mercoledì, 5 Agosto, 2020

Casalino batte la povertà, la sua

0

Il fidanzato, o sembra ex fidanzato, di Rocco Casalino ha tentato la fortuna in Borsa rimettendoci dei soldi. Il capo ufficio stampa grillino della presidenza del Consiglio, e uomo immagine di Giuseppe Conte, garantisce di non aver mai speculato in Borsa. Casalino rafforza le sue assicurazioni dicendo a un giornalista de ‘La Verità’: «Lo sai in quanto li guadagno 7 mila euro? In una settimana». Congratulazioni!
La lotta alla povertà è stata una battaglia storica del M5S. Beppe Grillo ha proposto il varo del reddito di cittadinanza (fino a 780 euro al mese) proprio per sconfiggere miseria e povertà. Il fondatore del Movimento 5 stelle nella marcia Perugia-Assisi del 2017, con al centro proprio questo obiettivo, arrivò a proclamare: «Siamo noi i francescani di oggi».
Alla fine il progetto è diventato realtà. Luigi Di Maio nel dicembre 2018 si affacciò esultante dal balcone di Palazzo Chigi assieme agli altri ministri cinquestelle annunciando: «Abbiamo abolito la povertà, noi siamo il vero cambiamento». L’allora vice presidente del Consiglio, ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico gioiva perché il governo Conte uno (quello con la Lega) aveva approvato l’istituzione del reddito di cittadinanza nella manovra economica.
Milioni di italiani in ristrettezze economiche hanno incassato dal 2019 il reddito di cittadinanza, anche se per cifre in parecchi casi notevolmente inferiori ai 780 euro (ci sono molti “paletti” per ottenere la cifra intera). La povertà non è stata debellata, anzi in molti casi le persone in miseria sono aumentate anche per le tragiche conseguenze economiche per Coronavirus.
Molti disoccupati e precari hanno perso la battaglia contro la povertà, certamente Casalino ha battuto la povertà, la sua.

Rodolfo Ruocco
SfogliaRoma

Condividi.

Riguardo l'Autore

Avatar

Leave A Reply