grande prestigio, medaglie o alcun tipo di riconoscimento, ciò che rende unico il fine settimana infatti non è che la soddisfazione di gareggiare e confrontarsi con alcune delle migliori delegazioni del mondo, ogni anno

Gabrielle Douglas  Foto Ricciarda Nencini

Gabrielle Douglas
Foto Ricciarda Nencini

diverse, fatta eccezione per la squadra americana, che da nove edizioni a questa parte ci onora della sua partecipazione con l’intera formazione junior e senior.
In vista delle olimpiadi di Rio di quest’anno infatti, è di fondamentale importanza confrontarsi con la squadra a stelle e strisce che è ormai regina indiscussa di questa disciplina, così come lo è stato gareggiare insieme a Brasile e Francia, due rivali non indifferenti per l’Italia in campo mondiale.

Aly Raisman Foto Ricciarda Nencini

Aly Raisman
Foto Ricciarda Nencini

La squadra azzurra è composta da Alessia Leolini, Carlotta Ferlito, Giorgia Campana, Enus Mariani, Desiree Carofiglio e Tea Ugrin, che nella prima giornata di gare, dove le squadre si sono sfidate su tutti e quattro gli attrezzi, hanno ottenuto un buon terzo posto dietro a Brasile e USA, che da sempre ormai detengono il titolo anche di questo trofeo.
Spicca l’esibizione della campionessa olimpica in carica Gabrielle Douglas

che ottiene un irraggiungibile 15.050 alle parallele, la trave di Laurie Hernandez che vale 15,300, ma ancor più vale la sua espressività al corpo libero che più di tutto la caratterizza. Per non dimenticare il membro dell’oro olimpico e mondiale a squadre, l’oro al corpo libero a Londra Aly Raisman, che paga una caduta al volteggio da quello che è attualmente il salto più difficile del codice dei punteggi femminile, ma che riesce in ogni caso a deliziare il pubblico al corpo libero.

Il 20 marzo si sono invece tenute le finali di specialità, che vedono le migliori otto ginnaste sfidarsi su ogni attrezzo.
Per l’Italia Alessia Leolini, che esegue il salto di difficoltà maggiore fra le italiane, ottiene un ottimo quarto posto al volteggio con 14,200 dietro solo a tre inarrivabili americane.

Carlotta Ferlito Foto Ricciarda Nencini

Carlotta Ferlito
Foto Ricciarda Nencini

Alla trave vediamo invece Enus Mariani, che conclude un esercizio preciso e senza sbavature, insieme alla caposquadra Carlotta Ferlito, reginetta dell’attrezzo anche in campo internazionale. Dopo un esercizio impeccabile però, le scivola un piede dalla rondata d’uscita, e arriva da uno dei due salti carpiati sul collo, rimanendo immobile per qualche secondo sul tappeto e trascinando l’intero palazzetto in secondi carichi di ansia e paura. Per fortuna niente di grave, Carlotta viene portata subito all’ospedale dove la TAC risulta negativa, paga solo un grande spavento.
Prossimi appuntamenti le ultime due tappe di serie A a Roma e a Torino, gli europei di Berna a maggio e poi il tanto atteso sogno a cinque cerchi. Chi riuscirà a coronarlo questa volta?
Ricciarda Nencini

Sfida mondiale per
la ginnastica azzurra

Elisa Meneghini-Gal Lissone-podio

Elisa Meneghini, Gal Lissone, sul secondo gradino del podio-foto Ricciarda Nencin

Se per la maggior parte dei giovani settembre rappresenta il ritorno dalle vacanze alla vita quotidiana, per le ragazze e i ragazzi della ginnastica artistica è invece il mese più importante della stagione: fra poco meno di 30 giorni infatti, la nazionale italiana partirà per i mondiali a squadre qualificanti per le olimpiadi di Rio del prossimo anno, che si terranno a Glasgow, in Scozia, dal 23 ottobre al primo novembre. Per la femminile la squadra ufficiale non è ancora ancora stata annunciata, ed è per questo che i Campionati Nazionali Assoluti che si sono tenuti proprio questo fine settimana a Torino, hanno rappresentato un importantissimo appuntamento per i nostri atleti.

Le gare si sono svolte al Pala Vela, che nel 2006 aveva ospitato le olimpiadi di pattinaggio di figura, costituendo quindi un paesaggio suggestivo sia per gli atleti che per gli spettatori.

Erika Fasana sulla trave

Erika Fasana sulla trave – foto Ricciarda Nencini

Sabato 26 settembre si è svolta la competizione all-around, che ha visto quindi i ginnasti e le ginnaste schierarsi su tutti e quattro gli attrezzi. Per la femminile la campionessa nazionale assoluta è Tea Ugrin, dell’Artistica ’81 di Trieste, già vincitrice nel 2013 ad Ancona. Secondo posto per la ex campionessa assoluta in carica Elisa Meneghini, tesserata Gal Lissone. Un amaro bronzo va invece a Erika Fasana, che vede sfumare il sogno dell’oro a causa di una caduta alla trave. Per la maschile trionfa Ludovico Edalli della Pro Patria Bustese, come i due anni passati, argento invece per Nicola Bartolini della società ginnastica di Cagliari e terzo posto per Andrea Cingolani, Aeronautica Militare. Domenica 27 settembre si sono invece tenute le finali ad attrezzo, che vedono schierarsi le otto ginnaste che hanno primeggiato nelle gare del giorno prima. Campionessa assoluta alle parallele è Martina Rizzelli, alla trave vediamo riscattarsi la plurimedagliata, nonché protagonista del reality su MTV “Ginnaste Vite Parallele”, Carlotta Ferlito. Reginetta del volteggio è Sofia Busato, classe 2000, e primo posto al corpo libero per Erika Fasana.

Carlotta Ferlito alle parallele

Carlotta Ferlito alle parallele – foto Ricciarda Nencini

Al termine della competizione cominciano a delinearsi i nomi per Glasgow: per la femminile vediamo Ferrari, Fasana, Ferlito, Meneghini, Mariani, Ugrin e Mori; mentre per la maschile la squadra sembra essere già ufficiale: Cingolani, Pozzo, Bartolini, Edalli, Principi, Ottavi e De Vecchis. Prossimo e ultimo appuntamento prima della partenza il quadrangolare che si svolgerà il 10 ottobre a Novara.

Ricciarda Nencini

Sfida mondiale per
la ginnastica azzurra

Elisa Meneghini (della Gal Lissone) sul secondo gradino del podio-foto Ricciarda Nencini

Se per la maggior parte dei giovani settembre rappresenta il ritorno dalle vacanze alla vita quotidiana, per le ragazze e i ragazzi della ginnastica artistica è invece il mese più importante della stagione: fra poco meno di 30 giorni infatti, la nazionale italiana partirà per i mondiali a squadre qualificanti per le olimpiadi di Rio del prossimo anno, che si terranno a Glasgow, in Scozia, dal 23 ottobre al primo novembre. Per la femminile la squadra ufficiale non è ancora ancora stata annunciata, ed è per questo che i Campionati Nazionali Assoluti che si sono tenuti proprio questo fine settimana a Torino, hanno rappresentato un importantissimo appuntamento per i nostri atleti.

Le gare si sono svolte al Pala Vela, che nel 2006 aveva ospitato le olimpiadi di pattinaggio di figura, costituendo quindi un paesaggio suggestivo sia per gli atleti che per gli spettatori.

Erika Fasana sulla trave

Erika Fasana sulla trave – foto Ricciarda Nencini

Sabato 26 settembre si è svolta la competizione all-around, che ha visto quindi i ginnasti e le ginnaste schierarsi su tutti e quattro gli attrezzi. Per la femminile la campionessa nazionale assoluta è Tea Ugrin, dell’Artistica ’81 di Trieste, già vincitrice nel 2013 ad Ancona. Secondo posto per la ex campionessa assoluta in carica Elisa Meneghini, tesserata Gal Lissone. Un amaro bronzo va invece a Erika Fasana, che vede sfumare il sogno dell’oro a causa di una caduta alla trave. Per la maschile trionfa Ludovico Edalli della Pro Patria Bustese, come i due anni passati, argento invece per Nicola Bartolini della società ginnastica di Cagliari e terzo posto per Andrea Cingolani, Aeronautica Militare. Domenica 27 settembre si sono invece tenute le finali ad attrezzo, che vedono schierarsi le otto ginnaste che hanno primeggiato nelle gare del giorno prima. Campionessa assoluta alle parallele è Martina Rizzelli, alla trave vediamo riscattarsi la plurimedagliata, nonché protagonista del reality su MTV “Ginnaste Vite Parallele”, Carlotta Ferlito. Reginetta del volteggio è Sofia Busato, classe 2000, e primo posto al corpo libero per Erika Fasana.

Carlotta Ferlito alle parallele

Carlotta Ferlito alle parallele – foto Ricciarda Nencini

Al termine della competizione cominciano a delinearsi i nomi per Glasgow: per la femminile vediamo Ferrari, Fasana, Ferlito, Meneghini, Mariani, Ugrin e Mori; mentre per la maschile la squadra sembra essere già ufficiale: Cingolani, Pozzo, Bartolini, Edalli, Principi, Ottavi e De Vecchis. Prossimo e ultimo appuntamento prima della partenza il quadrangolare che si svolgerà il 10 ottobre a Novara.

Ricciarda Nencini

Ginnastica artistica: vince la “Brixia” di Brescia

Giorgia Campana, Artistica ’81 Trieste, alla trave

Giorgia Campana, Artistica ’81 Trieste, alla trave

Per la ginnastica artistica il sipario cala sabato 9 maggio 2015 al “105 Stadium” di Rimini con la quarta ed ultima tappa del campionato di Serie A. Sul fronte femminile la “Brixia” di Brescia si conferma regina della gara del giorno e di tutto il campionato, conquistando il 13° scudetto nonostante l’assenza della plurimedagliata Vanessa Ferrari, ancora in fase di recupero in seguito a un fastidio alla caviglia destra. Secondo posto per la “Ginnastica ‘81” di Trieste, per la prima volta affiancata da Giorgia Campana, olimpionica a Londra nel 2012. Si ferma al terzo gradino del podio la società “Gal Lissone”, che aveva dominato indiscussa il campionato fino a due anni fa, ma che per la prima volta quest’anno è stata costretta ad esibirsi senza il suo capitano, la veterana Elisabetta Preziosa, anch’essa olimpionica a Londra, che ha lasciato il panorama della ginnastica qualche mese fa.

Sofia Caini-Ginnica Giglio-trave

Sofia Caini, Ginnica Giglio, alla trave

Quarto posto per la “Ginnica Giglio” che, se giusto due anni fa rischiava la retrocessione in serie A2, quest’anno ha saputo conquistare un buon quarto posto nonostante l’assenza di Lara Mori, infortunatasi al perone alla scorsa tappa di Firenze dopo la trave migliore della giornata (14,900 per lei), e riuscendo così a qualificarsi per la Golden League, che si terrà a settembre a Porto San Giorgio:secondo il regolamento vede schierarsi le quattro migliori squadre del campionato di serie A.

Lara Mori e Alessia Leolini, Ginnica Giglio, strette in un abbraccio

Lara Mori e Alessia Leolini, Ginnica Giglio, strette in un abbraccio

Al termine della gara il direttore tecnico nazionale Enrico Casella annuncia le tre ginnaste che rappresenteranno l’Italia alla prima edizione dei Giochi Europei, che si terranno a Baku alla fine di giugno: Alessia Leolini, la neo diciottenne montevarchina della Ginnica Giglio con alle spalle un europeo e un mondiale. Giorgia Campana, olimpionica a Londra conta inoltre numerose presenze in campo europeo. Infine Tea Ugrin, da poco tra le senior e seconda junior, dopo Vanessa Ferrari, a conquistare un titolo nazionale assoluto nel 2013.

Carlotta Ferlito, Gal Lissone, al corpo libero

Carlotta Ferlito, Gal Lissone, al corpo libero

Carlotta Ferlito-Gal Lissone-corpo libero

Carlotta Ferlito, Gal Lissone, al corpo libero

Prossimo appuntamento direttamente al Pala Vela di Torino, che il 30 maggio ospiterà il quadrangolare pre europeo ospitando Italia, Russia, Romania e Colombia.

Ricciarda Nencini

Ginnastica artistica,
entusiasmante 2^ tappa

Lara Mori della “Ginnica Giglio” di Montevarchi.

Lara Mori della “Ginnica Giglio” di Montevarchi

Sono appena le 10 di mattina del 28 febbraio 2015, ma sugli spalti del Mediolanum Forum di Assago a Milano si contano già oltre 7 mila spettatori, che con il calore dei loro applausi accompagneranno i ginnasti e le ginnaste di tutta Italia fino alle ore 21 inoltrate.

Enus Mariani della società Pro Lissone

Enus Mariani della società Pro Lissone

In ‘scena’ la seconda tappa del campionato di serie A di ginnastica artistica maschile e femminile, egregiamente ospitato e organizzato dalla società “Pro Lissone”, che schiera la campionessa europea junior del 2012 Enus Mariani in aiuto alla sua squadra per la corsa al podio.

Molti sono stati purtroppo gli infortuni che hanno tenuto il pubblico col fiato sospeso per tutta la durata della gara: Giulia Paglia della “Pro Lissone” paga una brutta caduta con una microfrattura al ginocchio; la stessa Enus Mariani, veterana di casa, è costretta a fermarsi a causa di una distorsione alla caviglia in seguito a un’uscita errata alla trave. Al termine della competizione dominatrice

Erika Fasana della società Brixia di Brescia

Erika Fasana della società Brixia di Brescia

indiscussa la società “Brixia” di Brescia, capitanata dalla plurimedagliata a livello internazionale Vanessa Ferrari, al secondo posto la società “Artistica 81 Trieste”. Bronzo per la toscana “Ginnica Giglio”, capitanata da Alessia Leolini e Lara Mori.

Prossimo appuntamento sabato 14 marzo al Mandela Forum di Firenze per la terza e penultima tappa.

Ricciarda Nencini