lunedì, 18 Novembre, 2019

Carlo Sorrente
Psi-Italia Viva, laboratorio riformista

1

La segreteria provinciale aperta ai responsabili delle commissioni di lavoro riunitasi il giovedì 19 settembre ha discusso e valutato l’attuale crisi politica e nel caso di specie della formazione del gruppo parlamentare P.S.I. – Italia Viva ha espresso un giudizio unanimemente positivo :

“1) condivisione della costituzione del nuovo governo di legislatura nato dall’emergenza democratica causata dalle numerose gaffe di cui l’ultima dalla consolle di una spiaggia del capitano leghista e verso cui il P.S.I. con responsabilità civica ha votato la fiducia nella formulazione del sostegno esterno valutando con senso di responsabilità l’arduo compito del presidente del consiglio sugli atti concreti.

2) P.S.I. – Italia Viva crediamo che questo progetto parlamentare potrebbe, nell’autonomia politico organizzativa del P.S.I. con il simbolo nuovo del garofano, essere un Laboratorio Riformista su cui è auspicabile che convergano altre aree; dei radicali, di +Europa, di forze laiche e liberal anti sovranità. Crediamo che il tentativo di formare un Laboratorio Riformista sia una strada perigliosa ma da percorrere in autonomia con coraggio: umanesimo cristiano, umanesimo socialista, cultura liberale e radicale

3) la fattibilità di marciare verso un Laboratorio Riformista plurale, umanesimo cristiano umanesimo socialista cultura liberale e radicale deve essere approfondita dagli organi statutari del Partito partendo da un vasto dibattito che deve svilupparsi nelle Comunità e nei Territori e quindi nelle prossime settimane si effettueranno le assemblee comunali in tutta la nostra provincia al termine delle quali si terrà il congresso provinciale alla presenza del Segretario Nazionale Vincenzo Maraio entro la metà di Dicembre a Cascina dove nella primavera del 2020 si terranno le elezioni straordinarie comunali causate dalle dimissioni del sindaco uscente.

4) Un’altra data importante scadenza a breve è il congresso regionale Toscano che si terra a Firenze il 5 ottobre.

5) In questo quadro di intenso lavoro locale e regionale si dovranno tenere le riunioni degli organi statutari nazionali del P.S.I. Con uno spirito unitario e responsabile come la delicatezza degli eventi ci suggerisce: l’Italia e gli italiani devo superare questa grave congiuntura economica e politica in un mondo percorso da lampi di guerra e di recessione internazionale dal carattere non più transitorio ma permanente”.

Carlo Sorrente
Il segretario prov.le P.S.I.

Condividi.

Riguardo l'Autore

1 commento

  1. Paolo Bolognesi on

    Da socialista, pur se di altra componente, auguro all’odierno PSI che il “laboratorio riformista” possa portare alla nascita di un soggetto politico liberal riformista all’interno della sinistra, ma proprio in tale ottica mi convince poco – non me ne voglia l’Autore di queste righe – l’aver visto condiviso da parte sua la “costituzione del nuovo Governo di legislatura”, un Esecutivo che più d’uno definisce di sinistra-sinistra.

    Nel senso che non vedo come il riformismo possa sposarsi con la cosiddetta sinistra-sinistra, la quale mi sembra perseguire altri e differenti obiettivi, e anche espressioni come “emergenza democratica” non mi paiono francamente toni da cultura riformista, che dovrebbe prendere le distanze dall’abitudine di trasformare in pericolosi “nemici” gli avversari politici, come più di una volta abbiamo visto ripetersi.

    Paolo B. 25.09.2019

Leave A Reply