martedì, 27 Ottobre, 2020

Buonanotte Mastrapasqua

3

Le dimissioni le abbiamo chieste noi dell’Avanti per primi. Venticinque incarichi e milioni di euro di compenso ci parevano troppi, decisamente troppi. Anche per uno stakanovista, un insonne, un uomo-robot. E soprattutto per chi era stato chiamato a presiedere un ente presidenziale. Oltretutto le dichiarazioni improvvide del presidente dell’Inps sulla eventualità che il suo ente non fosse riuscito a pagare le pensioni, ci erano parse francamente insopportabili per un personaggio che non aveva certo problemi ad arrivare alla fine del mese. Così noi, che siamo garantisti sempre, avevamo lanciato l’idea della possibile rimozione del dottor Mastrapasqua.

Nessuno ne aveva allora compreso il significato. D’accordo, nessuno leggerà l’Avanti, nessuno è tenuto a seguire i lavori del nostro congresso che abbiamo svolto a fine novembre a Venezia. Ma che nei sindacati e nei partiti politici non si fosse avvertita analoga sensibilità, mentre da più parti si reclamavano le dimissioni della Cancellieri, di Alfano, della Di Girolamo, ci aveva lasciato alquanto perplessi. Avevamo pensato, probabilmente sbagliando, all’esistenza di una sorta di lobbie sindacale di protezione. Eppure Mastrapasqua, vice presidente anche di Equitalia e di altri enti, direttore anche dell’ospedale israelitico di Roma, lo era già da tempo.

C’è voluta un’indagine giudiziaria che lo ha coinvolto come direttore dell’ospedale. E il buon Letta solo allora ha pensato ad una legge che contiene la disposizione di incompatibilità tra l’assunzione di incarichi in enti pubblici e il mantenimento di importanti funzioni parallele. Ci voleva ancora la magistratura per spronare la politica. C’è da rimanere a bocca aperta. Ma è così. Adesso Mastrapasqua ha anticipato la sua rimozione con le sue dimissioni. Non si sa se l’ex presidente dell’Inps si dimetterà anche da qualche altro incarico dei ventiquattro rimanenti. Resta il fatto che si è aperta la partita della sua successione. Diciamo subito che appoggeremo solo un candidato che almeno non superi i dieci incarichi laterali. Treu e Bonanni sono ottime persone. Se uno dei due andrà alla presidenza dell’Ente, si tenga al massimo qualche presidenza di club degli amici degli animali…

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply