mercoledì, 13 Novembre, 2019

Brexit. Il colpo di Johnson che chiude il parlamento

0

Una mossa che ha sconvolto tutti, persino gli ambienti più conservatori nella City sono rimasti sbalorditi e hanno condannato l’iniziativa di Boris Johnson. Il parlamento di Westminster è il cuore della vita politica britannica e il neo Primo Ministro ha deciso di chiuderlo per quasi cinque settimane, proprio nel momento in cui il paese deve affrontare decisioni di portata storica. la Brexit ha portato a crisi politiche continue e ora si appresta a toccare anche l’aspetto economico del Regno di Sua Maestà. Non a caso a criticare l’iniziativa, oltre alle proteste di comuni cittadini, anche il Financial Times che chiede la sfiducia di Johnson aprendo dunque addirittura a un possibile scenario con addirittura il socialista Jeremy Corbyn premier ad interim.
La mossa di Johnson è stata criticata moltissimo ed è stata definita da politici e osservatori “antidemocratica”, e in alcuni casi una violazione delle norme costituzionali, un tentativo di ridurre il ruolo del Parlamento. La sospensione, infatti, toglierà tempo al Parlamento per approvare una legge che provi a impedire il cosiddetto “no deal“, cioè la possibilità che il Regno Unito esca dall’Unione Europea senza un accordo, scenario ritenuto catastrofico da molti ma considerato praticabile da Johnson.
Numerose le critiche da John Bercow, speaker della Camera noto tra le altre cose per i suoi scontri con i governi in carica, ha parlato di “oltraggio alla Costituzione” a una parlamentare dello Scottish National Party (SNP) che ha detto di avere avviato una causa legale in un tribunale scozzese con l’obiettivo di bloccare il provvedimento di Johnson.
Ma sono anche i cittadini a protestare da giorni.
E intanto la petizione online contro la sospensione del Parlamento ha già superato 1,3 milioni di firme. Lanciata in Rete martedì dall’attivista pro-Ue Mark Johnston, quando la sospensione era solo un’ipotesi, la raccolta di firme ha avuto un enorme successo quando poi è diventata realtà.

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply