venerdì, 7 Agosto, 2020

Coronavirus. Bolivia nel caos, i sondaggi parlano chiaro

0

La Bolivia è completamente sprofondata nel caos a causa dell’epidemia di coronavirus ormai fuori controllo, che ha rinforzato la dura crisi economico-sociale che fa seguito al colpo di Stato dell’estrema destra filo-atlantista, che lo scorso 10 novembre 2019 ha estromesso il presidente democraticamente eletto, il socialista Evo Morales, in carica dal gennaio 2006.

Mentre le ultime notizie parlano di ben 28.524 casi attivi con quasi 1.000 nuovi contagi giornalieri, i media hanno diffuso le immagini di cadaveri abbandonati nelle strade di diverse città e, in diretta televisiva, il decesso di un uomo colpito dai classici sintomi del Covid-19. Intanto, la presidente golpista Jeanine Áñez ha attaccato Evo Morales, considerandolo responsabile del collasso del sistema sanitario.

Dati alla mano, la verità è ben diversa: la spesa sanitaria fino al 2005 ammontava a 362 milioni di dollari, nel corso della sua presidenza Morales l’ha portata all’ingente cifra di 2,6 miliardi di dollari. Intanto, la Procura generale della Bolivia, controllata dai golpisti, ha formalizzato nei confronti dell’ex presidente un’accusa di “terrorismo e finanziamento del terrorismo”, chiedendone l’arresto.

Nonostante questo pesante clima, i sondaggi indetti dall’istituto CELAG Poll, in vista delle elezioni generali del prossimo 6 settembre, parlano chiaro. Il socialista Luis Arce, ex ministro delle Finanze durante la presidenza Morales, avrebbe il 41,9% dei consensi. In parole povere, il Movimento per il Socialismo, partito estromesso dal governo del Paese a seguito del golpe, vincerebbe nuovamente le elezioni al primo turno, sconfessando l’iter golpista dell’estrema destra adesso al potere.

L’attuale presidente ad interim Áñez, liberista, conservatrice e atlantista, si fermerebbe al 13,3%, molto distante anche dallo sfidante di centrodestra Carlos Mesa, che raccoglierebbe il 26,8% dei voti. Sono molto staccati, invece, gli altri candidati. Il sondaggio colloca al 9,1% il nazionalista Luis Camacho, al 4,5% il cristiano di destra Chi Hyun Chung e al 4,4% Jorge Ramírez, un altro esponente della destra cristiana boliviana.

Amedeo Barbagallo

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply