giovedì, 12 Dicembre, 2019

Casapound. Il Demanio fa i conti ai “benestanti” che occupano

0

Siamo l’unico Paese che non solo non ha fatto i conti con il passato, ma che permette ai ‘fascisti del terzo millennio’ di occupare abusivamente un intero stabile nel centro di Roma, occupanti beninteso che possono permettersi di pagare regolarmente un affitto: gli abitanti di via Napoleone III non sono affatto dei nullatenenti, anzi. Tra loro impiegati e dipendenti regolarmente assunti da enti Statali e parastatali che, al contrario dei bisognosi, delle ragazze madri e dei nomadi, sfrattati dall’esercito a via Cardinal Capranica, nei giorni scorsi, non vengono disturbati.
Oggi però il Demanio, sotto la gestione del prefetto Riccardo Carpino, ha recuperato il terreno perduto in precedenza. È stata depositata in procura ed è stampata su carta bollata del Demanio. Dopo anni di inerzia, l’agenzia legata al ministero dell’Economia che si occupa della gestione e della valorizzazione del patrimonio immobiliare dello Stato ha deciso di muoversi: via alle procedure di sfratto nei confronti di Casapound.
La denuncia si chiude con una richiesta di risarcimento milionaria ai danni degli occupanti. Per anni, infatti, hanno tolto dalla disponibilità dello Stato uno stabile enorme: 58 locali, 3 magazzini e 2 sale conferenze alle spalle della stazione Termini sono, ormai da quasi 16 anni, la casa di 60 persone legate al movimento di Gianluca Iannone

Condividi.

Riguardo l'Autore

Leave A Reply